Lingua   

Munasterio 'e Santa Chiara

Luciano Tajoli
Lingua: Napoletano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

E tu ballavi
(Massimo Ranieri)
Campane di Monte Nevoso
(Luciano Tajoli)
Eleonora
(Eugenio Bennato)


1945
testo: Michele Galdieri
musica: Alberto Barberis

Tajoli

l brano fu la prima canzone napoletana famosa del dopoguerra, che divenne un inno di rinascita per il Paese. L’autore si ispirò al bombardamento che il 4 agosto 1943 colpì e distrusse la trecentesca Basilica di Santa Chiara (poi ricostruita e riaperta al pubblico nel 1953). Il protagonista, emigrante, parla della sua voglia di tornare a Napoli che, contemporaneamente è anche paura. Paura perché non sa che cosa è rimasto di quello che c’era un tempo. Al timore di vedere una drammatica devastazione (Napoli fu la città italiana più colpita dai bombardamenti durante Seconda Guerra Mondiale), si affianca quello di trovare cambiata anche la Napoli dei costumi, delle tradizioni e delle persone. Il brano fu scritto per la rivista teatrale “Imputati, alziamoci!”, dello stesso Galdieri, e affidato alla voce di Giacomo Rondinella. Nello stesso anno, la canzone arrivò anche alla Festa di Piedigrotta dove fu presentata da Luciano Tajoli. Tra le altre interpretazioni ricordiamo quelle di Ebe De Paulis, Sergio Bruni, Roberto Murolo, Vittorio De Sica, Giuseppe Di Stefano, Lina Sastri, Claudio Villa, Mario Abbate, Peppino Di Capri, Mina e Massimo Ranieri.

Dimane? Ma vurría partí stasera.
Luntano, no, nun ce resisto cchiù.
Dice che c'è rimasto sulo 'o mare,
che è 'o stesso 'e primma, chillu mare blu.
 
Munasterio 'e Santa Chiara,
tengo 'o core scuro scuro.
Ma pecché, pecché ogne sera,
penzo a Napule comm'era,
penzo a Napule comm'è?
 
Funtanella 'e Capemonte,
chistu core mme se schianta,
quanno sento 'e dí da 'a gente
ca s'è fatto malamente
'stu paese, ma pecché?
No, nun è overo.
No, nun ce créro.
E moro cu 'sta smania 'e turnà a Napule.
Ma ch'aggi' 'a fà?
Mme fa paura 'e ce turnà.
 
Paura? Sí, si fosse tutto overo?
Si 'a gente avesse ditto 'a verità?
Tutt' 'a ricchezza 'e Napule era 'o core.
Dice ch'ha perzo pure chillu lla.
 
Munasterio 'e Santa Chiara.
'Nchiuse dint'a quatto mura,
quanta femmene sincere,
si perdévano ll'ammore,
se spusavano a Gesù.
 
Funtanella 'e Capemonte,
mo, si pèrdono 'n'amante,
giá ne tènono ati ciento.
Ca, 'na femmena 'nnucente,
dice 'a gente, nun c'è cchiù.
No, nun è overo.
No, nun ce crero.
E moro pe 'sta smania 'e turnà a Napule.
Ma ch'aggi' 'a fà.
Mme fa paura 'e ce turnà.
 
Munasterio 'e Santa Chiara,
tengo 'o core scuro scuro.
Ma pecché, pecché ogne sera,
penzo a Napule comm'era,
penzo a Napule comm'è?

inviata da Dq82 - 6/10/2021 - 13:47



Lingua: Italiano

Traduzione italiana
Domani? Ma vorrei partire stasera.
Lontano, no, non resisto più.
Dicono che c'è rimasto solo il mare,
che è lo stesso di prima, quel mare blu.
 
Monastero di Santa Chiara
ho il cuore scuro scuro.
Ma perché, ogni sera
penso a Napoli com'era,
penso a Napoli com'è?
 
Fontanella di Capodimonte,
questo cuore si schianta,
quando sento dire dalla gente
che è diventato malvagio
questo paese, ma perché?
No, non è vero
no, non ci credo
E muoio per la voglia di tornare a Napoli
Ma cosa ci posso fare?
Mi fa paura ritornarci.
 
