Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2012-9-23

Remove all filters
Downloadable! Video!

Black Elk Speaks

[2009]
Music (for cello) by David Huebner
Album: David Huebner (A Solo Folk 'n cello experiment)
My friends I'll tell you the story
(Continues)
Contributed by giorgio 2012/9/23 - 21:15
Song Itineraries: Native American Genocide
Video!

L'honneur

Album: Olympia 86
À quoi ça nous sert d´être honnêtes?
(Continues)
Contributed by MR 2012/9/23 - 17:24
Downloadable! Video!

Ballad of Sitting Bull

Nota

(1) A tal proposito mi limito a riportare le dichiarazioni rilasciate dallo stesso Custer, che considero le più azzeccate e lucide che l'intrepido-dissennato fantoccio del potere poté mai pronunciare, quando nel 1867 (è un caso?) fu sospeso dal comando e dalla paga.
A chi gli chiedeva perché mai il "problema indiano" era di così difficile soluzione, egli rispondeva: « Perché lo zio Sam con una mano – l'Indian Bureau – dà armi agli indiani e con l'altra – l'esercito – li combatte. Se si potesse togliere di mezzo l'Indian Bureau non ci sarebbero più problemi ». Se basta questo perché non tolgono di mezzo l'Indian Bureau? – gli fu chiesto. « Perché fornitori e agenti, che si arricchiscono derubando gli indiani, non lo permettono. Poi, quando gli indiani, stufi di essere derubati insorgono, fanno intervenire noi militari. Allora i ladri ci chiamano macellai ».
« Condotta assurda?... (Continues)
giorgio 2012/9/23 - 14:15
Downloadable!

No More Ghost Dance

[2010]
Lyrics & Music by Dennis Temby
From the day that Custer and his men met their fate
(Continues)
Contributed by giorgio 2012/9/23 - 09:50
Song Itineraries: Native American Genocide
23 September is the 39th anniversary of Pablo Neruda's death, twelve days after Pinochet's golpe in Chile. So, we'd better refreshing our memory, for instance on Isla Dawson concentration camp, with a little helping song (in Italian) by Offlaga Disco Pax.
Riccardo Venturi 2012/9/23 - 03:14
Video!

Diamants dans la mine

questa in realtà è di leonard cohen Diamonds in the mine. Parla di aborto non so se è molto pertinente. L.
La femme en bleu voudrait se venger
(Continues)
Contributed by MR 2012/9/22 - 17:40
Video!

Condamnés

[1979]
Nel disco intitolato “Condamnés?” (ma col punto interrogativo).
I've had a lot of trouble
(Continues)
Contributed by MR 2012/9/22 - 17:38
Video!

Two Brothers

DEUX JEUNES FRÈRES
(Continues)
Contributed by M R 2012/9/22 - 17:32
Downloadable!

La ronde des joyeux prisonniers

Malheureusement , pour ces chansons de Graeme Allwright je ne trouve pas de vidéos. On peut les écouter sur "deezer".
Oh, on est prisonniers, dans la légalité, alité, alité, alité
(Continues)
Contributed by MR 2012/9/22 - 17:20
Downloadable! Video!

La ballade de la désescalade

Ecoutez la ballade de la désescalade
(Continues)
Contributed by MR 2012/9/22 - 17:00
Video!

Chasseur de qui ?

Chasseur de qui ?
(Continues)
Contributed by MR 2012/9/22 - 16:55
Downloadable! Video!

La gomme

Tu peux mâchouiller ton chewing-gum
(Continues)
Contributed by MR 2012/9/22 - 16:49
Video!

Made for TV Movie

Album: "A Crow Left of the Murder..."

This song is about 911. The part where he refers to "fell like a tear from my eye flying machine so up high.

Well there goes the nieghborhood. He is referring to the twin towers. In the next verse where he says "a scene set to since innocence upheave and pit against" this is reffering to it being a false flag attack like the gulf of tonkin incident that started vietnam or Hitler's Riestag fire. These things are done intentionally to start wars.

Read more at song meanings
I heard a word from on high
(Continues)
2012/9/22 - 16:34
Video!

Megalomaniac

(2003)
Album: A Crow Left of the Murder...

