Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2011-1-9

Remove all filters
Downloadable! Video!

L'unica superstite

questa e una bellixima kanzone la kantavamo smpre alle scuole elementari e nn riesco a nn piangere e + forte di me anke xk mi fa rikordare una my maestra ke ora nn insegna + xk ha avuto un problema :( nn me la scordero mai questa kanzone e nn scorderò mai la poesia SCARPETTE ROSSE qll e una poesia fantastika
marilù 2011/1/9 - 21:07
Video!

God Save The Queen

la canzone è fantastica, come i Sex Pistols.. Se poi pensiamo al contesto storico durante il quale è stata scritta è di facile comprensione la loro genialità e la loro "sana" anarchia. Anarchia,etimologicamente "senza-governo", non ha niente a che vedere con lo spirito di ribellione e "anti-conformismo" che hanno spesso tanti pseudo-anarchici. Anarchia è per me sinonimo di assoluta libertà,rispetto della libertà propria ma soprattutto della libertà degli altri; qualora vigesse il principio sacrosanto della libertà nostra e del nostro prossimo, non ci sarebbe più bisogno delle istituzioni, del governo. L'avevano teorizzato anche i grandi del pensiero: l'estinzione dello stato è la tappa finale della civilizzazione dell'uomo! Anarchico è dunque, per me, chiunque ama la Libertà, in ogni sua forma, e pone Essa come unico principio essenziale teso a "regolare" (permettetemi il vocabolo) la Vita di tutti gli Esseri.
nina 2011/1/9 - 17:53
Video!

War Is Over (Children of the Grapes)

The war is over
(Continues)
Contributed by DonQuijote82 2011/1/9 - 16:54
Downloadable!

Un giardiniere cieco

Chanson italienne – Un Giardiniere cieco – Fabio Ghellli – 2008

Une chanson envoyée ce jour en « avant-première » par Gabriele D'Ascoli des Apuamater, bien évidemment nous le remercions de tout cœur d’avoir choisi ce site pour la présenter. Fabio Ghelli est, rappelons-le, l'auteur de Cara Laura. Il s'agit ici d'un morceau sur le Massacre de sant'Anna di Stazzema, survenu le 12 août 1944, mais comme on peut le voir la chanson va bien au-delà et touche aux événements de notre temps.

« En guerre, on ne contrôle pas les cadavres pour voir si ce sont des femmes et des enfants; qui sait, peut-être étaient-ils morts avant. »(Wolfgang Lehnigk Emden, lieutenant de la IIIième compagnie SS Panzergrenadier, par la suite condamné pour la tuerie de Caiazzo)

« Je n'ai rien à me reprocher, j'ai la conscience tranquille et maintenant, je ne veux plus rien savoir. »(Gerhard Sommer, sous-lieutenant de la... (Continues)
UN JARDINIER AVEUGLE
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2011/1/9 - 15:53
Downloadable! Video!

Who Would Jesus Bomb?

[2008]
Lyrics & Music by Richard Aberdeen
Album: WHO WOULD JESUS BOMB?

Country/folk-rock/comedy inspired by New Orleans blues artist Chris Thomas King's “What Would Jesus Do?”, as well as signs and bumper stickers everywhere; “signs, signs, everywhere there's signs”
Who would Jesus bomb? Who would Jesus bomb?
(Continues)
Contributed by giorgio 2011/1/9 - 10:10
Downloadable!

¡Sì, se puede!

[2006]
Musica di Renato Ventura
Testo: strumentale

Music by Renato Ventura
Lyrics: no lyrics, instrumental

Aprile 1993, muore Cesar Chavez, leader sindacalista impegnato per i diritti dei lavoratori immigrati dal Centro e Sud America negli Stati Uniti. Uno dei suoi motti maggiormente conosciuti e significativi è stato "¡Sì, se puede!", una frase usata in opposizione a quegli ostacoli disseminati sul cammino delle riforme e della giustizia e giustificati da ottuse impossibilità o dai timori di toccare qualcosa ritenuta intoccabile fino a quel momento, magari proprio da chi stava lottando per i propri diritti.
1 Maggio 2006, "A Day Without Immigrants", centinaia di migliaia di lavoratori fantasma scendono in piazza per protestare contro l'inasprimento delle leggi sull'immigrazione clandestina (HR4337) decise dall'amministrazione Bush. Uno degli slogan più usati nei cortei delle tante... (Continues)
-
Contributed by giorgio 2011/1/8 - 14:44
Video!

