Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2018-11-17

Remove all filters
Video!

Kong

(2018)

Primo singolo estratto dall'album "Broken Politics"
Prodotto da Four Tet e da Robert Del Naja (3D) dei Massive Attack (il musicista sospettato di essere Banksy)

La cantante svedese qui diventa il diamante che salva in corner un prodotto già reiterato nonostante sia uscito da poche ore. Attenzione, non stiamo parlando dell’apporto vocale – ennesimo epigone di quanto fatto da Horace Andy o Elizabeth Fraser con i Massive Attack – ma ciò che qui importa è il significato della sua figura, inscindibile dal testo di Kong. “But love is big and every land/ Every nation seeks its friends in France and Italy/ And all across the seven seas“, canta Cherry, nata a Stoccolma da madre svedese e padre del Sierra Leone, per un testo in cui si grida l’urgenza dei migranti e della tragedia umanitaria dei respingimenti.
Rolling Stone
Love forsaken, risk worth taking
(Continues)
2018/11/17 - 23:52
Video!

Lampião falou

Secondo me la traduzione del 2° e 4° verso della versione originale è sbagliata,anche per aver spostato una virgola;per me la traduzione del 2° verso è:"Se piangi per me non restare sola,se io non potrò portarti con me".La traduzione del 4° verso è:"Nel luogo dove lui abita non mancano belle ragazze".
Preciso che ho vissuto 13 anni in Brasile,proprio nel nord est,e,benchè non parli un portoghese perfetto,credo di conoscerlo abbastanza da potermi permettere questa correzione.
andrea 2018/11/17 - 23:47
Video!

Zamba de mi esperanza

Da Cantos Cautivos

Testimonio de Edgardo Carabantes Olivares

Horacio Carabantes Olivares, mi hermano, se encontraba detenido en enero de 1975 en el Regimiento Maipo de Valparaíso, junto a un grupo grande de prisioneras y prisioneros, todas y todos capturados por la DINA.
Un día un oficial se acercó al grupo y preguntó en tono desafiante, quién sabía cantar. Horacio, que desde niño cantaba con una hermosa voz, respondió diciendo: yo canto. El oficial lo conminó a hacerlo. Entonces mi hermano alzó su voz y cantó "Zamba de mi Esperanza".
Un mes después, el 20 de febrero de 1975, Horacio junto a otros y otras detenidas, desaparecía desde Villa Grimaldi, en Santiago, después de pasar por distintos centros de detención clandestinos. Recién había cumplido 22 años...

Testimonianza di Edgardo Carabantes Olivares

Horacio Carabantes Olivares, mio fratello, è stato internato nel gennaio del 1975... (Continues)
B.B. 2018/11/17 - 22:27
Video!

Zamba para no morir

[1966]
Scritta da Alfredo Rosales, Hamlet Lima Quintana e Norberto Ambrós.
Una canzone divenuta popolarissima nella versione de La Negra Sosa, ad iniziare dal suo disco "Yo no canto por cantar" del 1966, un titolo che, non a caso, è anche l'incipit di Manifiesto, la celeberrima canzone di Víctor Jara che dà il titolo al suo album incompiuto – che doveva intitolarsi "Tiempos que cambian" – realizzato a Londra l'anno seguente al suo assassinio, grazie ad un giornalista svedese, Jan Sandquist, che si era prestato a salvare i nastri che sarebbero stati certamente distrutti dai militari di Pinochet.

Questa splendida canzone – finora incredibilmente assente, seppur più volte citata, sulle CCG/AWS – varrebbe forse di per se stessa l'inserimento, ma a maggior ragione perchè nel canto dei prigionieri politici cileni assunse una valenza particolare: "era il tempo dei fiori e dei frutti, ma l'ascia... (Continues)
Romperá la tarde mi voz
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2018/11/17 - 22:07
Video!

Lamento a la muerte del perro Augusto

[1975]
Documento (1986)

Scritta da Sergio Vesely, classe 1958, musicista, militante di sinistra nel Cile della dittatura. Fu arrestato e detenuto nel campo di concentramento chiamato Melinka che si trova a Puchuncaví, nella regione di Valparaíso, e poi nel 1976 fu espulso dal paese e costretto all'esilio in Germania occidentale, dove vive ancora.
Nel suo album "Documento" pubblicato nel 1986.
Testo trovato su Cantos Cautivos

Una canzone che racconta di un cane randagio che nel campo di Melinka era diventato la mascotte dei detenuti politici. Lo avevano chiamato Augusto. Augusto el Perro, Augusto il Cane, in spregio a Pinochet. Quando nel 1975 i detenuti vennero trasferiti in una struttura carceraria a Puchuncaví, il cane Augusto, abituato a scorrazzare liberamente e ostile alle guardie che lo avevano sempre maltrattato, si rifiutò di essere trasferito, di essere chiuso in una cella... fu subito abbattuto da un ufficiale.
Un hambriento perro vagabundo
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2018/11/17 - 18:51

