Lingua   

Sestetto di settembre / September Sextet / Sextuor de septembre

Autori Vari / Different Authors / Différents Auteurs


Ti può interessare anche...

Vendredi 13 novembre
(Autori Vari / Different Authors / Différents Auteurs)
March From the River Kwai [Colonel Bogey March]
(Autori Vari / Different Authors / Différents Auteurs)
Preghiera in settembre
(Davide Giromini)


29-9-2021
Seduto in quel caffè
Sitting in that cafeteria
Assis dans ce café-là

settember


Settembre è il mese del ripensamento
Sugli anni e sull'età,
Dopo l'estate porta il dono usato
Della perplessità,
Della perplessità.
Ti siedi e pensi, e ricominci il gioco
Della tua identità,
Come scintille brucian nel tuo fuoco
Le possibilità,
Le possibilità.


Francesco Guccini: Canzone dei dodici mesi.


Il “Sestetto di settembre” nasce in un 29 settembre ancora pienamente estivo (perlomeno a Firenze), in un'affollata carrozza tranviaria, cantando mentalmente o mugolando impercettibilmente tutta una serie di canzoni per non pensare al caldo e alle mascherine. Essendo appunto il ventinove settembre, data di una celeberrima canzone dedicata a questo strano mese in cui -peraltro- sono nato, mi son passato in rassegna delle canzoni settembrine, in una sorta di antologia meditativa. In realtà, di canzoni che, in un modo o in un altro, hanno a che fare con il mese di settembre, ne esistono a decine; settembre, con quel suo trapasso tra estate e autunno (nell'emisfero settentrionale, naturalmente; in quello meridionale è appena cominciata la primavera), sembra fatto apposta per le canzoni, specialmente piuttosto malinconiche. L'estate è finita, si è portata via l'amore sbocciato al caldo sole estivo sulla spiaggia, oppure un 22 settembre lei se ne è andata via, oppure ancora un 29 settembre un tizio ha messo un fugace corno alla partner con una bella scoosciuta incontrata in un caffè... Ma in settembre si scatenano anche profonde riflessioni, specialmente nel 1972 (curioso che la celebre strofa settembrina della “Canzone dei dodici mesi” di Francesco Guccini appartenga al medesimo anno delle “Impressioni di settembre” del trio Mogol-Pagani-Mussida). C'è poi la dissonante “Preghiera in settembre” di Davide Giromini, già presente nel sito ma probabilmente pressoché sconosciuta in mezzo ai capolavori, agli evergreen di cinquanta o sessant'anni fa, ma a sua volta capolavoro dedicato ai fatti di Genova del 2001. Una canzone che gronda fragole e sangue, impreziosita dal controcanto di Luca Mirti, che fu dei Delsangre. Settembre è un mese un po' bizzarro, è vero. Non si sa mai a quale stagione appartenga, o forse appartiene un po' a tutte. Tutte le stagioni della nostra vita. [AT-XXI]
1. Impressioni di settembre
Premiata Forneria Marconi, Storia di un minuto, 1972
Giulio Rapetti (Mogol) - Mauro Pagani - Franco Mussida




Quante gocce di rugiada intorno a me
Cerco il sole, ma non c'è
Dorme ancora la campagna, forse no
È sveglia, mi guarda, non so.

Già l'odore della terra, odor di grano
Sale adagio verso me
E la vita nel mio petto batte piano
Respiro la nebbia, penso a te.

Quanto verde tutto intorno e ancor più in là
Sembra quasi un mare l'erba
E leggero il mio pensiero vola e va
Ho quasi paura che si perda.

Un cavallo tende il collo verso il prato
Resta fermo come me
Faccio un passo, lui mi vede, è già fuggito
Respiro la nebbia, penso a te.

No, cosa sono? Adesso non lo so
Sono un uomo, un uomo in cerca di sé stesso
No, cosa sono? Adesso non lo so
Sono solo, solo il suono del mio passo...

Ma intanto il sole tra la nebbia filtra già
Il giorno come sempre sarà.

2. Le 22 septembre
Georges Brassens - Joel Favreau, Les copains d'abord, 1964




Un vingt-deux de septembre au diable vous partîtes
Et, depuis, chaque année, à la date susdite
Je mouillais mon mouchoir en souvenir de vous
Or, nous y revoilà, mais je reste de pierre
Plus une seule larme à me mettre aux paupières
Le vingt-deux de septembre, aujourd'hui, je m'en fous.

On ne reverra plus au temps des feuilles mortes
Cette âme en peine qui me ressemble et qui porte
Le deuil de chaque feuille en souvenir de vous
Que le brave Prévert et ses escargots veuillent
Bien se passer de moi pour enterrer les feuilles
Le vingt-deux de septembre, aujourd'hui, je m'en fous.

Jadis, ouvrant mes bras comme une paire d'ailes
Je montais jusqu'au ciel pour suivre l'hirondelle
Et me rompais les os en souvenir de vous
Le complexe d'Icare à présent m'abandonne
L'hirondelle en partant ne fera plus l'automne
Le vingt-deux de septembre, aujourd'hui, je m'en fous.