O' sfruttamento

[1993]
La bomba intelligente

Testo di Dario Jacobelli

Originariamente attribuita ai Bisca 99 Posse, la canzone è dei soli Bisca, dal disco "La bomba intelligente", poi reinterpretata insieme ai 99 Posse nell'album "Incredibile Opposizione Tour" del 1994
Si 'nce stess' 'o sfruttament' stu sistema
(Continues)
Contributed by DonQuijote82 2011/1/8 - 08:55
Downloadable! Video!

Lettera mai scritta

Sweet girl with brown hair
(Continues)
Contributed by DonQuijote82 2011/1/8 - 02:18
Video!

El adiós del soldado

Como sucedió con muchas canciones que son parte de la historia de América Latina, el origen de "El adiós del soldado" estuvo en disputa. Se dijo que el autor de la letra era cubano, mexicano y aun boliviano. La letra pertenece al colombiano José María Garavito (que la escribió como "Volveré mañana"). Se acepta comúnmente que la música pertenece al cubano Jorge Anckermann (que la llamó "El soldado"). El vivac es el lugar donde los soldados vivaquean o duermen al raso.
Armando Montes 2011/1/8 - 01:01
Downloadable! Video!

Boy in the Hell

Are you ready for the D-day?
(Continues)
Contributed by J 2011/1/7 - 23:28

Une Grande Grève

Une Grande Grève

Canzone française – Une Grande Grève – 1904 – Marco Valdo M.I. – 2010
Histoires d'Allemagne 5
Au travers du kaléidoscope de Günter Grass. : « Mon Siècle » (Mein Jahrhundert, publié à Gottingen en 1999 – l'édition française au Seuil à Paris en 1999 également)et de ses traducteurs français : Claude Porcell et Bernard Lortholary.

Voilà une chanson qui raconte la grève des mineurs de la Ruhr de la fin 1904 – début 1905 – 200.000 mineurs en grève, le poumon ou le moteur industriel de l'Allemagne à l'arrêt... Comment faire de l'acier sans charbon ? Cette grève a lieu au même moment où en Russie, une grève générale vient, elle aussi, bousculer l'Empire du tsar, alors en guerre contre le Japon. Juste un détail, cette grève des mineurs de la Ruhr est généralement située en 1905... Mais on voit dans la canzone qu'elle commence juste en fin d'année – à Noël. Cela dit, ce n'est pas... (Continues)
Tout a commencé avec les wagonnets refusés
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2011/1/7 - 18:03

All Over the World

[2003]
Lyrics & Music by Val Davis
Album: Immortal

After 9/11 there was a lot of outrage over the loss of life.

In the early hours of Dec. 3, 1984, gas leaked from a plant in Bhopal, India, owned and operated by Union Carbide. The state government reported that approximately 3,800 persons died, 40 persons experienced permanent total disability, and 2,680 persons experienced permanent partial disability.

There were no wars initiated after this incident, in fact few Americans knew or cared.

Ethiopian Prime Minister Meles Zenawi has warned that his country faces a famine worse than that of 1984 which killed nearly one million people and sparked a big international relief effort.

Americans are so fortunate and could show much more compassion for other countries pain. Our suffering just doesn't compare to what the rest of the world experiences.
Standing at Ground Zero is more than one can bear
(Continues)
Contributed by giorgio 2011/1/7 - 08:09
Downloadable!

Il giorno dei giorni

Version française – LE JOUR DES JOURS – Marco Valdo M.I. – 2011
Chanson italienne - Il giorno dei giorni – Bassapadana
( texte et musique : Fabrizio Varchetta)
LE JOUR DES JOURS
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2011/1/6 - 22:17
Downloadable!

Killerton

[2010]
Lyrics & Music by Alan Gardiner and Roger Peatman
Album: TBA

As 2011 begins this song celebrates the fact that life still exists on earth, October 1962 a crisis almost reached the point of no return, a stand off between Kennedy and Khrushchev introduced a new phrase "Three minutes to worlds end"
At the end of World War 2 "Little Boy", the first atomic bomb had been unleashed on Japan, and so began the start of the Cold War, by the sixties people started to build underground shelters in the futile hope that after a couple of weeks the radiation that would settle on the land and kill all life forms would somehow become tolerable, thank God that no one pushed the button that October in 1962 !
Build a shelter - gonna build a tomb
(Continues)
Contributed by giorgio 2011/1/6 - 20:31
Video!