Megalomaniac è una delle canzoni più famose degli Incubus, in cui la band denuncia i dittatori del passato come Hitler e Mussolini accostandoli ai nuovi leader mondiali "che scatenano guerre in nome del petrolio, reprimendo ed ignorando la volontà di pace di tutte le popolazioni".
Il testo della canzone nello specifico si rivolge a Bush (che nel 2003 quando uscì il brano era Presidente degli Stati Uniti) e la guerra in Iraq, e fa da sottofondo nel video a una serie apparentemente confusa di immagini di Hitler, Mussolini, pompe di benzina, manifestazioni pacifiste e angeli dalle ali spezzate e anonimi leader.
I hear you on the radio
(Continues)
Contributed by Darius Rock Raimondo 2012/9/22 - 15:38

Listen to the Children

[2005]
Album: Badlands - Ballads of the Lakota
Should you go out today, to reservation land
(Continues)
Contributed by adriana 2012/9/22 - 11:44
Song Itineraries: Native American Genocide
Video!

Three Chiefs

[2005]
Album: Badlands - Ballads of the Lakota
In a 4 by room at Pine Ridge, on a cold December day
(Continues)
Contributed by adriana 2012/9/22 - 11:42
Song Itineraries: Native American Genocide
Video!

Walking Through the Prayers

[2005]
Album: Badlands - Ballads of the Lakota
Blackbirds flying, through the darkness
(Continues)
Contributed by adriana 2012/9/22 - 11:40
Song Itineraries: Native American Genocide
Downloadable! Video!

So You Want to Be an Indian

[2005]
Album: Badlands - Ballads of the Lakota
So you want to be an Indian, an original American
(Continues)
Contributed by adriana 2012/9/22 - 11:37
Song Itineraries: Native American Genocide
Video!

Casino

[2005]
Album: Badlands - Ballads of the Lakota
They built a casino, out under the stars
(Continues)
Contributed by adriana 2012/9/22 - 11:35
Song Itineraries: Native American Genocide
Downloadable! Video!

Broken Promise Land

[2005]
Album: Badlands - Ballads of the Lakota
Well an eagle flew high above Red Shirt Table
(Continues)
Contributed by adriana 2012/9/22 - 11:33
Song Itineraries: Native American Genocide
Downloadable! Video!

Big Foot

[2005]
Album: Badlands - Ballads of the Lakota
Big Foot was an Indian chief
(Continues)
Contributed by adriana 2012/9/22 - 11:31
Song Itineraries: Native American Genocide
Downloadable! Video!

Old Man's Vision

[2005]
Album: Badlands - Ballads of the Lakota
There was an esteemed Lakota elder
(Continues)
Contributed by adriana 2012/9/22 - 11:27
Song Itineraries: Native American Genocide
Video!

Trip to Little Big Horn

[2005]
Album: Badlands - Ballads of the Lakota
I went to Little Big Horn, not a single word was said
(Continues)
Contributed by adriana 2012/9/22 - 11:22
Song Itineraries: Native American Genocide
Downloadable! Video!

Badlands

[2005]
Album: Badlands - Ballads of the Lakota
Well somewhere between the wanting and the dying
(Continues)
Contributed by adriana 2012/9/22 - 11:17
Song Itineraries: Native American Genocide
Video!

Wounded Knee

[1997]
Lyrics & Music by Walela
Album: Walela
Bury my heart at Wounded Knee
(Continues)
Contributed by giorgio 2012/9/22 - 10:51
Song Itineraries: Native American Genocide
Video!

The Warrior

[1997]
Songwriters: Monty Byrom, Cynthia Dietrich, Laura Mae Satterfield
Album: Walela
I've been searching
(Continues)
Contributed by giorgio 2012/9/22 - 10:36
Song Itineraries: Native American Genocide
Video!

Quality of Mercy

‎[1995]‎
Nella colonna sonora del film “Dead Man Walking” diretto da Tim Robbins, con Susan Sarandon e ‎Sean Penn.‎
All you hypocrites and liars
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/21 - 13:43
Video!

Nebraska

‎[1982]‎
Album “Nebraska”‎



‎La storia, raccontata in prima persona dal protagonista, di Charles Starkweather ‎e Caril Ann Fugate, una coppia di teenagers (20 anni lui e 15 lei) che nel 1958 scorrazzarono dal ‎Nebraska al Wyoming uccidendo 11 persone senza apparenti motivi, per pura crudeltà.‎


Starkweather finì direttamente sulla sedia elettrica, senza nemmeno la consueta lunga attesa nel ‎braccio della morte; Fugate fu condannata all’ergastolo e liberata nel 1976.‎
La loro cavalcata di morte fu magistralmente resa sul grande schermo da Terrence Malick che nel ‎‎1973 diresse Martin Sheen e Sissy Spacek nel bellissimo “Badlands” (da noi “La rabbia giovane”).‎

‎“ […] Da Lincoln, Nebraska, fino alle “badlands” del Wyoming “ammazzai tutto quello che ‎mi trovavo per strada”. “Ho ammazzato un uomo giusto per vederlo morire”, ‎dice Johnny Cash in Folsom Prison Blues; e il protagonista... (Continues)
I saw her standin' on her front lawn
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/21 - 13:22
Video!

