Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2013-12-7

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Giuda nella neve

[2013]
Album : Mat e famat

Canzone ispirata ad un fatto vero, l'eccidio da parte dei nazifascisti a Pontechianale accaduto il 28 marzo 1944, dove vennero uccisi 9 partigiani.
Una madre si presentò all'accampamento, forse per ammazzare chi gli aveva ucciso il figlio. Glielo impedirono, ma il prigioniero, colpevole spia si suicidò.

E' un bel brano con l’arpa di Vincenzo Zitello che ci riporta le vibrazioni dei ruscelli di montagna.
Partigiani e guerra su in montagna
(continua)
inviata da donquijote82 7/12/2013 - 23:55
Downloadable! Video!

Let's Get Started

Album: Hey World (2013)

Music: Caroline Chevin / Philipp Schweidler
Lyrics: Caroline Chevin / Sékou Neblett
Bad news
(continua)
7/12/2013 - 23:29
Video!

American Land

Finalmente abbiamo trovato il testo completo della canzone dei Luf con la medesima melodia: dalla Valcamonica si partiva per trovare fortuna e guadagnare i soldi per costruirsi una casa. Spesso si tornava nella "Al de legn", la veste di legno.
Si lascia anche qui, ma si inserisce anche come canzone a se stante

La al de legn
'n vala la la domà par laorà fin a la sera
(continua)
inviata da donquijote82 7/12/2013 - 23:21
Downloadable!

Quando

[2013]
Album : Mat e famat

E’ un brano dal carattere quasi biblico, con immagini apocalittiche ma con una richiesta precisa: “Non piangete la pietra, sorridete nel vento”. La vita è sempre più forte della morte. La speranza travolge la disperazione.
Quando il mio corpo non avrà più un sorriso
(continua)
inviata da donquijote82 7/12/2013 - 23:07
Downloadable! Video!

Vecchio lupo

[2013]
Album : Mat e famat

Il lupo ritorna padrone della scena. Le donne che corrono con i lupi devono faticare per volare, il lupo prende il volo grazie al sorriso di un bambino e il suo naturale battere il tempo con allegria.
Corre un vecchio lupo che non sa più dormire
(continua)
inviata da donquijote82 7/12/2013 - 22:38
Video!

Asimbonanga (Mandela)

bella molto bella
alessandro.montebaik 7/12/2013 - 19:23

Non abbiamo visto Mandela

Antiwar Songs Blog
Non lo abbiamo visto Non abbiamo visto Mandela Nel posto in cui è Nel posto in cui viene tenuto Oh, il mare è freddo e il cielo è grigio Guarda attraverso l’isola la Baia Siamo tutti isole finché non verrà il giorno In cui attraverseremo l’acqua bruciante Un gabbiano vola sul mare L’infrangersi del silenzio […]
Antiwar Songs Staff 2013-12-07 19:01:00
Downloadable! Video!

I mostri che abbiamo dentro

Chanson italienne – I mostri che abbiamo dentro – Giorgio Gaber – 2002
LES MONSTRES DU DEDANS
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 7/12/2013 - 18:57
Downloadable!

Piazza Giuliani

2013
Album :7
Questa è una vecchia storia che adesso è anche la mia
(continua)
inviata da DonQuijote82 7/12/2013 - 14:41
Percorsi: Genova - G8
Downloadable!

La guerra di Tore (burning fire)

2013
7
Tore ha scelto di andare
(continua)
inviata da DoNQuijote82 7/12/2013 - 14:19
Downloadable! Video!

Libera

2013
7
Dimmi cos'è che non ci unisce, che ci divide
(continua)
inviata da DonQuijote82 7/12/2013 - 14:05
Video!

Lumumba, héros national

Si veda anche L’arbre Lumumba
(l)Bakakangi ngai , bandeko
(continua)
inviata da adriana 7/12/2013 - 11:17
Video!

Thank You Madiba (TYM)

And I don't know how to say
(continua)
inviata da adriana 7/12/2013 - 10:56
Video!

Nelson Mandela, Sus Dos Amores

[1988]

Album :Proposiciones
Nelson Mandela,
(continua)
inviata da adriana 7/12/2013 - 09:22
Downloadable!

