Lingua   

Kabul

Vad Vuc
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Matto
(Vad Vuc)
Tocaia
(Sérgio Ricardo)
Se quéstu l’è un óm
(Vad Vuc)


[2013]

Album:Hai in mente un koala?

copertina
Salgo sul treno tra tuoni e bagliori
Il mio posto è fra i disertori
Sordidi urti di aria freddata
Questa nazione mi è grata;
Qui a Kabul.

La luce dei ceri pronuncia il rosario
alla vita che ha perso il breviario
I nobili intenti contusi e abbattuti
Riposano accanto ai caduti;
Qui a Kabul.

Nei campi arati si piantano marmi
Plumbei frutti delle armi
Scoppiano lacrime fra nubi nere
Cantano tristi sirene;
Qui a Kabul.

Aspetto stanco che parta il convoglio
La pace staziona in un sogno.

inviata da adriana - 10/4/2013 - 08:05



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org