Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore Joe Fallisi

Rimuovi tutti i filtri

Danzica e Poznam come Detroit

[anno imprecisato, forse 1971?]
Testo di Joe Fallisi, dall'archivio personale
Musica: non pervenuta

"Dicembre 1970: a Danzica, Stettino e nei grandi centri operai polacchi un possente movimento di lotta dei lavoratori scuote il paese protestando contro la politica del partito comunista al potere che ha appena concluso una serie di accordi con la Germania Occidentale per "convertire" l'economia polacca e raggiungere la competitività del MEC. Il prezzo degli accordi viene fatto pagare ai lavoratori attraverso l'intensificazione dei ritmi sui luoghi di lavoro, e un massiccio aumento dei prezzi alimentari con la decurtazione dei salari. La rivolta operaia è diretta contro la burocrazia e il capitalismo di Stato: al canto dell'Internazionale i lavoratori attaccano il quartier generale del Partito Comunista e nel corso delle manifestazioni di strada, seguite allo sciopero, la polizia spara sui... (continua)
Danzica e Poznam come Detroit
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 10/6/2018 - 21:42
Downloadable! Video!

Dottrina in musica

[1886]
Versi di Carlén Mûṡi (Carlo Musi, 1851-1920), canzonettista ed attore dialettale bolognese
Musica di Egberto Tartarini
Nel volume “El mi canzunètt”, Brugnoli editore, Bologna 1902
Testo trovato su Mûṡica bulgnaiṡa

Carlo Musi è considerato l'inventore della canzunàtt bulgnaiṡi, la canzone dialettale bolognese.
Musi – che scriveva durante le pause del suo noioso lavoro impiegatizio alle Regie Poste – fu arguto scrittore ma soprattutto un impenitente biasanot, letteralmente “colui che mastica la notte”, cioè un gaudente nottambulo, frequentatore di locali e di allegre compagnie, amante della buona tavola e del buon vino. (da Storia e memoria di Bologna)
Quella che segue è una delle sue poche canzunètt scritta in italiano.
E' stata ripresa recentemente da Joe Fallisi che nella sua versione ne potenzia, se possibile, il messaggio anticlericale e antiautoritario.
Un cardinal recatosi a Lugo di Romagna
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 25/3/2017 - 14:09

Il blues della cella di prigione

[1969]
Versi di Joe Fallisi, sulla melodia di Prison Cell Blues di Blind Lemon Jefferson (1928)
Nell'album “L'uovo di Durruti”, realizzato nel 2014.
Testo trovato sul sito Nel vento

Ignoro chi sia la “Spiga Madù” che compare alla fine del brano...
Grigio il cielo, grigia la cella
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 23/3/2017 - 22:31

Al carcere

[tra il 1594 ed il 1597]
Versi di Tommaso Campanella (1568-1639), filosofo, teologo, poeta e frate domenicano italiano.
Musica di Joe Fallisi (2007)

Una poesia che Tommaso Campanella scrisse all'epoca del suo terzo, e non ultimo, processo per eresia, quando si trovava nel carcere dell'inquisizione a Roma.
Il primo arresto di Campanella risale al 1591. Ne seguirono molti altri, e detenzioni, e terribili torture, fino alla condanna definitiva, nel 1599, al carcere a vita (scampò alla morte solo fingendosi pazzo). Poi 27 anni di prigionia a Napoli, all'inizio dei quali, nel 1602, scrisse la sua opera più famosa, “La Città del Sole”. Nel 1626 la scarcerazione, quindi la fuga in Francia nel 1634 e la morte pochi anni dopo.

Ovvero, come sia quasi inevitabile che chi non si accontenta delle opinioni comuni, chi ama la verità e la professa, rischi di finire molto male, se va bene nel fondo di un'umida cella, dove il Potere esercita la sua “tirannia segreta” su tutti coloro che hanno osato pensare liberamente e diversamente...
Come va al centro ogni cosa pesante
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 22/3/2017 - 23:15
Video!

Alla stazion di Monza

[primi del 900]
Fonte: “Canti satirici anticlericali” a cura di Leoncarlo Settimelli e Laura Falavolti, Giulio Savelli editore, Roma, 1975.
Nel repertorio di Joe Fallisi, che l'ha inclusa nel suo album del 2014 intitolato “L'uovo di Durruti”


Alla stazion di Monza
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 21/3/2017 - 22:58
Downloadable! Video!

Oh madre Palestina

Pparole di Joe Fallisi, sull'aria di Fenesta ca lucive, musica di Vincenzo Bellini - Baranzate, 13 settembre 2009; Ostuni, 30 maggio 2011

a Vittorio Arrigoni
Oh Madre Palestina, tu che bruci
(continua)
17/4/2013 - 13:08
Video!