Venger la vie

[1972]
Parole di Eugène Guillevic
Musica di Rongier Max
Nell’album intitolato «Francesca Solleville chante la violence et l'espoir»
Tout ce qu'on fait contre moi
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/12/2013 - 23:00
Downloadable! Video!

Le camp du drap d'or

[1972]
Parole di Serge Rezvani
Musica di Swingle Ward
Nell’album intitolato «Francesca Solleville chante la violence et l'espoir»
En Iran, il y a des assassins
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/12/2013 - 22:50

Mon bon plaisir

[1972]
Parole di Pierre Grosz
Musica di Alain Goldstein
Nell’album intitolato «Francesca Solleville chante la violence et l'espoir»
Achetez à la journée, à la semaine, au mois, à l'année
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/12/2013 - 22:20
Downloadable! Video!

La chanson d'Irlande

[1972]
Parole di Maurice Fanon
Musica di Jean-Paul Roseau
Nell’album intitolato «Francesca Solleville chante la violence et l'espoir»
Je me souviens de cette Irlande
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/12/2013 - 22:13
Downloadable!

Numance

[1964]
Parole di Luc Bérimont
Musica di Lise Médini
Nell’album intitolato Nuit et brouillard

Quando ho trovato il testo di questa canzone ho subito pensato che si riferisse alla guerra civile spagnola e che Numance fosse il nome di una delle tante città completamente distrutte nel corso di quel conflitto fratricida…

Scopro invece che è il nome di un’antico insediamento celtibero degli Arevaci situato nei pressi di Garray, nell’attuale provincia di Soria, in Castiglia e León. Fondato nel IV° secolo a.C., resistette prima ad ogni tentativo di conquista da parte dei cartaginesi, poi nel II° secolo divenne il baluardo della resistenza iberica contro i Romani. Per vent’anni gli Arevaci tennero testa alle armate imperiali ma nel 134-133 Scipione Emiliano, il distruttore di Cartagine, cinse d’assedio la cittadella celtibera sul Cerro de la Muela e, limitandosi a tagliare ogni via di approvvigionamento,... (continua)
Quand je suis entrée dans Numance
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/12/2013 - 15:24
Video!

Mandela

[1988]

Album : Freedom

Musica di Carlos Santana
Music by Carlos Santana
instrumental
inviata da adriana 6/12/2013 - 14:29
Video!

José de Catalogne

[1961]
Parole di Pierre Louki
Musica di Marc Heyral
In un EP pubblicato nel 1961.

Canzone dedicata ad un profugo della guerra di Spagna…
Quando cadde la Catalogna, nel gennaio/febbraio del 1939, si produsse un esodo impressionante: quasi 400.000 spagnoli si rifugiarono in Francia, spesso accolti – come abbiamo visto, per esempio, nella canzone Argelès-sur-Mer di Antonio Resines - in campi di concentramento dove le condizioni di vita erano proibitive…
Dans ton pays, y en a qui ont voulu
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/12/2013 - 13:47
Video!

Bring Back Nelson Mandela (Bring Him Home)

1987
Bring back Nelson Mandela, 
(continua)
inviata da donquijote82 6/12/2013 - 13:26
Downloadable! Video!

Bonne justice

Interpretata anche da Francesca Solleville nell'EP intitolato "Francesca Solleville chante Paul Éluard", con musica di Jean-François Gaël, pubblicato nel 1969.
Bernart Bartleby 6/12/2013 - 13:19
Video!

46664

Mandela was imprisoned on Robben Island in 1964, and was the 466th prisoner to arrive that year. The prison administration's scheme of numbering prisoners was to follow the sequence number of the prisoner (466 in his case), with the last two digits of the year (64). The number was imposed on him by the prison for over 25 years, until his release in 1990. "Prisoner 46664" continues to be used as a reverential title for him. Shortly before Joe Strummer's death, he and U2's Bono co-wrote the song 46664 for Mandela as part of the campaign against AIDS in Africa.

Scritto poco prima della morte di Joe è un (bellissimo) brano reggae firmato Joe Strummer, Bono, Dave Stewart, ma eseguito da Bono, The Edge, David A. Stewart, Abdel Wright e Youssou N'Dour. Purtroppo Joe non ce la fece a partecipare....
It's a long walk, long walk to freedom
(continua)
inviata da donquijote82 6/12/2013 - 13:09
Video!

