Lingua   

Courage

Assalti Frontali
Lingua: Italiano



Ti può interessare anche...

Ufo nella scena
(Assalti Frontali)
Il canto della marcia (Amore e libertà)
(AK47)
Devo avere una casa per andare in giro per il mondo ...
(Assalti Frontali)


2022
Courage
Courage
Courage, Courage, Courage

Prima di incontrare voi io mi sentivo solo
pensavo questo mondo è un covo io non mi ritrovo
mi sentivo in lutto dentro una canzone blues
un clandestino sopra un autobus, voglio il mio surplus

occhi stanchi di subire questo è il mio make up
mi sfogo dentro un nuovo rap e dico a tutti fuck
mangiavo fuori al gelo, sotto al cielo, perché senza pass
fuori dal mainstream fuori dall’impasse

e pensavo anche a mia mamma cara mamma mia
ti ho salutato in riva al lago nella pandemia
guardo una fotografia e che malinconia
mentre la democrazia se ne vola in un momento via

trattati come i secchi lungo i marciapiedi
sogniamo un mondo che ci apprezza e so che tu ci credi
quanto hai combattuto col tuo accento bretone francese
persone stupende che non si sono mai arrese

alè, alè - alè alè alè
sta volta sta canzone la canto per me
courage, courage,
courage et on y va
Vivà, W la resistenza, Viva, Viva, Vivà

Courage, Courage, Courage

piano piano non parlavo quasi con nessuno
solo con pochi fratelli a farci forza uno a uno
una voce amica, dieci rumori di guerra
ognuno imbraccia un’arma, io tengo i piedi per terra

col rap nelle scuole rivedo il sole
per parlare al cuore il pass non ci vuole
e pure Pol G New che è pieno di virtù
mangia Poke a credito, scrive il suo Cv e risaliamo su

siamo qui, siamo vivi e siamo ancora noi
mentre usciamo da sto baratro e fuggiamo gli avvoltoi
respiro con la pancia, tiro fuori l’ansia
chiusi in una stanza, Pol G usa la sua ganja

alè, alè - alè alè alè
sta volta sta canzone la canto per me
courage, courage,
courage et on y va
Vivà, W la resistenza, Viva, Viva, Vivà

solite notizie nei telegiornali
vent’anni di guerra e hanno vinto i talebani
basta news in tv, neanche fosse un tic
mi rileggo per tre volte l’incipit di Moby Dick

mi sento un po' accerchiato
mi sembra di star bene, poi male, poi di nuovo in buono stato
non grazie a questo Stato, canto la mia rima
per l’autostima, per risalire in cima

per il coraggio di uscire dall’ipnosi anche se la vedo brutta
voglio tenere insieme una comunità distrutta
sembra il giorno dopo una nottata per la confusione
non vedo l’ora che andrà via sta sensazione

alè, alè - alè alè alè
sta volta sta canzone la canto per me
courage, courage,
courage et on y va
Vivà, W la resistenza, Viva, Viva, Vivà

Courage, Courage, Courage

siamo gente green anche senza pass
fuori dal mainstream fuori dall'impasse

inviata da Dq82 - 30/7/2022 - 12:44



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org