La Malédiction de Lamme

La Malédiction de Lamme

Chanson française – La Malédiction de Lamme – Marco Valdo M.I. – 2018
Ulenspiegel le Gueux – 108
Opéra-récit en multiples épisodes, tiré du roman de Charles De Coster : La Légende et les aventures héroïques, joyeuses et glorieuses d’Ulenspiegel et de Lamme Goedzak au Pays de Flandres et ailleurs (1867).
(Ulenspiegel – IV, XI)


Dialogue Maïeutique

Pour cette fois, commence Marco Valdo M.I., je ne partirai pas du titre « La Malédiction de Lamme » pour présenter cette chanson, je me contenterai de rappeler que lors du précédent épisode « Le Carillon d’Harlem », la ville était assiégée et l’hiver glacé avait coupé la route aux secours et poussé la flotte des Gueux à la retraite. Tout au long, souviens-toi, les cloches et le carillon accompagnaient l’histoire de leur fanfare ; mais à la fin, commençait le siège de la ville : un siège qui allait durer des mois ; des... (Continues)
Voici juin, les foins embaument l’air ;
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2018/11/17 - 17:59

La Pace, filastrocca che piace

[2018]
«La Pace, filastrocca che piace» di Mimmo Mòllica - Proprietà letteraria Molica Colella Domenico ©2018 –
® Tutti i diritti sono riservati –

Il 20 novembre, come ogni anno, ricorre la Giornata Universale del Bambino, per segnalare al mondo quali sono i Diritti di tutti i bambini, senza distinzione di razza, religione o nazionalità. Tra questi il Diritto alla Pace.

Dedico questa filastrocca a tutti i giovani, genitori, studenti, nonni e a tutti gli uomini del mondo, rivolgendola a istituzioni, personalità della scuola, della politica, della cultura, della scienza e della società civile, come testimonianza di volontà e contributo per la pace.

Mimmo Mòllica
La pace fa molto rumore,
(Continues)
Contributed by Mimmo Mòllica 2018/11/17 - 17:25

Canzón dei coscrìti

Anonymous
[fine 800/inizio 900]
Una canzone popolare precedente alla Grande Guerra. Infatti si riferisce di una ferma di tre anni, quella in vigore tra il 1875 (la riforma Ricotti, prima la durata del servizio militare obbligatorio era di quattro o addirittura cinque anni...) ed il 1910, quando la "naja" scese a due anni.
Trovo la maggior parte delle strofe su “Paròle e diti che se pèrde par strada”, una ricerca sulla parlata del paese di Bieno, il "balconcino della Valsugana", in Trentino Alto Adige. Quelle tra parentesi quadre le ho inserite traendole da questo canzoniere popolare.
Apriteci le pòrte
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2018/11/17 - 13:23
Downloadable!

Cantone de sos bestidos de biancu

Cara RITA, se mai ricapiterai su questo sito di gente fatta di nuvole e passione, ecco parzialmente esaudita la tua giusta richiesta, dopo....6 anni!!!

Io conosco la versione cantata nel 1997 dalla dolce, compianta Marisa Sannia, nel suo bellissimo disco "Melagranada", che si può ascoltate qui

Il testo non corrisponde esattamente alla poesia qui sopra riportata, ci sono variazioni forse apportate dalla stessa per adattarlo alla voce. Le variazioni sono però interessanti e credibili, anche dal punto di vista di scrittura poetica, al posto di "Bénnidos sunu poi sos deos de Milanu..." per esempio la Sannia canta: "Bénnidos sunu poi sos deos dae su mare..."

Colgo l'occasione per ricordare che Marisa Sannia se n'è andata improvvisamente dieci anni fa e che proprio in questi giorni di novembre venne allora pubblicato postumo, dalla Felmay, "Rosa de oapel", registrato l'anno precedente a Roma... (Continues)
Flavio Poltronieri 2018/11/17 - 09:42
Downloadable! Video!

Belleau Wood

I have loved this song ever since Garth Brooks has sung it. For I had three Uncles in the war plus my stepfather. So this song means a lot to me. It is not just words It is a heartfelt feeling of what they went through. For I can not even imagine what it was like back then. For I ng.cry each time I hear this song.
David Nelson 2018/11/16 - 20:41
Video!

La guerra di Piero

In the Greek versions
κόκκινα παπαρούνα
Dimitris Katsouropoulos 2018/11/16 - 18:19
Video!

Mio fratello è figlio unico

La scrittura del rapper Anastasio, 21 anni

da XFactor

Ok la vetrina di XFactor sarà quello che è, ma questa versione ci sembra comunque degna di nota.

