Lingua   

La Cooperativa Vapordotti

Marco Chiavistrelli
Lingua: Italiano



Se ne andavano alla vita
come allora si usava di certo,
senza alibi e senza paura
a lavorare senza un difetto,
se ne andavano alla vita
come giovani assonnati al mattino,
con due sigarette in bocca
da fumare contro il destino.

E passavano i giorni nel sole
già scanditi dal tempo ruffiano,
a impastare l'amianto e il cemento
mentre il fischio suonava lontano,
ed a pranzo il pentolino
risuonava di forchette affamate,
un pò più in là il fiasco del vino
sopra un sasso nel vento d'estate.

Quando il vento dell'industria
spense gli ultimi fuochi d'estate
si trovarono in fila di morte
come anime tutte malate,
e cantarono piano in coro
per non disturbare il vento,
il vento duro del lavoro
che si spengeva in un lungo silenzio.

E se ne andarono ad uno ad uno,
come fanno le foglie d'autunno,
senza rabbia e senza perdono
come persi in un lungo sonno,
ed apparvero i manifesti
lunghi e neri come file di morte
e scomparve in una baleno
la Cooperativa Vapordotti.

Ce ne andiamo in cooperativa
mentre il fischio risuona lontano
ce ne andiamo senza fatica
e ogni ragazzo si tenga per mano,
la Cooperativa Vapordotti
fascia quei tubi che odoran di morte
chissà se adesso qualcuno ricorda
quei giovani eroi e la loro sorte.

Ce ne andiamo in cooperativa
mentre il fischio risuona lontano
ce ne andiamo senza fatica
e ogni ragazzo si tenga per mano.
Note

Il fischio è la sirena che chiamava i lavoratori a raccolta.
Il pentolino è il contenitore per il cibo.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org