Lingua   

Homo Sapiens (La Sagra della Primavera)

Daniele Sepe




Ti può interessare anche...

Black, Brown and White
(Big Bill Broonzy)
Le Grand Coureur
(Daniele Sepe)
Vite perdite
(Daniele Sepe)


[2010]
Musica originale di Igor Stravinskij
Arrangiamento di Daniele Sepe
Testo e interpretazione di Paolo Romano (Shaone)
Album: "Il disco che verrà" (titolo provvisorio)

Original music by Igor Stravinskij
Arrangement by Daniele Sepe
Lyrics and Performance by Paolo Romano (Shaone)
Album: "Il disco che verrà" (Provisional Title)

sagprim

"La Sagra della Primavera di Stravinskij in salsa rap. Il sassofonista Daniele Sepe torna con un nuovo pezzo rileggendo l'opera del compositore russo che scatenò polemiche durante la sua prima rappresentazione al Theatre des Champs-Elysées nel 1913 per i suoi ritmi incessanti e violenti. Il testo della canzone che racconta della naturale vocazione alla violenza del genere umano è scritto e cantato dal rapper Paolo Romano, al secolo Shaone (membro della crew La Famiglia). E recita nel ritornello: “Uommn, 'a guerr, a terr e nisciun, uommn n'terr pa' terr e tu futt' e t futt' chi t' vott, chi fott rint' stu votta votta”. Il video è stato realizzato da Salvatore Speranza che nella vita fa il tabaccaio, e riprende immagini della cinematografia mondiale da “2001: Odissea nello Spazio” a “Full Metal Jacket”. L'arrangiamento firmato da Sepe è costruito su campionamenti dal tema originario dell'opera musicata con flauti bassi e altri strumenti a fiato. Nell'inciso prepotente è la presenza dei fagotti. “La Sagra della Primavera” anticipa il nuovo disco del musicista napoletano legato al cinema da una passione sfrenata per il grande schermo e dalle colonne sonore realizzate per i film di Gabriele Salvatores, Mario Martone e Davide Ferrario. Il titolo provvisorio è “Il disco che verrà” e uscirà a fine aprile."

(Articolo di Ilaria Urbani da La Repubblica - Napoli)
Clave mman pier annur suror pile e pellicce
Doje tribù cercan mpicci
Na petriata for a rotta
Vrecce e nu votta votta a quann steven e mammut
Sott a chi fott e o sanghe nz asciutta
E asciuto viern cagnat n ire vestut
Co casco o fierr e ca sferra
Affierr fann felle e late sutterra
Cercann ati tterr
Tromm tammurr e uerra
Sta terra e nu bazar addò pe ddio se sgarra
Croci e scimitarre e se scassano e ggiarre
E ven o ggiall o janc o nnir o rruss
Fann a chi coglie coglie a chi ntorz tant nu musso
A storia nu cagna
Alessandro Magno
'E rumani magnan pur llor e mmazzat nze sparagnano
(Annibale grande generale nero)
Strunz comm e strunz chi ce crer

Spontan 'e pecun'
Marciano 'e plutun
Mazz 'e palatun
Varre ìe paliatun
Uòmmen a uerr pa terr e nisciun
Uòmmen nterr pa uerr e nisciun

Tu futt e te fott chi te vott
Chi fott int a stu votta votta

Storia da terra pa uerr so cani e cannun
Scanza e nummer uno e va sutterrann 'e uagliun
Marciano 'e plutun e so varre cchiu paliatun
Mazz 'e palatun fann e figli diun a miliun
Angola Niger Congo Ruanda
Cummànnan e puzz nir comm cummànnan e diamanti
Pe' 'ttant chiov chiumm

Sonano 'e ttromm
Cantano 'e bbomb
E lomm va int'e catacombe ('e catacombe),
Llor a fa lart da uerr nuje a fa lart de pazz
Meno 'e trecient sti spartani che nisciun spart
Simm carn po scart
Ngopp a nuje fann carta
Jocan e nunne art attack
O piglie int 'e ppacche
Attuorn o tavul a cort de lobby
A fràveca o ffierr obbi
A fa a uerr comm hobby
O ffann chistann
Stann affugann
In Afghanistan cu na fune ngann
E o stess ce vanno