Pieusement noué d'un bout de vos dentelles
J'avais, sur ma fenêtre, un bouquet d'immortelles
Que j'arrosais de pleurs en souvenir de vous
Je m'en vais les offrir au premier mort qui passe
Les regrets éternels à présent me dépassent
Le vingt-deux de septembre, aujourd'hui, je m'en fous.

Désormais, le petit bout de cœur qui me reste
Ne traversera plus l'équinoxe funeste
En battant la breloque en souvenir de vous
Il a craché sa flamme et ses cendres s'éteignent
À peine y pourrait-on rôtir quatre châtaignes
Le vingt-deux de septembre, aujourd'hui, je m'en fous...
Et c'est triste de n'être plus triste sans vous.

3. 29 settembre
Equipe 84, singolo: 29 settembre / E' dall'amore che nasce l'uomo, 1967
Giulio Rapetti (Mogol) - Lucio Battisti - Renato Angiolini




Seduto in quel caffè io non pensavo a te
(Giornale radio: ieri 29 settembre)
Guardavo il mondo che girava intorno a me
(In tal modo, nella ricorrenza del 29 settembre)
Poi d'improvviso lei sorrise
E ancora prima di capire
Mi trovai sotto braccio a lei
Stretto come se non ci fosse che lei

Vedevo solo lei
E non pensavo a te

E tutta la città
Correva incontro a noi

Il buio ci trovò vicini
Un ristorante e poi di corsa
A ballar sotto braccio a lei
Stretto verso casa abbracciato a lei
Quasi come se non ci fosse che lei
Come se non ci fosse che lei

Quasi come se non ci fosse che
Quasi come se non ci fosse che lei

Mi son svegliato e, e sto pensando a te
Ricordo solo che, che ieri non eri con me
Il sole ha cancellato tutto
Di colpo volo giù dal letto
E corro lì al telefono
E parlo rido e tu, tu non sai perché

T'amo, t'amo e tu, tu non sai perché
Parlo, rido e tu, tu non sai perché
T'amo, t'amo e tu, tu non sai perché
Parlo, rido e tu, tu non sai perché
Parlo, rido e tu, tu non sai perché
T'amo

4. Settembre
Peppino Gagliardi, 1970
Roberto Murolo - Gaetano Amendola - Giuseppe Gagliardi




Fra qualche giorno finirà l'estate
E sulla spiaggia niente resterà
Le ore passate saranno un ricordo
Che noi porteremo lontano, io e te

L'estate se ne andrà insieme al sole
L'amore se ne è andato già con lei
Le prime gocce baciano la sabbia
E stanno già bagnando gli occhi miei

Settembre poi verrà, ma senza sole
E forse un altro amore nascerà
Settembre poi verrà, ma non ti troverà
E piangeranno solo gli occhi miei

Settembre poi verrà, ma non ti troverà
E piangeranno solo gli occhi miei
E piangeranno solo gli occhi miei
E piangeranno solo gli occhi miei.


5. September Morn
Neil Diamond, September Morn, 1979
Gilbert Bécaud - Neil Diamond




Stay for just a while
Stay and let me look at you
It's been so long, I hardly knew you
Standing in the door

Stay with me a while
I only wanna talk to you
We've traveled halfway 'round the world
To find ourselves again

September morn
We danced until the night
Became a brand new day
Two lovers playing scenes
From some romantic play
September morning
Still can make me feel that way

Look at what you've done
Why, you've become a grown-up girl
I still can hear you crying
In a corner of your room
And look how far we've come
So far from where we used to be
But not so far that we've forgotten
How it was before

September morn
Do you remember
How we danced that night away
Two lovers playing scenes
From some romantic play
September morning
Still can make me feel that way

September morn
We danced until the night
Became a brand new day
Two lovers playing scenes
From some romantic play
September morning
Still can make me feel that way

September morn
We danced until the night
Became a brand new day
Two lovers playing scenes
From some romantic play
September morning
Still can make me feel that way
September morning
Still can make me feel that way

6. Preghiera in settembre
Davide Giromini - Luca Mirti, Apuamater, 2005
Scritta da Davide Giromini



La canzone a 47'33"


Cantami i tuoi giorni nella steppa
Le tue praterie di ghiaccio
La tua leggerezza
Io albergo dentro il tuo visionarismo
Lucido e randagio mi rifletto dentro il tuo cinismo
Candido e nero ascolta il mio delirio
Figlio della notte bianca cantami il martirio
Delle ossa stanche contro caschi neri e spranghe
Ma se c’è spolvera il fucile e segui me

Cantami l’eco delle nuvole
Volgimi le ali al suono della solitudine
Segnami la strada santa e volgi la tua danza
Verso le angosciate rive della fratellanza
Bianco e nero ascolta il coro dell’inferno
Figlio della lava brucia
L’impeto malfermo
Di creature disarmate sotto il fuoco di granate
Ma se c’è spolvera il fucile e segui me

inviata da L'Anonimo Toscano del XXI Secolo - 29/9/2021 - 15:21



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org