Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2012-9-2

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Sole spento

Dedicato a tutti gli amici e agli sconosciuti che dal carcere ci hanno scritto

El Topo Grand Hotel 2001
testo e musica di Omar Pedrini

Seconda prova discografica dei "nuovi" Timoria, El Topo Grand Hotel stupisce tutti per bellezza, varietà e spessore, caratteristiche che lo porteranno al traguardo di Disco d'Oro in Italia. Otto anni dopo Viaggio senza vento i Timoria tornano alla forma di concept album, raccontando il nuovo viaggio di Joe, sospeso tra sogno e realtà, presente e passato. Collaborano ad El Topo artisti del calibro di Lawrence Ferlinghetti, uno dei padri della Beat Generation, ed Alejandro Jodorowsky, poeta e regista cileno, entrambi presenti con reading di loro poesie.
Ci sono giorni in cui mi sveglio spento
(continua)
inviata da DonQuijote82 2/9/2012 - 22:58
Downloadable! Video!

Sudamerica

2020 Speedball del 1995
A due anni da Viaggio senza vento il cammino continua... tra le contraddizioni del secondo millennio ed una società che va troppo veloce. Buon viaggio, uomo

testo e musica di Omar Pedrini
Ho un sogno strano sai
(continua)
inviata da DonQuijote82 2/9/2012 - 22:37
Downloadable! Video!

Sognando

Vorrei solo dire: Grazie Don Backy; la tua canzone mi emoziona fino alle lacrime. Sei stato un grande e tuttora lo sei. Un consiglio: rifuggi le trasmissioni televisive nelle quali vogliono ridurti al ruolo di comparsa e vogliono farti parlare a comando. Tu sei stato un protagonista e tuttora lo sei. L'unica tua colpa è di avere detto le cose giuste, nel modo giusto ma con troppo anticipo sugli altri. Questo è il triste destino di tutte le persone geniali. Galileo Galiei docet! Lucio Di Martino
2/9/2012 - 22:30
Downloadable! Video!

L'uomo del secolo

Chanson italienne - L'uomo del secolo – Baustelle – 2008
L'HOMME DU SIÈCLE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 2/9/2012 - 21:45
Downloadable!

Memory War

[2000]
Songwriters: Das /Pandit / Savale / Tailor / Zaman
Album : Community Music
Who controls the past controls the present
(continua)
inviata da giorgio 2/9/2012 - 21:16
Downloadable! Video!

Il galeone

"O galeão" - Poema de 1967 composto por Belgrade Pedrini
Canção de Paola Nicolazzi.
‎O GALEÃO
(continua)
inviata da Claudia Panizza 2/9/2012 - 20:57
Downloadable! Video!

La guerra è finita

Chanson italienne - La guerra è finita - Baustelle – 2005

Je le sais qu'elle ne parle pas vraiment de guerre, mais il y a quelque chose qui tourne dans cette chanson et qui ne laisse pas tranquille notre conscience narcotisée par la TV et la guerre - la vraie des bombes et des mines – elle se passe toujours de toute façon sur le fond de la guerre personnelle d'une fille qui se jette « hors » de la société et qui perd sa bataille.

*******

Oh, dit Lucien l'âne, quel triste destin que celui de cette gamine de seize ans... qui s'en va finir sa vie avant même de l'avoir vécue... je dis ça, moi qui vit depuis tant et tant d'années... Cela dit, je ne peux absolument pas rejoindre le commentaire introductif quand il dit qu'elle – la chanson – ne parle pas vraiment de la guerre. C'est inexact. D'abord, elle n'arrête pas d'en parler à chaque strophe... de la guerre avec ses mines et ses bombes...... (continua)
LA GUERRE EST FINIE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 2/9/2012 - 17:45

De cobre y sal

Texto: A. Salazar.
Música: P. Soriano
Pablo Neruda rebusca
(continua)
inviata da adriana 2/9/2012 - 17:24
Video!

