Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2014-8-14

Remove all filters
Downloadable! Video!

Plastic People

& Baby Snakes for Ferragosto
From Polonia With Love : D

https://www.youtube.com/watch?v=x8dQe4Hyl6I

http://vimeo.com/52501310
krzyś 2014/8/14 - 22:55

‘Na frasi famusa / U duci

Versi di Giuseppe “Peppe” Schiera (1898-1943), detto “Muddichedda” per la sua minuscola statura, palermitano, poeta di strada.
Negli anni 60 le filastrocche di Giuseppe Schiera vennero riprese dall’attore, cabarettista e cantastorie Giorgio Li Bassi (1945-2010), che si esibiva in applauditi spettacoli presso il locale de “I Travaglini” a Palermo.

Ho pensato di mettere arbitrariamente insieme queste due brevi filastrocche di Peppe Schiera, visto che sono incentrate sullo stesso tema, la derisione del fascismo. Gli costarono alcuni giorni di gattabuia, come frequentemente toccò nel ventennio a lui che zitto non ci stava proprio...

Chi era Giuseppe Schiera?
Così ne fa il “ritrattu” - con una filastrocca, giustappunto - Giovanni Mannino, autore de “Gemmi sicani. Grande Antologia di Poeti dialettali siciliani, dal Medioevo ai contemporanei”, da cui traggo anche i versi di Schiera che propongo:

Di... (Continues)
Prima si salutava; bonasira e bongiornu
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/14 - 20:32
Downloadable! Video!

Don't Sleep at the Palestine Hotel

This should be the third verse
Aladdin and his magic lamp
(Continues)
Contributed by Paul Henry Dallaire 2014/8/14 - 20:08

La pignata

Versi di Giuseppe “Peppe” Schiera (1898-1943), detto “Muddichedda” per la sua minuscola statura, palermitano, poeta di strada.
Portentosa e suprema storia della Sicilia in quattro stringatissime strofe…
Testo trovato su ForzaPalermo (ma forse la trascrizione non è precisissima…)

Negli anni 60 le poesie di Giuseppe Schiera vennero riprese e cantate dal comico e cabarettista Giorgio Li Bassi, che si esibiva in applauditi spettacoli presso il locale de “I Travaglini” a Palermo.

Chi era Giuseppe Schiera? Sostanzialmente uno sbandato, un vagabondo, uno stravagante che visse nella Palermo della prima metà del secolo scorso, un uomo quasi incolto, un illetterato figlio del popolo, che di fame visse e con essa convisse, “senza arte né parte“, si potrebbe dire.
Egli invece un’arte professò, ed era quella di improvvisare rime.
Si dice che Giuseppe Schiera fosse nato a Palermo nella borgata di... (Continues)
Al tempo dei briganti,
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/14 - 15:11

Bollettino di guerra (‘Na curazzata)

[1940?]
Versi di Giuseppe “Peppe” Schiera (1898-1943), detto “Muddichedda” per la sua minuscola statura, palermitano, poeta di strada.
Composti forse in occasione dell’attacco inglese al porto di Taranto nel novembre del 1940.
Negli anni 60 le poesie di Giuseppe Schiera vennero riprese e cantate dal comico e cabarettista Giorgio Li Bassi, che si esibiva in applauditi spettacoli presso il locale de “I Travaglini” a Palermo.

Chi era Giuseppe Schiera? Sostanzialmente uno sbandato, un vagabondo, uno stravagante che visse nella Palermo della prima metà del secolo scorso, un uomo quasi incolto, un illetterato figlio del popolo, che di fame visse e con essa convisse, “senza arte né parte“, si potrebbe dire.
Egli invece un’arte professò, ed era quella di improvvisare rime.
Si dice che Giuseppe Schiera fosse nato a Palermo nella borgata di Tommaso Natale nel 1898. Figlio di un bracciante, Ciccio... (Continues)
‘Na curazzata
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/14 - 14:58
Downloadable! Video!

Il disertore

Chanson italienne - Il disertore – Kalashnikov – 2014

Salut à toi, Lucien l'âne mon ami, voici une nouvelle chanson des Kalashnikov. Nouvelle... on ne peut dire mieux, vu qu'elle est de cette année. C'est un peu comme une nouvelle récolte.

