Lingua   

Tammurriata nera

E.A. Mario


Lingua: Napoletano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Vite perdite
(Daniele Sepe)
Priggiuniero 'e guerra
(E.A. Mario)
Ninna nanna senza nome
(Gianni Lamagna)


[1945]
Testo di Edoardo Nicolardi
Musica di E.A. Mario
Neapolitan Lyrics by Edoardo Nicolardi
Music by E. A. Mario


tmn




E. A. Mario.
E. A. Mario.
Nel 1945 Edoardo Nicolardi è dirigente amministrativo di un ospedale di Napoli. Nel reparto maternità succede un fatto "strano": a una ragazza napoletana nasce un bambino dalla pelle nera. Qualcuno cerca delle scuse: forse c'è qualcosa che la scienza non sa spiegare? La realtà è invece chiara. L'anno prima erano entrati a Napoli i soldati americani e fra loro molti uomini di colore: da allora i casi di bambini nati con la pelle nera erano diventati frequenti. Edoardo Nicolardi (che ha già scritto i testi di canzoni napoletane di un certo successo, fra cui la celebre Voce 'e notte del 1904) va a casa e scrive il testo di Tammurriata nera.
Edoardo Nicolardi.
Edoardo Nicolardi.
Il suo consuocero E.A. Mario, celeberrimo musicista (autore fra l'altro della Leggenda del Piave, il più famoso canto storico della Prima guerra mondiale), la mette immediatamente in musica e nasce una canzone ironica e delicata, fra le più belle e trascinanti della storia della canzone napoletana. La canzone diventa forse la migliore testimonianza delle condizioni di vita nella Napoli dell'immediato dopoguerra, ed in tutte le città italiane dove la vita lentamente ricomincia.

Facente parte del repertorio del grande Renato Carosone, Tammuriata nera è stata poi ripresa e rilanciata negli anni Settanta dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare, che ha diffuso questa canzone in tutta Italia e ne ha decretato il grande successo nazionale. Recentemente ne ha fornito una trascinante versione anche un altro sommo napoletano, ed anche un grande amico del nostro sito: Daniele Sepe. A voler sottolineare, secondo le sue stesse parole, la "materia prima" di questa canzone, Peppe Barra la canta usualmente assieme ad una sua impressionante canzone scritta assieme a Dario Jacobelli: Guerra. Le presentiamo qui assieme nei video.[RV]
Io nun capisco 'e vvote che succere
e chello ca se vere nun se crere.
E' nato nu criaturo, è nato niro,
e 'a mamma 'o chiamma gGiro,
sissignore, 'o chiamma gGiro.

Seh, vota e gira, seh
seh, gira e vota, seh
ca tu 'o chiamme Ciccio o 'Ntuono,
ca tu 'o chiamme Peppe o gGiro,
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a cche...

S''o contano 'e cummare chist'affare
sti cose nun so' rare se ne vedono a migliare.
'E vvote basta sulo 'na 'uardata,
e 'a femmena è rimasta sott''a botta 'mpressiunata.

Seh, 'na 'uardata, seh
seh, 'na 'mprissione, seh
va truvanno mò chi è stato,
c'ha cugliuto buono 'o tiro
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a cche...

E dice 'o parulano, Embè parlammo,
pecché si raggiunammo chistu fatto ce 'o spiegammo.
Addò pastin' 'o grano, 'o grano cresce
riesce o nun riesce, semp'è grano chello ch'esce.

Meh, dillo a mamma, meh
meh, dillo pure a me
conta 'o fatto comm'è ghiuto
Ciccio, 'Ntuono, Peppe, gGiro
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a che...

Seh 'na 'uardata seh
seh 'na 'mprissione seh
và truvanno mò chi è stato
c'ha cugliuto buono 'o tiro
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a cche...

'E signurine 'e Caporichino
fanno ammore cu 'e marrucchine,
'e marrucchine se vottano 'e lanze,
e 'e signurine cu 'e panze annanze.

American espresso,
ramme 'o dollaro ca vaco 'e pressa
sinò vene 'a pulisse,
mette 'e mmane addò vò isse.

Aieressera a piazza Dante
'o stommaco mio era vacante,
si nun era p''o contrabbando,
ì' mò già stevo 'o campusanto.

E levate 'a pistuldà
uè e levate 'a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate 'a pistuldà.

'E signurine napulitane
fanno 'e figlie cu 'e 'mericane,
nce verimme ogge o dimane
mmiezo Porta Capuana.

Sigarette papà
caramelle mammà,
biscuit bambino
dduie dollare 'e signurine.

A Cuncetta e a Nanninella
'e piacevan'e caramelle,
mò se presentano pe' zitelle
e vann'a fernì 'ncopp'e burdelle.

E Ciurcillo 'o viecchio pazzo
s''è arrubbato 'e matarazze
e ll'America pe' dispietto
ce ha sceppato 'e pile 'a pietto.

Aieressera magnai pellecchie
'e capille 'ncopp''e recchie
e capille e capille
e 'o recotto 'e camumilla...
'O recotto,'o recotto
e 'a fresella cu 'a carna cotta,
'a fresella 'a fresella
e zì moneco ten''a zella.
tene ‘a zella ‘nnanze e arreto
uffa uffa e comme fete
e lle fete e cane muorto
uè pe ll’anema e chillemmuorto.

E levate 'a pistuldà
uè e levate 'a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate 'a pistuldà.

inviata da Riccardo Venturi - 22/11/2004 - 01:42




Lingua: Italiano

Testo italiano.
E' stata tentata una traduzione anche della parte finale della canzone, forse il primo tentativo del genere reperibile in rete (abbiamo veramente cercato in ogni dove senza ottenere alcun risultato). Ma un tentativo di traduzione completa è assolutamente imprescindibile se si vuole rendere la vera atmosfera della canzone e, soprattutto, il background della Napoli dell'immediato dopoguerra (e la sua fame: una strofa la rende senz'altro "gemella" di Fagioli 'olle 'otenne).

La traduzione, eseguita da un non napoletano, è ovviamente lacunosa e può senz'altro essere scorretta o mal compresa in diversi punti; a tale riguardo facciamo appello a tutte le amiche ed amici di Napoli che leggano o frequentino il nostro sito di volerci dare una mano. Ricordo che con il nome di tammurriata si indica la canzone accompagnata dal ritmo incessante e incalzante della tammorra, il tipico tamburo napoletano. [RV]

Si vedano le NOTE ALLA TRADUZIONE.


tamm
TAMMURRIATA ("tamburellata") NERA

Io non capisco a volte che succede,
che quello che si vede non si crede!
è nato un bambino, è nato nero
e la mamma lo chiama Ciro,
sissignore, lo chiama Ciro!

Rigirala come ti pare, seh,
Rigirala come ti pare, seh
che tu lo chiami Ciccio o Antonio
che tu lo chiami Peppe o Ciro
il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

Ne parlano le donne di quest'affare:
"Questi fatti non sono rari se ne vedono a migliaia!
A volte basta solo una guardata
e la femmina è rimasta impressionata per il colpo!"

Seh, una guardata, seh
seh una impressione seh
vai a trovarlo adesso chi è stato
che ha fatto il tiro buono
il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

Dice il contadino: "Su, parliamo,
perché se ragioniamo questo fatto ce lo spieghiamo!
Dove si semina il grano, il grano cresce,
riesce o non riesce sempre è grano quello che esce."

Meh, dillo a mamma, meh
meh, dillo pure a me
che tu lo chiami Ciccio o Antonio
che tu lo chiami Peppe o Ciro
il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

Seh, una guardata, seh
seh una impressione seh
vai a trovarlo adesso chi è stato
che ha fatto il tiro buono
il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

Le ragazze di Capodichino
fanno l’amore coi marocchini,
i marocchini si buttano lancia in resta
le ragazze restano incinte (“con la pancia in avanti”).

American Express,
dammi il dollaro ché vado di fretta,
che sennò viene la Police
e fa quello che vuole lei.

Ieri sera in piazza Dante
avevo la pancia vuota,
non ci fosse stato il contrabbando
sarei già andato al camposanto.

Lay that pistol down, babe,
Lay that pistol down.
Pistol packin’ mama,
Lay that pistol down.
1

Le ragazze napoletane
fanno figli con gli americani,
ci vediamo oggi e domani
a Porta Capuana.

Le sigarette per il babà 2
le caramelle per mammà,
il biscuit per il bambino
e due dollari per le segnorine. 3

A Concetta e a Nanninella
gli piacevan le caramelle,
ora si presentan come zitelle,
e vanno a finire nei bordelli.

E Churchill, quel vecchio pazzo
si è rubato i materassi,
e l’America, per dispetto
gli ha fregato i peli dal petto.

Ieri sera mangiavo bucce
coi capelli sulle orecchie,
i capelli, i capelli
il decotto di camomilla,
il decotto, il decotto
e la frisella con la carne cotta
la frisella, la frisella,
e zi’ frate ci ha la rogna,
ci ha la rogna di dietro e davanti,
uffà, uffà come puzza,
gli puzza di cane morto,
all’anima de li mortacci sùi.

Lay that pistol down, babe,
Lay that pistol down.
Pistol packin’ mama,
Lay that pistol down.
NOTE ALLA TRADUZIONE

La Nuova Compagnia di Canto Popolare.
La Nuova Compagnia di Canto Popolare.


Su parulano (e non parularo) che significa contadino si veda la precisazione di Fabio Soriano, che ringraziamo.

[1] "E llevate ‘a pistuddà": il termine deriva da una contrazione napoletanizzata della frase "let the pistol down" (abbassate le armi, riferita agli americani).
[prima spiegazione fornita da Massimiliano e a Serena, cui rinnoviamo i ringraziamenti]

Successivamente, Diego Magnani ha fornito la spiegazione completa:

"Ecco il testo esatto della misteriosa strofa:

E levate a pistulda'
Uhbe' e levate a pistulda'
E pisti pakin mama
E levate a pistulda'

Si tratta della napoletanizzazione del ritornello della canzone PISTOL PACKIN’ MAMA di Al Dexter (al vertice delle classifiche USA il 30 Ottobre 1943 e la cui versione più famosa è cantata da Bing Crosby assieme alle Andrews Sisters), probabilmente molto popolare tra i soldati americani giunti a liberare Napoli. Il testo originale inglese era infatti:

Lay that pistol down, babe,
Lay that pistol down.
Pistol packin’ mama,
Lay that pistol down.


[2] Abbiamo qui lasciato “babà” per “papà” per conservare l’imitazione della “pronuncia del negro”.