Gesù Bambino

È bellissima
T 6/12/2013 - 12:48
Downloadable! Video!

Mandela Day

IL GIORNO DI MANDELA
(continua)
6/12/2013 - 12:30
Downloadable! Video!

Dal nido

Da Flel 2010

Dedicata a Fabrizio De Andrè
Quando si aprirà di nuovo quella porta
(continua)
inviata da donquijote82 6/12/2013 - 12:02
Downloadable! Video!

Je te passe le poing

[2009]
Parole di Rémo Gary
Musique di François Forestier
Nell’album intitolato “Je déménage”

“Dai, ti passo la mano, è quella che sente e che dona, è la mano sinistra, è quella buona… ti passo il pugno chiuso…”

Testamento artistico e politico della Solleville, classe 1932… Eppure deve essersi ancora sentita piena di energie perché solo l’anno scorso è uscita con un nuovo album, “La Promesse à Nonna”…
Allez, je te passe la main
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/12/2013 - 11:29
Downloadable! Video!

Mimma e Balella (per Irma Bandiera e Gabriella Degli Esposti)

[2013]
Dal disco intitolato “Rivoluzione permanente”
Testo trovato su Magazzini Sonori – la musica della Regione Emilia Romagna

Canzone dedicata a due partigiane trucidate dai nazifascisti durante la guerra di Liberazione.
Di Irma Bandiera, nome di battaglia “Mimma” (uccisa a Bologna il 14 agosto 1944 dopo feroci torture), abbiamo già parlato a commento della canzone Compagna Teresa de Il Teatro degli Orrori.

Gabriella Degli Esposti, nome di battaglia “Balella”, era anche lei del bolognese, nativa di Crespellano dove, con il marito Bruno Reverberi, organizzò in casa propria una base della Quarta Zona della Resistenza e uno dei Gruppi di Difesa della Donna protagonisti, nel luglio del 1944, delle proteste di piazza per il pane e contro la guerra. Gabriella era anche madre di due bambini ed incinta di un terzo quando, nel dicembre del 44, fu catturata dalle SS: picchiata e torturata, perché... (continua)
Poco era il tempo per le carezze
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/12/2013 - 10:24
Nelson Rolihlahla Mandela
18 luglio 1918 - 5 dicembre 2013
Riccardo Venturi 6/12/2013 - 02:26
Video!

1984

Manca una parte della canzone

Se come credo, Gianluca sta per Gianluca Lalli, autore della canzone, saremmo lieti di ricevere il tuo testo e pubblicarlo completo.
Dq82
GIANLUCA 6/12/2013 - 01:01
Video!

Hang solo

instrumental
la storia
https://www.youtube.com/watch?v=IRGqSHZLqlw
(Krzysiek Wrona)
Il progresso è possibile...
inviata da Krzysiek Wrona 6/12/2013 - 00:47
Video!

Gay, Gypsy and Jew

[2011]
Testi e musica di Rotfront
Dall'album "Visafree"
Testo da http://lyricset.com/en
Gay, gypsy and jew —
(continua)
inviata da krzyś 6/12/2013 - 00:17
Downloadable! Video!

Ho continuato la mia strada

Ciao Gian Michele, anch'io c'ero quella sera e il ricordo scatena ancora delle forti emozioni. Non ricordo la presenza di Pino Daniele con Napoli Centrale, ma la sua collaborazione con il gruppo è stata veramente molto breve e forse non è coincisa con questo evento.
Ti riporto di seguito un estratto dal resoconto della Route fatto dal gruppo "Scout in Piemonte" che ne curò l'organizzazione, in cui si fa riferimento proprio alla contestazione della veglia. Ciao, Michele.

Momenti «forti»: la veglia della prima sera con la canzone «Ho continuato la mia strada» che divenne un pezzo classico nel repertorio musicale della branca, la Messa, celebrata dal cardinal Baggio che vantava una sua antica, giovanile frequentazione nello scautismo, il «comizio» finale di Giancarìo Lombardi, con i 5000 immobili, attenti e poi entusiasti anche sotto una inopportuna pioggerella.
Per la seconda serata... (continua)
Michele 6/12/2013 - 00:09
Video!

