Lingua   

The Kerry Recruit (One Morning In March)

The Dubliners


Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Avondale
(Dominic Behan / Doiminic Ó Beacháin)
The Recruiting Sergeant
(Seamus O'Farrell)
The War is still Wrong
(John Warner)


Canzone tradizionale irlandese. Si riferisce alla guerra di Crimea (1853-1856), cui parteciparono anche soldati italiani.
One morning in March I was digging the land,
with me brogues on me feet and me spade in me hand
And says I to myself, such a pity to see,
such a fine strappin' lad footin' turf round Tralee

Wid me too ra na nya and me too ra na nya,
wid me too ra na noo ra na noo ra na nya

So I buttered me brogues, shook hands with me spade,
then went off to the fair like a dashing young blade
When up comes a sergeant he asks me to list,
'Arra, sergeant a gra, stick a bob in me fist

Wid me too ra na nya and me too ra na nya,
wid me too ra na noo ra na noo ra na nya

Well the first thing they gave me it was a red coat,
with a wide strap of leather to tie round me throat
They gave me a quare thing ­ I asked what was that,
and they told me it was a cockade for me hat

Wid me too ra na nya and me too ra na nya,
wid me too ra na noo ra na noo ra na nya

The next thing they gave me they called it a gun,
with powder and shot and a place for me thumb
Well first she spat fire and then she spat smoke,
she gave a great leap and me shoulder near broke

Wid me too ra na nya and me too ra na nya,
wid me too ra na noo ra na noo ra na nya

Well the first place they sent me was down by the quay,
on board of a warship bound for the Crimea
Three sticks in the middle all rowled round with sheets,
faith, she walked on the water without any feet

Wid me too ra na nya and me too ra na nya,
wid me too ra na noo ra na noo ra na nya

When at Balaclava we landed quite soon,
both cold, wet and hungry we lay on the ground
Next morning for action the bugle did call,
and we had a hot breakfast of powder and ball

Wid me too ra na nya and me too ra na nya,
wid me too ra na noo ra na noo ra na nya

Well we fought at the Alma, likewise Inkermann,
and the Russians they whaled us at the Redan
In scalin' the walls there meself lost an eye,
and a big Russian bullet ran away with me thigh

Wid me too ra na nya and me too ra na nya,
wid me too ra na noo ra na noo ra na nya

'Twas there we lay bleeding stretched on the cold ground,
both heads, legs and arms were all scattered around
I thought of me mam and me cleaveens were nigh,
sure they'd bury me decent and raise a loud cry

Wid me too ra na nya and me too ra na nya,
wid me too ra na noo ra na noo ra na nya

Well a doctor was called and he soon staunched me blood,
and he gave me a fine elegant leg made of wood
They gave me a medal and ten pence a day,
contented with Sheelagh, I'll live on half pay

Wid me too ra na nya and me too ra na nya,
wid me too ra na noo ra na noo ra na nya

inviata da Piersante Sestini




Lingua: Italiano

Traduzione (con molti punti in affanno, di cui mi scuso... grato a chi vorra' migliorarla)
La recluta del Kerry (una mattina di Marzo)

Una mattina di marzo vangavo la terra
Con le mie scarpacce(1) ai piedi e la mia vanga nelle mani
e mi dissi: che peccato vedere un bel ragazzo robusto
come me pesticciare le zolle intorno a Tralee

Cosi' imburrai le mie scarpe, salutai la mia vanga
e me ne andai alla fiera sentendomi un giovane attraente e sicuro (2)
Quando salta fuori un sergente chiedendomi di arruolarmi,
Urra', sergente amore mio, sbatti uno scellino nel mio pugno

Bene, la prima cosa che mi dettero fu una giubba rossa
con una larga cintura di cuoio da legare attorno alla gola
mi dettero una cosa strana che chiesi cos'era
e mi dissero che era una coccarda per il mio cappello

La cosa successiva che mi dettero la chiamarono un fucile
con polvere e pallottole e un posto per il mio pollice
Bene, prima sputo' fuoco, poi sputo' fumo,
dette una gran salto e la mia spalla quasi si ruppe

Bene, il primo posto dove mi mandarono fu lungo il molo,
a bordo di una nave da guerra diretta in Crimea
Tre pali nel mezzo tutti coperti di lenzuoli
incredibile! camminava sull'acqua senza nessun piede