This Letter

[2008]
Album: Tell It Like It Is

Another song about the war suffered by those who are at home..
In the headlines and the TV news
(Continues)
Contributed by giorgio 2011/1/6 - 12:55
Video!

El ángel de la bicicleta

Jo me pregunto come se puede vivir en un pais donde il pueblo non tiene pelotas para levantar las armas y matar
estos perros asasinos de policia
los argentinos se olvidaron que este es il pais del CHE??????
GIOVANNI 2011/1/6 - 12:12
Downloadable!

The Earnest Soldier

[2003]
Lyrics & Music by Jackson and John Kirk

Written days before the war in Iraq began, the song is a reflection of a struggle.
"If I supports this war I must fight in it and expect my son would also. What would I think if I fought and was mortally wounded? We chose to protest because we did not trust our country's leadership. We did not believe in the war. This song was our first attempt to honor the soldiers who die in our name by opposing the people who sent them to fight".
[lights-out]
(Continues)
Contributed by giorgio 2011/1/6 - 09:12
Downloadable! Video!

لبيروت

Beirut
[1983-84]
Versi di Joseph Harb (1940-2014), poeta libanese
جوزيف حرب

Musica originale di Joaquín Rodrigo Vidre (1901-1999), compositore spagnolo (dal Concierto de Aranjuez)
Adattamento musicale di Ziad Rahbani (1956-), compositore libanese
زياد الرحباني

Nel disco di Fairuz intitolato “Maarifti Feek / معرفتي فيك”, pubblicato nel 1987
Testo trovato sul sito Fairuz and The Rahbani Brothers
لبيروت من قلبي سلامٌ لبيروت و قُبلٌ للبحر و البيوت لصخرةٍ كأنها وجه بحارٍ قديمِ
(Continues)
Contributed by giorgio / Bernart Bartleby 2011/1/6 - 09:03

Canotiers et casques à pointe

Canotiers et casques à pointe

Canzone française – Canotiers et casques à pointe – 1902 – Marco Valdo M.I. – 2010
Histoires d'Allemagne 4
Au travers du kaléidoscope de Günter Grass. : « Mon Siècle » (Mein Jahrhundert, publié à Gottingen en 1999 – l'édition française au Seuil à Paris en 1999 également)et de ses traducteurs français : Claude Porcell et Bernard Lortholary.

Il y a deux ans, c'était durant l'été à Pékin qu'eut lieu la Guerre des Boxeurs qui engendra de grands massacres. L'armée, réduite en cela à un corps expéditionnaire se distingua par son implacabilité et en profita pour essayer les effets – grandeur nature – du canon à tir rapide de 55 mm de Krupp (Essen). Le siècle démarrait dans un bain de sang chinois. Mais comme tu vas le voir, mon ami Lucien l'âne et comme tu le sais peut-être déjà, ou comme tu le subodores ou le supposes ou l'imagines, l'Empereur d'Allemagne, qui... (Continues)
Le Zeppelin nous laissait la tête penchée
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2011/1/5 - 22:54
Video!

Ballata per un eroe

Sarei grato se mi inviate il testo di Gipo farassino "Lice Gagnasso"
grazie giorgio
Ballata per un eroe
g.cordeglio@email.it 2011/1/5 - 10:31
Video!

Oscar

[1981]
Dall’album “Le Retour de Gérard Lambert”.

In questa canzone Renaud ricorda la figura del nonno materno, un uomo grande e grosso, che aveva abbandonato la scuola a 13 anni per il lavoro in miniera, che aveva studiato per conto suo, che era un comunista tesserato ma poi, dopo un viaggio nell’Unione Sovietica di Stalin, aveva mandato a merda il partito e si era messo a fare l’anarco-sindacalista…
Y v'nait du pays où habite la pluie
(Continues)
Contributed by Bartleby 2011/1/5 - 09:10
Downloadable! Video!

Song for Bradley Manning

2011
The Big Red Session

I wrote a song for Bradley Manning, the brave soldier who allegedly made off with all those files that Wikileaks has done such a brilliant job of publicizing.
Private Manning was an analyst if what they say is true
(Continues)
2011/1/4 - 20:08
Video!