Walking Down Death Row

‎[1966]‎
Album “Dangerous Songs!?”‎
Nell’interpretazione di Steve Earle in “If I Had a Song: The Songs of Pete Seeger, Vol. 2”, ‎Appleseed Recordings 2001
Walking down death row,
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/21 - 11:39
Downloadable! Video!

Campagna

La versione interpretata dalla band di Daniele Sepe nell'album Fessbuk (2010) è particolare. Si tratta, credo, di una delle ultime interpretazioni della grande Auli Kokko, che ha preferito poi ritirarsi dall'attività artistica; del testo viene però cantata solo una parte, che riproduciamo qui. La particolarità di questa versione è però un'altra, e importante: la canzone, infatti, è interpretata prima (quasi interamente, per quanto ho potuto intendere, in lingua araba (da Marzuk Mejiri). Sul valore e sul significato di tale cosa non è necessario fornire troppe spiegazioni: basta soltanto pensare a Rosarno (cosa, del resto, sottolineata nel libretto "simil-Facebook" dell'album). Nel medesimo libretto è riportata una parte della versione araba, ma non ci è stato possibile riprodurla (vi si parla, però, di "busta paga" e "contributi", in italiano).
Chiove o jesce 'o sole, chi è bracciante a San Nicola
(Continues)
Contributed by CCG/AWS Staff 2012/9/21 - 10:55
Video!

The Truth

‎[2002]‎
Album “Jerusalem”‎

‎“…Ha scritto Robert Christgau che Steve Earle “si ‎identifica con ogni malcapitato stronzo che ha fatto una scelta sbagliata” (vedi, per esempio ‎‎John Walker's Blues). Fra le scelte sbagliate, per Steve Earle, non c’è solo quella del condannato ma anche ‎quella del carceriere, e dell’ordine sociale di cui è delegato. In “The Truth” il secondino non riesce ‎a staccarsi dal carcerato, “come se avesse bisogno di ricordarsi che sono io quello che non è ‎libero” e non vede che “è carcerato quanto me anche se tiene la chiave – e Dio lo ‎protegga se mai mi volta le spalle”‎


Per ogni muro che erigete
mille cose più cupe nascono qui dentro
e si nutrono del disprezzo per tutto quello che amate
In verità non conta quello che fai
finchè non ti guardi nello specchio con occhi sinceri
ed ammetti che quello che ti spaventa in me sei tu.”


‎(Alessandro Portelli, da “Note Americane. Musica e culture negli Stati Uniti”, Shake/Acoma ‎edizioni, 2011)‎
In the blue of the evenin' when the sun is low
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/21 - 10:54
Video!

Conspiracy Theory

‎[2002]‎
Album “Jerusalem”‎



Il Vietnam e i suoi 50.000 soldatini americani morti (1 su 10), gli assassinii di Kennedy e di Martin ‎Luther King… “Una volta che avrai messo insieme tutte le piccole menzogne che ti hanno ‎raccontato, scoprirai finalmente che la verità è stata sempre davanti ai tuoi occhi…”
What if I told you it was done with mirrors
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/21 - 10:35
Video!

Ashes to Ashes

‎[2002]‎
Album “Jerusalem”‎



Non semplicemente una canzone biblica. ‎
‎“Jerusalem” uscì ad un anno quasi esatto dall’11 Settembre. ‎
Cenere alla cenere e polvere alla polvere.‎


“Dio è con noi”, disse, e s’incoronò da solo. Oggi nessuno ricorda il suo nome. Ma ciò che ha ‎seminato fa bella mostra di sé dappertutto. Sangue sulle loro mani e flagelli sulla terra. Sulla sabbia ‎segnarono una linea di confine invalicabile e poi dissero: “Dio ci ha fatto a sua immagine e ‎somiglianza e noi crediamo in Lui”… Ma se chiedevi loro perché avessero ammazzato tanti uomini ‎con le loro mani, essi rispondevano: “Cenere alla cenere e polvere alla polvere”…‎
Ma viene il giorno in cui anche le torri più possenti e più alte cadono crollano riducendosi in cenere ‎e polvere…
Ashes to ashes, dust to dust
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/21 - 10:17
Video!

