Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2008-9-11

Remove all filters
Video!

Il boia

Ascoltabile nella pagina MySpace dell'autore
Nero, nero, nero
(Continues)
Contributed by adriana 2008/9/11 - 15:27
Video!

Armenians

Great song! Great band!
Shavarsh Malakyan 2008/9/11 - 14:10
Downloadable!

Somewhere in America

Album Self-titled (2003)
Somewhere in America this entire war began
(Continues)
Contributed by giorgio 2008/9/11 - 09:06
Downloadable!

I Don't Wanna Go to No War!

Album: Self-titled (2003).
It's the same old America the one you knew before
(Continues)
Contributed by giorgio 2008/9/11 - 08:43
Video!

Does Anybody Know I'm Here?

Una disperata canzone d'amore che dà il titolo alla raccolta, edita dall'americana Ace Records, "Does Anybody Know I'm Here? - Vietnam Through The Eyes Of Black America, 1962-1972"
Alone and far away from home
(Continues)
Contributed by Alessandro 2008/9/10 - 21:21

Daou soner Landevant

Anonymous
[ca. 1914?]
Testo / Testenn / Paroles : Anonimo / Dizanv / Anonyme
Musica: "The Minstrel's Boy"
(Canzone popolare irlandese / Son folk iwerzhonat / Chanson populaire irlandaise)

La canzone fu pubblicata nel 1936 nelle “20 chansons populaires” del repertorio di Taldir, vale a dire François Jouffrenou, il “Bardo bretone” dell'inizio del XX secolo. Durante la I guerra mondiale, un padre e suo figlio, di Landévant (nel Morbihan) sono entrambi musicisti: uno suona il binioù (la cornamusa bretone) e l'altro la bombarda. Inviati in guerra nello stesso reggimento, durante un assalto rimangono entrambi uccisi dello stesso colpo di obice; vengono quindi sotterrati tutti e due coi loro strumenti.
Il bardo Taldir fornì la seguente nota storica: “Nel 1900, il 48° Reggimento di Fanteria di Guingamp, sotto il comando del col. Vermeil de Conchard e del cap. Miche de Malleray, fu dotato di sei bombarde... (Continues)
En Europ eo krog ar brezel
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2008/9/10 - 17:56
Song Itineraries: World War I (1914-1918)
Downloadable! Video!

L'unica superstite

"Volevo soltanto venire a cercare degli accordi di questa canzone, il testo me lo sono tutto trovato ascoltandola e scrivendo...beh, già che sono qui...questa è la versione che ho sentito dal vivo...da brividi!!!! [Ferio]
L'UNICA SUPERSTITE
(Continues)
Contributed by Ferio 2008/9/9 - 17:16
Downloadable! Video!

Into The Fire

sono d'accordo con la spiegazione.Però nel ritornello (may your strenght give us strenght) vedo anche un collegamento con i vecchi spiritual in cui si cantava parlando direttamente con Dio. Non so. Voi che ne pensate?
ambra 2008/9/9 - 13:31
Video!

Ignazio Jouer

Ebbravo Ignazio Jouer che celebra i fascisti di Salò "chedifeserolapatria"!

Già, i legionari della "Nembo" che insieme agli occupanti tedeschi, nel febbraio del 1944, a Nettuno, si opposero inutilmente all'avanzata delle truppe anglo-americane...

Ma quale "difesadellapatria"?!?

Quattro fascisti assassini che scelsero di stare con Hitler, mentre in mezza Europa decine di migliaia di giovani imbracciavano le armi contro i nazifascisti!!!

'fanculo La Russa!
Tu e tutti i tuoi camerati del governo siete i fascisti di merda di sempre!
Alessandro 2008/9/9 - 08:51
Video!

El martes me fusilan

"Valentín de la sierra" de Antonio Aguilar. Otra canción de la guerra cristera.
AMADO SANDOVAL ARENAS 2008/9/8 - 22:18
The lyrics to the deeply moving Kabylian version of Bella Ciao, composed by Ferhat Mehenni for his son Ameziane, murdered in 2004, have been long unavailable. We can now give the lyrics, followed by an Italian translation.
Riccardo Venturi 2008/9/8 - 16:25
Downloadable! Video!