26 Avril

[2006]
Dal disco collettivo "Tchernobyl 20 ans"
Un sarcophage de béton,
(Continues)
Contributed by Bartleby 2011/1/4 - 15:23
Song Itineraries: No Nukes
Downloadable! Video!

Erika, Erika

[1999]
Nell’album “Comme je voudrai !” del 2000.

Un’altra canzone che posto grazie alla dritta dell’admin Adriana, la più (per)fida degli admins dopo l’inarrivabile Venturi.

No, non è questa una canzone d’amore dedicata ad una qualche bella Erika…

MV Erika era una petroliera di costruzione giapponese (classe 1975). Era una nave molto ambita perché molto economica, visto che i giapponesi erano riusciti a costruirla con il 10% di acciaio in meno delle altre petroliere della sua categoria. La proprietà era italiana, la Tevere Shipping di tal Savarese ed il management faceva capo alla ravennate Panaship di proprietà delle famiglie Pollara e Vitiello ma la Erika batteva una bandiera di comodo, quella maltese.
Nel dicembre del 1999 era salpata da Dunkerque alla volta di Livorno con un carico di 20.000 tonnellate di petrolio vendute al nostro paese dalla multinazionale petrolifera francese... (Continues)
Un pavillon de complaisance
(Continues)
Contributed by Bartleby 2011/1/4 - 14:38
Song Itineraries: War on Earth
Video!

Torrey Canyon

[1968]
Album “Initials B.B.”

Grazie ad una dritta della (per)fida Adriana, brigantessa e streguzza che mi dà sempre un sacco di lavoro, sono in grado di postare questa canzone del grande Serge dedicata ad uno dei più grandi disastri ecologici di sempre. Al proposito è già anche presente una canzone che la (per)fida Admin postò proprio lei anni or sono: Ils se meurent nos oiseaux.

La Torrey Canyon era un superpetroliera costruita negli States con una capienza massima di 60.000 tonnellate di greggio, capacità che poi venne non si sa come raddoppiata dopo modifiche effettuate in un cantiere navale giapponese. La nave era registrata in Liberia ma era di proprietà della Barracuda Tanker Co., una società afferente alla petrolifera californiana Union Oil, e nella primavera del 1967 trasportava petrolio dal Kuwait al Galles per conto della British Petroleum.
Il 18 marzo, per colpa di un errore... (Continues)
Je suis né
(Continues)
Contributed by Bartleby 2011/1/4 - 13:48
Song Itineraries: War on Earth
Video!

The Skies Are Weeping

[2003]
Cantata in sette movimenti per soprano, coro da camera e percussioni.
Prima esecuzione il 27 aprile 2004 all’Università di Anchorage, in Alaska, dove insegna il suo autore. In prima mondiale a Londra il 1 novembre 2005.

In memoria di Rachel Corrie, attivista americana dell’International Solidarity Movement, assassinata a Gaza il 16 marzo del 2003 dal conducente di un bulldozer dell’esercito israeliano mentre cercava di impedire la demolizione di abitazioni palestinesi
Il secondo movimento è dedicato alla memoria di Tom Hurndall, fotografo britannico ed attivista della stessa organizzazione della Corrie, ferito a morte a Gaza l’11 aprile del 2003 da Taysir Hayb, un sergente arabo-israeliano dell’esercito di Tel Aviv. Hurndall morì nel gennaio del 2004, senza aver mai ripreso conoscenza. Il suo assassino fu condannato ad 11 anni di reclusione per omicidio, ma è già libero dall’agosto... (Continues)
1. Choral Prelude: Psalm 137 (King James Version)
(Continues)
Contributed by Bartleby 2011/1/4 - 10:45
Song Itineraries: Rachel Corrie
Video!

I'd Rather Be Dancing (Rachel's Song)

Ho la sensazione che l’anonimo contributore di questa (brutta) foto che ritrae Rachel Corrie intenta a stracciare – con espressione rabbiosa - un disegno della bandiera americana di fronte ad un nugolo di ragazzini palestinesi, beh, quell’anonimo l’abbia postata con intento provocatorio.

Intanto quella foto già di per sé non rende giustizia a Rachel morta – è bene ricordarlo – deliberatamente assassinata dall’esercito israeliano sotto la pala di un bulldozer blindato con la stella di Davide.

