Langue   

William Moore

Phil Ochs


Langue: anglais


Peut vous intéresser aussi...

Correndo con le forbici in mano (Ode a Pippa Bacca)
(Nadia Impalà)
Talking Cuban Crisis
(Phil Ochs)
Ole Shady (or the Song of the Contraband)
(Benjamin Hanby)


[1963]
Dall’album compilativo “A Toast to Those Who Are Gone”, 1986.

Su William Moore si veda anche la canzone Die Ballade von dem Briefträger William L. Moore aus Baltimore, der im Jahre 63 allein in die Südstaaten wanderte. Er protestierte gegen die Verfolgung der Neger. Er wurde erschossen nach einer Woche. Drei Kugeln trafen seine Stirn. di Wolf Biermann.


BillMoore
William Moore era un postino. Era un bianco, ma faceva parte del CORE, il Congress of Racial Equality, una delle più attive organizzazioni anti-razziste e anti-segregazioniste americane, nata negli anni 40.
William Moore era un postino, e il suo mestiere era quello di recapitare la posta.
Così un bel giorno decise di mettersi in cammino per recapitare lettere di protesta contro la segregazione razziale… Nella sua prima marcia, dal Maryland andò a piedi fino alla Casa Bianca per recapitare al presidente Kennedy una lettera in cui annunciava di voler andare a piedi, da solo, fin nel Mississippi: “Se hai qualche lettera da far avere a qualcuno da quelle parti, sarò felice di portarla”, disse William Moore il postino al presidente degli Stati Uniti d’America. E in Mississippi a piedi ci andò davvero, e poi programmò di tornarci partendo dal Tennessee e passando dall’Alabama. Nell’aprile del 1963 William Moore il postino si rimise in marcia con un cartello con su scritto “Equal rights for all!” e con una lettera da consegnare a Ross Barnett, governatore segregazionista del Mississippi… Il 23 aprile William Moore fu intervistato da un reporter di una radio dell’Alabama mentre si trovava su una strada rurale nei pressi di Attalla… un’ora più tardi il corpo del postino che marciava da solo contro la segregazione fu trovato sul ciglio della strada: aveva il cranio spappolato da due colpi di fucile sparati a distanza ravvicinata… La lettera che portava con sé era stata aperta e lasciata sul posto… c’era scritto: “l’uomo bianco non potrà davvero liberare sé stesso fino a che tutti gli uomini non avranno uguali diritti” .

Nel 2008 alcuni vecchi e nuovi “Freedom Riders” hanno marciato lungo la strada che fece il postino solitario William Moore per recapitare la sua lettera originale a Haley Barbour, l’attuale governatore del Mississippi…
Il governatore non ha voluto riceverli.
Walkin' down an Alabama road
Rememberin' what the Bible told
Walkin' with a letter in his hand
Dreaming of another southern land
Walkin' down an Alabama road

And he went by the name of William Moore
Now what are you doing William Moore
Why the letter in your hand?
There's only one southern land
And he went by the name of William Moore

What price the glory of one man?
What price the glory of one man?
What price the hopes,
What price the dreams,
And what price the glory of one man?

Remembering what his grandfather done
Fought for the south in '61
A hundred years have passed by since then
Now Moore is fighting for the south again
Remembering what his grandfather done

Remembering the time in World War Two
And the South Pacific Island that he knew
Remembering the young men that he killed
And the praying that the guns of hate be stilled
Remembering the time in World War Two

What price the glory of one man?
What price the glory of one man?
What price the hopes,
What price the dreams,
And what price the glory of one man?

And they shot him on the Alabama road
Forgot about what the Bible told
They shot him with that letter in his hand
As though he were a dog and not a man
And they shot him on the Alabama road

Did you say it was a shame when he died?
Did you say he was fool because he tried?
Did you wonder who had fired the gun?
Did you know that it was you who fired the gun?
Did you say it was a shame when he died?

What price the glory of one man?
What price the glory of one man?
What price the hopes,
What price the dreams,
And what price the glory of one man?

envoyé par Alessandro - 2/4/2010 - 10:46


Il possessore del fucile che uccise William Moore fu rintracciato: si chiamava Floyd Simpson, un bottegaio, membro del KKK, che quel giorno stesso aveva affrontato e provocato Moore, proprio poco prima che venisse ammazzato...
Simpson non fu mai nemmeno incriminato per l'omicidio...

William Lewis Moore, un uomo che mi ha sempre impressionato per il coraggio che ebbe.
William Lewis Moore, un uomo che mi ha sempre impressionato per il coraggio che ebbe.

Bernart Bartleby - 4/4/2014 - 11:02


Page principale CCG

indiquer les éventuelles erreurs dans les textes ou dans les commentaires antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org