[3] Ricordiamo che le cosiddette “segnorine” erano le ragazze che, nell’Italia del dopoguerra, si prostituivano ai soldati alleati per pochi soldi, un fenomeno tipico non solo del dopoguerra italiano, ma di tutti i dopoguerra della storia, periodi di fame nera.

22/11/2004 - 01:46




Lingua: Italiano

La versione italiana alternativa di Willy Bruschi (napoletano), che ringraziamo.

Spero di esservi stato utile.
Ho lasciato Napoli un'anno fa... e mi fa male sentir parlare male di lei. Sono nato e cresciuto all'ombra del Vesuvio e spero che mi possiate capire. Stateve buone ! [Willy]

Ovviamente ci sei stato utilissimo, non utile. Come ho preannunciato, ho intenzione di "scannerizzare" al massimo grado la canzone napoletana per questo sito, anche nelle sue fasi più antiche (cosa che del resto è stata già a volte fatta). Grazie ancora! [RV]
TAMMURRIATA NERA

Io non capisco, a volte cosa succede…
E quello che si vede,
non si crede! Non si crede!
E' nato un bambino nero, nero…
e la mamma lo chiama Ciro,
sissignore, lo chiama Ciro…

Séh! gira e volta, séh...Séh! volta e gira, séh...
Sia che tu lo chiami Francesco o Gaetano,
sia che lo chiami Giuseppe o Ciro,
quello, il fatto, è nero, nero,
nero, nero, non so come!

Lo raccontano le comari questo fatto:
"Queste cose non sono rare,
se ne vedono a migliaia!
A volte basta solo una guardata,
e la donna è rimasta,
dal fatto, impressionata…"

Séh! una guardata, séh...
Séh! una impressione, séh...
Chi sa chi è stato
che ha fatto centro:
quello il fatto, è nero, nero,
nero, nero, non so come!

Ha detto il contadino: "Ebbene, parliamo,
perché, se ragioniamo,
questo fatto ce lo spieghiamo!
Dove semino il grano, il grano cresce…
va bene o non va bene,
sempre grano è quello che esce!"

Mé', dillo a mamma, mé'...
Mé', dillo pure a me...
Sia che tu lo chiami Francesco o Gaetano,
sia che lo chiami Giuseppe o Ciro,
quello, il fatto, è nero, nero,
nero, nero, non so come!

Le signorine di Capodichino
fanno l'amore con i marocchini
i marocchini se ne approfittano
e le signorine con la pancia d'avanti

American espresso,
dammi il dollaro che ho fretta
sennò viene la polizia,
mette le mani dove vuole lui

Ierisera a piazza Dante
il mio stomaco era vagante
se non era per il contrabbando
gia' stavo al camposanto

E levate 'a pistuldà
uè e levate 'a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate 'a pistuldà

Le signorine napoletane
fanno i figli con gli americani
noi ci vediamo oggi e domani
in mezzo a Porta Capuana

Sigarette papà
caramelle mammà,
biscuit bambino
dduie dollare 'e signurine.

A Concetta e Nanninella
piacevano le caramelle
mo si fanno passare per zitelle
e fanno a finire nei bordelli

E Circillo (=Churchill) il vecchio pazzo
si e' rubato il materasso
e l'America per dispetto
gli ha scippato i peli dal petto

Ierisera mangiai pellecchie
i capelli sopra le orecchie
i capelli i capelli
e il decotto di camomilla
Il decotto, il decotto
e la fresella con la carne sopra
la fresella, la fresella*
e zio monaco con la testa rapata
ha la testa rapata avanti e indietro
e puzza di cane morto
uh per l'anima come puzza
uh per l'anima quello e' morto

E levate 'a pistuldà
uè e levate 'a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate 'a pistuldà

*Piatto tipico napoletano

inviata da Willy - 28/11/2006 - 19:52


Ho visto due diverse traduzioni del vocabolo parularo presente nella terza strofa. Willy Bruschi ne suggerisce la traduzione in “contadino” mentre più su nella pagina si legge “il vecchio saggio”. Ritengo che la traduzione corretta sia il contadino per un motivo semplicissimo: il vocabolo in questione non è ‘o parularo bensì ‘o parulano che sta indicare colui che viene dalla zona denominata ‘e pparùle (cioè le paludi); si tratta di una zona a ridosso di Napoli (l’attuale Ponticelli) che ancora oggi conserva quella denominazione e dalla quale partivano i venditori di frutta e ortaggi coltivati in quella zona molto fertile e vicina alla città.
Mi permetto di aggiungere che il verso “Dove si semina il grano, il grano cresce, riesce o non riesce
sempre è grano quello che esce” non sia tanto da collegare ad una visione razzista o meno (che mi sento di escludere pienamente dal significato della canzone), si tratta semplicemente di una considerazione - tipicamente napoletana! - molto schietta su ciò con cui esordisce la canzone (Io non capisco a volte che succede), cioè come a dire: inutile stupirsi, se il papà è di colore, il figlio mai bianco potrà uscire!
Un’ultima cosa (sono un musicista appassionato di etnomusicologia e suono io stesso in un gruppo di musica popolare): la tammorra o anche ‘o tammurro (cioè il tamburo) differisce dal tamburello per il fatto di essere di misura e origine diversa. Il tamburello ha un diametro spesso inferiore a quello della tammorra, vi viene tesa una pelle di capretto e l’altezza del telaio (che ospita una sola fila di sonagli) è molto minore rispetto a quella della tammorra. Di contro la tammorra ha un diametro variabile tra 40 e 60 cm, la pelle impiegata è di capra, ha spesso due file di sonagli e l’altezza del telaio è maggiore che nel tamburello; probabilmente questo si spiega col fatto che originariamente le tammorre venivano costruite impiegando dei vecchi setacci in disuso (in dialetto ‘o crivo cioè il crivello, ovvero - appunto - il setaccio)

Grazie per queste precisazioni, che abbiamo già accolto nella traduzione

Fabio Soriano - 30/12/2006 - 12:37




Lingua: Inglese

(US) English Version by Riccardo Venturi
Freiburg, Switzerland, November 26, 2006
BLACK DRUMSONG

Don’t understand what’s happenin’ sometimes
you don’t believe your eyes, nay, you don’t.
A baby’s born and he’s all black,
and his mom calls him Ciro, yeah,
she calls him Ciro!*

You may believe it or not,
You may believe it or not,
you may call him Ciccio or Antonio,
you may call him Peppe or Ciro**
but the baby’s all black, black like don’t know what!

Street gossips keep a-talkin’ ‘bout all this:
“Now, it’s no uncommon case,
you see thousands of ‘em!
An’ sometimes one look is enough
an’ the gal’s left struck, yea, left struck.

Well, one look, that’s fuzz,
well, she’s left struck, oh yeah,
now go find who dun it,
go find who made the good shot,
and the baby’s all black, black like don’t know what!

The ol’ wiseman in the street says “Let’s talk ‘bout it,
cuz if we talk about it,
then we can explain how all this gone.
Corn grows where you sow it,
and when you sow corn, it’s always corn what grows up.”

Yeah, go tell it to mom, yeah,
Yeah, go tell it to me too,
you may call him Ciccio or Antonio,
you may call him Peppe or Ciro
but the baby’s all black, black like don’t know what!

The gals from Capodichino
make love to black soldiers,
the black soldier have their cumshots
and the gals yay they get preggo.

American Express,
get me money an’ hurry up
or the Police will come in
and do what they want.

Yesterday nite in Piazza Dante
I had an empty stomach,
wasn’t it for smuggling,
I’d now be stone dead.

Lay that pistol down, babe,
Lay that pistol down.
Pistol packin’ mama,
Lay that pistol down.


Cigarettes for dad,
Sweets for mom,
Biscuits for the kids
And two dollars for the gal.

Concetta and Nanninella
they liked sweets so much,
now nobody wants to marry ‘em
and they get in whorehouses.

The Neapolitan girls
make babies with Americans,
see you today or tomorrow
at Porta Capuana.

And Churchill, that ol’ fool
stole all mattresses out,
and America to spite him
tore him all hair from his breast.

Yesterday was eatin’ peelings
with my hair on my ears,
my hair, my hair,
a cup of camomile tea,
camomile tea, camomile tea,
and frisella bread with boiled meat,
frisella bread, frisella bread,
and the monk’s gotten the scab,
the scab on ass an’ cock,
goddam what he’s stinkin’, god,
stinkin’ like a dead dog
may he burn in hell!

Lay that pistol down, babe,
Lay that pistol down.
Pistol packin’ mama,
Lay that pistol down.



*/** Typical Neapolitan names.

26/11/2006 - 12:30




Lingua: Francese

Una versione francese parziale dal sito francese dedicato a Daniele Sepe.

Daniele Sepe, tra i più recenti interpreti di Tammurriata Nera.
Daniele Sepe, tra i più recenti interpreti di Tammurriata Nera.



Cette chanson a été écrite après la Seconde Guerre mondiale, lorsqu'à Naples, il y avait beaucoup de soldats américains de couleur qui ont laissé des ... souvenirs aux Napolitaines. Oui, des femmes blanches accouchaient d'enfants noirs.
Je ne comprends pas ce qui se passe et on ne comprend pas ce que l'on voit.
Un enfant est né et il est tout noir, même si sa mère l'appelle Ciro.
Tu as beau dire ce que tu veux, mais l'enfant est tout noir.
Les commères ne parlent que de ça.
Ce n'est pas la première fois que cela arrive.
Parfois, il suffit d'un regard pour qu'une femme tombe amoureuse.
Tu as beau dire ce que tu veux, mais l'enfant est tout noir.
Le curé a dit : "Pas de panique, il suffit de réfléchir, vous verrez qu'on peut tout expliquer.
Là où le blé pousse, même s'il est différent, c'est toujours du blé."