Fusiles contra el patrón

‎[1964]‎
Da “Spanska Motstandssanger” (1974), EP che faceva seguito a quello intitolato “Canciones de la ‎Resistencia Española. Año 1963” con canzoni di Ferlosio (ma attribuite ad autore anonimo, per ‎motivi di sicurezza) e già edito in Svezia nel 1964.‎

Canciones de la Resistencia Española

(Bernart)
Ganaron los nacionales,
(continua)
inviata da adriana 2/9/2012 - 16:39
Downloadable! Video!

Enemy of the Enemy

[2003]
Lyrics & Music by Asian Dub Foundation
Album: Enemy Of The Enemy
"Enemy of the Enemy is a Friend (Till He's The Enemy Again)"
(continua)
inviata da giorgio 2/9/2012 - 16:34
Downloadable! Video!

Coplas retrógradas

[1982]
La lengua suelta,
(continua)
inviata da adriana 2/9/2012 - 16:00
Downloadable! Video!

Le Soudard

Brassens non è l'autore di questa canzone, ma la canta così bene da farla diventare realmente sua ...
Daniela Soave Vighesso 2/9/2012 - 15:26
Downloadable! Video!

Tank

[2005]
Lyrics & Music by Asian Dub Foundation
Album: Tank

"We'll be searching for all the bombs.." Too many bombs.."
The wheels of the tank keep turning round and round..
(continua)
inviata da giorgio 2/9/2012 - 10:43
Downloadable!

Melt The Guns

FONDERE LE ARMI
(continua)
inviata da Fabio Bello 2/9/2012 - 00:05
Video!

(R)esistere

Salire su un monte armati di libertà
(continua)
inviata da Fabio Bello 1/9/2012 - 23:43
Downloadable! Video!

Dear God

Caro Dio,
(continua)
inviata da Fabio Bello 1/9/2012 - 23:32

Canto dei minatori

Chanson italienne – Canto dei minatori – Mario Rapisardi – 1882

Un chant-poème qui anticipe d'une dizaine d'années les sentiments qui entre 1891 et 1893 seront à la base du mouvement démocratique et socialiste des Faisceaux Siciliens, fracassé dans le sang par les carabiniers de Francesco Crispi.

En réalité Rapisardi, à l’éclatement des mouvements siciliens, conseilla le calme, considérant que la révolte était « intempestive » et manquait d'objectifs clairs et de dirigeants efficients. Il fut attaqué pour cela par nombre de socialistes du Nord, auxquels il répondit du tac au tac : « J'ai finalement conseillé la modération et le calme ; car je n'ai aucune confiance dans la solidarité de nos fameux frères du continent, bons à gloser sur les écoles et les méthodes socialistes, toujours prêts à dénigrer la réputation de personnes dont ils connaissent à peine le nom, à gueuler dans l'un ou... (continua)
CHANT DES MINEURS
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 1/9/2012 - 21:53
Downloadable! Video!

No existe vía pacífica

[2011]
Letra y Música: Terror Rojo
Si el empresario no robara día a día el producto de mi esfuerzo y mi sudor
(continua)
inviata da giorgio 1/9/2012 - 18:10
Downloadable! Video!

Il disertore

Appare in sogno 2007
Nell'acqua che inalo
(continua)
inviata da DonQuijote82 1/9/2012 - 10:44
Percorsi: Disertori
Downloadable!

Bendecido por el Fuego

[2012]
Letra y Música: Terror Rojo
Se abren los portones del averno en el desierto
(continua)
inviata da giorgio 1/9/2012 - 10:02
Downloadable! Video!

Frontera

(1999)
Yo no sé de dónde soy,
(continua)
1/9/2012 - 00:19
Downloadable! Video!

Anne

[2011]
Album: Third Movement
Haven't heard from you since your last letter,
(continua)
inviata da DoNQuijote82 31/8/2012 - 22:51
Downloadable! Video!

Oh Comely

Oh Comely,
(continua)
inviata da DoNQuijote82 31/8/2012 - 22:29

Alcatraz

Il clown 2007
Stasera si sente l'odore del mare
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 20:18
Downloadable! Video!

