Langue   

20.000 Leghe (in fondo al mare)

Gianmaria Testa


Langue: italien


Peut vous intéresser aussi...

Miniera
(Claudio Villa)
Un aeroplano a vela
(Gianmaria Testa)
Gianmaria Testa: Una lucciola d'agosto
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


[2011]
Album :Vitamia

0058097b80

Testo e musica di Gianmaria Testa
Lyrics and music by Gianmaria Testa

Come ha detto l'autore presentando il brano, qui la parola "Leghe" non va intesa come un'unità di misura...
Il primo fu Capo di Buona Speranza
chiuso per legge e decreto speciale
che la smettessero le onde pacifiche
d'imbastardire quell'altro mare.

Poi fu la volta di Panama e Suez
e quindi del Bosforo e di Gibilterra
ogni maroso pretese il rispetto
della sovrana indipendenza.

Niente più scambi di acque e di pesci
niente più giri del mondo in veliero
tutti i canali rimasero chiusi
a qualunque passaggio di flutto straniero.

Così per un poco tornarono chete
le acque dei mari di tutto il pianeta
ma non durò molto che un'onda riprese
a dir ch'era tempo di farla finita.

Successe che un giorno nel mare nostrano
lo Jonio pretese di stare da solo
e così vollero pure il Tirreno
il mar di Sardegna e l'Adriatico al volo.

Insomma -nessuno si mischi a nessuno-
tuonavan le acque dei bassi fondali
-ognuna rimanga ancorata ai suoi porti
e bagni soltanto le sabbie natali-

Sembrava finita ma era solo l'inizio
e anche così fu ben brutto vedere
in quel che era stata la grande distesa
lo strazio dei fossi a dividere il mare.

Era solo l'inizio, come già si diceva
perché ora la febbre secessionista
andava ammalando ogni singola riva
e niente e nessuno riusciva a dir basta.

Così da Trieste alla punta pugliese
e dalla Sicilia alla Costa del Sole
ogni più piccola cala pretese
l'indipendenza e non solo a parole.

Ma la questione divenne barbina
quando si presero goccia con goccia
e ognuna guardando la propria vicina
diceva -vai via o ti rompo la faccia-

Il mare fu presto una grande rugiada
inutile ai pesci e a qualunque creatura
morirono il tonno, l'acciuga, lo spada
restarono in secca le barche d'altura.

E poi un giorno, o una notte, non so
accadde qualcosa di ancora più strano
conoscete la formula H2O
si quella dell'acqua, che tutti sappiamo.

Ebbene l'idrogeno trovò da ridire
sostenne di avere la maggioranza
e quindi il diritto sovrano di ambire
all'ormai sacrosanta indipendenza.

Ci fu come un vento, un soffio infinito
e l'acqua dei mari s'invaporò in cielo
rimase un deserto di sale e granito
ma buio e profondo più nero del nero.

envoyé par daniela -k.d.- - 26/12/2011 - 17:22


Che bravo questo Testa. Purtroppo i Testa non sono tutti uguali...

Gian Piero Testa - 26/12/2011 - 19:02


Morto Gianmaria Testa

Gianmaria se n'è andato senza fare rumore.
Restano le sue canzoni, le sue parole.
Resta il suo essere stato uomo dritto, padre, figlio, marito, fratello, amico.


dal sito ufficiale

daniela -k.d.- - 30/3/2016 - 19:51



Page principale CCG

indiquer les éventuelles erreurs dans les textes ou dans les commentaires antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org