Elle n'est pas morte!

La versione italiana che qui riportiamo è di Joe Fallisi ed è tratta da "L'uovo di Durruti" (2003).
NON È MORTA
(continua)
inviata da DonQuijote82 5/5/2011 - 01:41
Gaza: Israele attacca navi dei pacifisti
Mentre continua a salire il numero dei morti, apprendo da CNRMedia che su una delle navi della Freedom Flotilla sono imbarcati anche tre pacifisti italiani, tra cui anche il "nostro" Joe Fallisi... chissà se qualcuno ha sue notizie...
(The Lone Ranger)

Avevamo, e dico "avevamo", in questo sito anche "Hatikva", l'inno sionista e attuale inno dello stato di Israele. Lo avevo inserito io stesso, con certe particolari considerazioni storiche; considerazioni che vengono a cessare dopo atti come quello di queste ore. Ora come ora, averlo in questo sito, pur pluralista al massimo grado, sarebbe come averci la Horst Wessel Lied. Per questo ho eliminato la pagina, con la speranza che un giorno si possa inserire nel sito l'inno di una Palestina unita dove tutti possano vivere davvero in pace. (Riccardo Venturi)

Per i medesimi motivi, lo Staff delle CCG/AWS non ritiene opportuno che la canzone "Shir laShalom", pur mantenuta nel sito, debba ancora far parte delle "Canzoni Fondamentali", data l'insincerità di uno stato che altro non persegue che politiche di guerra e di aggressione. Auspichiamo che venga presto sostituita con una vera canzone di pace, vale a dire Angelita di Anzio; la vogliamo già adesso dedicare a tutte le Angelite di Gaza. (CCG/AWS Staff)
Adriana Guazzoni 31/5/2010 - 10:45

A Nation Is Dying

Mentre continua a salire il numero dei morti, apprendo da CNRMedia che su una delle navi della Freedom Flotilla sono imbarcati anche tre pacifisti italiani, tra cui anche il "nostro" Joe Fallisi... chissà se qualcuno ha sue notizie...
The Lone Ranger 31/5/2010 - 10:20
Downloadable! Video!

Mafia e parrini

[1973]
Autori: Ignazio Buttitta, Otello Profazio, Joe Fallisi

Il testo di Ignazio Buttitta, fu musicato prima da Otello Profazio che la reincise l’anno dopo nel suo album "Qua si campa d'aria".
Di recente è stata ripresa, rimusicata con un ritmo più sostenuto e allegro da Joe Fallisi, e reincisa nell’album "L'uovo di Durruti"[2004] (3° CD)

Il testo di Buttitta è tratto dal volume “Lu trenu di lu suli” – Il treno del sole / storie, canti di protesta, canzoni in dialetto siciliano con traduzioni a fronte (prefazione di Roberto Leydi, introduzione di Leonardo Sciascia / Edizioni Avanti! 1963).
La mafia ed i parrini
(continua)
inviata da giorgio 13/8/2009 - 08:10
Downloadable! Video!

Figli dell'officina

La versione con il ritornello modificato da Joe Fallisi.


Joe Fallisi ha introdotto una modifica che è divenuta presto molto popolare tra i gruppi anarchici: l'ultimo verso del ritornello, "Di pace e di lavor", è sostituito con "Liberi dal lavor". - Wikisource
Riccardo Venturi 14/12/2008 - 00:58
Video!

Chansons de La bande à Bonnot: 02. Les joyeux bouchers

Una versione recitata da Joe Fallisi si può scaricare da Nel Vento
GLI ALLEGRI MACELLAI
(continua)
19/6/2006 - 15:41
Downloadable!

Il blues della squallida città

[1969]
Testo e musica di Joe Fallisi

Nel 1970 Joe Fallisi pubblicò e registrò, in forma anonima, un disco a 45 giri che conteneva La ballata del Pinelli [Ballata dell'anarchico Pinelli ; Il feroce questore Guida] e Il blues della squallida città. Su entrambi i lati compariva la seguente scritta: "Questa canzone può essere eseguita, riprodotta o adattata da tutti coloro che non sono recuperatori, 'progressisti' e falsi nemici del Sistema" e, come indicazione d'autore: "Parole e musica del Proletariato". In copertina un'opera di Paolo Baratella, sul retro un disegno di Georg Grosz. Nel dicembre del 2002 il disco è stato stampato come CD e riprodotto integralmente, mantenendo anche la grafica dell'originale, da Ancora/Mai più, con il concorso di Zero in condotta, Umanità Nova e Collegamenti-Wobbly (cfr. Ancora/Mai più).
Ehi Joe, cammina per le strade
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 2/6/2006 - 15:08




hosted by inventati.org