Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2010-5-17

Remove all filters
Video!

Fiume Sand Creek

FRANCESE / FRENCH - Marco Valdo M.I.

Version française – MASSACRE À SAND CREEK – Marco Valdo M.I. – 2010
Chanson italienne – Fiume Sand Creek – Fabrizio De André – 1981

Le massacre de Sand Creek est un évènement des guerres indiennes aux États-Unis qui s'est produit le 29 novembre 1864, lorsque la milice du territoire du Colorado a attaqué un village de Cheyennes et d'Arapahos installé sur les plaines orientales.
Le colonel John Chivington et ses 700 cavaliers attaquèrent le camp indien qui comptait 500 personnes, guerriers mais aussi femmes, vieillards et enfants. Au terme des combats, près de 270 indiens furent massacrés, contre 15 tués et 50 blessés pour les soldats américains. La violence du massacre entraîna une remise en question de la politique américaine d'extermination des Amérindiens.
(suite Wikipedia)

Sand Creek , crique ensablée... Un lieu perdu au fin fond du Colorado,... (Continues)
MASSACRE À SAND CREEK
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2010/5/17 - 16:00
Downloadable! Video!

Dansante del Desterrado

[1976]
Letras: Jorge Enrique Adoum
Musica: Patricio Montilla
Album “Ecuador: El Grito de Libertad”, Paredon Records

Jorge Enrique Adoum, scomparso di recente, è stato un importante poeta e scrittore ecuadoregno. Fu sempre molto compromesso con i temi sociali, tant’è che negli anni della dittatura militare e fino al 1987 visse esule in Francia. A Jorge Enrique Adoum si devono anche molte delle traduzioni in spagnolo delle poesie di T.S. Elliot, Langston Hughes, Jacques Prévert, Yannis Ritsos, Vinícius de Moraes, Nazım Hikmet, Fernando Pessoa, Joseph Brodsky e Seamus Heaney.

La terra è così intrisa di sangue che l’indio che cade sa quanta terra gli tocca alla fine – giusto quella per essere sepolto – perché riconosce in bocca il sapore di tutti gli altri compagni caduti prima di lui…
Preguntan de donde soy
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/17 - 15:19
Downloadable!

Heartbeat

[2004]
Lyrics & Music by David Elon Preston

"Every word I heard the Beach Boys sing slipped away with Martin Luther King." I had the tune in my head for a long time, then after watching the movie, "Pleasantville", the seeds were planted for the first line: "I remember life in black and white.."
I remember life in black and white,
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/5/17 - 12:07
Video!

Only A Hobo

[1963]
Canzone registrata per “The Times They Are A-Changin'” ma poi non inclusa nell’album.
Pubblicata nel 1991 in “The Bootleg Series Volumes 1–3 (Rare & Unreleased) 1961–1991”

Se questa me la cassate, pazienza… Però è una canzone contro l’esclusione, come ce ne sono tante sulle CCG…
As I was out walking on a corner one day
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/17 - 08:50
Downloadable! Video!

In The Name of Western Democracy

[2009]
Album: Manifest Democracy
[Speeches and sounds from the news]
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/5/17 - 08:38
Downloadable!

Too Confused

[2003]
Lyrics & Music By Jerry Scott
Album: 1 2 3 War
Said I'm tired of being confused
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/5/17 - 08:33
Downloadable!

Surrender

[2006]
Lyrics & Music by David Elon Preston

Dedicated to the 13 coal miners who lost their lives at the Sago Mine, Tallmansville, West Virginia.

"The seed for this song came in early January in the aftermath of the Sago Coal Mine disaster in Tallmansville, West Virginia. I had read where some of the miners had written notes as they lay trapped two miles deep inside the mine. One note read, “Tell all I see them on the other side. It wasn’t bad. I just went to sleep.” A melody line began running through my head shortly after, and by mid-February I just had to try to get something down on paper. I tried to record the song with my own back up harmonies but it just didn't sound right.

I asked Anne Cozean and Marty Ross Vining from SongRamp to add their beautiful voices to the mix. They graciously agreed and I am eternally grateful.

This song is dedicated to the families of the miners that lost their lives in Tallmansville and everywhere".
One by one the breathing's stopped.
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/5/17 - 08:27
Downloadable! Video!