Inoltre, la foto dell’anonimo postatore (un po’ impostore) va contestualizzata, sennò ci appare semplicemente una donna bianca invasata guardata con un po’ di stupore persino dai bambini palestinesi che di roghi di bandiere pur se ne intendono.

Quella foto di Rachel risale al 15 febbraio del 2003, un mese prima della sua morte, e riguarda una manifestazione contro l’invasione statunitense dell’Iraq,... (Continues)
Bartleby 2011/1/4 - 09:17
Video!

Hallie Does Hebron

You speak of Rastafari, but how can you justify
(Continues)
Contributed by Luca 'The River' 2011/1/3 - 23:52

Hit

Chanson anglaise – Hit – Wilfrid Gibson – 1915

Du recueil « Battle ». Wilfrid Gibson fut officier de sa Majesté, mais il ne combattit pas en première ligne et même, il ne quitta jamais l'Angleterre. Et pourtant un grande partie de ses poésies de cette époque décrivent les atrocités de la guerre du point de vue du simple soldat envoyé crever. Même après la guerre, Gibson conserva dans ses œuvres une attention particulière pour les gens qui, même en temps de paix, sont trop souvent vaincus, les exploités, quoiqu'il arrive...
Musique de Philip Napier Miles (1865-1935), musicien, compositeur et philanthrope anglais, tiré de son cycle pour voix et piano, intitulé « Battle, Ten Songs » (1917), entièrement basé sur des poèmes de Gibson.
TIR
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2011/1/3 - 20:10
Downloadable! Video!

Histoire de l'ouvrier

[2010]
P. Romano - D. Sepe
Album : Fessbuk (Buonanotte al manicomio)

La canzone è del 2010, e quindi vi trovano spazio vicende del periodo (e in particolare la lotta degli operai dell'ALCOA di Porto Vesme, in Sardegna). Nel frattempo l'opera di smantellamento non solo dello smantellabile, ma anche dell'oltre-smantellabile, è proseguita con fervore fino ad arrivare al “governo Renzi”. Il resto, naturalmente, vale tuttora; il dialogo tra padre e figlio proposto nel brano iniziale di Fessbuk è assolutamente e eternamente attuale. Ci sarebbero naturalmente anche da dire parecchie cose su quel che non pochi ouvriers hanno portato avanti, anzi portato indietro; occorrerebbe raccontare degli accordi con Marchionne, per esempio. Ma valga comunque questa pagina come occasione di promemoria generazionale. La pagina è stata oggi totalmente rifatta rispetto a quella originaria, con l'inserimento delle parti originarie in napoletano e della traduzione italiana proveniente dal libretto dell'album. [RV, 6/4/2014]
Il padre
(Continues)
Contributed by adriana 2011/1/3 - 19:07
Video!

Gethsemane

[1919]
In “Epitaphs of the War”.
Musica composta nel 2004 da Gary Bachlund, cantante lirico e compositore che vive tra Los Angeles e Berlino. Quinto brano da “Songs of War”, sette canzoni per baritono e pianoforte.

Rudyard Kipling fu senz’altro uno dei portabandiera dell’imperialismo britannico ma nel 1915 le sue certezze dovettero vacillare. Suo figlio John, il destinatario della famosa poesia “If”, fu tra i quasi 8000 morti della battaglia di Loos-en-Gohelle, una disfatta per i britannici nonostante che, per la prima volta sul fronte occidentale, avessero fatto pure uso dei gas.
Il giardino del Getsemani, dove Gesù attese consapevole il tradimento di Giuda e l’arresto, è qui la Piccardia, ad indicare quelle regioni del nord est francese dove ebbero luogo alcuni tra i più cruenti combattimenti della Grande Guerra, come appunto quello di Loos (che si trova nel Nord-Pas-de-Calais)… E’... (Continues)
1914-18
(Continues)
Contributed by Bartleby 2011/1/3 - 15:53
Video!

In Time Of "The Breaking of Nations"

[1915]
Dalla raccolta “Moments of Vision” pubblicata nel 1917.
Molti autori l’hanno proposta in musica. Secondo quanto riportato dall’importante database The Lied, Art Song and Choral Texts Page, il primo dovrebbe essere il compositore britannico Gerald Finzi (1901-1956) nel suo “Requiem da camera” del 1924.

