Lingua   

La morte di Corbari

Lennon Kelly
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

On praa
(I Saltamartin)
Il partigiano di Pozzaglio
(anonimo)
Corbari
(Black Mirrors)


2015
Lunga Vita al re
Lungavitaalre

Adattamento in italiano di una poesia in dialetto romagnolo di Giuseppe Bartoli

Dedicata a Silvio Corbari, medaglia d'oro della Resistenza.
Si vedano anche Iris e Silvio e A Pig On A Lead
Si rovesciavano come spighe di grano
con delle bestemmie che sembravano preghiere
e verso il cielo
palle di schioppo sputate tra i denti
andava il nome di Maria e degli altri santi
Il primo a cadere fu Corbari
e per il tonfo
tremò la terra e fu subito sera
Lì disteso, ribelle senza più ali
raspava dal male
con quella manaccia grande e contadina
buona era la terra
grassa e fine
Raspa Corbari, raspa se vuoi trovare
l’eterno concime della libertà:
il sangue romagnolo
che ha ubriacato ogni cuore
Stringi, stringi la terra
è sempre quel profumo
è sempre l’amore della stessa mamma
che ti fa da letto povero figlio di Romagna
Stringi ed alza la testa, su “canaglia”!
Si alza la camicia insanguinata
sembra un lume a marzo, lume di primavera
è bello finire la vita per una bandiera
E quando la prima sfoglia di sole
spolvera d’oro tutta la campagna
il partigiano muore
Vicino a lui un popolo di contadini
prega e bestemmia a testa bassa
Sopra di lui una banda d’assassini
ride con la vergogna in faccia
Il sole che nasce da vita alla brezza
nudo come Cristo inchiodato in una treggia
passa per l’amica campagna
l’ultimo re della montagna
Brigante della libertà e prepotente
ma schietto come è schietta la sua gente
schietto come i nostri giorni passati vicini alle stelle
tra il pianto di mamma e quello del parabello

inviata da dq82 - 5/12/2015 - 15:10



Lingua: Italiano (Romagnolo)

La poesia originale di Giuseppe Bartoli

Giuseppe Bartoli<br />
(Brisighella 18/07/1920 - 20/06/2004)
Giuseppe Bartoli
(Brisighella 18/07/1920 - 20/06/2004)


Giuseppe “Pino” Bartoli, nato a Brisighella (RA) il 18/07/1920 e deceduto il 20/06/2004. Ex Ufficiale di Stato Civile ed ufficiale della formazione partigiana “Silvio Corbari”, grado riconosciutogli dal Ministero della Difesa, ha ricoperto, nel comune di Brisighella, tutti gli incarichi pubblici: Sindaco, Presidente della Comunità Montana, della Pro Loco, delle Opere Pie e del Museo del Lavoro Contadino.
Poeta in lingua e vernacolo nonché prosatore, si è affermato in oltre 500 concorsi letterari, molti dei quali di livello nazionale ed internazionale.
Cavaliere della Comunità Poetica Europea e Commendatore dell’Ordine Militare di S.Andrea, socio di 10 Accademie di lettere, arti e scienze, ha conseguito per due volte l’Oscar di Letteratura “Romagna”.
In sua memoria, si tiene annualmente un concorso di poesia, elaborati, disegni, ceramiche, ecc. riservato agli studenti dell’Istituto Comprensivo di Brisighella, quei giovani in cui Giuseppe riponeva la sua speranza per il futuro e che credeva fossero la gioia più bella del mondo.
LA MÖRT ED CURBERA

I s’arbuteva coma spig’d grân
cun del biastèm che pareva preghir
e vers e’ zêl
pal’d s-cióp spudedi fra i dént
l’andeva e’nom’d Maria e chietar sént
E prèm a caschê e fo Curbera
e par la bòta
o tremê la tëra e o fo sobit sera
A lé stuglé, ribèl senza pio’ él
u raspeva da e’ mêl
cun cla manaza grânda e cuntadéna
bôna l’era la tëra
grasa e féna
Raspa Curbera, raspa stvò truvé
l’eteran cunzem dla libartê:
e’ sangue rumagnöl
cla imbariaghê ogni côr
Strèca, strèca la tëra
l’è sèmpar cl’udôr
l’è sèmpar l’amôr dla stesa mâma
cut fa da lët pövar fiol’d Rumâgna
Strèca ed elza la tësta, so canàja!
L’as drèza la camisa sanguneda
la pê ôn lôm a Mérz, lôm’d premavera
l’è bèl finì e’ su dé par na bangera
E cvànd che la prema sfója’d sôl
la spôrbia d’ôr tota la campagna
e’partigiân e mör
Bsén a lô ôn pòpul’d cuntadén
o prega e o biastèma a tësta basa
Sôra a lô na bânda d’asasén
la rid cun la vargôgna in faza
E’ sôl c’nas e dà vita a la brèza
nud coma Crèst, inciudê tna trèza
e pasa per l’amiga campâgna
l’ultum re dla muntâgna
Brigant dla libartê e preputént
ma s-cét com l’è s-cét la su zént
s-cét coma i nost dê pasê bsén el stël
fra e’ piânt’d mâma e cvèl de parabël

inviata da dq82 - 5/12/2015 - 15:12



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org