Lingua   

Totalmente superflui

BiscaZulù
Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Iran Iran
(BiscaZulù)
'A camorra song’ io
('A67)


da I Tre Terroni (2007)
i3terroni

La canzone che chiude l’album è certo una delle più riuscite. La già collaudata vena onirica & malinconica del sassofonista Sergio “Serio” Maglietta si misura con luoghi fisici (i sobborghi napoletani) & profonde considerazioni (il rapporto con gli altri, l’indubbia in essenzialità della nostra specie), & ne rileva le sofferenti impressioni psicologiche. A questo punto Luca “‘o Zulù” Persico rispolvera a sorpresa una vecchia (& fondamentale) hit, Vulesse (da Corto Circuito, il disco che nel 1998 segnò il grande successo di vendite della 99 Posse), lo contamina con un canto tradizionale napoletano (Oi Nenna Nenna, rielaborata da Roberto De Simone per la Nuova Compagnia di Canto Popolare) & con Vurria Addiventare Suricillo, brano di Leonardo Vinci, aggiungendo poi parole & strumentazione inedite che introducono l’immancabile messaggio politicamente impegnato quando si parla della guerra.
Cercherò, per quanto è possibile
Di darti una mano a cavare il tuo ragno dal buco
Ma sì lo so, non è impresa facile
Però tanto vale a provare almeno una volta

Io frequento i bassifondi
Che altro non sono che i bassi a fondo
A fondo perduto nelle strade che conosco
Dove non cerco risposte & semmai
Rimedio alle domande che si affacciano eccessive
Rendendo inadeguate le mie endorfine
& me stesso in equilibrio maldestro
Tra l’istinto di sopravvivenza & la morte

Gli umani, sai, fanno fatica
Ad accettare l’idea di essere
Totalmente superflui

Vulesse…
Vulesse addiventare suricillo oi nenna ne’
Vulesse addiventare suricillo oi nenna ne’
Pe’ lle rusicare ‘sti catene
Ca m’astrengen’ li vvene
& ca me fanno schiavo

Vulesse addiventare ‘na tammorra oi nenna ne’
Vulesse addiventare ‘na tammorra oi nenna ne’
Pe’ scemare tutta chesta gente
Ca nunn’ ha capito niente
& ca ce sta a guarda’

Vulesse addiventare ‘na bannera oi nenna ne’
Vulesse addiventare ‘na bannera oi nenna ne’
Pe’ ddare ‘nu culore a chesta guerra
Ca la libera ‘sta terra
O nce fa muri’

Vulesse addiventare ‘nu brigante oi nenna ne’
Vulesse addiventare ‘nu brigante oi nenna ne’
Ca po’ sta’ sul’ a la montagna scura
Pe’ te fa’ sempe paura
Fin’ a quann’ more.
Vulesse…

Cercherò, per quanto è possibile
Di darti una mano a cavare il tuo ragno dal buco
Ma sì lo so, non è impresa facile
Però tanto vale a provare almeno una volta

Lo cerco nelle sostanze
Che svuotano le stanze della mia presenza
& riempiono il vuoto con il silenzio
& io lo dico agli altri &d a me stesso
& quasi me ne vanto senza senso
& senza soluzioni, & con questo compio
Una ribellione disperata & violenta
& poi affondo

inviata da Antonio & Roberto Oliva - 15/10/2007 - 19:53



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org