Spontan 'e pecun
Marciano 'e plutun
Mazz 'e palatun
varre e paliatun

Uòmmen a uerr pa terr e nisciun

Tu futt e te fott chi te vott
Chi fott int a stu votta votta

Grease the gears. Synchronized clocks
Friends playing on the table pentagonal
Every man is a jack on the board
Maintain stability on the board

March conquer crushed march
Wind in the trumpet fists on drums


Giall' janc nir russ
Ressa ressa ntuorzo muss

Tu futt e te fott chi te vott
Chi fott int a stu votta votta

inviata da Salvatore Speranza & CCG/AWS Staff - 22/4/2010 - 16:12



Lingua: Italiano

Versione italiana di Marcella Granito
Paolo Romano (Shaone)
Paolo Romano (Shaone)
HOMO SAPIENS (LA SAGRA DELLA PRIMAVERA)

Clave in mano piedi nudi sudore peli e pellicce
Due tribù cercano guai
Una sassaiola fuori dalla grotta
Pietre e un tira e molla da quando esistevano i mammut
Sotto a chi fotte e il sangue non si asciuga
È arrivato l'inverno càmbiati non ero vestito
Con il casco la pistola e la spada afferra fai a fette e gli altri

Sotterra cercando altre terre
Trombe tamburi e guerra
Questa terra è un bazar dove per dio si sbaglia
Croci e scimitarre e si rompono le amicizie
E viene il giallo il bianco il nero il rosso fanno a chi colpisce
Colpisce e si gonfia il muso
La storia non cambia
Alessandro Magno
I romani mangiano pure loro e le bastonate non se le risparmiano
(Annibale grande generale nero)
Stronzo come stronzo è chi ci crede

Spuntano i picconi
Marciano i plotoni
Mazze e pane
Bastoni e mazzate
Uomini in guerra per la terra di nessuno

Tu fotti e ti fotte chi ti butta
Chi fotte dentro questo tira e molla

Storia della terra per la guerra sono cani e cannoni
Scansa i numeri uno a vai sotterrando i giovani
Marciano i plotoni e sono bastoni più bastonate
Mazze e pane fanno i figli digiuni a milioni
Angola Niger Congo Ruanda
Comandano i pozzi neri come comandano i diamanti
Pertanto piove piombo

Suonano le trombe
Cantano bombe
E l'uomo va nelle catacombe (ecatombe)
Loro a fare l'arte della guerra noi a fare l'arte dei pazzi
Meno di trecento questi spartani che nessuno divide
Siamo carne da scartare su di noi fanno carta
Giocano e non è art attack lo prendi nel culo
Attorno al tavolo la corte delle lobby
A fabbricare le armi vedi
A fare la guerra come hobby
Lo fanno quest'anno
Stanno affogando
In Afghanistan con una fune al collo
E lo stesso ci vanno

Spuntano i picconi
Marciano i plotoni
Mazze e pane
Bastoni e mazzate

Uomini in guerra per la terra di nessuno

Tu fotti e ti fotte chi ti butta
Chi fotte dentro questo tira e molla

Lubrificate gli ingranaggi sincronizzate gli orologi
Gli amici giocano sul tavolo pentagonale
Ogni uomo è un fante sulla scacchiera
Mantenere stabilità sulla scacchiera

Marcia conquista distruggi marcia
Fiato alle trombe suonino i tamburi

Gialli bianchi neri rossi
Ressa ressa gonfia le labbra

Tu fotti e ti fotte chi ti butta
Chi fotte dentro questo tira e molla

inviata da Salvatore Speranza & CCG/AWS Staff - 22/4/2010 - 16:41


Naturalmente per il "Disco che verrà" ci prenotiamo direttamente con Daniele Sepe, amico di vecchia data di questo sito. Vorremmo anche pregare Salvatore Speranza, se ci legge, di una cosa: quella di inserire eventuali altri testi non in tutte maiuscole, cosa assolutamente off-limits in questo sito. L'editing di questa pagina ci ha fatti letteralmente ammattire. Per il resto, naturalmente, un grandissimo ringraziamento a Salvatore per questo contributo assolutamente enorme.

CCG/AWS Staff - 22/4/2010 - 16:47


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org