Lingua   

Tavola ansaldina

Francesco Currà
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Quanto dura il mio minuto?
(Francesco Currà)
L'accalappiacani, il governatore, etc. etc.
(Francesco Currà)
Non mi parlare di rivoluzioni
(Francesco Currà)


Amuri miu, vulere aviri l'ali
E gghiri in volu alla tua masseria
Mo pigghiu a tia l'aratru di li manu
E dirti: "Va' riposa, amuri miu"
Ca iu cu l'ali mia ti fazzu umbra
A l'umbra ti ci fai n'amatu suonnu
E tu, amu', ti risvigghi quannu è l'ura
C'iavrò in corpu un tremuri d'amuri e d'ali

Ieri ho sognato il martire ansaldino
Mi disse: "Non chiesi io di figurare
Su questa fredda lapide di marmo
Mi ci costrinse un colpo di mitraglia
O gli angoli di taglio delle lame
Oggi non chiedo di scoppiar qui dentro
Mi ci costringe il capo opportunista
E in più pretende d'alitarmi in faccia
La sua scostumatezza di pensiero
Oh com'è verità che il pescatore
E il verme, rosso o nero non importa
Tramano insieme per fregare il pesce"

Nella navata, tre santoni che hanno
Professionalità stacanovista
Umiliano un ragazzo appena assunto:
Non è riuscito a fare la giornata
Ed ha ammazzato circa dieci pezzi
Non tollero il sopruso e intervengo:
"Se ne sapesse quanto voi sarebbe
Lui un genio e voi degli imbecilli"
Guardali bene in faccia i compagnoni
Non guardie rosse, ma guardiani rossi

inviata da Alberto Scotti - 21/9/2020 - 01:22



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org