Et tu l'as déjà traduite ? Si ça continue, Marco Valdo M.I. mon ami, tu traduiras les canzones avant même qu'on les publie, et... Non, ça tu ne le feras pas, car c'est vraiment impossible, tu les traduiras avant même que les auteurs ne les aient conçues...

Allons, allons, Lucien l'âne mon mai, ne me charrie pas comme ça, j'ai autre chose à te dire à propos de cette chanson.

Je l'espère bien, dit Lucien l'âne en battant des oreilles tant il rit.

Comme tu le sais, la chanson inaugurale de ce site, la numéro 1 fut – la chose est historique – un chanson de Boris Vian, intitulée : « Le Déserteur » ; e fut la première chanson, mais aussi, le premier déserteur.... (Continues)
JE SUIS LE DÉSERTEUR
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2014/8/14 - 14:49

Ora è ‘mpiraturi

[1936]
Versi di Giuseppe “Peppe” Schiera (1898-1943), detto “Muddichedda” per la sua minuscola statura, palermitano, poeta di strada.
Furono da lui scritti in occasione della proclamazione di Vittorio Emanuele III ad Imperatore d’Etiopia…
Negli anni 60 le poesie di Giuseppe Schiera vennero riprese e cantate dal comico e cabarettista Giorgio Li Bassi, che si esibiva in applauditi spettacoli presso il locale de “I Travaglini” a Palermo.

Chi era Giuseppe Schiera? Sostanzialmente uno sbandato, un vagabondo, uno stravagante che visse nella Palermo della prima metà del secolo scorso, un uomo quasi incolto, un illetterato figlio del popolo, che di fame visse e con essa convisse, “senza arte né parte“, si potrebbe dire.
Egli invece un’arte professò, ed era quella di improvvisare rime.
Si dice che Giuseppe Schiera fosse nato a Palermo nella borgata di Tommaso Natale nel 1898. Figlio di un bracciante,... (Continues)
Quannu u re era re
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/14 - 14:44
Video!

Sussidiario di un vecchio bambino

Musica e testo di Luca Bussoletti

Liberamente ispirata a “Io ho visto” di Pier Vittorio Buffa
E’ soltanto un tramonto bellissimo,
(Continues)
Contributed by adriana 2014/8/14 - 13:14

Ricordare Avola

[1969]
Una canzone composta sul palco del cabaret palermitano “I Travaglini”, nato nel 1966.
Testo trovato nel’articolo di Sebastiano Burgaretta intitolato “I fatti di Avola nei canti di protesta”, pubblicato sulla rivista “Avolesi nel mondo” (Anno 6 n. 3 - Dicembre 2005)
Con Sicilia a lutto di Franco Trincale, una delle prime canzoni sull’eccidio di Avola del 2 dicembre 1968.
Un testo bellissimo, a mio parere…

Ad Avola, nel siracusano, il 2 dicembre 1968 la polizia sparò ad altezza uomo su di una folla di contadini che protestavano contro lo sfruttamento ed il caporalato… Angelo Sigona e Giuseppe Scibilia rimasero uccisi e altre 48 persone ferite…
Quella gente allora chiedeva a gran voce quei diritti che sarebbero stati di lì a poco almeno in parte sanciti nello Statuto dei Lavoratori del 1970, lo stesso che oggi il Renzie vuole liquidare e riscrivere di sana pianta considerandolo solo un residuo ideologico (come la Costituzione, del resto)…
Guarda la terra
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/14 - 12:07

Requiem per un nemico ignoto

Antiwar Songs Blog
Requiem per un nemico ignoto, una poesia, ed una delle più tremendamente belle, di Gesualdo Bufalino. Finché non compì sessantuno anni, il riservato, appartato e coltissimo professore di Comiso in Sicilia, nulla s’era saputo di lui; su insistenza d’alcuni amici, tra i quali Leonardo Sciascia, pubblicò Diceria dell’untore e si ritrovò catapultato da un giorno […]
Antiwar Songs Staff 2014-08-14 10:39:00

Hai sempre qualcosa d'importante da fare

[196?]
Scritta da Leoncarlo Settimelli e Marco Ligini, all’epoca del Canzoniere dell’Armadio, poi Canzoniere Internazionale.
nel disco intitolato "Ogni giorno in piazza" pubblicato nel 1968.
Io non ti ho visto mai eppure ti conosco
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/14 - 10:30
Video!