Amerika v. 6.0 (the Best We Can Do)

‎[2002]‎
Album “Jerusalem”‎



Una canzone su come è stato ridotto il “sogno americano” (compreso quello di una società libera e ‎giusta coltivato negli anni 60 e 70), tradito dal consumismo, dall’egoismo, dalla finanza, dalla ‎concentrazione della ricchezza e dalla diffusione della povertà, dalla repressione che colpisce i ‎diseredati e gli immiseriti con la scusa di difendere la proprietà (“possono costruire un muro ‎altissimo intorno al country club per tenere la marmaglia fuori finchè la crisi sia passata” ) e ‎di combattere la “war on drugs”, la santa crociata contro le droghe e la corruzione dei costumi…
Look at ya
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/21 - 09:58
Video!

Leroy's Dustbowl Blues

‎[1998]
Album “The Mountain”, con la Del McCoury Band



Una canzone che non può non essere un tributo al “menestrello dell’Oklahoma” e alle sue ‎‎“Dust Bowl Ballads”…‎
Leroy was a farmer and an honest man
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/21 - 09:13
Video!

Snake Oil

‎[1988]‎
Album "Copperhead Road"‎



‎Una canzone dedicata Ronald Reagan, visto come un venditore di “snake oil”, ‎l’intruglio miracoloso, il personaggio dell’imbonitore truffatore presente in tanti film western, uno ‎su tutti, “Little Big Man”, “Il piccolo grande uomo” diretto da Arthur Penn nel 1970, con il ‎bravissimo Dustin Hoffman… ‎

‎“Bene, hai perso la tua fattoria così ti sei trasferito in città, hai trovato un lavoro, loro hanno ‎chiuso la fabbrica e tu sei di nuovo sulla strada, triste e sconsolato… Quello di cui hai bisogno è la ‎mia pozione miracolosa che guarisce tutti i mali, rimette in piedi gli zoppi e ridà la vista ai ‎ciechi…”‎

Nell’ultima strofa un breve riferimento ad un paio di “miracoli” reaganiani in politica estera: ‎

l’invasione di Grenada del 1983 dopo qualche anno di governo marxista…‎

‎ La casa di Gheddafi bombardata dai jet americani. Poi lui ci fece ‎costruire... (Continues)
Ladies and gentlemen, attention please
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/21 - 08:41
Video!

Genocide

[1991]
Lyrics & Music by Philip Lynott
Album: Blason Stone

EP: Little Big Horn
When they try to tell you knowledge is a dangerous thing ("It's such a dangerous thing")
(Continues)
Contributed by giorgio 2012/9/21 - 08:17

Le Tambour et mon grand Amour, Nosferatu le Vampire

Le Tambour et mon grand Amour, Nosferatu le Vampire

Canzone française – Le Tambour et mon grand Amour, Nosferatu le Vampire – Marco Valdo M.I. – 2012
Histoires d'Allemagne 78

An de Grass 79

Au travers du kaléidoscope de Günter Grass : « Mon Siècle » (Mein Jahrhundert, publié à Göttingen en 1999 – l'édition française au Seuil à Paris en 1999 également) et de ses traducteurs français : Claude Porcell et Bernard Lortholary.

Illustrations :
Nosferatu
Le Tambour Tambour et mon grand Amour, Nosferatu, le Vampire

Salut, Lucien l'âne mon ami, il y avait un certain temps que tu avais disparu... Je me demandais où tu étais passé... C'est pas que je sois curieux, mais, à la vérité, j'étais inquiet.

Enfin, Marco Valdo M.I., mon ami, ne t'emballe pas ainsi... Si j'étais mort, je te l'aurais dit... Je ne suis pas un âne public, moi. J'ai une vie privée et je ne tiens pas à l'étaler sur la place... (Continues)
Mais enfin, Klaus-Stephan, c'est toi
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2012/9/20 - 21:25
Video!

Justice in Ontario

‎[1997]‎
Album “The Hard Way”‎

‎In questa canzone Steve Earle intreccia due storie tragiche ed emblematiche di ‎antica e moderna ingiustizia, quella risalente alla seconda metà del’800 che vide protagonista e ‎vittima un’intera famiglia di irlandesi emigrati in Ontario e quella relativa all’omicidio di un uomo ‎avvenuto a Port Hope, sempre in Ontario, nel 1979.‎

La famiglia Donnelly era arrivata in Canada dalla County Tippery intorno al 1845. Nel 1847 James ‎Donnelly, il padre, senza un soldo in tasca, decise di installarsi sulle terre di un “absentee landlord” ‎nei pressi della cittadina di Biddulph in Ontario. Dieci anni dopo, un nuovo acquirente giunto ‎dall’Irlanda, Patrick Farrell, scoprì l’occupazione abusiva dei terreni appena acquistati e citò in ‎giudizio i Donnelly. Il giudice costrinse le parti ad un accordo in virtù del quale i Donnelly ‎sarebbero potuti restare sui 25 acri... (Continues)
Oh you who hail from Ontario
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/20 - 16:58
Video!