27/1/2005 - 00:13




Lingua: Francese

Nouvelle traduction française de Riccardo Venturi
Florence, 2 octobre 2016

tmnNous sommes en 1945. M. Edoardo Nicolardi est un cadre administratif dans l'hôpital San Loreto a Mare de Naples, quand quelque chose de très étrange se passe à la Maternité: une jeune femme napolitaine a accouché d'un bébé à la peau noire. On cherche des explications: c'est peut-être quelque chose que la science ne saurait pas expliquer? Mais l'explication est très facile: l'année avant Naples avait été occupée par les américains, et parmi les américains il y avait bien des gens de couleur. A partir de ce moment-là, les bébés noirs se multipliquent. Edoardo Nicolardi, qui a déjà écrit des chansons napolitaines parmi lesquelles la célèbre “Voce 'e notte” (Une voix dans la nuit) en 1904, rentre chez soi et écrit immédiatement “Tammurriata nera”, la Tambourade Noire. Son beau-père, E. A. Mario, est un musicien très célèbre; il est l'auteur de la “Légende du Piave”, la plus connue chanson patriotique italienne de la Grande Guerre. Il se met au travail et écrit la musique, et voilà la naissance d'une chanson ironique, sensible et rude en même temps, parmi les plus belles de la tradition napolitaine. La chanson devient le meilleur témoignage des conditions de vie dans l'après-guerre, à Naples et dans toutes les villes italiennes où on recommençait lentement à vivre.
TAMBOURADE NOIRE

Je comprends pas ce qu'y s' passe,
on peut pas croir' à ses yeux, à ses yeux.
Un bébé est né et 'y est tout noir,
et sa maman l'appell' Ciro,
ouais, bien sûr, l'appell' Ciro [1]

T'as beau dire ce que tu veux,
ouais, tout ce que tu veux,
qu'on l'appell' Ciccio ou Antonio,
qu'on l'appell' Peppe ou Ciro,
'y est tout noir, tout noir, noir comme le charbon.

Les commères ne parl'nt que de ça,
C'est pas si rare, on l'voit très souvent.
Parfois il suffit d'un p'tit regard
Pour qu'une femme soit frappée,
Ouais, soit frappée

Un p'tit regard, bien sûr...!
Elle rest' frappée, que oui...!
Va savoir à qui c'est la faute,
Qui a touché si bien la cible,
Mais le bébé est tout noir, noir comme le charbon.

Un homme sage a dit qu'il faut en discuter,
Car tout s'explique bien, il suffit d'y réfléchir.
Là où on sème du blé, le blé pousse
Et c'est toujours du blé, ce n'est pas différent.

Bon!.. va dire ça à ta maman, toi...!
Bon!.. dis-le à moi aussi!
C'est allé comment, alors...?
Ciccio ou Antonio, Peppe ou Ciro,
Mais le bébé est tout noir, noir comme le charbon.

Un p'tit regard, bien sûr...!
Elle rest' frappée, que oui...!
Va savoir à qui c'est la faute,
Qui a touché si bien la cible,
Mais le bébé est tout noir, noir comme le charbon.

Les demoiselles de Capodichino
Baisent avec les ricains,
Les ricains se vident les couilles,
Les demoiselles s'arrondissent.

American Express,
Donne-moi des dollars, dépêche-toi,
Sinon les poulets vont arriver
Et c'est eux qui se dépêchent.

Hier soir en la place Dante
Je m'sentais le ventre creux,
Si on fait pas de la contrebande,
Bien, on nous enterre tous.

Et leï ze pistole daoun',
Leï ze pistole daoun',
Pistol' paquine maman,
Leï ze pistole daoun'. [2]

Les demoiselles napolitaines
Font des bébés avec les ricains,
on s' voit aujourd'hui ou demain
près de la porte Capouane. [3]

Des cigarettes pour papa,
Des bonbons pour maman,
Des friandises pour les enfants,
Deux dollars pour les filles.

Concetta et Nanninella [4]
Aimaient bien les bonbons,
Personne ne voudra plus les épouser,
Ell's vont finir dans un bordel.

Et Tchourtchile, ce vieux salaud,
Volait des matelas,
Et l'Amérique pour l'embêter
Lui a tiré les poils de la poitrine.

Hier soir j'mangeais des épluchures
Avec mes cheveux sur les oreilles,
Mes cheveux, mes cheveux,
Un' tisane de camomille,
La camomille, la camomille,
Du pain dur et du pot-au-feu
Du pain dur en croûtes
Et le curé a attrapé la gale,
Attrapé la gale partout,
Putain, ce qu'il pue...!
Il pue le chien mort,
Que le diable l'emport'...!

Et leï ze pistole daoun',
Leï ze pistole daoun',
Pistol' paquine maman,
Leï ze pistole daoun'.
[1] Prénoms typiques napolitains. On les donne ici dans leur forme normale italienne, mais on les nomme en langue napolitaine dans les paroles originales.

[2] Al Dexter, “Pistol Packin' Mama”, une chanson américaine très connue à ce temps-là et qui était chantée très souvent par les soldats américains. Les paroles originales napolitaines en donnent une version très amusante qu'on a essayé ici de “franciser”.

[3] La porte Capouane (porta Capuana) est une ancienne porte dans le centre de la ville de Naples.

[4] Autres prénoms napolitains typiques (“Nanninella” est un diminutif de Giovanna).

2/10/2016 - 16:18




Lingua: Esperanto

Una versione anonima in Esperanto (quasi completa!) da cinquantini.it, uno dei principali siti esperantisti italiani.

rcs
TAMBURADO NIGRA

Tre malfacile mi decidas
se ion nun mi vidas,
mi ne plu fidas,
mi ne plu fidas

Naskiĝis nigra beb' laŭ onidiro
patrin' lin nomas Ĉiro, jes ja lin nomas Ĉiro

Ho ume sume ho, ho zume ume ho
Nomu lin fraĉjo aŭ miĉjo, nomu lin Joĉjo aŭ Ĉiro
tiu beb' cire nigras, cire nigras, iom tro.

Esploras najbarinoj kun sincero
ĉu vere estis tubero en la afero
ĉar foje sufiĉas nur rigardo
kaj la ino impresiĝas pro hazardo

Ho nur rigardo ho, ho nur impreso ho
Kial serĉi nun la ulon kun la tre sukcesa aliro
tiu beb' cire nigras, cire nigras, iom tro

Kaj dira paroĥestro: per diskuto
certe iĝos klara ŝia konduto
vi ensemas grenon, greno elas
ĝi belas aŭ malbelas sed nur grenon ter' elpelas

Ho diru al panjo ho. Ho diru al panjo ho
nun rakontu la okazon
tiu beb' cire nigras, cire nigras, iom tro

Ho nur rigardo ho, ho nur impreso ho
Kial serĉi nun la ulon kun la tre sukcesa aliro
tiu beb' cire nigras, cire nigras, iom tro

Ho nur rigardo ho, ho nur impreso ho

La fraŭlinoj el ĉi loko
kun soldatoj el Maroko
la soldatoj el boato
la fraŭlinoj he rabato

American Express
dolaroj ne promes'
ĉar venis la "polis'"
tiam "Bonan nokton, ĝis!"

Cigaredoj papa
bombonoj mama
biscuit infano
tie ĉi sur divano

pro soldatoj el Usono
idoj estas el ebono
kaj naskiĝas post sezono.

inviata da Riccardo Venturi - 5/5/2005 - 11:19




Lingua: Portoghese (Português brasileiro)

Versione portoghese brasiliana di Angelo.

Ciao,

Questa è una versione un po' libera, senza rime, e fatta in fretta. La lingua è il portoghese del Brasile, che è diverso dal portoghese europeo e non è un dialetto, così come l'American English non è un dialetto dell'inglese britannico.
Sono brasiliano, figlio di italiani della provincia di Salerno.

Saluti.
TAMBORADA PRETA

Às vezes não entendo o que sucede
e aquilo que se vê não faz sentido
nasceu um moleque, e nasceu preto
e a mãe do garoto o chama Giro
sim senhor, o chama Giro

é... vira e gira, é...
é... gira e vira, é
que tu o chames Ciccio ou Antonio
Que tu o chames Pepe ou Giro
Ele é de fato preto preto, preto preto como o que

Comentam as comadres esse fato
Essas coisas não são raras e se vêem de montão
As vezes basta só uma olhada
E a mulher fica
sob o golpe impressionada

é... uma olhada, é...
é... uma impressão, é...
vá procurando agora quem tenha sido
que acertou bem na mosca
o fato é que ele é preto preto, preto preto como o que

E disse o camponês: vamos papear,
porque raciocinando explicamos esse caso
Onde semeia o trigo, o trigo cresce
De um jeito ou outro é sempre trigo o que aparece

É, diga a mamãe, é...
É, diga também a mim
o que importa é o fato
Ciccio, Antonio, Pepe ou Giro
Aquele de fato é preto preto, preto preto como o que

é... uma olhada, é...
é... uma impressão, é...
Procure agora quem tenha sido
que acertou bem na mosca
o fato é que ele é preto preto, preto preto como o que

As meninas de Capodichino
fazem amor com os marroquinos
os marroquinos atiram as lanças
e as meninas com a pança à frente

American expresso
me dá o dolar que vou com pressa
senão vem a polícia
e mete a mão onde a interessa

Ontem a noite na praça Dante
meu estômago era um despautério
se não fosse o contrabando
eu já estava no cemitério

E levate 'a pistuldà
u
è e levate 'a pistuldà,

pisti pakin mama

e levate 'a pistuldà.
Lay that pistol down, babe,

Lay that pistol down.

Pistol packin’ mama,

Lay that pistol down.


As meninas napolitanas
fazem filhos com os americanos
nos veremos hoje ou amanhã
lá na porta Capuana

Cigarros pro papai
balas pra mamãe
biscoitos pro menino
dois dólares pra menina

A Conceição e a Naninela
gostavam de doces
e agora que são solteiras
vão acabar lá no bordel

E Churchill o velho louco
roubou os colchões
e a América por despeito
arrancou-lhe do peito os pelos

Ontem a noite comi cascas
os cabelos em cima das orelhas
os cabelos, os cabelos
e o chá de camomila
o chá, o chá
e a fresella com carne cozida
a fresella, a fresella
e o tio monge tem a tonsura
a tonsura em frente e atrás
caramba como fede
fede a cachorro morto
ele já bateu as botas

E levate 'a pistuldà

uè e levate 'a pistuldà,

e pisti pakin mama

e levate 'a pistuldà.
Lay that pistol down, babe,

Lay that pistol down.

Pistol packin’ mama,
Lay that pistol down.

inviata da Angelo - 10/2/2009 - 12:12


Io sono napoletano e posso dirti che Tammurriata Nera e 'una delle canzoni partenopee piu' popolari(con O sole mio, o surdat' innamorato etc...). A tratti sembra un po , comprensibilmente, razzista e xenofoba che denuncia uno dei molti disagi dell'occupazione statunitense.

