Lingua   

Seha trin pral

Rasim Sejdić
Lingua: Romanes (Khorakhanè)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Les Gitanes
(Marco Valdo M.I.)
Merav pal e parochňa
(anonimo)
Phralipè (Pri li mulé andré Auschwitz)
(Alexian Group)


“Romane krle” - Voci Zingare
1992, Cooperativa Editoriale Sensibili alle Foglie
Poesia di / A poem by / Poème de Rasim SejdićRasim Sejdić'in runo

rasimsejdic


La casa editrice Sensibili alle Foglie è stata fondata nel 1990 nel carcere di Rebibbia (Roma) da Renato Curcio, Stefano Petrella e Nicola Valentino. Ulteriori (scarne) notizie sull'articolo Wikipedia linkato. Nel 1990 pubbica il suo primo titolo, Nel bosco di Bistorco; del 1992 (titolo n°6) sono queste “voci Zingare”, Romane krle, raccolta di poesie, sceneggiature cinematografiche, racconti e fiabe attraverso i campi nomadi dell'epoca. Di questa pubblicazione, forse unica, ho una copia dalla quale trascrivo questa poesia di Rasim Sejdić, poeta rom bosniaco khorakhanè dalla breve vita (1943-1981).

Le poesie di Rasim Sejdić erano già state pubblicate anteriormente in Italia dalla casa editrice Publi And Press di Rho (Milano), nel 1978, tre anni prima della sua morte avvenuta a soli 38 anni. Le traduzioni sono a cura del linguista e orientalista Giulio Soravia, che però non è indicato nel volume antologico edito nel 1992 da Sensibili alle Foglie. [RV]
Seha trin pral
barilé zajedno
grlina pe, volina pe.

Al ni slutisarde
so ka-avel pe lendar.
Jek pral raćaha
ando lager iǧarde.

Ačile duj pral
nadin pe te avel.
I von ǧalaben ǧili
pala lehko rastanko.

Trin pral paša jek averé
pašé kana stopi pe vječnost
a za vavijek rastavisalje
dur jek averehtar.

inviata da Riccardo Venturi - 4/5/2021 - 12:15



Lingua: Italiano

Versione italiana / Italian version / Version italienne / Italiankielinen versio: Giulio Soravia
Romane krle, op. cit. (1992), p. 75

romanekrle
Erano tre fratelli

Erano tre fratelli
cresciuti insieme
si abbracciavano, si amavano.

Ma non presentivano
che cosa sarebbe avvenuto di loro.
Un fratello di notte
hanno portato nel lager.

Sono rimasti due fratelli
speravano che tornasse.
Ed essi cantano la canzone
della sua lontananza.

Tre fratelli uno dietro l'altro
fusi in un essere solo
divisi per sempre
lontano uno dall'altro.

4/5/2021 - 12:22



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org