Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore Charles Aznavour

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

La rue des Rosiers

[1965 o 1966]
Scritta da Silvain Reiner (1921-2002) e Joël Holmès (1928-2009)
Interpretata per prima da Pia Colombo nel 1967.
Incisa prima nel suo EP intitolato “Arrète-toi” e poi nel disco dal vivo “A L'Olympia” dell’anno seguente.

Questa è una canzone fantasma, scritta da due fantasmi, interpretata da un fantasma. E parla di fantasmi.

Silvain Reiner era nato a Bucarest in una famiglia ebrea aschenazita. Emigrarono in Francia per fame, intorno al 1929, l’anno in cui cominciò la grande crisi.
Joël Holmès faceva di cognome Covrigaru, anche lui romeno (la famiglia era della Bessarabia), anche lui ebreo. Anche lui si ritrovò in Francia per fame, nel 1934.
Rue des Rosiers è il nome della strada più importante del quartiere ebraico a Parigi, chiamato in yiddish “Pletzl”, la petite place.

Tra il 16 ed il 17 luglio del 1942, gli occupanti tedeschi e collaborazionisti di Vichy svuotarono... (continua)
Il n'y a plus de roses
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 22/5/2018 - 11:10
Downloadable! Video!

La guerre et la paix

(1971)

François Rabbath es un importante contrabajista y compositor francés de origen sirio, que aparte de sus extraordinarias obras de composición –como la que hoy voy a presentar– ha acompañado con su contrabajo a numerosos grandes cantantes como Jacques Brel, Serge Gainsbourg, Charles Aznavour, Michel Legrand, o Paco Ibáñez.

En este disco se recoge la obra musical, para contrabajo, que compuso François Rabbath en homenaje a Pablo Picasso con motivo del 90 aniversario de su nacimiento. Obra estrenada por François en un concierto celebrado, el 24 de octubre de 1971, en la capilla del castillo de Vallauris (Francia), conocida como "Capilla de la guerra y de la paz" porque en sus muros interiores Picassó pintó, en 1952, dos de sus obras maestras, una dedicada a la paz, y la otra a la guerra.
Fernando Lucini
(strum.)
15/6/2013 - 23:09
Downloadable! Video!

La Terre meurt

[2007]
Album "Colore ma vie"
Les océans sont des poubelles
(continua)
inviata da Bartleby 19/2/2012 - 14:44
Downloadable! Video!

Tendre Arménie

[2007]
Album "Colore ma vie"

Per ricordare il genocidio di cui furono vittime gli Armeni ad opera dei Turchi, iniziato alla fine dell'800 dal sultano Abdul-Hamid II e proseguito nel 1915-16 dai "Giovani Turchi" nel periodo dei "Tre Pascià", il triumvirato retto Ismail Enver, Ahmed Djemal e Mehmed Talat Pasha, che gli Armeni battezzarono "Hitler turco" per la parte da protagonista che svolse nel genocidio.
Mehmed Talat fu assassinato a Berlino nel 1921 per mano di Soghomon Tehlirian, un armeno sopravvissuto al genocidio e membro dell'Operazione Nemesis, lanciata nel 1919 dai vertici del partito armeno Dashnak, per eliminare di circa 200 tra uomini politici, funzionari turchi e ‘collaborazionisti’ armeni ritenuti direttamente o indirettamente responsabili del genocidio.

La persecuzione degli Armeni continuò comunque feroce anche dopo, negli anni della scalata al potere di Kemal Atatürk,... (continua)
Son sol est sillonné que par ses cicatrices
(continua)
inviata da Bartleby 19/2/2012 - 14:24
Downloadable! Video!

Un mort vivant (Délit d'opinion)

[2003]
Album "Je voyage"

Dal grande vecchio Aznavour, una fortissima canzone dedicata a tutti i prigionieri politici, ai dissidenti ed agli oppositori che marciscono nelle galere dei tanti, troppi, regimi che ancora infestano questo bel mondo...
Vorrei dedicarla in particolare ai siriani ribelli e ai prigionieri politici rinchiusi nelle galere di Bashar al-Assad il Sanguinario.
De prisons en prisons, de cellules en cellules,
(continua)
inviata da Bartleby 19/2/2012 - 13:43
Downloadable! Video!

Et bâiller et dormir

[1953]
Chanson française - Et bâiller et dormir – Eddie Constantine Paroles: Charles Aznavour. Musique: Jeff Davis  
Testo di Charles Aznavour
Musica di Jeff Davis

Toi, dit Lucien l'âne, toi, mon ami Marco Valdo M.I., tu m'as l'air de bien te porter et d'être assez détendu dans ta vie... Ce qui n'est pas le cas de bien des humains que je rencontre quand je me promène en ville. Ils ont l'air comme écrasés par une sorte de chagrin ou d'ennui ou que sais-je encore... On dirait qu'ils courent après quelque chose qu'ils ont perdu, qu'ils sont à la recherche impérieuse de je ne sais quoi d'important, d'essentiel, qu'ils sont angoissés, qu'ils se tracassent avec ardeur... Ils sont sur leurs nerfs, ils se bousculent au portillon, ils se poussent du coude, ils se marchent sur les pieds... et c'est tout juste s'ils s'adressent la parole ou s'ils osent se regarder. Bref, ils me semblent harcelés... (continua)
Certains courent après la vie
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 16/1/2012 - 22:09
Downloadable! Video!

La ballata dell'eroe

[1961]
Testo e musica di Fabrizio De André
Lyrics and music by Fabrizio De André

Prima edizione: 45 giri Karin KN 103 La ballata del Michè / La ballata dell'eroe
Poi nel 45 giri Karim KN 194 La guerra di Piero / La ballata dell'eroe
In disco per la prima volta in "Tutto Fabrizio De André" [1966]
poi in Volume III (1968)
Interpretata anche da Luigi Tenco nel 1964
Also performed by Luigi Tenco


Un'altra tra le più celebri canzoni di Fabrizio de André, interpretata anche da Luigi Tenco.
La versione di Tenco faceva parte della colonna sonora del film "La cuccagna", per la regia di Luciano Salce.

Alcuni versi di questa canzone sembrano essere stati trasposti da L'amour et la guerre di Charles Aznavour, scritta nel 1960.
"Sempre a Milano, con Giampiero Reverberi, registra 'La ballata del Michè/La ballata dell'eroe' (Karim KN 103), pubblicato nel 1961. E' il primo capolavoro... (continua)
Era partito per fare la guerra
(continua)




hosted by inventati.org