A noi sembra tutt'altro che razzista e xenofoba, specialmente quando dice che un bambino è come grano che cresce, quale che sia il colore della pelle...e mi piace pensare che questa sia una delle più belle cose della napoletanità. Ma il bello delle opinioni è la loro varietà, va da sé. Colgo l'occasione per ricordare un grande musicista napoletano di colore, proprio uno di quei figli "nati neri" di cui si parla in "Tammurriata Nera": il sassofonista James Senese, che ha peraltro collaborato sia con Napoli Centrale che con la NCCP. [RV]

James Senese.
James Senese.

Willy - 27/6/2006 - 15:02


Grande Riccardo, hai dissipato uno dei dubbi più grandi che avevo, ........per la traduzione completa della parte finale?
A proposito io sapevo che con "lu parularo" si identifica un po' il saggio del quartiere che appunto affronta la situazione con la saggezza antica dei proverbi, modi di dire etc. Grazie ancora e stiamo li ad aspettare il resto.

Caro Luigi, spero che tu apprezzi l'...immediato accoglimento della tua richiesta, contando ovviamente anche sulla collaborazione di qualche amico napoletano che dissipi qualche dubbio e integri qualche correzione. A tale riguardo vorrei dire che uno "scanning" completo della canzone napoletana di tutte le epoche è senz'altro tra le cose previste per il prossimo futuro: è una miniera inesauribile. Saluti e grazie! [RV]

Luigi Leone - 19/11/2006 - 19:10


A questo indirizzo ho trovato un'altra traduzione della seconda parte che mi sembra confermare largamente la correttezza della tua traduzione.

Ho anche risistemato il testo originale napoletano (mancavano alcune parti).

Lorenzo - 27/11/2006 - 11:38


Ho appena scoperto x caso questo sito e questo progetto...che bello!!!
prima di continuare il mio giro di perlustrazione una piccola nota (da buon napoletano...)all'OTTIMA traduzione di Tammurriata Nera:il verso "'e marrucchine se vottano 'e lanze"si potrebbe rendere con "si buttano lancia in resta" o meglio ancora "si lanciano"...per il verbo "vottarse" che è buttarsi,gettarsi e "'e lanze", ovvero "(d)e lanze" cioè "di lancia"...si vede proprio il corpo proteso!

Grazie a te, Antonio, per i complimenti e per il suggerimento, che abbiamo immediatamente accolto! [RV]

Antonio - 17/12/2006 - 01:31


QUELLA PISTOLA SFODERATA NELLA TAMMURRIATA NERA

Claudio Onorati - Santa Maria a Vico(CE)

Dottor Gargano, chissà se e quanti si sono mai chiesti il significato e l'origine del ritornello della famosa canzone
"Tammurriata nera" di Eduardo Nicolardi e E.A.Mario,che viene ripetuto alla fine di ogni strofa:

"E levate a pistulda'
Uhbe' e levate a pistulda'
E pisti pakin mama
E levate a pistulda'


Io me lo sono chiesto più volte e grazie a un amico ho trovato la risposta.
Altro non e' che la deformazione napoletanizzata di alcuni versi della canzone americana "Pistol packin' mama" del 1942 cantata da Bing Crosby e le Andre Sisters,e portata in Italia dalle truppe di occupazione alleata. Le parole,tradotte in italiano significano : "Metti giu' quella pistola, rimettila a posto"

Risposta di Pietro Gargano

Esatto,però quella strofetta non apartiene ai versi originali di Nicolardi. Di conio popolare, fu diffusa da Eugenio cu' e lente e ripresa da Roberto de Simone che la inserì - con le altre - nella magnifica versione di "Tammuriata nera" della Nuova Compagnia di Canto Popolare.

da "Il Mattino" 8/3/07

Willy - 8/3/2007 - 15:22


tammuriata nera è forse la canzone napoletana più bella che ci sia e levat a pistuldà!!!

lorenzo - 28/6/2007 - 21:51


Siete veramente molto bravi, davvero. È da tempo che conosco questa canzone ( asilo nido ) e mai avevo afferrato con esattezza le parole, ed ora che mi sono deciso a cercare il testo, trovo tutte queste informazioni. Bravi davvero.
Un'altra cosa, c'è un pezzo della canzone che non viene cantato, e mi riferisco a
"tene ‘a zella ‘nnanze e arreto
uffa uffa e comme fete
e lle fete e cane muorto
uè pe ll’anema e chillemmuorto".
Come mai? Grazie

Alessandro - 31/7/2007 - 10:55


Salve a tutti!
Qualcuno sa spiegare il significato della strofa
"E Ciurcillo 'o viecchio pazzo
s''è arrubbato 'e matarazze
e ll'America pe' dispietto
ce ha sceppato 'e pile 'a pietto"
Cosa c'entra churchill con i materassi??
Grazie mille
Antonio

Antonio - 4/9/2007 - 16:10


Ho scoperto da poco questo sito, cercavo informazioni su questa canzone in seguito ad un concerto di Eugenio Bennato..
Complimenti per tutte le informazioni che fornite!

PS: Nella traduzione io ho interpretato "'e marrucchine se vottano 'e lanze," come "i marocchini si riprendono le lancie", credo con riferimenti all'organo sessuale...sono calabrese e non napoletano però mi sembrava attinente!

Roberto - 4/9/2007 - 16:30


secondo me ...
i marrocchini se vottene e lanze significa che si buttano con impeto (logicamente durante l'incontro amoroso);
i parulani sono i contadini delle campagne di Ponticelli, quartiere periferico di Napoli;
e ciccillo (s'è arrubbato e materaz) sta per Francesco (Ciccio).
Saluti partenopei

francesco - 24/12/2007 - 01:29


finalmente grazie a voi riesco a capire il testo di tammurriata nera!

io tammuriata nera ce l'ho su un "best" in due cd della nccp, e questa canzone in questa versione ha un'altra strofa (subito dopo quella su Churchill), che voi non avete riportato nel testo. chissà cosa dice?!?

raffa - 21/2/2008 - 20:52


i marrocchini buttano l'esca....
l'anz vuol dire la lenza

annagi - 1/4/2008 - 01:31


"'E marucchine se vottano 'e lanzo" vuol dire "I marocchini si gettano con grande foga" (lett. 'di slancio').


levate 'a pissittoe' è una fonetizzazione napoletana di "levate 'a pettitoes" , cioè+ "togliti dai piedi", espressione che le prostitute nel loro americano maccheronico pronunciavano per 'mandar via' il cliente a cose fatte.
Saluti a tutti
Enzo

enzo - 8/4/2008 - 22:54


Complimenti davvero. Premetto di essere napoletano.
A mio parere quando nella strofa dice:"chillo'o fatto è niro,niro, niro niro comm'a cche"....................... ciò ha il significato che la situazione accaduta risulta essere assai, disdicevole agli occhi della gente; oltre al fatto che il criaturo lo si può chiamare in qual si voglia nome da "bianco"napoletano(Ciccio, Giro...) ma lui è così tanto( comm'a cche) scuro,(niro) di pelle che ciò risulterebbe inutile a modificare il dato di fatto.
è niro comm'a cche........

Stefano Gallo

stefano gallo - 12/7/2008 - 22:50


Non sono napoletano e, quindi, non entro nel merito del significato letterale delle parole. Dal senso complessivo della canzone, però, penso che non ci sia contraddizione sostanziale fra la traduzione di "parulano" con contadino piuttosto che con vecchio saggio. Sicuramente la traduzione contadino è corretta, considerato il riferimento al grano contenuto nella strofa, ma nella sua accezione di uomo saggio e non in quella di agricoltore. Ricordate il vecchio adagio: contadino scarpe grosse e cervello fino?

Sergio - 30/10/2008 - 10:01


Le strofe finali, che non sono di Edoardo Nicolardi, erano inventate da quei complessini che giravano per le strade nell’immediato dopoguerra, (deformazioni della vecchia pusteggia).
Il riferimento al motivo "Pistol pakin mama” va inteso come ripresa della base musicale che viene ripetuto nella esecuzione che ne fece De Simone. Per le parole ci sono solo dei riferimento di assonanza fonetica (levate) vedi “e llevate a cammisella”. Pakin mama, riporta alle pacche, sedere, della mamma. Queste frasi erano accompagnate da gesti esplicativi del cantante di strada, in genere un femminiello.
Altre espressioni possono sembrare senza senso ma rientravano nel gioco vivace delle allusioni: La frase -’E capilli ncoppa ê rrecchie- era accompagnato dal gesto di toccarsi le orecchie (a póvere ncoppa ê rrecchie) e alludeva alla prostituzione maschile. Il decotto, -’o recotto- alludeva al marito magnaccia, detto ricuttaro.
Così Ciurcillo e il materasso rientra nelle frasi fatte della tradizione etnomusicale della Campania. E Ciurcillo può benissimo essere Ciccillo e l’America la mugliera. E la frase ha così un giusto senso.
Parulano è l'ortolano, il coltivatore delle parule, gli orti della pianura campana. Che poi sia anche saggio, questo fa gioco per chiarire il mistero del nato niro (che tanto misterioso non era).

Salvatore - 24/3/2009 - 19:32


bellissima la canzone xò nella canzone c' erano delle parti in meno rispetto al testo cmq molto bella io sn napoletano e piu o meno le parole sapevo cosa significavano anke se ho avuto qwalke difficolta a pecepire il significato

marco - 8/7/2009 - 17:01


Cioè per ogni frase ci sono tre verisoni differenti!!!!
Levate a pistuldà da cosa vine
Circillo chi è
e lanze
ecc...

DAVVERO ESAUSTIVO ma mi ha aperto anche molti dubbi,
la teoria degli artisti di strada e del femmeniello mi sembra dare maggiori spiegazioni a parecchi fatti...

in qualsiasi caso

COMPLIMENTISSI PER IL VOSTRO LAVORO
vi ho lasciato la mia mail...se ci fossero aggiornamenti sarei lieto di ricevere una mail di notifica!!!

Ciao

Marco - 19/8/2009 - 17:26


siete stati veramente molto completi nel dare spiegazioni su una delle canzoni più belle e significative del dopoguerra...un unico dubbio mi sorge : ma wiston churchill cosa centra con i materassi? secondo me è solo una metafora che identifica churchill come ciccillo (francesco) i materassi come i letti di altre signore e l'america come sua moglie..non credete? grz

michele - 27/8/2009 - 10:43


Era il tentativo del popolino partenopeo di parodiare gli Alleati: "L'inglese avido e perdente" ("Ciurcìlle" o "'o zi' Ciurcille") e sua moglie ("l'Ammerica") "munifica e vincente" che lo ridicolizza.