Vision of a Past Warrior

[1963]
Album “As Long as the Grass Shall Grow: Peter La Farge Sings of the Indians”, Folkways Records
I have within me such a dream of pain
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/17 - 08:24
Song Itineraries: Native American Genocide
Downloadable! Video!

Take Back Your Atom Bomb

[1963]
Album “As Long as the Grass Shall Grow: Peter La Farge Sings of the Indians”, Folkways Records
Take back your atom bomb
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/17 - 08:17
Video!

The Trail of Tears

[1963]
Album “As Long as the Grass Shall Grow: Peter La Farge Sings of the Indians”, Folkways Records

Forse la più bella delle diverse canzoni omonime (The Trail of Tears di Guy Carawan e Trail of Tears di John Denver) dedicate alla deportazione delle cosiddette “Five Civilized Tribes” indiane dal sud degli USA in Oklahoma, tra il 1830 e il 1840.
E’ bene ricordare che Peter La Farge era di sangue nativo, discendendo dalla tribù algonquina dei Narragansett del Rhode Island.
Who are those ghosts that pass on the plains?
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/17 - 08:04
Song Itineraries: Native American Genocide
Downloadable!

1, 2, 3, 4, Let's Start Another War

[2003]
Lyrics & Music By Jerry Scott
Album: 1 2 3 War
1, 2, 3, 4 – War!
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/5/17 - 08:02
Video!

Fiume Sand Creek

Salve a tutti, mi sono imbattuto in questo sito, a causa della mia ricerca sull'eccidio di Sand Creek.

leggendo quello precedentemente scritto, e senza nulla togliere ne a Bubola ne al Grandissimo De Andre mi sembra pretestuoso pensare ad un plagio diciamo che ci sono delle forti influenze nel rif, per dirla tutta Atom Heart Mother e del 1970 e quindi... dubito che i pink floyd abbiano potuto copiare un rif di una canzone scritta nel 1980 o nel 78... anche se le droghe assunte avrebbero comunque potuto dargli una visione della musica futura e quindi copiare un rif di una canzone che nulla a che fare con summer '68...e poi francamente queste sono chiacchiere da bar come dire che Mozart ha copiato a Beethowen... per fortuna sono esistiti entrambi.
Bye
Roberto Pagliaro 2010/5/16 - 23:52
Video!

Dda banna a muntagna

[1981]
Testo e musica di Carlo Muratori
Album: Dda banna a muntagna
Nta stu chianu lassàmu la notti
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/5/16 - 22:24
Downloadable! Video!

Nothing But The Truth

(2008)
By Lila Downs & Paul Cohen
Versione inglese di Justicia

Album: Shake Away
What are the open plains
(Continues)
2010/5/16 - 18:52
Video!

Justicia

(2008)
Album: "Shake Away"
By Lila Downs & Paul Cohen
featuring Enrique Bunbury (Héroes del Silencio)

To my Oaxaca and to our brothers and sisters Aymaras and Quechuas, and Tayu, those elders who pronounce our truth, I gave blood for these words. No, I will no longer cry for you, I will only remember, I will remember that my heart has not died. I looked for you everywhere, in people’s faces on TV on the streets,
in the courts, but I cannot find you, Justice.


A mi Oaxaca y por nuestros hermanos Aymaras, y Quechuas, Tayú ,que pronuncien los ancianos nuestra verdad ay palabras me costaron sangre. Gracias Celso por tu conocimiento del guayno y por tocar todo lo que se deja tocar!...Gracias a nuestro compañero Bunbury por querernos y hacer este puente entre España y México pa la gente, del color de la tierra , que nosotros sabemos lo que nos hace falta....
No no voy a llorar por ti
(Continues)
2010/5/16 - 18:40
Video!

The Last Chance

[2002]
"The Last Chance – Eight Songs on Israel/Palestine" (2010)

Unapologetically challenging and provocative, "The Last Chance" weaves eight finely-crafted human stories around one of the burning issues of our times: the Israel/Palestine conflict. Songs to move the mind and the heart. (Leon Rosselson)

La storia violenta di Israele attraverso il confronto tra due ebrei.
Meier, il commerciante di carne di maiale, ha perso la famiglia a Bergen-Belsen e poi ha combattuto tutte le guerre per la Grande Israele. E' nazionalista, pragmatico e violento, ma oggi il suo problema non sono tanto gli arabi, che ha fatto sempre a pezzi, ma gli ebrei come Sam il ballerino – il suo giovane interlocutore – che vuole solo vivere e danzare, che non crede alla necessità della guerra permanente, che non freme per l'amor patrio, che è ebreo ma non gli importa di essere israeliano, che crede che tutti gli uomini abbiano speranze e sogni ugualmente degni e che nessuno uomo debba mai sopraffarne un altro...
It was The Last Chance
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/16 - 17:49
Song Itineraries: The Palestinian Holocaust
Video!

