Lingua   

Bologna 77

Stefano Rosso


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

A Valerio Verbano
(anonimo)
Fermi con le mani
(Fabrizio Moro)
Tre fratelli
(Stefano Rosso)


Testo e musica di Stefano Rosso [S.Rossi]
arr. R.Cini
Ed. BMG Ricordi Spa
Testo trascritto all'ascolto

Bologna, 12 marzo 1977. La sede devastata di Radio Alice.
Bologna, 12 marzo 1977. La sede devastata di Radio Alice.


A PRESCINDERE
di Riccardo Venturi

A prescindere dal fatto se questa sia o meno una canzone da inserire nelle CCG, e in particolare nel percorso sulla Repressione (a mio parere lo è, perché la seconda strofa è un chiaro riferimento all’assassinio di Giorgiana Masi);

A prescindere dal fatto se questa (bellissima) canzone parli o meno di Bologna e del ’77, oppure della vita del signor Rossi Stefano in arte Stefano Rosso, o di tutte e due le cose assieme, o di nessuna delle due, o di un anno lontano, o di un anno vicino, o di un anno reale, o di un anno immaginato;

A prescindere dal fatto che a molti di quei “tanti domani vestiti di jeans” sia stato interrotto il domani, con la morte, con la galera, con l’eroina, con l’eliminazione fisica e ideale, con la messa alla berlina da parte della gelida normalità delle maggioranze più o meno silenziose;

A prescindere dal fatto che il qui presente, nel 1977, era un ragazzino che guardava dalla finestra, volando con la mente a luoghi dove non lo lasciavano essere, ma dove andava lo stesso e dove riusciva ad essere nononostante tutto;

A prescindere da questo e da tanti altri fatti, io questa canzone ce la metto lo stesso, perché questo è il suo posto. Perché non ci hanno repressi. Perché continuiamo a non volerceli avere, i padroni, come il sole che splende, come il grano che nasce, come l’acqua che va.
L’inverno passava qualcuno di lì
Il nastro girava, suonava “Lilly”,
Girava il pallone, lo stadio impazzì
La voce tremava, l’inverno finì.

E poi primavera, e qualcosa cambiò
Qualcuno moriva, e su un ponte lasciò
Lasciò i suoi vent’anni e qualcosa di più
E dentro i miei panni, la rabbia che tu

Da sempre mi dai, parlando per me
Scavando nei pensieri miei,
Guardandomi poi dall’alto all’ingiù
E forse io valgo di più.

L’estate moriva, Bologna, tremò,
La dalia fioriva e la gente pensò
Dei tanti domani vestiti di jeans
Chiamandoli “strani”, ma non fu così

E quando m’incontri, se pensi di me
Tu sappi che il sole che splende per te
E il grano che nasce, e l’acqua che va
E’ un dono di tutti, padroni non ha

E il grano che nasce, e l’acqua che va
E’ un dono di tutti, padroni non ha.

inviata da Riccardo Venturi - 7/8/2006 - 16:33


CIAO STEFANO

eallora

Tutti - 17/9/2008 - 22:48


Nessuna canzone meglio di "Bologna 77" riesce ad evocarmi con tanta incisiva potenza ed immediatezza, in un solo attimo, tutto quel coacervo di sangue versato, angoscia strisciante, austerity, celerini, il-personale-è-politico, cortei, liceali fricchettoni delle ultime classi che facevano i picchetti a scuola, musicassette cigolanti (che facevano girare Lilly e non solo), clarks, Ciao2001, governi balneari, camicie americane usate e jeans comprati al mercato (etc. etc. ...) che fu nel suo complesso il decennio dei '70 nella mia vagamente confusa percezione (di bambina prima e di preadolescente poi), fino a quando si arrivò - per l'appunto - ad episodi come quello di Giorgiana Masi ... una vergogna che Stefano in quel brano dipinge - affrescando un'epoca intera sullo sfondo di quel tragico ponte rimasto assetato di giustizia - con un lirismo ed una dolcezza malinconica semplicemente commoventi, pur nella loro forte carica di denuncia.

E' possibile lasciare un messaggio in sua memoria (sono già molti più di tremila) sulle "pagine aperte" del suo sito ufficiale:

http://rosso.websinc.net/

Ciao Stefano

Alberta Beccaro - Venezia - 21/9/2008 - 09:51


Erri De Luca e Gianmaria Testa per Giorgiana Masi e Carlo Giuliani

adriana - 17/8/2010 - 15:26


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org