Bella Ciao

Anonymous
9. A yemma a kem-ǧǧeɣ ("Farewell, Mom"): Ferhat Mehenni's "Bella Ciao" in Kabylian/Berberian - Italian version

La versione italiana della "Bella ciao" in cabilo dedicata da Ferhat Mehenni al figlio assassinato. E' opera anch'essa di Vermondo Brugnatelli. [RV]
Una mattina mi son svegliato
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2008/9/8 - 16:16
Downloadable! Video!

Qualcosa in cui credere ancora

On me pardonnera la licence poétique de l'encor.
Cela dit, la question posée par Savona en 1972 est toujours pendante.
On peut toujours croire au grain de sable... Aucune machine, aucun système ne résite à un grain de sable; a fortiori, à des milliers, à des millions, à des milliards...
Ainsi parlait Marco Valdo M.I.
QUELQUE CHOSE EN QUOI CROIRE ENCOR
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2008/9/8 - 11:56
Video!

Cara Democrazia

(2006)
Con santa pazienza ho dovuto aspettare
(Continues)
Contributed by giorgio 2008/9/7 - 20:48
Video!

Su in collina

Francesco sei immenso!
f. 2008/9/7 - 19:31
Video!

En verité

La canzone "En verité" è tratta dall'album "En famille" del 2004. Affronta, senza troppi eufemismi, il tema attualissimo dell'uso della menzogna e della religione per condizionare l'opinione pubblica e giustificare l'utilizzo delle armi.
La vérité se cache (croix de bois, croix de fer)
(Continues)
Contributed by Francesco 2008/9/7 - 18:39
Video!

Giornali Femminili

1964
Leggendo certi giornali femminili
(Continues)
Contributed by giorgio 2008/9/7 - 11:58
Video!

Mio padre è morto a 18 anni partigiano

Chanson romaine (italienne) – Mio padre è morto a 18 anni partigiano – Gigi Proietti (un poème de Roberto Lerici).

Quand Gigi la récite, il en chante seulement deux vers, presque à la fin; il y a une musique de fond. Il n'est pas nécessaire de recourir à des « extras » pour cette extraordinaire chose écrite par le directeur de "Nell'anno del signore", sur laquelle nous ne voulons rien ajouter d'autre... (dit le staff)
Mais, dit Marco Valdo M.I., moi, à cette extraordinaire et stupéfiante (in italiano, commovente) chanson poétique ou ce poème venu de l'au-delà des mots, je veux ajouter quelque chose. C'est ceci, exactement ceci : à peine je l'ai lue; dans la foulée, comme si son père m'avait fait une passe, j'ai prolongé son effort, je l'ai traduite d'un coup, sans désemparer. J'en suis encore tout secoué, comme si la terre s'était mise à trembler. J'ai tout laissé là et j'ai traduit.
Pour... (Continues)
MON PÈRE EST MORT A 18 ANS PARTISAN
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2008/9/6 - 16:38
Video!

Piazza Alimonda

Ci passavo spesso per Piazza Alimonda.
E' una piazza sonnacchiosa, tranquilla, un po' trascurata. Hanno già dimenticato cosa è successo. Eppure dovremmo ricordare i nostri errori per non commetterli più.
(Laura)

Ci sono passato anche io di recente, esattamente il 20 luglio scorso. Almeno le 5000 persone che c'erano no, non hanno dimenticato. Per il resto credo che tu abbia, purtroppo, ragione. Non una traccia che ricordi quel che si è svolto in quella piazza, "piazza Carlo Giuliani" esiste solo nel ricordo di chi non vuole dimenticare. Non c'è nemmeno più il ciuffo di salvia splendens, se per questo. Rimosso anche quello. C'è un bar dove non sanno cosa sia la tequila, provare per credere. Saluti piuttosto amari da [RV].
2008/9/6 - 16:17
Downloadable!

It's Bigger Than a War

Album: Iraq Songs of Life and Death (2003)

Partially based on the riff of Banned from the Roxy by CRASS.
It's bigger than a war that's to say the least
(Continues)
Contributed by giorgio 2008/9/6 - 12:53
Downloadable!

Call To Arms

Album: Iraq Songs of Life and Death (2003)

A teenage liberation manifesto...
It's night time in Baghdad
(Continues)
Contributed by giorgio 2008/9/6 - 12:21
Downloadable!