Mio fratello e' figlio unico perché non ha mai trovato il coraggio di operarsi al fegato.
(Continues)
Contributed by Dq82 2018/11/16 - 13:58
Video!

Rosso Malpelo

2015
Disciplina Sperimentale EP

Brano tratto dal primo Ep di Nasta Mc al secolo Marco Anastasio, ora più noto come Anastasio di XFactor.
Non è questo il luogo per discutere dei talent. Ogni tanto esce anche qualche bravo artista. Questo EP è stato inciso anni fa, a soli 18 anni.

Rosso Malpelo è una novella di Giovanni Verga, che narra di un ragazzo che lavora in una cava di rena rossa.
Lo chiamavano Malpelo, il tale di cui oggi scrivo
(Continues)
Contributed by Dq82 2018/11/16 - 13:48
Video!

The Happiest Days of Our Lives / Another Brick in the Wall Part II

ANOTHER BRICK IN THE WALL
(Continues)
Contributed by Dq82 2018/11/16 - 13:25
Video!

La sobirana

Anonymous
Bonjour,

Cette chanson est magnifique. Est-il possible d'avoir la partition à 4 voix ?
Bravo à Messieurs Salinier et Salles. Que de frissons.

Un grand merci par avance.

Adissiatz
Joël Borréda 2018/11/16 - 12:32
Video!

Banan

[2018]
Parole e musica di Jacek Kleyff
Jacek Kleyff chitarra + metronomo, registrato su dittafono.
Il testo trascritto ad orecchio da YT.

inedito
Rośnie banan, rośnie
(Continues)
Contributed by Krzysiek Wrona 2018/11/16 - 01:17

America

Anonymous
Testo reperito in questa pagina
Nell’America che siamo arrivati
(Continues)
Contributed by adriana 2018/11/15 - 19:41

I frà 'd San Bernardin

Anonymous
[1917]
Testo piemontese risalente alla Rivolta del Pane di Torino, 21-24 agosto 1917
Nel volume "Al rombo del cannon: Grande Guerra e canto popolare", di Franco Castelli, Emilio Jona e Alberto Lovatto, Neri Pozza editore.

Sull'insurrezione operaia di Torino del 1917 contro la guerra e contro la fame si veda Prendi il fucile e gettalo per terra (Gran dio del cielo).
Qui basti ricordare che le due strofette in piemontese si riferiscono ad un episodio contestuale a quella rivolta, quando il 23 agosto la gente assalì, saccheggiò e bruciò il convento e la chiesa di San Bernardino nel quartiere Borgo San Paolo. Ciò avvenne perchè solo qualche tempo prima i frati avevano brutalmente malmenato, e forse seviziato, alcuni ragazzini che si erano introdotti nell'orto del convento per rubare della frutta...

Questo il racconto da "Storia di Torino operaia e socialista", di Paolo Spriano, 1972, p.... (Continues)
I frà 'd San Bernardin
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2018/11/15 - 17:37
Video!

Anne

O MOTHER!
(Continues)
2018/11/14 - 23:17
Video!

Le Carillon d’Harlem

Chanson française – Le Carillon d’Harlem – Marco Valdo M.I. – 2018
Ulenspiegel le Gueux – 107
Opéra-récit en multiples épisodes, tiré du roman de Charles De Coster : La Légende et les aventures héroïques, joyeuses et glorieuses d’Ulenspiegel et de Lamme Goedzak au Pays de Flandres et ailleurs (1867).
(Ulenspiegel – IV, XI)

Dialogue Maïeutique

Le Carillon d’Harlem, Marco Valdo M.I. mon ami, serait-ce qu’il y aurait fête et que la paix serait descendue telle un ange bleu sur la ville au bord du lac d’Haarlemmermeer, depuis lors asséché et pour partie reconverti en aéroport.

Comme te le dira à son début la chanson, réplique Marco Valdo M.I., le carillon et les cloches d’Harelem sonnent l’heure à l’accoutumée. C’est l’hiver, tombe la neige molle ; mais très vite, malgré un premier silence de consternation, les cloches et le carillon reprennent de plus belle et appellent à la résistance... (Continues)
Et la neige, la neige doucement neige
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2018/11/14 - 18:53
Video!

Jag ville åka till öknen

Mikael Wiehe wrote the following notes on his website www.mikaelwiehe.se:

"Irak överföll Kuwait. USA med flera överföll sin tidigare allierade Irak. Sången skrevs efter denna så kallade Operation Ökenstorm."

