Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore 10,000 Maniacs

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

The Colonial Wing

[1985]
Scritta da Robert Buck e Natalie Merchant
Nell’album “The Wishing Chair”

Breve storia del Colonialismo, come anche nella successiva Hateful Hate...
Here is the storehouse of Her Majesty
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 9/4/2016 - 21:57
Downloadable! Video!

Indian Names

[1834]
Versi di Lydia Huntley Sigourney (1791-1865), poetessa americana
Nella raccolta “Poems” publicata nel 1834
Musica di Natalie Merchant (1963-), cantautrice statunitense, voce del 10,000 Maniacs fino al 1992, quando poi intraprese una propria, altrettanto proficua, carriera solista.
Nel doppio album intitolato “Leave Your Sleep” (2008-09), i cui testi sono costituiti da poesie di autori dell’800 e 900 dedicate all’infanzia.

La memoria dei nativi nord-americani, sconfitti e quasi annientati da una società solo più ingorda e crudele – la nostra - non potrà mai essere cancellata perché risiede ancora nei nomi stessi di tutto ciò che ci circonda…

Le ultime due strofe sono indicate tra parentesi perché non incluse dalla Merchant nella sua versione.
Ye say they all have passed away,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/4/2016 - 14:53
Downloadable! Video!

It’s a-Coming

[2014]
Parole e musica di Natalie Merchant (1963-), cantautrice statunitense, voce del 10,000 Maniacs fino al 1992, quando poi intraprese una propria, altrettanto proficua, carriera solista.
Nell’album intitolato semplicemente a se stessa.
It’s a-coming.
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/4/2016 - 14:01
Downloadable! Video!

The End

[2014]
Parole e musica di Natalie Merchant (1963-), cantautrice statunitense, voce del 10,000 Maniacs fino al 1992, quando poi intraprese una propria, altrettanto proficua, carriera solista.
Nell’album intitolato semplicemente a se stessa.

Una bella canzone, piena di dolore ma anche di speranza. Ed un’esplicita accusa contro i danni incalcolabili provocati dalle grandi religioni monoteiste.
That’ll be the end of the road,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/4/2016 - 13:55
Downloadable! Video!

Hateful Hate

‎[1989]
Album “Blind Man's Zoo”‎

‎"That's one of the most powerful songs we've ever done, but the topic is just as grave. It's ‎about slaughter for money, for ivory, and the slaughter is as much the fault of people on Fifth ‎Avenue who buy the ivory as it is the hunters themselves." - Toronto Star, 1989

‎"Hateful Hate is about the situation in Africa and its historical context - what led up to what's ‎happening there today. There's this intolerance of the differences between races and cultures that the ‎colonial Europeans express towards Africans - that they were primitive and savage." - Spin, ‎‎1989‎
‎ (da un paio di interviste a Natalie Merchant)‎
In the dark night a giant slumbered
(continua)
inviata da Bartleby 7/3/2012 - 09:15
Downloadable! Video!

Please Forgive Us

‎[1989]
Album “Blind Man's Zoo”‎



L'Iran-Contras affair (noto anche col nome di Irangate) è lo scandalo politico che nel 1985-1986 ‎coinvolse vari alti funzionari dell'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan ‎accusati dell'organizzazione di un traffico illegale di armi con l'Iran. I proventi di questa operazione ‎erano serviti a finanziare l'opposizione violenta dei Contras al governo sandinista del Nicaragua. La ‎vendita di armi all'Iran era stata pianificata puntando al rilascio di alcuni ostaggi statunitensi in quel ‎momento nelle mani di Hezbollah in Libano, organizzazione legata all'Iran.‎
L'Iran, all'epoca impegnato nella guerra contro l'Iraq di Saddam Hussein, pur violentemente ‎antiamericano era molto sensibile alle offerte di materiale USA, visto che la maggior parte delle sue ‎forze armate erano equipaggiate proprio con veicoli e armi fabbricate negli... (continua)
‎"Mercy, mercy," why didn't we hear it?
(continua)
inviata da Bartleby 7/3/2012 - 09:12
Downloadable! Video!

I'm Not the Man

‎[1992]‎
Album “Our Time In Eden”‎
Scritta da Natalie Merchant

Un nero, ingiustamente accusato di un omicidio che non ha commesso e condannato senza prove ‎sulla base soltanto di una confessione estorta con la tortura, attende in cella l’esecuzione mentre ‎fuori del carcere una folla inferocita, aizzata dai cappucci bianchi del Ku Klux Klan, ne invoca una ‎lenta e dolorosa agonia…‎
It crawls on his back, won't ever let him be
(continua)
inviata da Bartleby 7/3/2012 - 09:11
Downloadable! Video!

Tolerance

‎[1992]‎
Album “Our Time In Eden”‎
Scritta da Natalie Merchant

Una canzone ispirata dai Los Angeles Riots del 1992, quelli scaturiti dal proscioglimento, ‎nonostante le prove schiaccianti, di quattro agenti di polizia del LAPD che l’anno precedente ‎avevano ingiustificatamente massacrato di botte l’afroamericano Rodney King, causandogli danni ‎fisici permanenti. ‎
Il bilancio della rivolta dei neri, durata quasi una settimana, fu di 53 morti e centinaia di feriti (e di ‎un miliardo di dollari di danni)‎
The still and silence is torn with violence
(continua)
inviata da Bartleby 7/3/2012 - 09:10
Downloadable! Video!

Anthem for Doomed Youth

[1917]
Da “Human Conflict Number Five” (1981), EP di debutto della band all’epoca capitanata da Natalie Merchant.
Testo di Wilfred Owen
Musica di John Lombardo.

Il testo è quello di una celebre poesia di Wilfred Owen, soldato e poeta britannico morto di "fuoco amico" nel 1918, alla fine della prima guerra mondiale.
Owen scrisse "Anthem for Doomed Youth" nel 1917 mentre si trovava presso il Craiglockhart War Hospital di Edimburgo, ricoverato per le conseguenze di un'esplosione da cui era stato investito in battaglia.
For whom do the bells toll when sentenced to die?
(continua)
inviata da Bartleby 16/12/2010 - 14:19
Downloadable! Video!

My Mother the War

[1983]
Album “Secrets of the I Ching”
Scritta da Natalie Merchant and Michael Walsh.
She borders the pavement
(continua)
inviata da Bartleby 16/12/2010 - 13:10
Downloadable! Video!

What's The Matter Here?

[1987]

Album "In My Tribe"

Parole e musica di Natalie Merchant

Una canzone sulla violenza sulle donne e sui bambini.
That young boy without a name
(continua)
inviata da Alessandro 13/8/2009 - 15:26
Downloadable! Video!

The Big Parade

1999
Detroit to d.C., night train, capitol, parts east
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 10/1/2007 - 10:45
Downloadable! Video!

Once A City

1999
This was once a city harmony a common theme
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 28/12/2006 - 12:34
Downloadable! Video!

Grey Victory

[1983]
Scritta da John Lombardo, Robert Buck e Natalie Merchant
Nell’album “Secrets of the I Ching”
There was light and atomic fission
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 28/12/2006 - 12:25
Downloadable! Video!

Gun Shy

[1987]
Parole e musica di Natalie Merchant
Nell'album intitolato "In My Tribe"

Testo ripreso dal sito ufficiale dell'autrice

"Sono così bravi a fare dei soldati, ma non altrettanto a fare degli uomini."

"... C'è un mondo fuori da questa stanza e quando vorrai incontrarlo promettimi che non lo farai con la tua pistola..."
I always knew that you would
(continua)
inviata da Alessandro 22/3/2006 - 17:31




hosted by inventati.org