La Vigilia del 1914

[2010]
Album : Il futuro del mondo
Le stelle nel cielo ora danzano
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 20:07

Croci senza tempo

Anime deserte 2009
Croci senza tempo a chi di tempo muore
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 19:18
Downloadable! Video!

Diavolo nero

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
Presto! Nell' ombra!
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 16:41
Percorsi: Il Diavolo
Downloadable! Video!

Sonetto n. 7: Non sono ritornato al mio paese...

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
Non sono ritornato al mio paese,
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 16:38
Downloadable! Video!

Sonetto n. 6: Mi piacerebbe dirti tante cose

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
Mi piacerebbe dirti tanto cose:
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 16:36
Downloadable! Video!

Sonetto n. 5: Sono lontano da te mille miglia

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
Sono lontano da te mille miglia,
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 16:33
Downloadable! Video!

Carne da macello

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
Carne da macello... lame di coltello...
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 16:31
Downloadable! Video!

L'arpa dai fili di ferro

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
Sogno un idolo di polvere gialla...
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 16:26
Downloadable! Video!

Mamma bestemmia

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
Mamma Bestemmia torce il collo
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 16:22
Downloadable! Video!

Avevo la bestemmia fra i denti

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
Avevo la bestemmia già fra i denti
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 16:15
Downloadable! Video!

Sonetto n. 8: Un nascondiglio davvero efficace

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
Un nascondiglio davvero efficace
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 16:09
Downloadable! Video!

Sonetto n. 3: E se provassi a andarmene di qui...

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
E se provassi a andarmene di qui?!
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 15:39
Percorsi: Disertori
Downloadable! Video!

Sonetto n. 2: Resto in disparte, così sopravvivo

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
Resto in disparte, così sopravvivo
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 15:37
Downloadable! Video!

Sonetto n. 4: Andando via fui presto catturato

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
Andando via fui presto catturato
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 15:35
Downloadable! Video!

Cara Giulietta

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
La guerra è finita, mia cara Giulietta,
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 15:31
Downloadable! Video!

Forse c'è la guerra

L'arpa dai fili di ferro 2012

L' 8 maggio 2012 ha visto la luce il nuovo album di Aldo Granese & la Diaspora Band dal titolo: “L'arpa dai fili di ferro”.

“L'arpa dai fili di ferro” ispira il proprio titolo a “Die Drahtharfe” raccolta poetica di Wolf Biermann del 1965, pur non avendo, però, alcun punto di contatto con tale opera. Del grande autore tedesco intende ricalcare la caustica irriverenza e la patetica indignazione nei confronti di un mondo infame che non ha pietà e rispetto per nessuno. Questo concept narra la storia di due giovani promessi sposi immaginata in Germania ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ma trasportabile nel contesto spazio-temporale di qualsiasi altra guerra. Il racconto è affidato a una serie di sonetti introduttivi alle varie canzoni, che invece costituiscono i momenti ”lirico-contemplativi” della vicenda. Si parte da una totale sfiducia nei confronti... (continua)
Forse c'è la guerra dietro quella parete,
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 15:27
Downloadable!

Sarajevo

Citta' di Frontiera
CD Vinyl Magic 1993
Sangue tinge il fiume, morte giù in città
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 14:48
Downloadable! Video!

Winnsboro Cotton Mill Blues

anonimo
‎[1920s]‎
Sulla melodia di “Alcoholic Blues”, celebre brano del songwriter Albert Von Tilzer (1878–1956).‎
Interpretata anche da Leadbelly e Pete Seeger e reinterpretata dal compositore ‎d’avanguardia Frederic Rzewski.‎



Canzone sulle terribili condizioni di lavoro degli operai tessili.‎
Da vivi, il caposquadra - quel vecchio bastardo - non dà tregua; da morti, meglio essere sepolti con ‎una spola in mano, per poter continuare a tessere anche nell’Aldilà…‎
‎“Knotter” è un attrezzo per annodare i fili; “bobbin” o “spool” è la bobina; “doffer” è l’operaio che ‎prende le bobine pronte dai filatoi…‎
Old man Sargent, sitting at his desk
(continua)
inviata da Dead End 31/8/2012 - 13:53

Il paese del terrore

Testo: F. Pelassa; Musica: P. Zuliani
Chiusi dentro al nostro mondo
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 12:54
Downloadable!