Billy Austin

‎[1990]‎
Album “The Hard Way”‎

‎“… Le canzoni più importanti sulla pena di morte sono canzoni narrative, vere e proprie storie di ‎vita. ‘Billy Austin’ di Steve Earle è la più compiuta. Il protagonista è un ragazzo dell’Oklahoma, ‎sradicato e senza memoria (“non ricordo l’Oklahoma, è passato tanto tempo da quando sono ‎andato via… mi sembra di essere stato sempre in carcere, di essere sempre stato solo”); ‎compie una serie di rapine, ma “non volevo fare male a nessuno, non avrei mai pensato di ‎passare quel limite”. Ma una rapina a un distributore finisce con un omicidio: “non ‎sono andato nemmeno sui giornali, avevo ammazzato una persona sola”. Il processo è breve, ‎l’avvocato d’ufficio non ha il coraggio di guardarlo negli occhi mentre si alza, chiude la borsa e se ‎ne va. E cominciano la lunga attesa e le domande: siamo quasi tutti colpevoli qui dentro, ma chi ‎siete voi per esserne... (Continues)
My name is Billy Austin
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/20 - 15:24
Video!

Dreyfus

‎[1997]‎
Album “Touché”‎

‎Nel 1894 Alfred Dreyfus (1859-1935), capitano dell’esercito francese, di fede ‎ebraica, fu condannato da un tribunale militare con l'accusa, poi rivelatasi falsa, di alto tradimento. ‎Lo degradarono e lo deportarono in un bagno penale della Guyana per trascorrervi la pena perpetua.‎

Dreyfus era innocente, vittima dell’ondata di antisemitismo e nazionalismo che aveva investito la ‎Terza Repubblica: di questo erano convinti i francesi veramente onesti e democratici. Tra di loro, lo ‎scrittore Émile Zola che nel 1898, dalle colonne del giornale L’Aurore, indirizzò un infuocato ‎appello pro Dreyfus direttamente al presidente Faure, un vero e proprio ‎‎“J'accuse” in cui denunciava l'arbitrio della ‎giustizia militare, il razzismo, l’opportunismo e la meschinità dei vertici dell’esercito e la ‎manipolazione di buona parte dell’informazione a danno dell’opinione pubblica... (Continues)
Je suis un peu ton fils
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/20 - 14:19
Song Itineraries: From World Jails

Djami

RIMBAUD est un imbécile, un contrebandier, il a sali ses mots... ce sale et pourri...
gourrrame 2012/9/20 - 13:42

Cayenne

‎[1993]‎
Album “Cayenne”‎

Una canzone guyanese che ci ricorda che quella terra tra Brasile e Suriname (ancora oggi colonia francese, pardon, "territorio d'oltre mare") non conobbe solo gli ‎orrori dei bagni penali ma anche, e soprattutto, quelli della colonizzazione, dello sterminio dei ‎nativi, dello schiavismo…‎
Ma plus belle mélodie,
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/9/20 - 10:21
Video!

The Battle of Little Bighorn

[2007]
Lyrics by H. Andrade, S. Trudeau, T . Trudeau Produced by: Redloud & sirROCDOMZ
Album: Hawthorne's Most Wanted
[Verse 1 (RedCloud):]
(Continues)
Contributed by giorgio 2012/9/20 - 09:01
Song Itineraries: Native American Genocide
Downloadable! Video!

Un aeroplano a vela

da "Montgolfières" (1995)
interpretata anche da Fiorella Mannoia nell'album "Belle speranze"

Inizia il viaggio della vita
un buona educazione ad una convivenza pacifica
inizia dal riconoscere le bamdiere e i confini degli tati non come barriere incomunicabili. Sarebebe bello che il mondo vivesse con il simbolo rappresentato da un bandiera senza segni.
Un transatlantico di carta ti regalerò
(Continues)
Contributed by Sergio Santoni 2012/9/20 - 07:48
Downloadable! Video!

Il monumento

Dall'album "Fare il napoletano... stanca!" (2009)
Ed avevo una terra sul mare, una zappa e una lenza,
(Continues)
Contributed by Pierangelo 2012/9/19 - 22:13
Video!

Money's Too Tight To Mention

complimenti sei l'unico in qs mare di zoticoni che ha capito , quindi tradotto, molto bene la canzone, BRAVO . Ti aspettiama per le prossime traduzioni!
micky salval aosta 2012/9/19 - 21:57




hosted by inventati.org