Lingua   

Mi mettu o suli

Francesca Incudine
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Allende
(Pino Veneziano)
The Judge Said
(Malvina Reynolds)
Cruel Willie (or Willie Duncan)
(Howdy Forrester)


da Iettavuci (2013), album d'esordio di Francesca Incudine
Testo e musica di Mario Incudine, fratello di Francesca.
con il quartetto d'archi "Dammen Quartet" arrangiato da Antonio Putzu

Iettavuci

Il testo è stato trascritto all'ascolto da Riccardo Gullotta e ricontrollato varie volte. Ora dovrebbe essere corretto, ma se qualcuno trova delle imprecisioni le segnali pure.

 Francesca Incudine


Mario Incudine, con la sensibilità che lo contraddistingue, ha scritto per te Mi mettu o suli, canzone che affronta la scottante e attuale tematica della violenza domestica sulle donne.

Misurarmi con una tematica come questa non è stato per niente facile, credo che si possa solo compartecipare ad un dolore così forte e tentare di raccontarlo con il giusto rispetto. Il fatto che il brano sia stato scritto da un uomo credo che faccia acquisire al testo maggior valore; è un canto di liberazione che racchiude un messaggio positivo, vuole essere da sprone per coloro che subiscono violenza, sia essa psicologica o fisica e alla fine la protagonista trova il coraggio di mettersi al sole e mostrare le ferite nascoste dietro gli occhiali.

“Iettavuci”, l’album d’esordio di Francesca Incudine
Ucchiali nivuri sciarpi ntassati
Manichi longhi pp’ammucciari i feriti
Mi cacu sutta [1] e capiddi attaccati
Portu la cruci ppi scuntari i piccati

Mi spusavu p’amuri ancora carusa
Ccu bicchera, cuperti e linzoli di sita
Mi sintevu ottu jorna a regina da casa
Tra li vrazza di l’omu di la me vita
Ma sti mura ogni jornu sunu la me galera
Un mi senti nuddu cuannu chianciu sula
S’astutau sta vuci ca prima cantava
Nun è chissa la vita ca sunnava e vuleva

A duminica a missa vistuti puliti
Ammenzu genti cuntenti
cu saluti e risati
Cu li lacrimi sutta l’ucchiali
c'aggiustu a cammisa
A braccettu di l’omu ca è o vantu
Di la me casa

Ma oggi mi levu l’ucchiali
E mi mettu o suli
Mi mettu nto coddu collani
E mi mettu o suli
Mi mettu aricchini e bracciali
e in menzu ai capiddi nu ciuri
russettu colonia e profumu
E mi mettu o suli
Ca o scuru du corpa i vastuni o scuru si mori

Ma oggi mi levu l’ucchiali
E mi mettu a ballari
Taliatimi ora nta l’occhi e putiti capiri
Quantu duluri ammucciavu nte lu me cori
P'amuri de figghi p’amuri e ti scanti i parlari
Ca suli un c’è nenti chi fari
C’ un parla d’amuri
Ca suli un c’è nenti chi fari
C’ un parla d’amuri

Ogni sira ca sentu la chiavi nta lu purtuni
Calu a testa cch’ i manu nte l’occhi
M’accuminciu a parari
A ogni biccheri di vinu è na spina nto cori
Intra ogni biccheri di vinu a picca a picca si mori

Ogni sira ca sentu la chiavi nta lu purtuni
Calu a testa cch’ i manu nte l’occhi
M’accuminciu a parari
A ogni biccheri di vinu è na spina nto cori
Intra ogni biccheri di vinu a picca a picca si mori

Ma oggi mi levu l’ucchiali
E mi mettu o suli
Mi mettu nto coddu collani
E mi mettu o suli
Mi mettu aricchini e bracciali
e in menzu ai capiddi nu ciuri
russettu colonia profumu
E mi mettu o suli
Ca o scuru du corpa i vastuna o scuru si mori

Ma oggi mi levu l’ucchiali
E mi mettu a ballari
Taliatimi ora nta l’occhi e putiti capiri
Quantu duluri ammucciavu nte lu me cori
P'amuri de figghi p’amuri e ti scanti i parlari
Ca suli un c’è nenti chi fari
C’ un parla d’amuri

Ma oggi ju vogghiu parlari
E un mi scantu i muriri
[1] Me la faccio addosso (per lo spavento). Nel siciliano corrente non ha una connotazione triviale come in italiano

inviata da Lorenzo Masetti con l'aiuto determinante di Riccardo Gullotta - 29/1/2022 - 00:49



Lingua: Italiano

Traduzione italiana / Traduzzioni taliana / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös:
Riccardo Gullotta
MI METTO AL SOLE

Occhiali neri, rimbacuccata in una sciarpa
Maniche lunghe per nascondere i lividi
Spaventata a morte capelli raccolti
Porto la croce come se dovessi scontare dei peccati

Mi sposai per amore che ero ancora ragazza
Con bicchieri, coperte, lenzuola di seta
Per otto giorni mi sentii la regina della casa
Tra le braccia dell’uomo della mia vita
Ma queste mura giorno dopo giorno sono il mio carcere
Nessuno mi sta ad ascoltare quando piango sola
Si è spenta questa voce che prima cantava
Non è questa la vita che avevo sognato e desiderato

La domenica a messa vestita elegante
Tra gente contenta
Saluti e sorrisi
Con le lacrime nascoste dagli occhiali
Gli metto a posto la camicia
A braccetto dell’uomo che è
L’orgoglio della mia casa

Ma oggi mi tolgo gli occhiali
E mi metto al sole
Mi metto collane intorno al collo
E mi metto al sole
Mi metto orecchini e bracciali
e in mezzo ai capelli un fiore
Rossetto colonia profumo
E mi metto al sole
Al buio due colpi di bastone al buio si muore

Ma oggi mi tolgo gli occhiali
E mi metto a danzare
Guardatemi ora negli occhi e vi renderete conto
Di quanto dolore nascondevo dentro di me
Per amore dei figli per amore hai paura di parlare
Da soli non c’è nulla da fare
Chi non parla d’amore
Da soli non c’è nulla da fare
Chi non parla d’amore

Tutte le sere appena sento la chiave nel portone
Abbasso il capo con le mani sugli occhi
Comincio a stare accorta
Ogni bicchiere di vino è una spina nel cuore
Dentro ogni bicchiere di vino si muore un po’ alla volta

Tutte le sere appena sento la chiave nel portone
Abbasso il capo con le mani sugli occhi
Comincio a stare accorta
Ogni bicchiere di vino è una spina nel cuore
Dentro ogni bicchiere di vino si muore un po’ alla volta

Ma oggi mi tolgo gli occhiali
E mi metto al sole
Mi metto collane intorno al collo
E mi metto al sole
Mi metto orecchini e bracciali
e in mezzo ai capelli un fiore
Rossetto colonia profumo
E mi metto al sole
Al buio due colpi di bastone al buio si muore

Ma oggi mi tolgo gli occhiali
E mi metto a danzare
Guardatemi ora negli occhi e vi renderete conto
Di quanto dolore nascondevo dentro di me
Per amore dei figli per amore hai paura di parlare
Da soli non c’è nulla da fare
Chi non parla d’amore

Ma oggi voglio parlare
E non ho paura di morire

inviata da Riccardo Gullotta - 30/1/2022 - 18:43



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org