Lingua   

6 ottobre 1943

Terre del Sud
Lingua: Italiano (Abruzzese)


Ti può interessare anche...

Johnny e Mary
(Contratto Sociale GNU Folk)
Lettera di Walter Ulanowsky
(Dalila Muscarella)
Addio mammina addio
(anonimo)


2013
La festa
Lafesta

Il 5 e 6 ottobre 1943, un gruppo di ragazzi insorge contro i nazisti che saccheggiano e devastano la città di Lanciano.
Una lotta impari che sfocia in una strage degli insorti e di civili per rappresaglia.
Sapevano di morire, ma la sete di libertà era troppo grande. Necessaria come l'aria per respirare!
Mamma perdone, nin ti voje da dulore
Ti tenghe sempre dentre a lu core
Ma lu sangue a ‘rivolle, nin pozza aspettà
Vaje a cumbatte pi la libertà

Si sente li spare, si sente li strille,
n’aria ribelle, ch’avastè na scintille
a Pozze Pajare ieri hanne attaccate
la guerrije a Lanciane ha cumenzate

si vede persone che scappe ugne vanne
si sente lu fume ca ti pije ‘nganne
N’ci po’ stà pace, nin ci po’ stà future
Sotte a tiranne, ‘nghi sta’ dittature

Mamma perdone, nin ti voje da dulore
Ti tenghe sempre dentre a lu core
Ma lu sangue a ‘rivolle, nin pozza aspettà
Vaje a cumbatte pi la libertà

Hann’ accise Trentine, l’hanne cicate
Attaccate a ‘nu tronche, gli hanne sparate
Manghe trent’anni, ‘nza fatte piegà
Ha scagnate la vita, ‘nghi la dignità

‘nghi quattre schiuppette, ‘nzi vince la guerre
Forse si more, forse nin serve
Ma arrive l’ora che la libertà
È gne lu bisogne di respirà

Mamma perdone, nin ti voje da dulore
Ti tenghe sempre dentre a lu core
Ma lu sangue a ‘rivolle, nin pozza aspettà
Vaje a cumbatte pi la libertà

Tineme nu mostre, che ve’ da luntane
ci tratta da bestie e no da cristiane
c’arrubbe, ci sfrutte, ci dà lu tormente
Si pije la vite a la povera gente

corpi di giuvene, riverse pe’ terre
lacrime e sangue, che bagne la terre
Remo, Vincenzo, Nicola, Gaetane …
Ma lotta, combatte e resiste Lanciane

Mamma perdone, nin ti voje da dulore
Ti tenghe sempre dentre a lu core
Ma lu sangue a ‘rivolle, nin pozza aspettà
Vaje a cumbatte pi la libertà Mamma perdone…

inviata da mimmo spadano - 10/2/2021 - 19:12



Lingua: Italiano

Traduzione italiana
Mamma perdona, non voglio darti dolore
Ti tengo sempre dentro il cuore
Ma il sangue ribolle, non posso aspettare
Vado a combattere per la libertà

Si sentono gli spari, si sentono gli strilli
Un’aria ribelle che basta una scintilla
A Pozze Pajare (luogo) ieri hanno attaccato
La guerriglia a Lanciano, è iniziata

Si vedono persone che scappano ogni dove
Si sente il fumo che ti prende alla gola
Non può esserci pace, non può esserci futuro
Sotto al tiranno con questa dittatura

Mamma perdona, non voglio darti dolore
Ti tengo sempre dentro il cuore
Ma il sangue ribolle, non posso aspettare
Vado a combattere per la libertà

Hanno ucciso Trentino (partigiano), l’anno accecato
Attaccato ad un tronco gli hanno sparato
Nemmeno trent’anni, non si è fatto piegare
Ha scambiato la vita con la dignità

Con quattro fucili non si vince la guerra
Forse si muore, forse non serve
Ma arriva l’ora che la libertà
È come il bisogno di respirare

Mamma perdona, non voglio darti dolore
Ti tengo sempre dentro il cuore
Ma il sangue ribolle, non posso aspettare
Vado a combattere per la libertà

Abbiamo un mostro che viene da lontano
Ci tratta da bestie e non da cristiani
Ci ruba, ci sfrutta, ci dà il tormento
Si prende la vita alla povera gente

Corpi di giovani, riversi per terra
Lacrime e sangue che bagnan la terra
Remo, Vincenzo, Nicola Gaetano…
Ma lotta e combatte e resiste Lanciano

Mamma perdona, non voglio darti dolore
Ti tengo sempre dentro il cuore
Ma il sangue ribolle, non posso aspettare
Vado a combattere per la libertà

10/2/2021 - 19:14



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org