Nella sua produzione letteraria Thomas Hardy ha spesso condannato la guerra e i suoi orrori, ma in questa poesia a prevalere è la visione ottimistica del futuro del genere umano al termine di ogni conflitto: le dinastie e le loro guerre sono destinate ad essere dimenticate, scomparendo nella notte della Storia, mentre la Vita, ancora una volta, come sempre, trionfa.
Hardy scrisse questa poesia con riferimento alla Grande Guerra ma molto probabilmente fu concepita molti anni prima, visto che egli conobbe anche la carneficina della guerra franco-prussiana combattuta 45 anni prima.
Only a man harrowing clods
(Continues)
Contributed by Bartleby 2011/1/3 - 15:04

Attack

[1918]
Da “Counter-Attack and Other Poems”
Musica composta nel 2004 da Gary Bachlund, cantante lirico e compositore che vive tra Los Angeles e Berlino. Terzo brano da “Songs of War”, sette canzoni per baritono e pianoforte.
At dawn the ridge emerges massed and dun
(Continues)
Contributed by Bartleby 2011/1/3 - 13:43

The Last Laugh

[1918]
Musica di Jason Rico, giovane compositore e musicista americano, da “War”, ciclo di canzoni per tenore e pianoforte.
'Oh! Jesus Christ! I'm hit,' he said; and died.
(Continues)
Contributed by Bartleby 2011/1/3 - 10:06
Song Itineraries: World War I (1914-1918)

Dulce Et Decorum Est

[1917-18]
Nella raccolta “Poems”.
Musica del compositore e pianista britannico Algernon Ashton (1859-1937).



Abbiamo già incontrato questo titolo e la poetica di Owen (Dulce Et Decorum Est Pro Patria Mori, canzone inedita di Regina Spektor). Questo è il testo della poesia originale, una delle più belle contenute in “Poems”, raccolta pubblicata nel 1920 con la prefazione di Siegfried Sassoon dopo la morte di Owen, caduto nella battaglia del fiume Sambre, al confine tra Francia e Belgio, il 4 novembre del 1918, a una settimana dalla fine della Grande Guerra. Destino beffardo: lui che contro la guerra, pur senza sottrarsi ad essa, aveva cantato, venne pianto dalla madre nel momento stesso in cui tutte le campane suonavano per annunciare l’armistizio e la fine dell’orrendo macello…

Owen scrisse le poesie contenute in “Poems” tra il 1917, mentre si trovava ricoverato nell’ospedale di Craiglockhart... (Continues)
Bent double, like old beggars under sacks,
(Continues)
Contributed by Bartleby 2011/1/3 - 09:27
Song Itineraries: World War I (1914-1918)
Video!

Rule

[2001]
Nas featuring Amerie
Contains samples from "Everybody Wants to Rule the World"
Album: Stillmatic
Yeah, yeah, yeah yeah, Nas, uh, yo, yo
(Continues)
Contributed by giorgio 2011/1/3 - 08:16

L'été à Pékin

L'été à Pékin

Canzone française – L'été à Pékin – 1900 – Marco Valdo M.I. – 2010
Histoires d'Allemagne 3
Au travers du kaléidoscope de Günter Grass. : « Mon Siècle » (Mein Jahrhundert, publié à Gottingen en 1999 – l'édition française au Seuil à Paris en 1999 également)et de ses traducteurs français : Claude Porcell et Bernard Lortholary.

Les mouvements historiques sont lents comme ceux des aïs et souvent souterrains. L'histoire est faite par une taupe... Sais-tu cela, Lucien l'âne mon ami, toi qui la fréquente depuis si longtemps, l'histoire.

En effet, Marco Valdo M.I. mon ami, les gens se trompent qui n'en voient que le moment, qui ne perçoive que les événements... C'est l'écume des temps... Et pourtant... quand on a parcouru l'histoire aussi longtemps que je l'ai fait, on s'aperçoit bien vite qu'elle est faite comme la mer... Qu'elle arrive par longues vagues, avec par en dessous... (Continues)
Moi, chaque année, je m'échange contre moi
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2011/1/2 - 22:50
Video!

Eskimo

Please, dear Daniela, don't lose your temper cioè 'un fari 'a bili :). Se no è davvero un brutto inizio anno. Ditemi soltanto se i link relativi al Guccio che ho postato ieri sono tutti funzionanti. È questo quello che conta, no?

Buon anno a tutti.
giorgio 2011/1/2 - 15:08




hosted by inventati.org