Quando arrivammo a Balclava sbarcammo piuttosto alla svelta
freddi, zuppi e affamati ci stendemmo per terra
Il mattino dopo la tromba ci chiamo' in azione
ed avemmo una calda prima colazione di polvere e proiettili

Beh, combattemmo all' Alma, e cosi' a Inkerman
e i russi ci batterono duro al Redan
La' mentre scalavo le mura persi un occhio,
e una grossa palla russa si porto' via una una mia coscia

Eravamo la' sanguinanti nelle barelle sulla fredda terra
teste, gambe e braccia erano disseminate tutte intorno
Pensai che se la mia mamma e i miei parenti erano vicini
sicuramente mi avrebbero dato una sepoltura decente e avrebbero pianto forte

Beh fu chiamato un dottore e arresto' il mio sangue,
e mi dette una bella ed elegante gamba fatta di legno
Mi dettero una medaglia e 10 pence al giorno
accontentato con Sheelagh(4), vivro' a mezza paga

1) brogues: un tipo di scarpe robuste e grossolane un tempo usate in irlanda ed nelle Highlands scozzesi.

3) Traduzione approssimativa

4) Altre versioni riportano Chela o Shela. Sembrerebbero nomi di donna (Sheelagh = Sheila)

inviata da Piersante Sestini




Lingua: Inglese

Recorded by Richards Dyer-Bennett (con un'ultima strofao aggiunta da lui stesso)
http://www.chivalry.com/cantaria/lyrics/kerry-recruit.html
At the age of nineteen, I was ploughin' the land
With me brogues on me feet and me spade in me hand.
Says I to meself, "What a pity to see
Such a fine Kerry lad diggin' spuds in Tralee."

cho: To me Kerry-I-Ah, fa lal deral lay,
Kerry-I-Ah, fa lal deral lay.

So I buttered me brogues and shook hands with me spade
And went off to the fair like a dashing young blade.
A sergeant come up and said "Would ye enlist?"
"Sure, sergeant," says I, "Slip the bob in me fist".

Then up came a captain, a man of great fame,
Who straightways enquires me country and name;
Well, I told him before as I'd tell him again
That me father and mother were two Kerrymen.

Well the first thing they gave me it was a red coat
With a lump of black leather to tie 'round me throat.
The next thing they gave me --- I said "What is that?"
"Sure, man, a cockade for to stick in yer hat!"

The next thing they gave me they called it a horse
With a saddle and bridle, me two legs across.
Well, I gave 'er the whip and I gave 'er the steel
And, Oh Holy Mother! She went like an eel.

The next thing they gave me, they called it a gun,
So under the trigger I settled me thumb.
The gun it belched fire, and vomited smoke
And gave me poor shoulder the Divil's own stroke.

The next place they took us was down to the sea,
Aboard a great ship, bound for the Crimee,
With three sticks in the middle, all covered with sheet
She walked on the water without any feet.

We reached Balaclava all safe and all sound,
And tired and weary we lay on the ground.
Next morning at daybreak a bugle did call,
And served us a breakfast of powder and ball.

We whipped them at Alma and at Inkerman
But the Rooshians they foiled us at the Redan.
While scaling a rampart meself lost an eye
And a great Russian bullet ran away with me thigh.

All dyin' and bleedin' I lay on the ground,
With me arms, legs and feet all scattered around.
Says I to meself, "If me father was nigh
He would bury me, sure, just for fear I might die."

But a surgeon come up and he soon stops the blood,
And he made me an iligant leg made of wood;
And they made me a pension of tenpence a day
And contented on shiela I live on half-pay.

(Last verse by Richard Dyer-Bennett)

Now that was the story my grandfather told,
As he sat by the fire all withered and old.
"Remember," said he,"that the Irish fight well,
But the Russian artillery's hotter than Hell."

inviata da Alessandro - 26/6/2006 - 13:55


Written By Seamus O' Farrelly.

Hamish Imlach does this version of thisanti-recruiting song from 1915 ,if you were around then and caught singing this song you would be put in jail.