Hobo Low

Testo e musica di Steve Seasick
trovato qui http://www.tekstowo.pl/

Qualcosa in tema di carceri.
I woke up in the mornin', Memphis city time
(continua)
inviata da krzyś 5/12/2013 - 23:50
Video!

Paper Planes

"Paper Planes" is from M.I.A's 2007 album, Kala. This protest song denounces violence & the stereotypical view of immigrants. The song also was born from M.I.A.'s frustrations of trying to secure a US work Visa (according to M.I.A. the paper planes in the song refers to the Visa). As a British artist with Sri Lankan Tamil descent, she viewed herself as a victim of racial profiling. In connection with her Visa problems, back in 2006, she was placed on the Department of Homeland Security risk list because of the political content of her lyrics.

The song samples The Clash's "Straight To Hell". That sample alone could be viewed as a statement of intent. M.I.A. is the very embodiment of the rebellious punk spirit of The Clash. Even though there may be genre & cultural differences, the objective of the music really wasn't that different. The sound of the gun shot and cash register adds... (continua)
fly like paper, get high like planes
(continua)
5/12/2013 - 23:43
Video!

The La La Peace Song

(1974)

"The La La Peace Song", released in 1974, proved another hit although O. C. Smith also recorded a version and sales suffered as a result. Two years later in 1976 Wilson recorded "
Mmm hmm, la la, oh, yeah
(continua)
5/12/2013 - 23:22
Video!

Here Comes the Judge

(1968)
Hear ye, hear ye
(continua)
5/12/2013 - 23:16

Inno a Di Vittorio (Musica e versi veritieri di Giuseppe Angione su Giuseppe Di Vittorio undicenne)

Testo e musica di Giuseppe Angione, classe 1895, bracciante e militante comunista di Cerignola, Puglia.
Trovata sull’Archivio Sonoro di Puglia
Fu lo stesso autore a trascrivere il testo di questa canzone nel 1973. L’anno seguente fu raccolta a Cerignola dai ricercatori Giovanni Rinaldi e Alberto Vasciaveo e poi inclusa nel volume di Rinaldi e Paola Sobrero intitolato «La memoria che resta. Vita quotidiana mito e storia dei braccianti nel Tavoliere di Puglia», Foggia, 1981
La registrazione originale è presente nel disco intitolato “Il sole si è fatto rosso. Giuseppe Di Vittorio” pubblicato da I Dischi del Sole nel 1978.

Canzone dedicata al grande autodidatta, politico, sindacalista e antifascista cerignolano Giuseppe Di Vittorio (1892-1957), combattente nella guerra di Spagna, confinato a Ventotene, partigiano, segretario della CGIL (quella di una volta...), padre costituente, comunista... (continua)
Di Peppino Di Vittorio
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 5/12/2013 - 23:00

Les Pragois étaient allés à Sankt Pauli

Les Pragois étaient allés à Sankt Pauli

Canzone française – Les Pragois étaient allés à Sankt Pauli – Marco Valdo M.I. – 2013
Histoires d'Allemagne 100
An de Grass 03

Au travers du kaléidoscope de Günter Grass : « Mon Siècle » (Mein Jahrhundert, publié à Göttingen en 1999 – l'édition française au Seuil à Paris en 1999 également) et de ses traducteurs français : Claude Porcell et Bernard Lortholary.

Comme celle de 1901, celle d'Else du Mont des Oliviers, cette Histoire d'Allemagne n'est pas à sa place chronologique. Et comme je l'ai déjà expliqué, si elle vient si tard, c'est qu'il y a presque trois ans maintenant, je ne savais pas trop comment l'assaisonner, comment faire une chanson avec une histoire comme celle-là. Mais avec le temps, finalement, je comprends mieux les choses ; surtout, celles qui ne sont pas explicitement dites.

Aide-moi un peu..., dit Lucien l'âne un peu éberlué.... (continua)
Après notre sept à deux, on a dit
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 5/12/2013 - 21:38

Il padrone socialista

Hai ragione, krzyś... Infatti mi sono dimenticato di specificare che è in dialetto lombardo, come del resto molte canzoni del GPdP...
Bernart Bartleby 5/12/2013 - 20:53
Video!

