Lingua   

L'emigrante

Muvrini
Lingua: Corso

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Miseria
(Goulamas'K)
Rifà lu mondu
(Muvrini)
Tu Dumenicu
(Canta u Populu Corsu)


da Leia (1998)
muvrini leia

Parole di Marcu Ceccarelli
Musica di Ghjuvan Francescu Bernardini
Sò eiu l'emigrante chì và à la pidiccia
À l'orlu di u stradonu à meza pulvariccia
Sò eiu u spaisatu cusì voli u distinu
Chì tocc'à i fiddoli d'un populu mischinu

Ma sò prontu à stintà senz'alcuna rincori
Pà pascia la me ghjenti à colpa di sudori
À colpa di sudori

Vengu da isse pianuri indù u soli si strascina
Natu in una casetta culori di calcina
Culori di calcina

Sò di li facci neri o di li musgincati
Di quiddi chì par vo in guerra sò cascati
In guerra sò cascati

È chì ci possu dì chì ci possu fà eiu
Sì di lu vosciu Dìu ùn possu fà u meiu
Ùn possu fà u meiu
Ùn possu fà u meiu

Sò chì quandu a sorti in lu mondu hè crudeli
Pisemu tutti l'ochji ver di u stessu celi
Ver di u stessu celi

Ma intantu postu chì dite chi seti umani
Stringhjiti l'ancu vo purghjimuci una manu
Purghjimuci una manu
Purghjimuci una manu
Purghjimuci una manu

inviata da Io non sto con Oriana - 18/4/2009 - 02:32




Lingua: Francese

Versione francese da Terracorsa
L'ÉMIGRANT

C'est moi l'émigrant qui marche sans fin
Dans la poussière là-bas sur le bord d'un chemin

C'est moi le sans pays au hazard du destin
Où se perdent les enfants des terres sans lendemain

Je suis prêt à peiner sans aucune rancoeur
Pour que vivent les miens à force de sueur
A force de sueur

Je viens de ces contrées où le soleil chauffe tôt
Né sous un abri aux murs teintés de chaux
Aux murs teintés de chaux
Aux murs teintés de chaux

Je suis de ces visages noirs ou basanés
De ceux qui comme vous à la guerre sont tombés
À la guerre sont tombés

Mais que puis donc faire qu'y pourrais-je donc bien
Si de votre Bon Dieu je ne puis faire le mien
Je ne puis faire le mien

Et pourtant quand le sort en ce monde est cruel
Nous levons tous les yeux en quête d'un même ciel
En quête d'un même ciel

Alors en attendant puisque nous sommes humains
Je vous la tends aussi
Serrons nous donc la main
Serrons nous donc la main …

12/9/2012 - 23:17




Lingua: Italiano

Versione italiana di Bruno Ciociola
da muvrinitalia
con alcune correzioni di Lena
L’EMIGRANTE

Sono io l’emigrante che va alla ricerca
a lato di uno stradone in mezzo al polverone
Sono io lo spaesato così vuole il destino
che tocca i figlioli di un popolo meschino

Ma sono pronto a lavorare senza alcun rancore
per dar vivere alla mia gente a forza di sudore
a forza di sudore

Vengo da queste pianure dove il sole si strascina
nato in una casetta colori di calcina
colori di calcina

Sono di faccia nera quella di carbonaio
di quelli che per voi in guerra son caduti
in guerra son caduti

E che posso dire cosa posso fare io
se del vostro dio non posso fare il mio
non posso fare il mio
non posso fare il mio

So che quando la sorte nel mondo è crudele
alziamo tutti gli occhi guardiamo lo stesso cielo
guardiamo lo stesso cielo

ma intanto dato che siete umani
stringetela anche voi porgiamoci una mano
porgiamoci una mano
porgiamoci una mano…..

8/11/2013 - 13:37


Nel testo pubblicato quì ci sono parecchi sbagli, e nella traduzione dell'amico Bruno ce ne sono tre: "postu chì" in italiano sarebbe "dato che" e la frase "sò prontu à stentà (...) da pasce a me ghjente" vuol dire "sono pronto a lavorare/stentare per nutrisce/pascere/far vivere la mia gente". L'ultimo: "Sì di lu vostru Diu": "se DEL vostro Dio non posso fare il mio", dice dunque che non può cambiare di religione.

È saria un bè di mintuvà ancu à Marcu Ceccarelli, l'autore di sta bella puisia...

Grazie Lena. Abbiamo corretto il testo e la traduzione

Lena - 16/11/2013 - 20:38



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org