Language   

A Pig On A Lead

Cheap Wine
Language: English

List of versions


Related Songs

E se i tedeschi
(Anonymous)
Corbari
(Black Mirrors)
La Veglia del Partigiano
(Anonymous)


[2009]
Lyrics and Music: Cheap Wine
Testo e musica: Cheap Wine
Album: Spirits
cheapwinespirits

I Cheap Wine sono una folk-rock band pesarese che scrive e interpreta i propri testi quasi interamente in inglese. Questa loro canzone, dedicata a Silvio Corbari, ci è stata originariamente segnalata da Marco Diamantini, membro dei Cheap Wine stessi, sulla pagina dedicata alla canzone dei Delsangre, assieme alla traduzione italiana. Ma una canzone del genere trova più opportunamente posto in una pagina autonoma, totalmente a lei dedicata. Cosa che facciamo doverosamente e volentieri, due giorni dopo una "festa della Liberazione" che oramai dovrebbe rappresentare l'inizio, vero, di una nuova Liberazione dal nuovo Fascismo (che poi è sempre quello vecchio, più o meno travestito e con una buona dose di verde al posto del nero). E ci fa piacere anche tornare alla figura del "Curbara", non senza aver detto che i lettori della rivista "Buscadero" hanno scelto "Spirits", l'album dei Cheap Wine da cui è tratta questa canzone, come miglior album del 2009. [CCG/AWS Staff]

La Banda Corbari. Silvio Corbari e Iris Versari sono in piedi all'estrema sinistra, abbracciati.
La Banda Corbari. Silvio Corbari e Iris Versari sono in piedi all'estrema sinistra, abbracciati.


"Silvio Corbari era un ventenne faentino, con un talento per la recitazione ed il travestimento: durante la Resistenza, formò una banda di partigiani che inferse duri colpi alle truppe nazi-fasciste, non solo sul piano militare. L’episodio riportato nel testo di A Pig On A Lead è realmente accaduto e viene narrato nel libro “Ribelli” di Pino Cacucci.

Nel 1943, il paesino di Tredozio era occupato da un grosso contingente di milizie fasciste e Corbari non disponeva di forze sufficienti per tentare un attacco. Ma avvertì sprezzantemente il comandante della guarnigione che si sarebbe recato in paese un determinato giorno. I fascisti si disposero per la difesa armati di tutto punto, ma nel giorno stabilito videro entrare a Tredozio solo un vecchio contadino, lacero e malandato, con un maiale al guinzaglio. Il resto della storia viene descritto nel testo della canzone." - Cheap Wine - Dalla presentazione di "Spirits"
He dived into the wild side lost in a cloud of smoke.
He smiled when they tried to say: «This is not a joke».
One day the dark lady said: «Baby, I’m waiting for you».
He laughed and said: «Lady this wisecrack
is not something new».

They were waiting for him with their loaded guns.
He was just a young boy, a rebel son.

They saw a ragged old man
with a pig on a lead coming by.
They started to laugh and to fool takin’ him for a ride.
He stopped by the inn and said: «Guys would you please be so kind to care of my pig
while I drink a good glass of cheap wine?»

Then he took back the pig and said:
«Thanks and goodbye».
And he faded away, with a smile.

The following day thay were waiting
but he did not come around.
So they said: «He’s just a coward, a swaggerer
down to the ground».
Well, then a letter came on sayin’:
«Thank you for your kindness too.
You can just care of my pig, that’s all you can do».

Broken down by a laugh, with their loaded guns.
He was just a young boy, a rebel son.

Contributed by CCG/AWS Staff - 2010/4/27 - 12:37



Language: Italian

Versione italiana dal sito ufficiale dei Cheap Wine
IL MAIALE AL GUINZAGLIO

Si diede alla macchia avvolto in una nuvola di fumo.
Sorrise quando tentarono di dirgli: «Questo non è uno gioco».
Un giorno la signora in nero gli disse: «Ti sto aspettando».
Lui scoppiò a ridere e rispose: 
«Signora, questa non mi sembra una novità».

Lo stavano aspettando con le armi cariche.
Era solo un ragazzo, un figlio ribelle.

Videro arrivare un vecchio straccione
con un maiale al guinzaglio.
Cominciarono a sghignazzare e a prendersi gioco di lui.
Il vecchio si fermò all’ingresso dell’osteria e disse:
«Sareste così gentili da dare un’occhiata al mio maiale
mentre bevo un bicchiere di vino da due soldi?»

Poi si riprese il maiale e salutò: «Grazie e arrivederci».
E scomparve, con un sorriso.

Il giorno seguente erano ancora lì ad aspettarlo
ma lui non si fece vivo.
Così dissero: «E’ solo un codardo
e uno sbruffone da strapazzo».
Poi però ricevettero una lettera, c’era scritto:
«Grazie per la gentilezza.
Badare al mio maiale, giusto questo potete fare»

Furono spazzati via da una risata,
con le loro armi pronte a sparare.
Era solo un ragazzo, un figlio ribelle.

Contributed by CCG/AWS Staff - 2010/4/27 - 12:39



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org