Johnny Went to the War

In the nick of time, 2002
testo e musica di Lorenzo Romagnoli
Well Johnny went to the war
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 12:38
Downloadable!

Soldati!

Racconto d'Inverno 2008
Crimine e orgoglio
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 12:33
Downloadable! Video!

The Marion Massacre

‎[1929]‎
Testo di Frank Welling e John McGhee
Sulla melodia della popolare "I'll Be All Smiles Tonight" della ‎‎Carter Family.‎

‎Alcuni siti attribuiscono questa canzone al menestrello dell’Oklahoma… Lui, ‎che mai fu estraneo alla sua gente, sicuramente la cantò – per cui gliel’ho attribuita - ma il testo non ‎è suo bensì di Frank Welling e John McGhee, rispettivamente un musicista di strada ed un ‎predicatore del West Virginia.‎



Marion, North Carolina, 2 ottobre 1929.‎
‎600 lavoratori dell’industria tessile Marion Manufacturing Company erano in sciopero già da ‎diverse settimane per una paga migliore e migliori condizioni di lavoro. La compagnia finse di ‎accettare buona parte delle loro rivendicazioni e loro tornarono al lavoro, trovando però capisquadra ‎e sgherri a insultarli e picchiarli e la polizia schierata a sostegno degli aguzzini. Quando uno degli ‎operai riuscì ad azionare... (continua)
A story now I'll tell you,
(continua)
inviata da Dead End 31/8/2012 - 12:10
Downloadable!

1974

Canto di spine
Altera

Fermenti vivi (Sony) - 2001
testo di Elisa Brauns, 1974 da "Parola smarrita parola ritrovata", 1995 antologia a cura del Gruppo per la poesia del Coordinamento Riabilitazione Servizio Salute Mentale USL N. 4 "Genovese".
Per tanto tempo i tuoi occhi
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 12:03
Video!

La bandiera

Canto di spine 2001

"La bandiera" è un viaggio nella storia italiana del dopoguerra, un omaggio a Pertini ed a Pasolini, con le loro voci nel brano. "Comandante partigiano... ho visto la tua bandiera, verde bianca rossa... diventare nera..." è la porzione di un dialogo amaro, immaginario, con il "Presidente di tutti gli italiani", mentre Pasolini parla della "società dei consumi". Un "distillato" di Resistenza allo stato puro, al di fuori dell'inutile e fallimentare retorica celebrativa, tra cenni dell'inno nazionale e di una festa popolare mancata e attesa da tempo.
intro: stralcio da “Faccetta nera” + speaker di Radio Milano Liberata
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 11:46

Weave Room Blues

‎[1932]‎
Testo trovato su Folk Archive‎

‎“Ho la tristezza, la malattia della fabblica tessile… Stamo tutti semplicemente morendo di ‎questa tristezza, di questa malattia…” ‎

The "Weave Room Blues," perhaps his most significant industrial composition, was written in ‎‎1932, and was what he [Dorsey Dixon] called his first blues....‎
The song became a standard during the trade union drive in the Richmond County mills in the early ‎‎'30s -- a drive which the Dixons wholeheartedly supported.‎
The "Weave Room Blues" and Dorsey's later industrial songs well express the dissatisfaction of ‎those mountaineers who had swapped the plough for the loom and were now entangled in the ‎fluctuating fortunes of the textile industry. Understandably, these workers, once used to supporting ‎themselves, albeit meagrely, were now dependent for their livelihood on the "company" and had ‎little chance of returning... (continua)
Working in a weave-room, fighting for my life
(continua)
inviata da Dead End 31/8/2012 - 11:16

Fino a dieci

(Moreno Bocedi)
Ali di cera
Conteremo fino a dieci prima di spararti in fronte
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 10:51
Downloadable!