La Rivoluzione

[2014]

Album : La rivoluzione
Ogni volta che ti sentiranno urlare
(Continues)
Contributed by adriana 2014/8/14 - 10:18
Video!

Fuori dal controllo

"Lassù sul monte Amiata
è morto Gesù Cristo
da vero socialista
ucciso dai carabinieri"

Frammento di canzone popolare amiatina.
Bernart Bartleby 2014/8/14 - 10:09
Video!

Ci siam spezzati le mani

[1966]
Parole e musica di Leoncarlo Settimelli.
Lato B di un singolo pubblicato nel 1968 dalla Moon Records (CEDI). Sul lato A, “Ballata per Ho-Chi-Minh” (che non è la versione italiana de Ballad Of Ho Chi Minh di Ewan MacColl)
Interpretata da un’oscura cantante, tal Martina Benetti, sulla quale non ho nessuna informazione.
Sul lato B di un suo singolo del 1968. Sul lato A, “Un cielo senza stelle”.
Testo trovato su Il Deposito
Guardate quelle sue mani
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/14 - 09:20
Video!

Romantic Death

(2005)

Il video di "Romantic Death" mostra immagini di ragazzi e ragazze, ripresi da una videocamera 8mm. Si vedono solo il viso e le spalle degli attori. L'idea è ripresa dal sito "Beautiful Agony". Con la colonna sonora della canzone, i vari personaggi si masturbano, li vediamo arrivare al climax, e finalmente rilassarsi. Molti dei partecipanti raggiungono l'orgasmo mentre risuonano le parole più forti della canzone: “So much blood collected in this short time connected / Making little kiddy zombies”.

Una canzone anti-war / pro-sex nello spirito di Masturbate for peace.
Close your eyes
(Continues)
2014/8/13 - 22:15
Video!

Fuochi tra le sbarre

[1993]
Dall’EP intitolato “0516490872”, la matricola di Silvia Baraldini allora prigioniera negli USA

Un brano che, con Radio Manisco/0516490872, è uno dei più belli degli AK47 e forse dell’intera scena rap italiana di sempre...
Una canzone nata nei raduni fuori a San Vittore e Rebibbia tra 1991 e 1992, in solidarietà ai detenuti, “per dare voce agli invisibili dietro le sbarre, in un mondo dove tacciono gli avvocati, tacciono i giudici, tacciono gli addetti ai lavori, tace la stampa, tacciono i garantisti e i democratici. Un saluto a pugno chiuso ai Compagni in carcere, alle migliaia di proletari, di immigrati, di malati di AIDS che affollano le patrie galere, e a tutti quelli che hanno scelto di non tacere” (AK47)

Il testo è tratto dalla copertina interna del disco, che fortunatamente possiedo...
Al fondo, il seguente saluto:

Mai olio ma sabbia nell’ingranaggio del Vostro potere!
Devotamente Vostri MAI
AK47!
Sto per parlarti di una notte
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/13 - 21:52
Song Itineraries: From World Jails
Video!

March On

da "Something for Everybody" (2010)
March on
(Continues)
2014/8/13 - 21:46
Video!

The Men Behind The Wire

Mi pare che la foto del gruppo non ritragga Paddy McGuigan e i suoi Barleycorn, bensì la band dei Wolfhound (in primo piano Danny Burns).
La foto corretta dei Barleycorn è la seguente, con Paddy McGuigan primo a sinistra.

(Bernart Bartleby)

Sostituita l'immagine, magari rimettiamola in qualche canzone dei Wolfhound...
2014/8/13 - 16:09
Requiem per un nemico ignoto (“Requiem for an Unknown Enemy”), a wonderful poem by Gesualdo Bufalino written for a German enemy during a flight, a stay in hospital, or both, has been included in the “Extras” until today, when it has been removed and given its own page. The poem has found its music just thanks to this website. The music was composed, and the song performed, by Marco Rovelli, and we present it here for the first time with a video turned few days ago in Fosdinovo by two admins of this website.
Riccardo Venturi 2014/8/13 - 15:42
Video!