Torillo - 28/8/2009 - 12:02


Infatti originariamente Ciurcillo 'o pazzo (numero 22 della smorfia napoletana) "se venneva" 'e matarazze pe magnà.

gennaro - 29/8/2009 - 12:13


Ciao a tutti,
Premetto di non essere di origini napoletane, ma essendo un appassionato studioso del periodo bellico, spero di poter dare un piccolo contributo alla comprensione di alcune strofe della seconda parte della canzone, che, come dice Salvatore, è piena di allusioni al mondo della prostituzione, sia maschile che femminile ed altrettanto piena di nomi e modi di dire che sono tipici di quell’ambiente e di quegli anni.

Partiamo da “se vottano 'e lanze” che significa letteralmente “si svuotano le lance” ed è un modo di dire di origine marinaresca basato su un doppio senso che allude al primo rapporto sessuale avuto dopo il lungo periodo di astinenza forzata dovuta alla navigazione. Per estensione, può anche figurare un rapporto che “inguaia”. All’epoca del conflitto veniva usato oltre che dai marinai anche dai militari la cui astinenza derivava dalle campagne di guerra.
Quanto a Porta Capuana, viene citata perchè da lì iniziava il quartiere delle prostitute e dei travestiti che si estendevanella zona detta “l’Imbrecciata” ( vedi S. Di Giacomo – Storia della prostituzione) ed era l’equivalente delle genovesi Via Prè e Via del Campo cantate anche da De Andrè .
Riguardo a “Ciurcillo 'o viecchio pazzo” a mio parere non si riferisce a Winston Churchill, ma bensì a Benito Mussolini. “Ciurcillo ‘o pazzo” , come detto da Gennaro, é la figura della smorfia che rappresenta il numero 22, e per la gente di quell’epoca, martellata da 20 anni di dottrina, nessuno poteva incarnare il “22” meglio di Mussolini che proprio nel 1922 fece la marcia su Roma e di conseguenza diede inizio alla dittatura fascista. Poi tra Churchill e Mussolini, se c’è qualcuno a cui l’America ha strappato i peli dal petto, mi sembra sia più il secondo che il primo……
Nella strofa successiva, il riferimento alla camomilla, ed al monaco mi sembrano rifarsi anch’esse a delle storielle da bordello in voga in tempo di guerra, che per decenza tralascio di raccontare…..

Questo per quanto riguarda i termini specifici, ma in senso più ampio, questa canzone ( che considero a dir poco geniale) mi pare sia proprio l’opposto di una canzone vuoi razzista, vuoi xenofoba. Nella prima parte, il punto nodale non è che il bambino abbia la pelle nera, ma che questo parto è la dimostrazione che anche una ragazza “per bene” ( perché quella di cui scrive il Nicoardi non è certo una prostituta, lo si capisce chiaramente) ha fatto un “peccatuccio”. Nella seconda parte, secondo me c’è invece tutta la maestria degli artisti di strada di nascondere dentro a strofette apparentemente prive di senso, una critica feroce verso la società ed i costumi della Napoli di quel periodo, critica ripresa altrettanto duramente dall’opera teatrale “Napoli Milionaria”.
Fateci caso: c’è tutto. Dalla triste fama di stupratori delle truppe marocchine ( vedi “La Ciociara”), alla facile corruttibilità della Military Police, ad una parte di popolazione che deve sottostare alla borsa nera, mentre la parte più infima fatta di trafficanti e “recuttari” magnaccia, che “fino a ieri mangiavano bucce” oggi si sono arricchiti e si possono permettere “Fresella e carne cotta” lucrando sulle spalle di povere prostitute e femminielli a cui tocca il lavoro sporco, quello che “fete ‘e cane muorto”.
Per questo, secondo me Tammurriata Nera è un vero capolavoro, puro esempio della genialità Napoletana.

Complimenti per questo bellissimo sito!

Lorenzo Fresi - 24/9/2009 - 22:33


Non essendo napoletano forse fraintendo ma a me piace moltissimo il verso
"Addò pastin' 'o grano, 'o grano cresce
riesce o nun riesce, semp'è grano chello ch'esce."

Che per me significa che, a prescindere dal colore della pelle, un bambino è sempre un bambino da amare e proteggere

ferdinando - 30/12/2009 - 17:41


Non sono napoletano nemmeno io, ma ho sempre inteso anch'io così quel verso e concordo sul fatto che sia di un'umanità straordinaria.

Riccardo Venturi - 30/12/2009 - 18:37


Aggiungo i miei complimenti per il sito a quelli già espressi. Vorrei porre una domanda: come mai nella versione della NCCP non compare la strofa:
"A Cuncetta e a Nanninella
'e piacevan'e caramelle,
mò se presentano pe' zitelle
e vann'a fernì 'ncopp'e burdelle" ?
Grazie e complimenti

Lucio - 9/1/2010 - 15:43


"Stomaco vacante" non significa "stomaco vuoto"? Perché è stato tradotto "stomaco vagante"?
Bianca
(Bianca)

In realtà nella prima traduzione è tradotto correttamente "pancia vuota". La versione sbagliata è nella traduzione di Willy Bruschi che, pur essendo napoletano, deve aver preso un abbaglio [CCG/AWS Staff]

8/2/2010 - 13:49


E 'Ntuono non è Gaetano (!?) ma Antonio.

Salvo - 9/2/2010 - 21:40


Complimenti per il sito!
Sono di origini napoletane, ma non ho mai vissuto a napoli, ho sentito molte volte questa canzone da parenti e amici, pur non capendone bene il significato. Mi ha sempre trasmesso comunque l'idea dell'incontro fra i popoli e dell'antirazzismo.
Mi è capitato di trovarmi a napoli l'altroieri con i miei parenti e di aver cantato con loro questa canzone e ho sentito tutta la grandezza e la passione della cultura napoletana. Veramente un'emozione stupenda!

Volevo condividere con voi, amanti della Tammurriata nera, questo sentimento.

gius - 6/4/2010 - 23:48


Salve
innanzitutto volevo segnalare che c'è una famosissima versione in italiano di "Pistol packin mama" cantata di Nino Taranto e Dolores Palumbo.
Per quanto riguarda le varie traduzioni non voglio mettere altra "carne a cuocere" come si dice a Napoli. Mi informerò meglio e ne riparleremo
Saluti

einemass - 29/4/2010 - 16:05


Ciao, che bella pagina! Mi piace soprattutto il fatto che tra tante letture alternative venga fuori nel complesso la cultura napoletana vera...

Devo fare però un altro appunto sulla tradizione di Willi, laddove propone "uh per l'anima quello è morto". Il testo napoletano è chiaro: "all'anema e' chi t'è mmuortu", che certamente significa 'vaffanculo' o, come si dice a Roma e come è stato proposto nella prima versione italiana, "mortacci tua".

Gianfranco - 16/8/2010 - 17:36


Ne approfitto per suggerire una possibile lettura:
potrebbe essere che il contadino dica "non ne parliamo, perché se ragioniamo queste cose non ce le spieghiamo: la verità è semplice, il grano seminato cresce. Buono o cattivo che venga, sempre grano è".

Io, infatti, sento "'n ce spiegammo", cioè "non ce le spieghiamo". Potrebbe essere?

Gianfranco - 16/8/2010 - 18:20


Avete dimenticato la strofa che fa:

'ndringhe 'ndrilghe a cup of Ray I used I take the Rai
until uannu she cool and now I know the serraje

(marò, che macello.. songo napulitano ma l'americano 'un 'o saccio)

Mario - 16/8/2010 - 19:50


A proposito di quanto scrive Mario nell'ultimo commento, giusto due giorni fa stavo cercando di capire il significato di questa strofa. e credo di esserci riuscita. Premetto che non sono napoletana, ma mi sto appassionando alla cultura, alla storia e alla lingua di questa straordinaria citta'. Ho cercato dappertutto la trascrizione di questi versi cantati dalla NCCP, ma non ho trovato nulla. E alla fine sono arrivata a questo:
i quattro versi sono la napoletanizzazione (ancora!) di una strofa della gia' citata piu' volte "Pistol Packin' Mama". Una napoletanizzazione e una deformazione che nella canzone vogliono rappresentare il fatto che veniva cantata storpiata dai napoletani, che l'avevano solamente ascoltata dagli americani, e non ne conoscevano le parole.
Allora la strofa originale e':

Drinking beer in a cabaret
and was I having fun
Until one night she caught me right
and now I'm on the run.

che secondo me nella canzone vengono resi come (li trascrivo come li sento nella versione della NCCP):

Drinkin' bir e cabbare'
Ai uos ai em e fain
antil uan nait, sci tot mi rrau
end nau ai tot te rraie.

Spero di essere stata utile.

Ringrazio per le precisazioni precedenti sui "parolani"!
Molto interessanti anche le versioni riguardanti le "lanze".

Elena - 30/8/2010 - 01:23


Ciao, sono Napoletano, vorrei segnalare che la canzone, stupenda, è soprattutto una denuncia delle violenze subite da moltissime donne, che risultavano evidenti quando nasceva un bambino nero, dato che in molti casi queste violenze non venivano denunciate per la vergogna e per non essere "rovinate", è per questo che viene ripetuto ossessivamente "o fatt è nir' nir' nir nir comm a che", il fatto è "nero" non solo nel senso del bambino ma anche dell'evento che lo ha generato, rivelatrice da questo punto di vista è questa strofa:

Meh, dillo a mamma, meh
meh, dillo pure a me
conta 'o fatto comm'è ghiuto
Ciccio, 'Ntuono, Peppe, gGiro
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a che...

in cui una madre chiede alla figlia di raccontarle il fattaccio che lei vuol tenere segreto, non è che la gente non sappia come si fanno i bambini...;)

tenete presente che dopo la guerra fu censurato il film "I due colonnelli" di Totò, figuratevi se si poteva scrivere esplicitamente certe cose...
Attualmente in Iraq e Afghanistan vengono stuprate, da eroici esportatori di democrazia,migliaia di donne (e bambine) pochissime denunciano e sempre in vano...a Napoli oltre alle prostitute, ci furono anche le stuprate (per non parlare degli stupri di massa a Cassino), è bene ricordarlo, soprattutto in un sito come questo...perché la guerra è questo.

Spero di aver dato un utile contributo al vostro splendido lavoro.

