Lingua   

Un giovedì

Francesca Amati
Lingue: Italiano, Inglese



Ti può interessare anche...

La città di carta
(Giacomo Scudellari)
דאָרטן דאָרטן איבערן װאסערל
(anonimo)
La strada del marmo
(Marco Del Giudice)



2020
Canzoni sul Senio
senio

1945-2020: 75° anniversario della Liberazione

Canzoni sul Senio è un disco che nasce sugli argini del fiume e parla di quando la guerra qui si fermò. È dedicato a tutti coloro che non possono più ascoltare le storie dai diretti testimoni degli eventi del fronte.
primolacotignola.it


Sull'argine - Enrico Farnedi
Un giovedì - Francesca Amati
La città di carta - Giacomo Scudellari
A cuore freddo - Mara Luzietti
Il ponte Bailey - Vittorio Bonetti
Regali mai scartati - Eloisa Atti
Per sempre amanti - Riccardo Lolli
Terra di nessuno - Moder & Francesco Giampaoli
Caduti di Alfonsine - Giacomo Toni
Ai martiri del Senio (Esiste libertà senza memoria?) - Gianni Parmiani


il libretto con i testi



"Rosalia Fantoni mi ha subito affascinata per la sua voglia di comunicare in forma poetica. Il ricordo d'infanzia con il quale esordisce nel suo libro "Fiordalisi e Papaveri" è stata l'immagine che mi ha permesso di raccontare la sua storia. "Un giovedì" è il racconto di un giorno da tenere in mente per riuscire a trasformare il dolore in qualcosa di vitale e poetico". (Francesca Amati)

fiordalisi

straginazifasciste.it
Pensavo che non partissi mai
Pensavo di non perderti mai

You’re a fine man
With your red striped shirt
Not enough not enough for cold
Not enough not enough for cold

My mother took us there
On the top of tha triver bank
I figured you were that man
I figured you were that man

Sei un uomo gentile
Con la tua maglietta a righe rosse
Che poco ti ripara dal freddo
Che poco ti ripara dal freddo
Mia madre ci portò là In cima alla collina
Ho pensato fossi lui
Ho pensato fossi lui
I learnt your face before it left my eyes
I learnt your face before it left my eyes

That day was a day like that
The sky from blue became grey
Unchangeable, unchangeable

Ho imparato la tua faccia prima che lasciasse i miei occhi
Quel giorno era così
L’azzurro del cielo sarebbe cambiato in grigio, immutabile grigio

That day, that day I began my life
With a gallows, with a gallows
They left them hanged for 3 long days
To wear out women’s tears
To wear out women’s tears

Quel giorno la mia vita è iniziata,
Con una forca
Li hanno lasciati appesi per tre lunghi giorni
Per far consumare le lacrime alle donne

They weren’t resigned for the inevitable fate
But proud and brave in front of death

Non c’era rassegnazione di un destino inevitabile
Ma coraggio e fierezza
Di chi non teme la morte

That day, that day I began my life
With a gallows, with a gallows.

inviata da Dq82 - 28/8/2021 - 18:31



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org