Di Eagle an' di Bear

[1984]
Nell’album intitolato “Making History”

Secondo Linton Kwesi Johnson, della Guerra Fredda e del pericolo dell’Olocausto nucleare alla maggioranza della popolazione planetaria non glien’è mai fregato nulla (sempre che ne fosse al corrente), visto che la vita di una moltitudine sterminata di persone è comunque, ieri come oggi, un incubo…
Di Eagle an' di Bear have people living in fear
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/13 - 15:36

Torture Mill

Versi di Bobby Sands, dalla raccolta “Prison Poems”, pubblicata nel 1981.
Il titolo originale della poesia è “The Torture Mill - H Block”, terzo componimento della trilogia di cui fanno parte altre due lunghe poesie, “The Crime of Castlereagh” e “Diplock Court”.
Alcune delle poesie di Bobby Sand sono state messe in musica da un gruppo austriaco, i Rasthof Dachau (genere industrial), nel loro disco (pubblicato nel 2006) intitolato come la raccolta poetica del combattente repubblicano morto in carcere nel 1981.
Credo che per “Torture Mill” i Rasthof Dachau siano ricorsi a degli estratti, ma non mi è riuscito di reperire la loro versione, per cui ho postato il testo integrale della poesia di Sands.
L’ordine dei brani come compare nel disco:


The Sleeping Rose
A Prison Poem
Catholic Youth
Sixty-Six Days
Requiem To Barry
The Cages Of Long Kesh
Weeping Winds
Lest We Remember The Truth
Modern Times
A Place to Rest
Torture Mill
The Rhythm of Time
On others' wounds we do not sleep
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/13 - 14:12

Weeping Winds

Versi di Bobby Sands, dalla raccolta “Prison Poems”, pubblicata nel 1981.
Alcune poesie di Bobby Sands, compresa questa , sono state messe in musica da un gruppo austriaco, i Rasthof Dachau (genere industrial), nel loro disco (pubblicato nel 2006) intitolato come la raccolta poetica del combattente repubblicano morto in carcere nel 1981.
L’ordine dei brani come compare nel disco:


The Sleeping Rose
A Prison Poem
Catholic Youth
Sixty-Six Days
Requiem To Barry
The Cages Of Long Kesh
Weeping Winds
Lest We Remember The Truth
Modern Times
A Place to Rest
Torture Mill
The Rhythm of Time


Una poesia cui mi viene naturale accostare, per esempio, Η μάνα του παράνομου (“La madre del prigioniero”) di Nikos Damigos / Νίκος Δαμίγος…
Oh! cold March winds your cruel laments
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/13 - 13:38
Song Itineraries: Conflicts in Ireland
Video!

Modern Times

[1979]
Versi di Bobby Sands, dalla raccolta “Prison Poems”, pubblicata nel 1981.
Alcune poesie di Bobby Sands, compresa questa (e The Sleeping Rose, e A Place to Rest), sono state messe in musica da un gruppo austriaco, i Rasthof Dachau (genere industrial), nel loro disco (pubblicato nel 2006) intitolato come la raccolta poetica del combattente repubblicano morto in carcere nel 1981.

Una poesia in cui Sands non si concentra sull’Ulster ma da vero internazionalista condanna gli orrori delle dittature, delle occupazioni, del razzismo, dello sfruttamento in tutto il mondo…
Nella seconda strofa è descritta molto chiaramente la famosa foto della bambina vietnamita in fuga con il corpicino nudo ustionato dal napalm…
It is said we live in modern times,
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/13 - 12:10
Video!

Canción a Palestina

Ildefonso Finol
[2008]
Soy palestino, soy hijo de la intifada
(Continues)
Contributed by adriana 2014/8/13 - 11:27
Song Itineraries: The Palestinian Holocaust

The Sleeping Rose

[1980]
Versi di Bobby Sands, dalla raccolta “Prison Poems”
Alcune poesie di Bobby Sands, compresa questa, sono state messe in musica da un gruppo austriaco, i Rasthof Dachau (genere industrial), nel loro disco intitolato come la raccolta poetica del combattente repubblicano morto in carcere nel 1981.