"Iraq attacked Kuwait. USA with many others attacked their earlier allied Iraq. The song was written after the so-called Operation Desert Storm."
I WANTED TO TRAVEL TO THE DESERT
(Continues)
Contributed by Ceil Herman 2018/11/14 - 17:00

Dulce Et Decorum Est

SULOISTA JA KUNNIAKASTA
(Continues)
Contributed by Juha Rämö 2018/11/14 - 10:28
Video!

Tres locuras

(2018)

La canzone finale del film La noche de 12 años del regista Alvaro Brechner.


Una buia notte lunga dodici anni. Notte passata in carceri disumane, avamposti freddi e inospitali trasformati in prigioni, celle puzzolenti. Uruguay, 1973. Il futuro presidente del paese Pepe Mujica viene arrestato insieme ad altri due compagni tupamaros durante un’azione segreta con l’evidente scopo di annientare l’opposizione. L’obiettivo non è però uccidere i resistenti, fatto che potrebbe scatenato rivolte, piuttosto farli diventare pazzi.

Le giornate dei prigionieri sono segnate dal vuoto, dalla totale assenza di riferimenti. Nessuna notizia arriva loro. Non possono parlarsi, incontrarsi, scrivere. Tre uomini in balia del nulla, sostenuti esclusivamente dagli ideali politici e da una profonda umanità che anche nelle peggiori condizioni fa loro provare empatia persino per i carcerieri. Un tragitto... (Continues)
Para los que vengan
(Continues)
2018/11/13 - 23:42

Il governo italiano prepotente come un cane

Anonymous
[1914-18]
Canto raccolto da Franco Castelli nell'Alessandrino, dalla voce della madre Gemma Milanese.
Nel volume "Al rombo del cannon: Grande Guerra e canto popolare", di Franco Castelli, Emilio Jona e Alberto Lovatto, Neri Pozza editore.

"Canto che coniuga, in una sintesi di rara forza evocativa: la denuncia della prepotenza del potere; il senso di appartenenza alla nazione; il giudizio critico che accomuna preti, imboscati e signori; il divario sociale che la guerra ha esaltato esponendo alle atrocità dei combattimenti solo i poveretti, mandati a morire in mezzo a quei reticolati."
Il governo italiano
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2018/11/13 - 21:59
Song Itineraries: World War I (1914-1918)

Ma parliamo dunque di questi imboscati

Anonymous
[1914-18]
Un canto raccolto negli anni 60 a Novara e ad Arzignano (VI), presente nel volume "E non mai più la guerra", di Cesare Bermani e Antonella De Palma, pubblicato dalla Società di mutuo soccorso Ernesto de Martino nel 2015

Riportato anche in "Al rombo del cannon: Grande Guerra e canto popolare", di Franco Castelli, Emilio Jona e Alberto Lovatto, Neri Pozza editore.

Nella propaganda ufficiale la figura dell'imboscato era assimilata a quella del disertore, traditori della patria. Già nelle trincee il sentimento era diverso, che gli imboscati erano gli ufficiali nelle retrovie e i signori e i ministri che tiravano i fili della guerra stando a casa "con le loro mogli sui letti di lana", come recita un'altra strofetta di quel periodo. Ma qui la coscienza di classe e insieme la lucida consapevolezza che un lavoratore non può che essere contro la guerra trasformano l'operaio/imboscato... (Continues)
Ma parliamo dunque di questi imboscati
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2018/11/13 - 21:06
Video!

Desertorea

Riccardo Venturi, 13-11-2018 19:26
IL DISERTORE
(Continues)
2018/11/13 - 19:28
Video!

Lulù e Marlène

Stupenda interpretazione, Giuseppe!
Giuseppe 2018/11/13 - 01:04
Video!

E se i tedeschi

Anonymous
Per la serie"A volte ritornano"....

VICENZA: I DISCENDENTI POLITICI DEI COLLABORAZIONISTI REPUBBLICHINI REVISIONANO LA STORIA

(Gianni Sartori)

Nel mio articolo in memoria di Sarà Gesses (la bambina ebrea di Padova, prima segregata nel campo di Vò Vecchio, transitata poi per la Risiera di San Sabba e infine assassinata all’arrivo nel campo di Auschwitz) avevo stigmatizzato quanto sta scritto – inciso – nella lapide di Villa Contarini Venier in memoria dei deportati ebrei che non fecero ritorno a casa, ossia un generico: “…durante l’occupazione tedesca…”.

Sostanzialmente un modo per stendere un velo poco pietoso sulle responsabilità dei fascisti e della polizia nostrani.

Il 10 novembre la cosa si è ripetuta a Vicenza, città medaglia d’oro della Resistenza, ma da qualche mese sotto un’amministrazione di destra, tanto di destra.

L’eccidio dei “Dieci martiri” (1944) viene ricordato ogni... (Continues)
Gianni Sartori 2018/11/12 - 16:34




hosted by inventati.org