Song of the Olive Tree

[2005]
Album "And They All Sang RosselSonGs", poi ripresa anche in "The Last Chance – Eight Songs on Israel/Palestine" (2010)
Sung by Janet Russell

Unapologetically challenging and provocative, "The Last Chance" weaves eight finely-crafted human stories around one of the burning issues of our times: the Israel/Palestine conflict. Songs to move the mind and the heart. (Leon Rosselson)
My father's father's father planted here,
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/16 - 17:47
Song Itineraries: The Palestinian Holocaust
Downloadable! Video!

Sul ponte di Perati bandiera nera

Anonymous
E' possibile avere lo spartito?
testa.albano@alice.it 2010/5/16 - 10:09
Video!

Carguen, apunten, fuego

CARICARE, PUNTARE, FUOCO
(Continues)
2010/5/16 - 00:18
Downloadable! Video!

Blanca fra Santena e Venaria Reale

[2009]
Featuring Gianny Symbolo, ovvero Fabio Ghelli
Testo e musica di Davide Giromini
Album: Giromini Redelnoir, Ballate di fine comunismo




Giromini Redelnoir: Ballate di fine comunismo (o di comunismo fine)
Recensione di Giorgio Maimone dalla "Brigata Lolli"
Giromini Redelnoir MySpace


"Questo lavoro nasce dalla mia vita notturna e dal bisogno di trovare un canale comunicativo per alcuni sfoghi personali. Nei miei lavori precedenti non ho mai messo in campo il mio 'io narrante', ma sempre mediata la mia visione del mondo attraverso altri personaggi usati allo scopo.
Riguardo alla fine del comunismo, che dire? Come mi fa notare la mia compagna, molto più giovane e rivoluzionaria di me, il nome 'fine' associato al comunismo può essere anche inteso come l'aggettivo di 'finezza'... E allora... un po' di finezza non guasta.
Finezza morale che ci dovrebbe distinguere dal tanto vituperato... (Continues)
Piove ed il mio cuore che dimentica ogni tanto persino di pulsare
(Continues)
Contributed by CCG/AWS Staff 2010/5/15 - 19:07

Canto dei carcerati calabresi

[1958]
Testo di anonimo, tradizionale
Musica di Gino Negri
Album: Le canzoni della mala, vol.2 [1984]

Dopo il debutto di Ornella nel 1956, a soli 24 anni, sul palcoscenico in veste di attrice, Giorgio Strehler intuite le sue doti vocali, le fece interpretare alcuni canti popolari della Rivoluzione Francese, negli intervalli dello spettacolo "I Giacobini" di Federico Zardi..
Fu in seguito a questa esperienza e all'interessamento di Roberto Leydi che nacquero le cosiddette "Canzoni della mala", scritte per lei oltre che dallo stesso Strehler, anche da Fiorenzo Carpi, Michele Straniero, Fausto Amodei, Gino Negri e Dario Fo.
Presentate come vecchi canti popolari ritrovati dopo una serie di ricerche (talvolta come nel caso di questo canto è anche vero), raccontano storie violente e tragiche di minatori uccisi, delinquenti milanesi e carcerati calabresi.
Brani come il "Canto dei carcerati... (Continues)
Tutti 'sti caribinìri
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/5/15 - 08:41
Song Itineraries: From World Jails
Downloadable! Video!

Albatro

Chanson italienne – Albatro – Apuamater Indiesfolk ( Davide Giromini)

Te souvient-il Lucien l'âne mon ami de ce poème que Charles Baudelaire avait écrit sur les poètes et qu'il intitula L'Albatros ?