5/3/2014 - 14:45




Lingua: Italiano

Ho raccolto l'invito di Piersante Sestini per aggiornare la traduzione in italiano

TRADUZIONE ITALIANO (riveduta da Cattia Salto)
Una mattina di marzo ero a scavare la terra (1)
con le mie scarpacce(2) ai piedi e la mia vanga in mano
e mi dissi: “che peccato vedere
un bel ragazzo robusto, calpestare le zolle nei dintorni di Tralee

Così ingrassai (3) le scarpe, salutai la mia vanga
e mentre me ne andavo alla fiera sentendomi un giovanotto(4) affascinante
ti salta fuori un sergente che mi chiede di arruolarmi,
“Urra’, sergente bello mio(5), sbatti uno scellino(6) nel mio pugno”

Bene, la prima cosa che mi dettero fu una giubba rossa(7)
con un largo cinturone di cuoio da incrociare intorno alla gola(8);
mi dettero una cosa strana che chiesi cos’era
e mi dissero che era una coccarda per il mio cappello

La cosa successiva che mi dettero la chiamarono un fucile
con polvere e pallottole e un posto per il mio pollice
Bene, prima sputò fuoco, poi sputò fumo,
dette un gran rinculo e la mia spalla quasi si ruppe

Bene, il primo posto dove mi mandarono fu per il molo,
a bordo di una nave da guerra diretta in Crimea
Tre pali nel mezzo tutti coperti di lenzuola
incredibile! Camminava sull’acqua senza (bisogno) dei piedi!

Quando arrivammo a Balaklava(9) sbarcammo piuttosto alla svelta
freddi, zuppi e affamati ci buttammo per terra.
Il mattino dopo la tromba ci chiamò in azione
ed avemmo una calda colazione con polvere e proiettili

Beh, combattemmo all’Alma, e così a Inkerman
e i russi ce ne diedero di brutto sul Redan(10).
Là mentre scalavo le mura persi un occhio,
e una grossa palla russa si portò via la mia coscia

Eravamo là sanguinanti nelle barelle sulla fredda terra (11)
teste, gambe e braccia erano sparpagliate tutte intorno;
pensai che se la mia mamma e i miei parenti erano vicini
sicuramente mi avrebbero dato una sepoltura decente e avrebbero pianto forte.

Beh fu chiamato un dottore che presto arrestò il sangue,
e mi dette una gamba bella ed elegante fatta di legno;
mi dettero una medaglia e 10 pence al giorno
sistemato con Sheelagh(12), vivrò con la mezza paga.
NOTE
1) Richard Dyer-Bennett dice: “At the age of nineteen, I was ploughin’ the land”
2) brogues: un tipo di scarpe robuste e grossolane un tempo usate in Irlanda ed nelle Highlands scozzesi.
3) letteralmente “imburrai”
4) letteralmente “lama” ma blade= man
5) in gaelico irlandese Gra’ mo chroi’ = love (of) my heart
6) il famigerato “schellino del Re”
12th_Foot_uniform7) le giubbe rosse sono i soldati dell’esercito britannico dal XVII al XX secolo per via della giacca rossa delle divise
8) letteralmente: to tie= legare: sono una o due fasce di cuoio bianche da incrociare sul petto che fungono da cinturoni, in effetti la divisa all’epoca era diventata anacronistica con quel rosso sgargiante perfetto per il tiro a segno
9) la battaglia a Balaklava si svolse nel 1854
10) guerra di trincea quella dell’assedio a Sebastopoli, punto nevralgico per il controllo marittimo del Mar Nero, dove i Russi si erano asserragliati in grande numero e intenti non solo a cannonare gli avversari, ma anche a costruire e ricostruire una serie poderosa di fortificazioni, terrapieni difensivi, bastioni e torri. Lo scontro decisivo venne mosso alla Torre Malakov nel pressi del fiume Redan nei primi di settembre del 1855. Le perdite nello scontro furono pesanti per entrambi gli schieramenti, ma alla fine i Russi furono costretti ad abbandonare Sebastopoli. La parola “whale” è riferita alle balene e come verbo rende bene l’idea di una mattanza.
11) Altre versioni riportano Chela o Shela. Sembrerebbero nomi di donna (Sheelagh = Sheila)
12) la strofa cantata invece da Joe Heaney dice:
And it’s often I thought of me mother at home,
And while I was with her I was maith go leor;
When the bullets did fly, lads, I did let them pass
I lay down in the ditch, awful feared to be shot.

inviata da Cattia Salto - 31/1/2015 - 23:19



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org