Una poesia che chiama alla lotta, alla resistenza contro l’occupante inglese. Ma Sands non si rivolge qui alla gente dell’Ulster, bensì agli altri irlandesi, in particolare quelli della provincia di Munster, che dormono mentre si consuma il martirio delle contee del nord.
Bobby Sands scrisse questi versi quando venne a conoscenza della morte di Tom Barry (1897-1980), uno dei leader dell’IRA durante la guerra d’indipendenza (1919-1921). Nel periodo successivo, quello della guerra civile, Tom Barry – che era originario della contea di Kerry, nel Munster – fu uno dei protagonisti della “Munster... (Continues)
Barry’s dead and Cork’s asleep,
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/13 - 11:06
Song Itineraries: Conflicts in Ireland

Good Morning Robin

Antiwar Songs Blog
Da ieri il mondo deve fare a meno di Peter Pan, del professor Keating, di Brainard e del suo Flubber, di Mork e di tanti altri. E di Adrian Cronauer. Per una maledetta depressione e una maledetta cintura. Così lo vorremmo ricordare, Robin Williams, con una delle più belle sequenze della storia del cinema.Con “What […]
Antiwar Songs Staff 2014-08-13 10:14:00
Video!

La trappola

Piccoli addetti al comune castigo
(Continues)
Contributed by adriana 2014/8/13 - 08:23
Video!

Chiomonte come Atene

[2014]

Album: Distopico riscatto
Dai palazzi del potere, per distruggere la terra
(Continues)
Contributed by adriana 2014/8/13 - 08:15
Downloadable! Video!

What A Wonderful World

GOOD MORNING ROBIN

Da ieri il mondo deve fare a meno di Peter Pan, del professor Keating, di Brainard e del suo Flubber, di Mork e di tanti altri. E di Adrian Cronauer. Per una maledetta depressione e una maledetta cintura. Così lo vorremmo ricordare, Robin Williams, con una delle più belle sequenze della storia del cinema. La quale presenta proprio la canzone di questa pagina, dedicata a dei ragazzi che andavano a morire. Good Mooooooorning Robin!

CCG/AWS Staff 2014/8/13 - 01:26
Video!

Andrea

Io gli avevo dato un interpretazione credo un po' singolare: un grande amore irraggiungibile e poi la diserzione dalla guerra x un altro grandissimo amore...(così un po' grossolanamente :-)).
Diego TN 2014/8/13 - 01:15
Video!

Fedayè

Scritta da Leoncarlo Settimelli, Luciano Francisci ed Eliseo.
Nel disco del Canzoniere Internazionale intitolato “Questa grande umanità ha detto Basta! - Canzoni di lotta di tutto il mondo”, pubblicato da I Dischi Dello Zodiaco nel 1972.

Versione italiana di uno degli inni del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP, o PFLP nell’acronimo inglese), un’organizzazione della resistenza palestinese laica e marxista. Dopo il ritiro del suo storico leader, George Habash, e con la crescente influenza dei gruppi islamici il FPLP ha perso molto consenso, diventando piuttosto marginale. D’altra parte Israele ci ha messo al solito del suo: gli ultimi leader del Fronte sono finiti malamente: Abu Ali Mustafa è stato ucciso dagli israeliani nel 2001 e Ahmad Sa'dat langue in una prigione israeliana, condannato a 30 anni di carcere nel 2008.
Fedayè fedayè
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/12 - 22:58
Song Itineraries: The Palestinian Holocaust
Video!

Το σφαγείο

"Il mattatoio", la versione italiana di Leoncarlo Settimelli, dal disco del Canzoniere Internazionale intitolato “Questa grande umanità ha detto Basta! - Canzoni di lotta di tutto il mondo”, pubblicato da I Dischi Dello Zodiaco nel 1972.

Bernart Bartleby 2014/8/12 - 22:13
Downloadable! Video!

Τὸ Ἄξιόν Ἐστι

La versione italiana di “Ένα το χελιδόνι” (4. Unica è la Rondine) offerta da Leoncarlo Settimelli nel disco del Canzoniere Internazionale intitolato “Questa grande umanità ha detto Basta! - Canzoni di lotta di tutto il mondo”, pubblicato da I Dischi Dello Zodiaco nel 1972.
UNA E’ LA PRIMAVERA
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/12 - 22:03
Video!