Counting The Dead

Album: Iraq- Songs of Life and Death (2003).

In memory of Jim Rogers
Don't be afraid to cry
(Continues)
Contributed by giorgio 2008/9/6 - 12:00
Downloadable!

Until All Their Power's Gone

Album Iraq: Songs of Life and Death (2003).
From Quebec to Argentina
(Continues)
Contributed by giorgio 2008/9/6 - 11:47

Always At War

SEMPRE IN GUERRA
(Continues)
Contributed by Kiocciolina 2008/9/5 - 22:19

Dante Di Nanni

Je veux chanter une histoire peut-être oubliée ou ignorée : L'histoire de Dante Di Nanni, le partisan.

Chanson italienne – Dante di Nanni – Marco Chiavistrelli
Version française - Dante di Nanni – Marco Valdo M.I. – 2008
DANTE DI NANNI
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2008/9/5 - 21:32
Downloadable!

Free The Dove

Karie Hillery & Charles Lamont
LIBERATE LA COLOMBA
(Continues)
Contributed by Kiocciolina 2008/9/5 - 20:39
Video!

Uh mammà

Trovata su forumemoria in un thread dedicato alle canzoni contro la guerra. Ancora il 28 agosto 2008, cioè pochi giorni fa, l'autore del post, tale Guimug, afferma che "A voler fare un elenco delle canzoni contro la guerra ci sarebe abbastanza materiale da riempire un magazzino"; evidentemente non sa che il "magazzino" esiste già :-) Ma proseguiamo con le sue parole di presentazione di questa canzone: "al di là dei classici immortali targati Dylan o della più casalinga "C'era un ragazzo", voglio ricordare un pezzo che anche se presenta un'orecchiabilità quasi irriverente per un tema così delicato in realtà è molto significativo.
Di un certo Mimmo Cavallo (quello di "Siamo meridionali"), parla del classico problema del paese liberato che si chiede chi lo libererà dai liberatori (e noi italici ne sappiamo qualcosa)." [CCG/AWS Staff]
Stanno già arrivando, uh mammà!
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2008/9/5 - 20:06
Video!

The End

Vorrei aggiungere che, viste le note manie di sfidare la morte da parte di jim morrison, il significato di the and my only friend, tra le righe secondo me potrebbe essere inteso come la mia unica amica e la fine, tra l'altro una cosa del genere viene citata anche nel film verso la fine e la canzone in origine era composta solo dai primi 3 o 4 pezzi tutto il resto non c'era. in oltre jim diceva che da bambino aveva sognato o visto in una visione, non ricordo, la sua morte. quindi il mio ragionamento potrebbe non fare una piega. se qualcuno volesse discuterne mi farebbe molto piacere.
michael 2008/9/5 - 06:21
Video!

Last Night Another Soldier

LA SCORSA NOTTE UN ALTRO SOLDATO
(Continues)
Contributed by Kiocciolina 2008/9/4 - 22:41

Les lanternes libérales

Le libéral croit, veut croire et surtout, veut faire croire que le régime libéral est démocratique. Dans la réalité quotidienne et historique, il ne l'est assurément pas. Un régime démocratique, c'est-à-dire populaire, ne pourrait tolérer longtemps de telles inégalités, un tel déséquilibre dans la répartition des subsistances, une telle exploitation, une telle arrogance des riches face aux pauvres, une telle immoralité sociale. Mais il est en train de s'autodétruire en détruisant la société, en détruisant la planète.
L'humoriste – juif, il s'appelait André Isaac et résistant, il s'appelait Pierre Dac racontait l'histoire du monsieur qui prend sa vessie pour une lanterne et qui, bien évidemment, quand il l'allume, se brûle. Une plaisanterie fondée sur l'expression française : « prendre une vessie pour une lanterne » qui veut dire : se tromper, se mettre le doigt dans l'œil, se gourer...
En... (Continues)
Ne rien perdre, ne rien donner.
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2008/9/4 - 22:14

Collateral Damage in Kosovo

DANNO COLLATERALE IN KOSOVO
(Continues)
Contributed by Kiocciolina 2008/9/4 - 20:10

Friðarsöngur

Esperantigis Nicola Ruggiero.
PACA KANTO
(Continues)
Contributed by Nicola Ruggiero 2008/9/4 - 19:29




hosted by inventati.org