Et comment donc, Marco Valdo M.I. mon ami et je m'en vais de ce pas te le réciter, comme sans doute as-tu dû le faire à l'école :

"Souvent, pour s'amuser, les hommes d'équipage
Prennent des albatros, vastes oiseaux des mers,
Qui suivent, indolents compagnons de voyage,
Le navire glissant sur les gouffres amers.
A peine les ont-ils déposés sur les planches,
Que ces rois de l'azur, maladroits et honteux,
Laissent piteusement leurs grandes ailes blanches
Comme des avirons traîner à côté d'eux.
Ce voyageur ailé, comme il est gauche et veule!
Lui, naguère si beau, qu'il est comique et laid!
L'un agace son bec avec un brûle-gueule,
L'autre mime, en boitant, l'infirme qui volait!
Le Poète est semblable... (Continues)
ALBATROS
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2010/5/14 - 21:27
Video!

La lotta continua

FIGHT CONTINUES
(Continues)
Contributed by Donquijote82 2010/5/14 - 18:52
Video!

La nuova Auschwitz

ci ricorda la dura vita nei campi di concentramento e di lavoro una canzone vera e da ricordare. Il cui testo ti rimane impresso nella mente
2010/5/14 - 18:36
Downloadable! Video!

Piazzale degli eroi

[1974]

Album "Quando Verrà Natale"
No non voglio più passare in Piazzale Degli Eroi
(Continues)
Contributed by Donquijote82 2010/5/14 - 18:19
Downloadable! Video!

Coyote, My Little Brother

[1963]
Album “As Long as the Grass Shall Grow: Peter La Farge Sings of the Indians”, Folkways Records
Coyot', Coyotee-ee-ee!
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/14 - 13:09
Song Itineraries: Native American Genocide
Video!

Trail of Tears

[1985]
Written by Roger Cook, Allen Reynolds and Randy Handley
Album “Dreamland Express”

Tra il 1830 e il 1840 oltre 50.000 nativi già pacificati e “civilizzati” furono deportati dalle loro terre nel sud degli USA verso l’Oklahoma. Furono marce estenuanti nel corso delle quali morirono migliaia di persone. Il percorso seguito per raggiungere i nuovi territori fu chiamato “The Trail of Tears”, “Il Cammino delle Lacrime”…
Per un’introduzione più estesa si veda l’omonima The Trail of Tears di Guy Carawan.
No more beautiful moons may we spend on our land
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/14 - 12:52
Song Itineraries: Native American Genocide

The Trail of Tears

[1990]
Album “Tree of Life - Arbol de la Vida”
Written by Pat & Victoria Garvey

Nel 1830 il Congresso USA approvò il cosiddetto “Indian Removal Act”. Si trattava sostanzialmente di concentrare le nazioni indiane dispersa tra Florida (Seminole), Georgia e Alabama (Cherokee e Creek) e Mississippi (Chickasaw e Choctaw) in un’unica grande riserva in Oklahoma, il tutto per far spazio ai sempre più numerosi coloni, richiamati soprattutto dalla scoperta dell’oro nel nord della Georgia.
Nel 1831 i Choctaw furono i primi a mettersi in marcia ed è questo primo esodo che diede il nome a tutta l’operazione proseguita negli anni successivi: “Il cammino delle lacrime”. Il filosofo e storico francese Alexis de Tocqueville ne fu testimone diretto e così lo raccontò nel suo “De la démocratie en Amérique” (1835): “À la fin de l'année 1831, je me trouvais sur la rive gauche du Mississipi, à un lieu... (Continues)
The trail of tears went winding weeping into Tennessee
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/14 - 11:43
Song Itineraries: Native American Genocide
Downloadable!

Objection

Démo 2003 - Août 2003 - jamais réellement distribuée
Un beau jour ils m’ont appelé
(Continues)
Contributed by Lorenzo 2010/5/14 - 00:25
Video!

Jonathan

Renaud è uno dei migliori cantanti francesi, un cuore infinitamente grande e una verità stupefacente... E sempre di attualità e ognuno di noi ci si ritrova... Meravilioso...
paula 2010/5/13 - 22:48
Downloadable! Video!

Angelita di Anzio

Avevo due anni quando fu scritta. Ma me la ricordo, me la ricorderò sempre, perchè quando mia madre me l'accennava non riusciva ad andare oltre la prima strofa, poi mi stringeva e non riusciva a continuare. Lei quelle cose le aveva vissute davvero, qualche kilometro più a nord. Allora chiedevo a papà, classe 1922, che non aveva fatto esperienze migliori. Ma ho dovuto aspettare fino ad oggi per sapere un po' di più. Ora, a distanza di tanti anni, sento lo stesso groppo alla gola dei miei genitori.
fabio 2010/5/13 - 19:56
Video!