L’uomo col braccio spezzato

[1993?]
Parole e musica di Stefano Giaccone.
In molti dischi delle diverse creature artistico-politiche che Stefano Giaccone ha contribuito a creare nel tempo, dagli Howth Castle, alla Banda di Tirofisso, agli Ishi. Ripresa nel 1998 da Lalli nel suo splendido esordio solista “Tempo di vento”.

Non so esattamente quali pensieri avesse in testa Stefano Giaccone quando scrisse questa che è una delle sue canzoni più belle e ricorrenti... Ma sono anch’io di Torino (anch’io, che pure lui lo è, benchè sia nato a Los Angeles) e in questi versi riconosco la mia città di un tempo: il freddo, la solitudine delle periferie operaie, i cancelli della FIAT... E quell’uomo morente che forse è stato vittima di un incidente sul lavoro, o forse ha cercato di lottare, di sabotare la macchina, e ci ha rimesso la vita perchè è stato lasciato solo...

Spero che Stefano Giaccone capiti da queste parti e possa confutare, correggere o dare corpo a questo mio abbozzo di interpretazione...
Ti alzerai e crederai d'essere un altro
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/12 - 21:51

Rétractation

Rétractation

Canzone française – Rétractation – Marco Valdo M.I. – 2014

Le Livre Blanc 9

Opéra-récit contemporain en multiples épisodes, tiré du roman de Pavel KOHOUT « WEISSBUCH » publié en langue allemande – Verlag C.J. Bucher, Lucerne-Frankfurt – en 1970 et particulièrement de l'édition française de « L'HOMME QUI MARCHAIT AU PLAFOND », traduction de Dagmar et Georges Daillant, publiée chez Juillard à Paris en 1972.

Sais-tu, mon ami Lucien l'âne, ce qu'est une rétractation ?

Marco Valdo M.I. mon ami, ou tu me prends pour un ignare ou c'est une figure rhétorique, une façon d'introduire la chose... J'espère pour nos relations que c'est la deuxième de ces suggestions que tu as en tête. J'ai beau être bête comme un âne, de la rétractation, j'en ai entendu parlé et souvent, tu peux en être persuadé. Aurais-tu oublié qui je suis et d'où je viens ? Je sais évidemment que non et que donc,... (Continues)
Le bruit courait qu'Adam
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2014/8/12 - 20:32
Downloadable! Video!

Contessa

I Modena City Ramblers spiegano il loro punto di vista:

2014/8/12 - 20:06
Video!

Ne ébresszetek fel

[1966]
Hoffmann Ödön írta
Scritta da Ödön Hoffmann
Written by Ödön Hoffmann

Tra le numerose disgrazie prodotte dalla cortina di ferro si deve annoverare anche l'ignoranza totale di tutta una serie di scenari musicali che si erano sviluppati “dall'altra parte”. Abituati com'eravamo a considerare i “paesi socialisti” come in preda all'immobilismo più totale, non ci rendevamo conto che -invece- si viveva e si suonava. Che c'erano anche le pop-star, popolarissime, e che, in fondo, la censura di stato non era certamente più attiva di quella democristiana. Così, immergiamoci nell'Ungheria del 1966; l'anno dopo si tenne addirittura un festival beat di cui si dà conto nella pagina linkata, la quale è -ovviamente- in ungherese. Facciamo la conoscenza di una delle più famose “poppiste” ungheresi dell'epoca, Éva Mikes, sfortunatamente scomparsa nel 1986 per una brutta malattia.

So per esperienza... (Continues)
Álmomban éjjel egy sivatagot láttam, furcsa egy álom volt.
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2014/8/12 - 19:30
Downloadable! Video!

さらば [Saraba]

ISTEN VELETEK
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2014/8/12 - 19:18
Video!