Tiziano - 3/9/2010 - 22:05


Per chi volesse sentire la versione originale di Pistol Packin Mama ecco il link di Youtube

Gaetano - 8/9/2010 - 23:51


Sono partenopeo per il 50% e tutti gli anni passo il periodo natalizio con i miei parenti di napoli, da quando ho 12 anni (essendo già musicista in erba) era mio compito, a capodanno, riempire l'arco di tempo che corre tra la mangiata dei roccocò e l'inizio della tombolata suonando e cantando canzoni (ovviamente napoletane). pistol pakin' mama (grazie a gaetano per averla postata) me la faceva ascoltare su un vecchio giradischi mio nonno e il fatto che suoni (parlo della melodia) idendica alle quartine finali della canzone altro non è che la dimostrazione che quella parte della canzone era uno scimmiottare il parlare degli americani; della mia infanzia ricordo mio nonno che quando duveva allontare un cane o un gatto emetteva un suono onomatopeico : "uistallà" che somilgiava molto al Pistuldà della canzone e che era traducibile con un allontanati; ciò mi ha fatto sempre chredere che levati Pistuldà in realtà fosse un "levati! allontanati!"

Ivano - 11/9/2010 - 23:49


Ancora qualche nota. Certamente il testo, come dice Tiziano, fa riferimento (nella sua parte originale di Nicolardi-Mario) ad un guaio occorso ad una ragazza napoletana e quindi puo' intendersi come una denuncia delle violenze subite da tante donne, anche se trattata con un certo umorismo che tende ad alleggerire la situazione, ma e' pure vero che la seconda parte, quella che si dice sia stata aggiunta da Eugenio Pragliola detto "Eugenio cu 'e llente" (Eugenio con gli occhiali), e' incentrata sulla figura delle "signurine". Questo e' vero in particolar modo quando l'autore le fa parlare direttamente nella strofa

American espresso ( o express)
ramme 'o dollaro ca vaco 'e pressa
sinò vene 'a pulisse,
mette 'e mmane addò vò isse.

E' cosi' ho due considerazioni da fare.
La prima riguarda proprio la strofa citata. Secondo me

mette 'e mmane addò vò isse

sta a rappresentare il fatto che i poliziotti, se fermavano le "signorine" nell'esercizio del loro mestiere, con la scusa di controllare se avessero i soldi guadagnati a volte si prendevano delle liberta' pesanti ovviamente non conformi al loro incarico, e di questo le ragazze chiaramente avevano paura, e fastidio.

La seconda considerazione riguarda invece il verso

Levate a pistuldà

che, io penso, ha un duplice motivo di essere. Secondo me non e' soltanto un modo di rifare il verso agli americani che cantavano questa canzone di moda, ma e' proprio un dare voce (come nella strofa "American Espresso") ad una "signurina" che prima di un rapporto con un soldato americano, gli chiede di levarsi almeno la pistola, anche se va di fretta per ovvi motivi e non si fida di nessuno.
Troppo azzardato?

Elena - 14/9/2010 - 22:26


NON SONO NAPOLETANO, MA HO ABITATO IN CAMPANIA, LA MIA COMPAGNA E' CAMPANA E STUDIO IL NAPOLETANO. MI PONGO DELLE DOMANDE E VI PROPONGO DELLE TRADUZIONI IN ALCUNI PUNTI:
(Diego Verdegiglio, Roma dv52@libero.it)



Io nun capisco 'e vvote che succere
e chello ca se vere nun se crere.
E' nato nu criaturo, è nato niro,
e 'a mamma 'o chiamma gGiro,
sissignore, 'o chiamma gGiro.

(IN CAMPANIA SPESSO LA "C" DIVENTA "G", VEDI O' CUNGILIE, IL CONCILIO; ACCUNGIA', ACCONCIARE ECC. QUINDI IL NOME E' CIRO, NON GIRO. ANCHE PERCHE' NON MI RISULTA UN SAN GIRO)


Seh, vota e gira, seh
seh, gira e vota, seh
ca tu 'o chiamme Ciccio o 'Ntuono,
ca tu 'o chiamme Peppe o gGiro,
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a cche...

S''o contano 'e cummare chist'affare
sti cose nun so' rare se ne vedono a migliare.
'E vvote basta sulo 'na 'uardata,
e 'a femmena è rimasta sott''a botta 'mpressiunata.

Seh, 'na 'uardata, seh
seh, 'na 'mprissione, seh
va truvanno mò chi è stato,
c'ha cugliuto buono 'o tiro
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a cche...

E dice 'o parulano,

(SENZ'ALTRO ORTOLANO, CONTADINO, VISTO CHE PARLA ANCHE DELLA SEMINA. ERRATO A MIO AVVISO "PARULAR", "SAGGIO, PAROLAIO DEL RIONE")

Embè parlammo,
pecché si raggiunammo chistu fatto ce 'o spiegammo.
Addò pastin' 'o grano, 'o grano cresce
riesce o nun riesce, semp'è grano chello ch'esce.

Meh, dillo a mamma, meh
meh, dillo pure a me
conta 'o fatto comm'è ghiuto
Ciccio, 'Ntuono, Peppe, gGiro
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a che...

Seh 'na 'uardata seh
seh 'na 'mprissione seh
và truvanno mò chi è stato
c'ha cugliuto buono 'o tiro
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a cche...

'E signurine 'e Caporichino
fanno ammore cu 'e marrucchine,
'e marrucchine se vottano 'e lanze

("SVUOTANO LE LANCE" E' ERRATA COME TRADUZIONE. NON E' "VOTANO" (VUOTARE) MA "VOTTANO", CIOE' "SI GETTANO, SI BUTTANO"),

e 'e signurine cu 'e panze annanze.

American espresso,
ramme 'o dollaro ca vaco 'e pressa
sinò vene 'a pulisse,
mette 'e mmane addò vò isse.

(IO RICORDO UNA VERSIONE, CHE SI ADATTA MOLTO MEGLIO ALLA SCANSIONE DEL RITMO MUSICALE, CHE DICEVA: "RAMM'O CUL / FACIMM AMBRESS", CIOE' L'INVITO - PROBABILMENTE DA PARTE DI UN SOLDATO AMERICANO O DI UNA "SEGNORINA" CHE LO SOLLECITA -A CONSUMARE FRETTOLOSAMENTE UN RAPPORTO MERCENARIO PRIMA CHE ARRIVI LA RONDA DELLA POLIZIA MILITARE, CHE LI FRUGHERA' DAPPERTUTTO)


Aieressera a piazza Dante
'o stommaco mio era vacante,
si nun era p''o contrabbando,
ì' mò già stevo 'o campusanto.

E levate 'a pistuldà
uè e levate 'a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate 'a pistuldà.

(I TENUTARI DEI BORDELLI NAPOLETANI DELL'EPOCA CHIEDEVANO AI MILITARI DI LASCIARE FUORI DALLA STANZA L'ARMA PERSONALE PRIMA DI ACCOPPIARSI CON LA PROSTITUTA: INFATTI DICE "E LEVATE", CIOE' "TOGLITI", POI PROSEGUE CON UN ONOMATOPEISMO SIMILE A "PISTOLA", ANGLONAPOLETANIZZATO)


'E signurine napulitane
fanno 'e figlie cu 'e 'mericane,
nce verimme ogge o dimane
mmiezo Porta Capuana.

Sigarette papà
caramelle mammà,
biscuit bambino
dduie dollare 'e signurine.

(SECONDO ME E' UN ELENCO DELLE POCHE PAROLE ITALIANE CHE I SOLDATI AMERICANI AVEVANO IMPARATO A NAPOLI: BAMBINO, PAPA', MAMMA', BISCUIT, CARAMELLE, DUE DOLLARS, SEGNORINA)

A Cuncetta e a Nanninella
'e piacevan'e caramelle ,
mò se presentano pe' zitelle
e vann'a fernì 'ncopp'e burdelle.

(OVVIAMENTE NON E' LETTERALE COME "CARAMELLE": L'AUTORE STRIZZA L'OCCHIO ALL'ASCOLTATORE. ALLE DUE RAGAZZE PIACEVA MOLTO FARE SESSO, MA PER FAME SI SONO POI RICICLATE COME VERGINELLE ("ZITELLE") PER FAR SALIRE IL PREZZO DELLA LORO PROSTITUZIONE. CON ARTIFICI VARI, MOLTE RAGAZZE RIUSCIVANO A VENDERSI COME "VERGINI" INFINITE VOLTE A CREDULONI SOLDATI AMERICANI. UNA SCENA DI QUESTO TIPO E' IN "LA PELLE" DI CURZIO MALAPARTE)

E Ciurcillo 'o viecchio pazzo
s''è arrubbato 'e matarazze
e ll'America pe' dispietto
ce ha sceppato 'e pile 'a pietto.

(ASSOLUTAMENTE INCOMPRENSIBILI SIA IL MATERASSO CHE I PELI DEL PETTO. SI POTREBBE PENSARE AD UN ESPEDIENTE PER RIDICOLIZZARE INGLESI E AMERICANI, MA SOPRATTUTTO PER CREARE LA RIMA BACIATA)

Aieressera magnai pellecchie
'e capille 'ncopp''e recchie
e capille e capille
e 'o recotto 'e camumilla...
'O recotto,'o recotto
e 'a fresella cu 'a carna cotta,
'a fresella 'a fresella
e zì moneco ten''a zella
tene ‘a zella ‘nnanze e arreto
uffa uffa e comme fete
e lle fete e cane muorto
uè pe ll’anema e chillemmuorto.

(LO ZIO MONACO E' PIENO DI SPORCIZIA ADDOSSO/ SIA DAVANTI CHE DIETRO / DIO MIO COME PUZZA! / PUZZA DI CANE MORTO / ACCIDENTI ALLE ANIME DEI SUOI MORTI!)


E levate 'a pistuldà
uè e levate 'a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate 'a pistuldà.

Diego Verdegiglio - 21/10/2010 - 12:37


'E vvote basta sulo 'na 'uardata,
e 'a femmena è rimasta sott''a botta 'mpressiunata.

anni fa mia nonna mi raccontava che all'epoca dell'occupazione alleata era incinta e quando camminava per strada aveva sempre il capo chino per non guardare in faccia i soldati di colore... le avevano infatti raccontato che bastava solo guardarli per partorire un bimbo nero... e lei se l'era bevuta....

Angelo - 9/12/2010 - 12:55


grandissimi. ero un po' depresso ma "you made my day" (m'avit accunciat''a nuttat) :)

solo un commento: io da piccolo quel verso l'avevo imparato cosi'(non so nemmeno come e da chi):

ll'atu juorn' a piazza dante
UOCCH CHIN E MMANE VACANT

(e non 'o stommaco mio era vacante)

è sicuramente corretta la vostra (come la canta la NCCP), ma la mia mi piace assaie...
occhi pieni e mani vuote... tutta l'amarezza di chi non ha niente e si vede davanti ogni ben di dio (immagino portato dagli americani e rivenduto al mercato nero)

ciao, e continuate cosi'
PS: chiedo scusa ai linguisti napoletani per l'ortografia certamente scorretta.