Go, Move, Shift

Da English Folk Music, la trascrizione della terza sezione (solo la parte cantata, meglio nota come “Go! Move! Shift!”) dell’originale radiofonico “The Travelling People” andato in onda sulla BBC il 17 aprile 1964
GO! MOVE! SHIFT!
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/13 - 13:37
Video!

War Pigs

CAR PIGS
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/13 - 12:43
Downloadable! Video!

A Stitch In Thime

[1986]
Parole di Mike Waterson (1941-2011), scrittore e cantautore inglese.
Incisa da Martin Carthy nel suo album “Right of Passage” del 1988
La melodia è quella del tradizionale sea shanty On Board Of A Man-of-War
Testo trovato su MySongBook.de

Un’altra canzone contro la violenza sulle donne.
“A true story put into song by Mike Waterson about four years ago. It happened about 1962 in the Hessle Road area of Hull and the tune is that of a brutal Royal Navy song called On Board Of A Man-of-war.” (Martin Carthy)


Cosa può fare una donna, una casalinga (come tante) sfruttata (come tante) e brutalizzata (come tante) da un compagno violento (come tanti) e ubriacone (come tanti)? Può usare gli “attrezzi del mestiere”, così come nei primi anni 60 fece la signora di Hull, Yorkshire, madre di quattro figli, protagonista di questa canzone…
Oh there was a woman and she lived on her own
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/13 - 11:37
Video!

Steady As She Goes

[1995]
Album “No Gods”

Una canzone sulla quotidiana e feroce guerra che gli uomini fanno alle donne…
And it's steady as she goes
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/13 - 11:23

Song Of The Whale

[1980]
Album “Now I'm Easy”

Mentre una ormai rarissima balena grigia del Pacifico, sterminata da secoli di caccia spietata, perde la rotta a causa dei mutamenti climatici e si ritrova smarrita davanti alle coste israeliane, mentre il più dannoso e inutile degli animali presenti sul pianeta, l’uomo, continua a moltiplicarsi e a devastare l’ambiente, la velocità con cui le altre specie animali e vegetali si estinguono è di mille volte superiore al normale, sicchè entro breve ne sparirà un terzo: “la minaccia di sparire dalla faccia della Terra incombe sul 21 per cento dei mammiferi, il 30 per cento degli anfibi, il 12 per cento dei volatili, il 17 per cento degli squali e il 27 per cento dei coralli, come si evince dalla «lista rossa» che è stata redatta dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn).”
The saddest sound I've ever heard
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/13 - 11:04
Song Itineraries: War on Earth
Downloadable! Video!

Matteotti

Chanson italienne – Giacomo '38 (Matteotti) – Alessio Lega – 2010


« Un doute me tenaille qui souvent tenaille celui qui se trouve en conflit ouvert et en lutte avec son temps : Que faire ? Je pense à comment devait penser un antifasciste sincère en 1937, avec le régime bénéficiant d'un consensus maximum et – apparemment – très solide. À notre antifasciste venait à l'esprit la figure de Giacomo Matteotti, un homme peut-être loin des sentiments révolutionnaires, mais un homme fier qui savait dire « non », même si ce « non » devait coûter la vie. Et voilà que notre antifasciste décide d'appeler son fils de ce nom qui pour lui a le sens fondamental de résistance : vie contre mort. Giacomo. La résistance commence toujours par un acte de mémoire vive. Pour commencer à faire, il est nécessaire de rappeler. (a.l.)

Giacomo Matteotti : député socialiste italien, enlevé et assassiné par des sbires... (Continues)
GIACOMO 1938
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2010/5/13 - 10:02
Downloadable! Video!

Sergeant, Where's Mine?

[1974]
Album “Cop Yer Whack for This”

"I'm Asking You Sergeant, Where's Mine" (also known by the shorter title "Sergeant, Where's Mine") is a folk song written and first performed in the mid-1970s by Scottish comedian, actor and singer Billy Connolly. It was later popularized by The Dubliners. Inspired by The Troubles in Northern Ireland, it is told from the point of view of a wounded soldier and makes ironic reference to British Army recruitment advertisements of the era that showed recruits having a grand time in exotic places and enjoying such activities as skiing. (en.wikipedia)
I'm lying in bed, I'm in room twenty-six
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/13 - 09:35
Song Itineraries: Conflicts in Ireland
Video!