Facciamo l'amore non la guerra

Davide e Sara
FAISONS L'AMOUR PAS LA GUERRE
(continua)
inviata da Daniel(e) BELLUCCI - 5 dicembre 2013 - giorni neri (sempre più neri). NIZZA 5/12/2013 - 16:57
Downloadable! Video!

Oh Mary, Don't You Weep

Versione greca di Μάνος Ξυδούς (Manos Xydous, 1953-2010) dal suo ultimo disco intitolato “Όταν θα φύγω ένα βράδυ από ’δω”.
Testo trovato su Στίχοι
ΜΑΊΡΗ ΜΗ ΛΥΠΆΣΑΙ ΠΙΑ
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 5/12/2013 - 15:34
Video!

If You Miss Me At The Back Of The Bus

Il titolo originale è “If You Miss Me At The Back Of The Bus” (e non “If You Miss Me From The Back Of The Bus”).

La canzone fu composta nel 1963 durante il tentativo di “desegregare” una piscina pubblica a Cairo, Illinois, dopo che un ragazzino di colore era annegato nelle acque di un fiume, proprio per l’impossibilità di accedere all’impianto riservato ai bianchi..

Il testo “base” è stato attribuito a Belafonte mentre una versione più estesa è stata attribuita a colui che di questa canzone fu effettivamente l’autore, Charles “Carver” Neblett (e non “Neblet”)…
Non mi risulta – ma potrei sbagliarmi – che esista un album di Carver Neblett (e nemmeno attribuito ai Freedom Singers del S.N.C.C.) che s’intitoli “O Mary don't you weep”…
Credo che Carver Neblett l’abbia molto cantata questa sua canzone, ma quanto alle incisioni originarie, forse la prima è di Pete Seeger (“We Shall Overcome -... (continua)
Bernart Bartleby 5/12/2013 - 14:51
Downloadable! Video!

Belfast '71

[1971]
Parole e musica di Allan Taylor.
Nell’album intitolato “The Lady”.

Sicuramente una canzone contro la guerra, e precisamente contro il conflitto nord-irlandese…
Però non c’è traccia in essa di alcuna analisi storico-politica… La guerra civile nell’Ulster è descritta come una guerra di religione e nessun cenno viene fatto all’occupazione inglese… Comunque si tratta di una canzone pacifista, anche se piuttosto “naïf”, composta da un’autore inglese mentre i soldati di sua maestà già da un paio d’anni rastrellavano i quartieri cattolici a Derry e Belfast… Il 6 febbraio del 1971 l’IRA uccise il primo soldato inglese, il fuciliere Robert Curtis…
I have listened to the prophets and I've listened to their news
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 5/12/2013 - 11:46
Downloadable! Video!

The Morning Lies Heavy

[1971]
Parole e musica di Allan Taylor.
Nell’album intitolato “The Lady”.
Testo trovato su Mudcat Café

“I wrote ‘The Morning lies Heavy’ when my brother in law was due to be drafted. This was during the Vietnam war, although, as the Vietnam war is not mentioned in the song, whichever war it is is immaterial - the point is that any young man may experience such feelings before joining his unit, in any war situation…” (Allan Taylor)
The morning lies heavy on me, father
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 5/12/2013 - 11:06

Ci avete incatenato

Canzone di anonimo autore comunista, databile intorno al 1926.
Testo tratto dal “Canzoniere della protesta 3. Canzoni comuniste. Testi e musiche.”, a cura di Cesare Bermani, Franco Coggiola, Ezio Cuppone, Silvio Uggeri. Collana «I canzonieri della protesta» Edizioni del Gallo, 1973.

Come precisa Cesare Bermani nel suo libro dedicato a Gianni Bosio (“Gianni Bosio. L’intellettuale rovesciato”, Istituto Ernesto de Martino - Jaca Book, 1998), questa canzone fu adottata e modificata dalla Resistenza ma nacque parecchi anni prima, quando la repressione del regime fascista contro l’opposizione (comunista, ma anche socialista e liberale) si fece più sistematica e feroce. L’episodio che fece da innesco al giro di vite impresso da Mussolini fu l’attentato da lui subito a Bologna il 31 ottobre 1926 ad opera dell’anarchico Anteo Zamboni, 15 anni, subito linciato sul posto dagli squadristi al seguito... (continua)
MI AVETE INCATENATO
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 5/12/2013 - 10:25




hosted by inventati.org