Cermis

(Moreno Bocedi)
A.N.I.A. 1999

Un'altra strage dimenticata (e impunita).
Ha già vent’anni o poco più
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 10:46
Downloadable!

The 90 and the 9

[2012]‎
Album “Election Special”‎

Altra canzone da Election Special (incompleta al momento), che fa riferimento allo slogan "we are the 99%"
This may be the last time , I don’t know
(continua)
inviata da DonQuijote82 31/8/2012 - 10:20
Downloadable!

Poderes fácticos

[2011]
Letra y Música: Terror Rojo
Utilizan influencias políticas
(continua)
inviata da giorgio 31/8/2012 - 08:27
Downloadable! Video!

Freedom Blues

‎[1970]‎
Parole e musica di Eskew “Esquerita” Reeder Jr e Richard “Little Richard” Wayne Penniman ‎
Album “The Rill Thing”‎
I hope that I should live to see
(continua)
inviata da Dead End 31/8/2012 - 08:08
Video!

Gimme Shelter

veramente bella non stanca mai riascoltarla
30/8/2012 - 23:02
Downloadable! Video!

Beatles: A Day In The Life

Paul fornì il verso "I'd love to turn you on" e l'idea del crescendo orchestrale, che contribuiscono, insieme al titolo (uno dei pochissimi dei Beatles a non essere mai citato nel testo del brano stesso) a fare di A Day In The Life quasi un diario di una giornata a base di LSD: le normali pratiche quotidiane si intramezzano, quasi a fatica, in un lungo viaggio in cui tutte le attività umane, dalle più insignificanti (la conta dei buchi) alle più devastanti (la guerra e la morte) appaiono comunque distorte dalla società, non dall'individuo o dall'acido, in uno sterile tentativo di classificazione. La curiosità dei presenti all'incidente non è meno stigmatizzabile dell'inutile attribuzione dei buchi, e la stupidità umana trova la sua massima espressione nella guerra, che costringe a voltarsi dall'altra parte, a dimenticare prima possibile, anche quando si vince.

da Pepperland
30/8/2012 - 22:47

Le madri

‎[1977]‎
Parole di Maria Pia Turri
Musica di Laura Morato
Album “Amore e Potere”‎

Testo trovato su Il Deposito
E di figli
(continua)
inviata da Dead End 30/8/2012 - 14:31
Downloadable! Video!

Saludu a sos emigrados sardos

‎[1981]‎
Dal 33 giri intitolato “La Sardegna. Canti e musica dei pastori”, etichetta Arion.‎
Testo trovato su Il Deposito come ‎trascritto da tal Brabudu.‎

Peppino Marotto (1925-2007) è stato un cantante, poeta e sindacalista di Orgosolo.‎
Il 29 dicembre 2007 è stato ucciso a colpi di pistola nel centro della sua città.‎
Aveva 82 anni.‎
Assassino e movente sono ad oggi ancora sconosciuti.‎
Ca che sezis lontanu dae sa terra nadia
(continua)
inviata da Dead End 30/8/2012 - 14:15

Quando avevo quindic'àni

anonimo
‎[Fine 800/Primi 900]‎
Testo trovato su Il Deposito
Canzone di miniera, sul tragico argomento degli infortuni sul lavoro, appartenente al repertorio dei ‎fratelli Bregoli di Pezzaze, in Val ‎Trompia, Brescia.‎
Quando avevo quindic'àni
(continua)
inviata da Dead End 30/8/2012 - 13:58
Downloadable!

Croci

‎[2009]‎
Parole di Andrea Biscaro
Musica del duo Secondamarea (Andrea Biscaro e Ilaria Becchino) con Gabriele Mirabassi al ‎clarinetto, dal libro-CD intitolato “Canzoni a carburo – Memoria e miniera” edito da ‎Stampa Alternativa nel 2009, con una prefazione di Alda Merini.‎
In miniera non ci sono croci
(continua)
inviata da Dead End 30/8/2012 - 13:27




hosted by inventati.org