Paura? Sì, se fosse tutto vero?
Se la gente avesse detto la verità?
Tutta la ricchezza di Napoli era il cuore.
Dicono che ha perduto anche quello.
 
Monastero di Santa Chiara.
Chiuse dentro quattro mura,
quante donne sincere,
rinunciavano all'amore,
si sposavano con Gesù.
 
Fontanella di Capodimonte
ora, se perdono un amante,
già ne hanno altri cento.
Perché, una donna innocente,
dice la gente, non c'è più.
No, non è vero.
No, non ci credo
E muoio per la voglia di tornare a Napoli.
Ma cosa ci posso fare?
Mi fa paura ritornarci.
 
Monastero di Santa Chiara
Ho il cuore scuro scuro.
Ma perché, perché ogni sera,
penso a Napoli com'era,
penso a Napoli com'è?

inviata da Dq82 - 6/10/2021 - 13:48


La canzone era stata proposta dal sottoscritto una decina di anni fa, ma miseramente bocciata.
Vedasi l'introduzione a Santa Lucia luntana

B.B. - 8/10/2021 - 13:57


Carissimo BB,

Sperando che finalmente tu ti sia deciso a rimettere piede quaggiù, visto che ci manchi (e lo dico a nome mio e di tutti i perfidi Admins), ho deciso di farmi/farci perdonare quell'improvvida disapprovazione di questo capolavoro della canzone partenopea inserendo un autentico sgub.

Si tratta della rarissima versione inglisc' della canzone, tradotta e cantata da un neomelodico napoletano, tale Michelino Gecsònne, poco prima che un commando dei Casalesi, capitanato dal famigerato Riccardiello 'o Guappo, lo spedisse all'altro mondo. Eccoti quindi questa versione, a te specialmente dedicata, sperando che ti faccia piacere!

Munastery of St. Claire

Tomorrow? Bat ay want to leave dis ivning.
Farauèi, nay, ay can resist nommòr.
Says only de sì has rimasted,
That is de seim as bìfor, dèt blu sì.

Munastery of St, Claire,
Ay eiv di hert obscure obscure,
Batte uài, uài evri ivning
Ay dink to Niutàun as itt uòs,
Dink to Niutàun as itt iz ?

Littol fàunten of Mountainhead,
Dis hert does not stiantèit,
Uen ay iir pipol dat sei
Det it is dan malamently
Dis càuntri, batt uài?

Noo! Itt isent triù,
Noo! Ay dont biliv!
An ay day wid dis smany of camback to Niutàun.
Batt uòt eiv ay tudù?
Ay em efreid of camback.

Efreid? Ièa, iff it uòs evriding triù?
Iff pipol eiv seid all de trùt?
All the quàdrins of Niutàun uos de hert.
Say det itt has persed pur' det dèr.

Munastery of St. Claire,
Closd bituin fòure uòllz,
Au mèni sincere fimmins
Perded demselvz all de làv
An dey spusated a Ggesoo.

Littol fàunten of Mountainhead,
Nau if dey perd a laver,
Dey olredi eiv other àndred.
Det an innocent fimmin,
Sei the gent, dont iz nommòr.

Noo! Itt isent triù,
Noo! Ay dont biliv!
An ay day wid dis smany of camback to Niutàun.
Batt uòt eiv ay tudù?
Ay em efreid of camback.

Munastery of St. Claire,
Der'z a comice of De Luke,
End ay sey nau to maiself,
Better to stèi here in Stockholm,
Aderuàis dey meik me autsàid.

Riccardo Venturi - 9/10/2021 - 12:37


Ciao Riccardo e tutti quanti voi perfidi ma mai dimenticati.
Gulp! Grazie per lo sgub, graditissimo.
Michelino Gecsònne era un vero artista... Peccato per tutto quel genio stroncato da insulsa violenza.
Ma così va questo mondo...

Ogni tanto cerco ancora di fare capolino, ma la vita è dura assai... tant'è...

Saluzzi & baciuzzi

B.B. - 9/10/2021 - 17:24



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org