Ruello - 12/2/2011 - 01:20


Ciao, con l'aiuto di mio padre napoletano 100% vorrei anch'io contribuire a chiarire qualche strofa: innanzitutto la frase "'e marrucchine se vottano 'e lanze " significa soltanto "buttarsi a capofitto o con impeto" non ha altri significati reconditi, ma solo questo, è un pò come dire in italiano "buttarsi a pesce o a pelle d'orso" non implica l'uso di lance o pesci o orsi quindi :) poi, sempre mio padre mi ha detto che a quei tempi gli americani ai papà offrivano sigarette, alle mamme le caramelle, ai bambini i biscotti e alle signorine due dollari per fare l'amore.Le pellecchie invece sono le bucce dei pomodori di solito. Ciao a tutti!

chiara - 11/4/2011 - 21:31


Willy... occupazione statunitense???? Forse non conosci la storia! Piu' preciso sarebbe "Liberazione Statunitense"!!!!!

Simone Guerriero - 20/4/2011 - 20:01


@ Simone Guerriero:

Guardati questo grande film:

http://www.youtube.com/watch?v=uR042Vf48dY

Questa "belle" sequenze:

http://www.youtube.com/watch?v=6fiM4r1bXT0

http://www.youtube.com/watch?v=k3niiRpBg24

http://www.youtube.com/watch?v=iqG35TpgkIM

Per queste cose non c'è stata nessuna Norimberga...

Vae Victis - 21/4/2011 - 13:45


Vae Victis,
Le colline italiane sono ancora bagnate con il sangue americano! Questi film li conosco bene, pero' dobbiamo anche aggiungere quelli degli sbarchi di Palermo, Salerno, Anzio, Saving Private Ryan e "il big one" Normandy!! Gli americani sono venuti a liberare l'Europa dalle schifezze di Hitler e Mussolino. Se non fosse stato della liberazione degli americani voi (italiani) oggi parlereste in Tedesco. Piangendo mio padre mi raccontavo che in soltanto venti quattro ore i Tedeschi avevano disarmato l'intero esercito italiano... Mussolino diceva Mare Nostrum invece Hitler diceva Mundo Meum.
Spero che non ho aperto una "ferita"! Ciao

Simone Guerriero - 21/4/2011 - 23:50


Da romano e senza presunzione alcuna ma mi pare che il concetto sia fin troppo chiaro

'E signurine 'e Caporichino
fanno ammore cu 'e marrucchine,
'e marrucchine se vottano 'e lanze,
e 'e signurine cu 'e panze annanze.

Mi pare fin troppo chiaro di cosa si stia parlando, quali "lance"? si "vuotino" i soldati americani di origine marocchina che poi fa andare "e signurine cu 'e panze annanze" fino a fare nu criaturo niro niro
è ovvio direi ma non mi permetto di insistere difronte alla traduzione di amici "madrelingua"

Gianni - 2/5/2011 - 15:48


Sono napoletano e appassionato di cose napoletane, dico la mia su alcuni punti controversi, sia della traduzione sia del contesto storico/culturale.

- "Giro" è ovviamente il corrispettivo napoletano del nome Ciro

- "Parulano" è senza alcun dubbio il contadino, che lavorava nella zona est di napoli, dove un tempo c'erano le paludi ('e parule). Sebbene la zona sia stata bonificata, il ricordo delle paludi resta nei toponomi (cfr. Chiesa di Sant'Anna alle Paludi )

- "Se vottano 'e lanzo" significa "si buttano di slancio". La traduzione "si svuotano" è totalmente sbagliata come qualsiasi parlante napoletano può confermare ("svuotare" in napoletano è "svacantare")

- "Pellecchie" significa bucce, per antonomasia le bucce di pomodoro. Per esempio "pasta cu 'e pellecchie" significa pasta con i pomodori freschi, in contrapposizione ai pomodori pelati.

- "Damme 'o dollaro". Una versione della NCCP dice "damme o' core" (dammi il cuore), un'altra dice solo "damm' 'o cca (dammelo qua), ma è evidente che sono tutte allusioni sessuali.

- violenza/prostituzione. Le marocchinate, ovvero gli stupri di massa ad opera delle truppe marocchine al seguito di quelle francesi, interessarono soprattutto il frusinate (cfr. il libro di Moravia e il film di De Sica "La Ciociara"). Nel caso della città di Napoli, al quale la tammurriata fa riferimento, si trattò piuttosto di miseria e mestiere più antico del mondo (e i neri erano soprattutto soldati statunitensi).

- "Capille 'ncoppe 'e recchie", magari accompagnato dal gesto di acconciarsi i capelli soprale orecchie, allude chiaramente ai "recchioni" (= i sodomiti)

- "'A ricotta" si riferisce al mestiere del lenone, del magnaccia, che appunto raccoglieva i proventi dell'attività delle sue protette ("ricotta" da "ricoveta" = raccolta).

- "Fresella" in senso proprio è una fetta di pane biscottato, ma è anche uno degli eufemismi per indicare l'organo sessuale femminile.

- "Carna cotta" è la trippa, ma anche qui si allude a qualcosa d'altro. Cfr. l'espressione "Me pare 'nu speruto 'e carna cotta", riferito a chi dà sempre l'impressione di desiderare qualcosa.

- "La zella" è la tigna, o l'alopecia, insomma la pelata, ma in senso figurato sta ad indicare una magagna più o meno nascosta. Nel caso di zio monaco può riferirsi alla tonsura, ma anche ad una qualche partecipazione dello stesso nei traffici in oggetto.

- "Ciccillo viecchio e pazzo s'è arrubato 'e matarazze". Non credo ci sia molto da capire, è semplicemente riuso della tradizione popolare. Cfr. la filastrocca di Gabriele D'Annunzio, ovviamente precedente: "Carnevale vecchio e pazzo s'è venduto il materasso...".

- "L'America pe' dispietto l'ha scippato ' pile a pietto". Ancora un riuso della tradizione popolare. Ricorre per esempio in una delle innumerevoli versioni della canzoncina filoborbonica molto in voga nel Meridione nei primi anni dell'unita d'Italia:

Garibaldi è gghiuto 'a guerra / e ha avuto 'na palla 'mpietto / e 'a mugliera pe dispietto /l'ha scippato 'e pile 'a pietto.
(= Garibaldi è andato in guerra/e ha ricevuto un proiettile in petto/ e la moglie per dispetto/ gli ha strappato i peli dal petto)

o anche, più licenziosa:

e 'a mugliera pe dispietto / s'è scippata 'e zizze 'a pietto
(= si è strappata le tette dal petto)

polytropos - 27/6/2011 - 00:22


Ancora una cosa.
Chistu fatto 'nce 'o spiegammo.

"ce" o "nce" è il pronome "a noi / ci / ce", senza alcuna negazione.
Quindi significa "questo fatto ce lo spieghiamo".

polytropos - 27/6/2011 - 00:31


Bella la pagina, ma c'è una grossissima imprecisione dovuto a semplice conclusione immagino ma che permetto di segnalarvi cos^ che possiate correggerla:
la canzone parla chiaramente della seconda guerra mondiale mentre qui,nel secondo capoverso (?) si legge : "La canzone diventa forse la migliore testimonianza delle condizioni di vita nella Napoli del primo dopoguerra, ed in tutte le città italiane dove la vita lentamente ricomincia"...

Complimenti per il progetto!

Grazia - 27/6/2011 - 13:05


A proposito di Prima guerra mondiale poi, vi segnalo una divertentissima canzone contro la guerra, riferita stavolta alla prima guerra mondiale, che vorrebbe risolvere il conflitto mondiale attraverso la bellezza e l'amore...una sorta di pacifismo edonistico. Molto bella e divertente si chiama " O piano 'e guerra" (il piano di guerra) del 1917, scritta da Ernesto Murolo, cantata la prima volta da Elvira Donnarumma e poi in seguito anche da Roberto Murolo (esiste una versione video degli anni 60 in cui questi la esegue in un programma della RAI, ed è depositata presso l'archivio storico della canzone napoletana, presso il centro di produzione RAI di Napoli)

Non riesco purtroppo a trovare il testo dal sito dell'Archivio Sonoro, perchè testi, audio, immagini, sono consultabili solo da lì...ma forse la mai segnalazione può esservi utile ugualmente.

Grazie

Grazia - 27/6/2011 - 13:23


Signora Grazia.
L'espressione "primo dopoguerra" non va inteso come riferito alla prima guerra mondiale, ma significa semplicemente "i primi anni successivi alla guerra" (in questo caso la seconda).

silva - 29/6/2011 - 18:14


Scusa silva ma ha ragione Grazia: ci sono stati un Primo ed un Secondo conflitto mondiale cui sono seguiti i loro bravi Primo e Secondo dopoguerra... Detto questo, non mi pare una "grossissima imprecisione" ma cosa di poco conto.

Piuttosto devo ringraziare Grazia perchè non si è limitata ad una puntualizzazione tutto sommato inutile ma ha fornito un'indicazione di ricerca - la canzone partenopea intitolata "O piano 'e guerra", di cui non sono riuscito (ancora) a trovare il testo - seguendo la quale ho potuto scovare due belle canzoni contribuite nei giorni scorsi, All'erta, sentinella! e Priggiuniero 'e guerra.

Grazie Grazia!

Bartleby - 29/6/2011 - 21:07


Per eliminare ogni ambiguità abbiamo corretto in "immediato dopoguerra". Grazie anche a polytropos per le sue note molto chiare ed utili.

CCG/AWS Staff - 3/7/2011 - 00:18


Aggiungo ancora, per completare il quadro allusivo della seconda parte, che "pellecchia" è anche il termine volgare per indicare il prepuzio.

polytropos - 4/7/2011 - 01:29


Io nun capisco 'e vvote che succere
e chello ca se vere nun se crere.
QUALCUNO DICEVA CHE LA TRADUZIONE ERA: è NORMALE SE METTI SEME NERO ESCE IL NERO. INVECE NO... SECONDO ME STA A SIGNIFICARE CHE I NAPOLETANI FINO AL QUEL MOMENTO DALLE DONNE BIANCHE AVEVANO VISTO SEMPRE NASCERE FIGLI BIANCHI ORA GLI PAREVA STRANO VEDERE UNA DONNA BIANCA PARTORIRE UN FIGLIO NERO, COME PER DIRE UNA PIANTA DI LIMONI CHE FA LIMONI ROSSI. ECCO!
VINCENZO D'ANTUONO

27/7/2011 - 10:02


'E signurine 'e Caporichino
fanno ammore cu 'e marrucchine,
'e marrucchine se vottano 'e lanze,
e 'e signurine cu 'e panze annanze.