Run, Nigger, Run

Anonymous
[Prima metà dell’800]
Una folksong di ignoto autore afro-americano la cui esistenza è già documentata in una raccolta di canti, il “White's Serenaders' Song Book”, pubblicata nel 1851.
Sulla melodia della popolare “Fire in the Mountains”.
Come gran parte delle canzoni popolari, anche di questa le versioni sono molteplici. Quella che contribuisco - dove le prime due strofe sarebbero originali, le seguenti interpolate e le ultime (indicate tra parentesi) sicuramente aggiunte in epoca più recente - è tratta da “American Ballads and Folk Songs” di John ed Alan Lomax, volume originariamente pubblicato nel 1934.
Tra le versioni, da segnalare quella risalente al 1927 del gruppo di Gid Tanner & His Skillet Lickers (testo trovato sull’imprescindibile Mudcat Café), che tuttavia sembra stravolgere l’originaria canzone afro-americana in una più adatta ai bianchi razzisti, considerati versi come... (Continues)
The day is done, night comes down
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/12 - 19:11
Video!

Il tempo che resta

[2014]
Testo e musica di Marco Rovelli
Paroles et musique de Marco Rovelli
Lyrics and music by Marco Rovelli
Album: Tutto inizia sempre [2015]
Marco Rovelli (Voce e chitarra)
Francesca Baccolini (Contrabbasso)
Lara Vecoli (Violoncello)
Rocco Marchi (Tastiere)

TUTTO INIZIA SEMPRE



L'album è uscito nella sua veste e col suo titolo definitivo nel marzo 2015: Tutto inizia sempre. Comprende le seguenti canzoni:

1. Il tempo che resta
2. Danse macabre
3. Noi, Chisciotte
4. L'amore al tempo della rivolta
5. Il posto
6. Il ritorno
7. Il Dio che ride
8. Servi
9. Una vita normale
10. Dall'imagine tesa
11. Anarcangeli
12. L'animale e lo spettacolo
13. Serenata

I testi di Marco Rovelli non hanno, e non possono avere, un solo asse. Provengono, quasi sempre, da un'elaborazione della realtà circostante e della sua osservazione che non permette di attribuire pensieri e parole ad una... (Continues)
E resta la mia inappartenenza,
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi & daniela -k.d.- 2014/8/12 - 17:24
Video!

Amara terra mia

A vent'anni dalla morte di Modugno (in realtà erano vent'anni lo scorso 6 agosto), abbiamo finalmente tolto dagli extra questa che e' una delle sue canzoni più belle.
CCG Staff 2014/8/12 - 16:51
Downloadable! Video!

La Rivoluzione


Ascanio Celestini: Il monologo della bomba
Fosdinovo, "Fino al Cuore della Rivolta", 2 agosto 2014

daniela -k.d.- 2014/8/12 - 16:51
Video!

Long Kesh

[1981]
Parole e musica di Ken McGee
La canzone si trova nel suo disco intitolato “One Step Closer To Home”

Canzone dedicata a Bobby Sands e agli altri hunger strikers che morirono negli H-Block della prigione di Maze (Long Kesh) nel 1981.

“Hunger” del regista londinese Steve McQueen è un film assolutamente da vedere, ma ci vuole un po’ di stomaco perché la ricostruzione del clima che si respirava nell’Ulster di allora e quella della “vita” riservata dall’occupante inglese a Bobby Sands e compagni a Long Kesh è assolutamente realistica… L’interpretazione di Fassbender – poi ancora diretto da McQueen in “Shame” e in “12 Years a Slave” – è davvero magistrale…
As the sun rises high
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/12 - 14:26
Video!

La spigolatrice di Sapri

English translation by Henry Wadsworth Longfellow


Published in the Supplement to The Poets and Poetry of Europe. (1866) “This poet,” says Mr. Longfellow, “is a professor in the University of Palermo. The following simple and striking poem from his pen has reference to the ill-fated expedition of Carlo Pisacane, on the shores of the kingdom of Naples on the summer of 1857, in which says Dall’ Ongaro, ‘he fell with his followers like Leonidas with his three hundred.’”
THE GLEANER OF SAPRI
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2014/8/12 - 14:07
Video!

