Lingua   

Old Southern Town

Sarah Ogan Gunning
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

I'm Going to Organize, Baby Mine (or Babe O' Mine)
(Sarah Ogan Gunning)
I Hate the Capitalist System
(Sarah Ogan Gunning)
Down on the Picket Line
(Sarah Ogan Gunning)


[1930s]
Parole e musica di Sarah Ogan Gunning (1910-1983), cantautrice del Kentucky.
Testo trovato su Folk Archive
Nel disco intitolato “I Am a Girl of Constant Sorrow” pubblicato nel 1965 dalla Folk-Legacy Records

Girl Of Constant Sorrow
Girl Of Constant Sorrow


Una canzone che Sarah Ogan Gunning compose a New York, dove si era trasferita con la famiglia per sfuggire alla miseria e alla violenza politica allora imperanti in Kentucky.
C’è la nostalgia per la sua terra natale e, in particolare, per i familiari e gli amici lasciati laggiù ma soprattutto c’è tutta la rabbia e l’odio verso i padroni sfruttatori, affamatori ed assassini: “Se avessi quei fottuti padroni tra le mani, per tutto quello che mi hanno fatto, quello che farei io a quei bastardi non sarebbe per niente bello da vedere.”
I'm thinkin' tonight of my old southern town
An' my loved ones that I left behind.
I know they are ragged an' hungry, too,
An' it sure does worry my mind.
Poor little chillun, so hungry an' cold,
The big mighty bosses so big an' so bold;
They stole all our land an' they stole all our coal --
We get starvation an' they get the gold.

I know how it feels to be lonesome,
An' I know how it feels to be blue.
I know how it is to be hungry
An' I've sure been ragged, too.
I'm thinkin' of brother an' sister
From the loved ones whom I had to part,
I'm thinkin' of their little children
Who is so near to my heart.

I'm thinkin' of heartaches an' starvation
That the bosses has caused me an' mine.
I'm thinkin' of friends an' neighbors
An' the loved ones that I left behind.
Now, if I had these rotten bosses
Where the bosses has got me,
What I wouldn't do to them rascals
Would be a shame to see.

inviata da Bernart Bartleby - 15/4/2015 - 14:41




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
15 aprile 2015
VECCHIA CITTA' DEL SUD

Penso stasera alla mia vecchia città del sud
e ai miei cari che ci ho lasciati.
Lo so che pure loro sono straccioni affamati
e di certo questo mi fa soffrire.
Bambini poveri che hanno fame e freddo,
e i gran padroni così potenti e arroganti;
ci hanno rubato la terra e il carbone,
noi crepiamo di fame e loro hanno l'oro.

So che si sente ad essere soli,
e so che si sente ad essere tristi.
E anch'io, certo, sono stata una stracciona
e penso a mio fratello e mia sorella,
ai miei cari da cui mi sono dovuta separare,
penso ai loro bambini
che mi sono vicini al cuore.

Penso alle pene e alla fame nera
che i padroni hanno fatto patire a me e ai miei.
Penso ai miei amici e ai miei vicini
e ai miei cari che ho lasciato là.
Ora, se potessi fare a quelle merde di padroni
tutto quello che loro hanno fatto a me,
non so che farei a quei farabutti,
sarebbe uno spettacolino di nulla!

15/4/2015 - 15:09




Lingua: Finlandese

Traduzione finlandese di Juha Rämö
Finnish translation by Juha Rämö
Suomennos Juha Rämö
VANHA ETELÄN KAUPUNKI

Tänään mielessäin on vanha etelän kaupunki,
ja kaikki sinne jääneet ystävät rakkaani.
Heidän tiedän ryysyissä, nälissään kulkevan
enkä sen soisi näin mieltäni painavan.
Lapsiraukat pienet nälissään ja viluissaan,
isännät korskeat täynnä suurta mahtiaan .
Ne veivät meiltä kaiken hiilen, kaiken maan,
nälkään me jäimme, he kultaan, kunniaan.

Tiedän kyllä miltä tuntuu olla yksinään,
ja yksinäisyydessään pakahtua ikävään.
Nälän kalvava tunne lie mullekin tuttu
niin tuttuja ryysyt ja resuinen nuttu.
Veljeä, siskoa taas muistelen,
rakkaita alati mielessäin,
ja lapsiaan heidän ajattelen
niin lähellä, liki sydäntäin.

Surua sydämen, nälkää kun muistelen,
niin isäntäin tekoja unohda en.
Kun mieless' on ystävät, tuttavat,
kauas jääneet naapurit rakkahat,
niin silloin mä usein ajattelen,
pahuutta isäntäin kurjien.
Ne kalavelat jo maksaa soisi,
vaikk' hieman se jopa hävettää voisi.

inviata da Juha Rämö - 15/4/2015 - 23:35



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org