Significa: le signorine (prostitute) fanno l'amore con i soldati marocchini per soldi, poi questi se ne ripartono per l'america e loro rimangono incinte. ovviamente non c'è stato nessuna accortezza da parte di quest'ultimi ben sapendo che la loro sosta era una cosa temporanea

VINCENZO D'ANTUONO - 27/7/2011 - 10:12


risiedo a varese da tanti anni e suono in un gruppo formato da tre napoletani e tre lombardi per cui il gruppo si chiama "partenopei e ...parte no". facciamo la storia della canzone napoletana nei secoli con una ottantina di pezzi e quella tra le piu apprezzate c'è proprio la tammurriata.Stasera devo suonarla in un locale qua al museo.grazie per la vostra bella iniziativa. Nino Soprano.

nino soprano - 13/8/2011 - 12:59


complimenti a tutti voi per questa nuvola di cultura che date bravi e vi ringrazio tanto, mi sono emozionato e mi emozionero'sempre per questo capolavoro che viene dalla nostra storia. Non sono napoletano ma spero un giorno di vedere napoli e ascoltare tammuriata nera di peppe barra.UNA GRANDE INTERPRETAZIONE CHE TRASMETTE IL DRAMMA E IL PERIODO DIFFICILE AFFRONTATO DAI CITADINI DI NAPOLI E NON IN QUEL MOMENTO STORICO.Grazie ancora a tutti voi che avete la cultura in testa come bene primario . GRAZIE PEPPE, TERESA E ALLA COMPAGNIA DI CANTO POPOLARE PER TENERE VIVA QUESTA SPERANZA.Certo ho fatto molta fatica per capire il testo ma spero che ci siano sempre uomini e donne che con la musica trasmettono speranze e voglia di vivere . e se posso permettermi...mi sento un po' napoletano anche io.

massimo cantelli da bologna - 29/8/2011 - 23:25


Veramente esauriente per chi vuole capire il significato di questa bellissima canzone. E' la canzone dell'Italia sconfitta e martoriata che riesce comunque a sopravvivere. Ma l'esperienza a volte insegna poco quando il ricordo si cancella o la malafede grida più forte. Il signor Simone Guerriero non può camuffare la verità chiamando "liberatori" coloro che sono stati i nostri TORTURATORI e ancor oggi hanno le loro basi sul NOSTRO suolo Patrio. Il fatto che abbiano vinto non ne diminuisce la barbarie e la misera statura morale !
(Teseo Tesei)

Beh, comunque la si pensi mi fa abbastanza impressione vedere su questo sito un "Teseo Tesei", dato che chi scrive è interamente di Marina di Campo da parte di madre. Un saluto! [RV]

28/11/2011 - 13:33


"ce sceppai e pil a piett" i petti erano i nostri non degli inglesi o degli americani

carlo.vaiacer@email.it - 1/4/2012 - 11:52


Favoloso sito e favolosa canzone.
Nei primi anni '50 abitavo a Bagnoli e ricordo perfettamente tanti 'criaturi niri niri' amati e coccolati dalle loro mamme perché a Napoli " 'e figlie so' ffiglie"

Sono perfettamented'accordo anche sulla barbarie delle truppe 'alleate' e sul concetto di invasione.
Se non avessimo avuto la posizione che abbiamo nel Mediterraneo, col cavolo che sarebbero venuti a 'liberarci'

Andrea Valente

Andrea Valente - 5/8/2012 - 14:35


Volevo solo fare una piccola precisazione.....Nanninella è la versione napoletana antica del nome Anna.

Toni - 23/12/2012 - 23:58


@ Elena
La seconda parte della canzone, quella aggiunta dalla NCCP, cioè da 'E signurine 'e Caporichino fanno ammore ecc" è tutta una parodia buffoneggiante di "Pistol Packin Mama", la canzone americana così in voga in quel periodo (ma anche ovviamente delle napoletane e dei napoletani stessi che si vendevano agli americani), di cui ha la stessa musica ironicamente strascicata.

Gennaro - 14/3/2013 - 09:50


Salve,
a parte la dissertazione fra liberatori e non,desideravo segnalare un'altra strofa della canzone che non ho visto e cioè:
e signurine e forerott tenen tutt a cesta rotta,una sola a teneva san e se mmise a fa a puttana
mi scuso per la scrittura ma,pur essendo napoletano al 100%,conosco solo quello parlato
saluti e complimenti

ciro acampora - 14/4/2013 - 17:52


Vorrei ringraziare vivamente questo scambio musico-culturale bellissimo, mio nonno era da Avellino, venuto in Messico chi sa per quante ragioni tutte vere, di nome Gallo Alessandro mio padre figlio messicano nato nel lontano 1903 Gallo Luis, Quando io sono nato mio Padre ne aveva 51 anni, mi ha messo il nome di Francisco per Francesco d´Assisi.

Francisco - 15/5/2013 - 03:22


Grazie a chi ha creato questo sito e alle preziose informazioni fornite dai commenti! Studiosi della cultura napoletana come Nelson Moe hanno fatto interessanti osservazioni sulla storia di questa famosa canzone (nella sua versione originaria) facendo notare come l'enfasi sul "nero" contrapposto ai "nativi" napoletani andrebbe discussa con un occhio critico.

Silvana - 15/5/2013 - 19:07


Salve;
con molta modestia: credo che questa esegetica del testo sia interessantissima per quanto riguarda l'identificazione del substrato culturale in cui è stata concepita l'originale e si sono poi sviluppate le varie versioni della "canzone". Ma credo anche che, più semplicemente, sia le versioni originali che il testo ripreso, rielaborato o scritto tout-court dal Maestro Roberto De Simone risponda più che altro ad esigenze di rima, di metrica e di assonanze. E' facile, del resto, verificare ascendenze "nobili" di questa tecnica nelle tantissime cantate, ballate, tammurriate, postegge e quant'altro disponibile nella tradizione napoletana e campana, che fanno un uso estremamente ampio e variegato di tecniche simili. Qualche esempio si trova anche in testi popolari rielaborati sempre da De Simone e dalla NCCP, testi in cui si può leggere
""uh m'avota e giro 'a re'a,
'o cavero 'nfoca 'a penta mea,
tu t'arrifrische e io m'arrecrea,
'o campanaro scampanea,
e maria grazia pure s'arrecrea...""
e poi
"e scampaneia e 'll'une,
tu te 'ratte e a me me prure,
meglio a te che a uno 'e nuie,
e stammo cavere tutt'e 'duie..."
oppure
"" sott'o ponte e Matalune,
là 'ce stanno è lampiùne,
'e lampiùne 'e lanternelle,
'o masculillo e 'a femmenella,
'o tricche-tracche int'a' vunnella,
'o piglie 'mmano 'o poso 'nterra
'o faccio fa' pullecenella...""
dove, a parte alcuni chiari ed evidenti riferimenti sessuali, il resto è la risposta ad esigenze di gioco, rime e ritmo.
Complimenti per il sito.

steno aulicino - 18/7/2014 - 20:33


io sono un appassionato dei dialetti Campani, quindi complimenti x il sito

Stefano Acierno - 19/4/2015 - 20:11


Grazie - Thank you very much for this website and all its comments. (And the English translation!) In 1993 I spent a summer in Italy and this was one of the sungs I learned from a group of Napolitan girls and we played it every night in the streets where there was also other kinds of traditional dancing. I still play it sometimes on the guitar, but I didn't remember any words but "niro niro comm'a cche..." :-) And I never knew what the song was about. It brings back good memories.

Jelle - 13/5/2015 - 12:25


Nel 1945 doveva essere molto difficile parlare male dei così detti liberatori, si preferiva parlare di marocchini che si lanciavano sulle signorine, le quali volevano da questi solo amore.

luigi - 26/12/2015 - 02:59


Buongiorno a me servirebbe lo spartito canto piano.dove posso trovarlo?

simonetta - 4/1/2016 - 07:54


Un vero peccato far scadere in becera politica questa bellissima discussione su un capolavoro che per me non è solo napoletano, ma dell'Italia intera. I danni collaterali subiti dalle truppe di liberazione, sono una dura e lurida conseguenza di una sconfitta, se qualcuno è convinto che una guerra finisca al 90 e dopo la stretta di mano si va sotto la doccia, dovrebbe perlomeno ragionare un attimo. Sono sempre stati dei liberatori da chi quei soprusi e violenze le aveva generate in precedenza. La canzone lo racconta con la rassegnazione di un popolo che ha accettato meglio queste situazioni che l'orrore nazista. Bellissima reale e commovente, un pezzo di storia popolare.

mario - 18/3/2016 - 08:23


Grazie per questa pagina, Sergio

20/6/2016 - 15:41


Devo essere interrogata su questa canzone domani a scuola (visto che stiamo facendo un progetto di musica napoletana) e sia la traduzione che la spiegazione mi sono state molto utili. Grazie mille per questa pagina :)

Marty - 21/3/2017 - 18:25


Grazie a te Marty, e felici che questa pagina ti sia stata utile, con un saluto alla tua classe e ai tuoi insegnanti. A risentirci (speriamo) presto!

CCG/AWS Staff - 21/3/2017 - 20:57


complimenti per il sito.
Un piccolo contributo: la frase "pistol packin' mama" in una delle strofe in anglo-napoletano va (o potrebbe essere) tradotta letteralmente come "mamma impacchetta (o sta impacchettando) la pistola". il senso sarebbe che le "segnorine" intimavano ai soldati americani di depositare da una parte la pistola durante l'incontro; le madri nello stesso tempo impacchettano e fanno sparire l'arma (per venderla al mercato nero). Lay that pistol down... pistol packing mama.
Informazione raccolta "sul campo" nel 1975 da un componente della NCC, se non sbaglio da Mauriello.
Infine, e sommessamente: assoluta gratitudine a quanti hanno contribuito alla Liberazione dell'Italia; ma un'occupazione è sempre un'occupazione; le sofferenze e i soprusi, anche involontari, procurati a Napoli dalle truppe angloamericane sono stati assolutamente inenarrabili.
Grazie e saluti
steno

steno - 15/7/2017 - 18:00


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org