Long Kesh

Her Majesty's Prison Maze, meglio nota con gli appellativi di Maze Prison, The Maze, The H Blocks o Long Kesh, situata nella contea nordirlandese di Down, è stata una prigione di massima sicurezza che dal 1971 fino alla sua chiusura nel 2000 ha “ospitato” in gran parte prigionieri repubblicani combattenti dell’IRA (i paramilitari protestanti detenuti sono sempre stati un’esigua minoranza, al massimo il 5% del totale)

E’ a Long Kesh che morirono Bobby Sands e altri suoi nove compagni nel corso del clamoroso sciopero della fame che li vide protagonisti nel 1981.
Bernart Bartleby 2014/8/12 - 12:11
Downloadable! Video!

Over The Wall (The Crumlin Kangaroos)

Benchè la prigione di Crumlin Road a Belfast – detta “The Crum” – fosse considerata l’Alcatraz dell’Ulster, furono molte le evasioni clamorose nel corso della sua storia, la prima nel 1866, 20 anni dopo la sua apertura, e l’ultima nel 1981, 15 anni prima della sua definitiva chiusura.
Quasi tutte le evasioni ebbero come protagonisti prigionieri repubblicani, considerata la loro particolare concentrazione dietro quelle mura.

La più clamorosa di tutte fu certo la cosiddetta “M60 Squad Escape” del 1981 – mentre a Long Kesh era in corso l’hunger strike di Bobby Sands e compagni - quando 8 prigionieri, 7 dei quali membri di un gruppo di fuoco dell’IRA noto per l’uso di mitragliatori modello M60, riuscirono a fuggire armi in pugno, non senza aver ingaggiato una violenta sparatoria con le guardie e gli agenti della Royal Ulster Constabulary.

Ma questa “Over The Wall” racconta di una clamorosa... (Continues)
Bernart Bartleby 2014/8/12 - 11:30
Video!

Su nombre puede ponerse en verso

[1967]
Scritta da Félix Pita Rodríguez e Pablo Milanés
Nell’EP collettivo della serie “Canción protesta. Casa de las Américas”, 1968

Canzone dedicata al grande uomo politico e combattente vietnamita, in occasione del suo 77° compleanno. Hồ Chí Minh sarebbe poi morto due anni più tardi senza poter vedere il suo paese liberato dagli invasori statunitensi e riunificato.
Porque usted, presidente Ho Chi Minh,
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/12 - 09:52
Downloadable! Video!

La riva bianca, la riva nera

The Finnish version performed by Marion Rung (1972)



Marion Rung è una nota cantante finlandese (di origine ebrea russa) famosa per aver vinto l'Eurofestival nel 1980 con la canzone "Where is the Love". Qui la vediamo in una trasmissione della TV di stato finlandese del 15 gennaio 1972 interpretare la versione de La riva bianca, la riva nera. La traduzione, del 1971, sembra essere di Katri Helena che pure la interpretò. [RV]
VALKEA RANTA, MUSTA RANTA
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2014/8/11 - 23:28
Downloadable! Video!

Ma mère la Suisse

...troppi anni alle porte di questo paese?
MIA MADRE, LA SVIZZERA
(Continues)
2014/8/11 - 23:25
Video!

Questi anni

[1989]
Parole e musica di Kina (Sergio Milani, Alberto Ventrella e Giampiero Capra, con Beppe Crovella).
Nel disco intitolato “Se ho vinto Se ho perso”, autoprodotto da Stefano Giaccone e Kina su etichetta Blu Bus Dischi.

Quante volte ho ascoltato questa canzone, su vinile e dal vivo!
In questi versi c’è tutta la Torino di quegli anni, un amaro ma rabbioso bilancio del “decennio perduto” inaugurato con la marcia dei 40.000 quadri FIAT dell’ottobre 1980 e chiuso dagli ultimi fuochi della lotta armata, gli anni del “riflusso” e della fine di ogni illusione rivoluzionaria.
Ma anche gli anni del rafforzamento e dell’espansione dei Centri Sociali Occupati ed Autogestiti, ai quali “Se ho vinto Se ho perso” è dedicato, come dichiarato dagli autori all’inizio del fittissimo opuscolo che accompagna il disco.
Non chiedetemi se ho vinto o se ho perso... siete voi ad aver perduto, voi tutti meno umani...
So ancora guardare in alto
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/8/11 - 23:02




hosted by inventati.org