Lingua   

Napule nun t’ ‘o scurdà’

Sergio Bruni
Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Yes Weekend
(99 Posse)
Nebbia bassa
(Falce e Vinello (FEV))
Aizàmm' na mana
(Enzo Avitabile)


1976
Napule nun t’ ‘o scurdà’

testo di Salvatore Palomba
napule

Le quattro giornate di Napoli furono un episodio storico di insurrezione popolare avvenuto nel corso della seconda guerra mondiale, tra il 27 ed il 30 settembre 1943. Nel corso dell'insurrezione i civili, con l'apporto di militari fedeli al Regno del Sud, riuscirono a liberare la città di Napoli dall'occupazione delle forze della Wehrmacht, coadiuvate da gruppi di fascisti locali.

L'avvenimento, che valse alla città il conferimento della medaglia d'oro al valor militare, consentì alle forze Alleate di trovare al loro arrivo, il 1º ottobre 1943, una città già libera dall'occupazione tedesca, grazie al coraggio e all'eroismo dei suoi abitanti ormai esasperati e allo stremo per i lunghi anni di guerra. Napoli fu la prima, tra le grandi città europee, ad insorgere, e con successo, contro l'occupazione tedesca
O vintotto ‘e settembre d’ ‘o quarantrè
Se tignettere ‘e russe ‘e giesummine
For’ ‘e barcune ‘e Materdei.
Uommene, femmene, viecchie,
guagliune ca sapevane ‘a storia malamente
e guagliune ca nun sapevane niente
sapettere ‘o stesse chelle c’ avevano ‘a fà’

Napule nun t’ ‘o scurdà’


Ma qua chitarra e manduline?
O vintotto ‘e settembre d’ ‘o quarantrè
P’ ‘o Vommero e Pusilleco
P’ ‘e Funtanelle e ‘o Ponte ‘a Sanità
ll’accumpagnamento ‘o faceva ‘a mitraglia
e ‘o scugnizze cantave:
“ Jatevenne,
fetiente, carugnune. Jatevenne!
Strillave
Curreve
Sparave,
e mureva.


Mureva, senza sapè , p’’a libertà,
libertà senza discorse cumizie e bandiere
bisogne ‘e libertà d’ ‘a pecura e d’ ’o lupe,
bisogne ‘e libertà ‘e ll’omme
ca nun s’era avvelenate ancora
ca ‘na muntagna ‘e parole,
semplicemente libertà.

Napule nun t’ ‘o scurdà

O vintotto ‘e settembre d’ ‘o quarantrè
‘o popele napultitane cumbatteve
Pe’ cancellà cient’anne
‘e lazzarune e lazzaronate
Francisciello e francischellate,
vermicielle,
tarantelle,
Pulicenella e Culumbrina,
festa forca e farina
e tutte ‘sti cazzate
ca ll’avevane ‘nguajate.
‘o popole napultitane cumbatteve e mureva
Pe’ scrivere ‘nt’ ‘a storia finalmente
Quatte pagine tutte c’ ‘o stesse nomme:
- " Dignità "….

Napule nun t’ ‘o scurdà.

inviata da Dq82 - 20/1/2020 - 14:19



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org