See The People Run

[1991]
Album “Seeds to the Wind”, prodotto da Dick Gaughan
Scritta da Davy Steele
Testo trovato su MySongBook

“All internal/civil disputes when ending in conflict are in general about power and how to prevent the masses from obtaining any. This is done by training (brainwashing) a few of the masses to subdue the rest. The song is one of hope. (Davy Steele, notes Ceolbeg, 'Seeds to the Wind')”
In an Eastern land, on a national square
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/13 - 09:20
Downloadable! Video!

Scapegoats

[1991]
Album “Smoke and Strong Whiskey”
Written by E. Cowan and Christy Moore.

Ancora oggi però non si sa chi fece saltare in aria il Mulberry Bush e il Tavern in the Town, due pub nella zona centrale di Birmingham, che quella sera maledetta erano strapieni di gente… E mentre sono parecchie le canzoni come questa (un’altra, per esempio, è Birmingham Six) che ricordano i nomi di coloro che vennero ingiustamente accusati e incarcerati per quell’attentato, non mi è riuscito ancora di trovare una canzone dedicata a quei 21 che morirono mentre si bevevano tranquilli una pinta …
Hugh Callaghan, Paddy Hill, Gerry Hunter, Johnny Walker
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/13 - 08:54
Video!

Non importa

2008
Domani
Non importa che tu sia di destra o di sinistra
(Continues)
Contributed by Sally Rose. 2010/5/12 - 23:00

Têtes de peintres

Têtes de peintres

Canzone de langue française – Têtes de peintres Marco Valdo M.I. – 2010

Une nouvelle canzone, Lucien l'âne mon ami. Tu vois, je recommence à écrire... Après Dachau Express et ensuite, le Cycle du Cahier Ligné, j'étais comme vidé, tari. Plus rien ne bougeait. J'étais un bout de bois stérile en train de se dessécher... J'avais évidemment repris les traductions et je n'avais jamais vraiment abandonné les rendez-vous avec toi. Presque chaque jour, comme il se doit. Une sorte de désert post-partum. Et les jours passaient. Et puis, j'ai fait cette canzone sur les têtes de peintres. En fait, elle s'est imposée d'elle-même.

Une canzone sur les peintres ? Sur les têtes de peintres ? Que vas-tu imaginer là, Marco Valdo M.I. mon ami ?, dit Lucien l'âne en dressant ses oreilles tout effilées en points d'exclamation. Une canzone qui s'impose d'elle-même... Qu'est-ce que çà peut... (Continues)
La peinture est le langage des peintres
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2010/5/12 - 20:54

Romeo and Juliet in Sarajevo

Romeo, has your star set
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/12 - 13:54
Song Itineraries: Balkan Wars of the 90's
Video!

Right Will Conquer Might

[1974?]
Album "Winds Are Singing Freedom & Love"
Testo trovato su MySongBook
Right will conquer might
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/12 - 13:00
Video!

The Revolution's Here

[1990]
Album "Snapshot"
Testo trovato su MySongBook
As long as the mushroom clouds don't rise
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/12 - 12:45

The Recruiting Service Drum

[1978]
Album “Burn the Witch”
Testo del poeta scozzese Robert Tannahill (1774-1810), trovato su The Balladeers

Robert Tannahill è stato un poeta e musicista contemporaneo di Robert Burns ma non altrettanto famoso, anche perché distrusse gran parte della sua produzione prima di suicidarsi, nel 1810. Probabilmente Tannahill era inadatto alla vita in una società come quella scozzese dell’epoca, tutta fondata su contrapposizioni violente (Stuart vs. Orange, cattolici contro protestanti,…) e con una cultura impregnata di militarismo, marzialità e culto degli eroi. Nel 1809 scrisse ad un suo amico integratosi nella milizia del Renfrewshire: “Non vedo la fine di questo sistema di guerra”… Forse proprio per questo non trovò di meglio che porre fine alla propria esistenza gettandosi nel Paisley Canal.
I hate the drums discordant sound,
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/12 - 11:35




hosted by inventati.org