Lingua   

'L 6 'd via Cuni

Gipo Farassino
Lingua: Italiano (Piemontese, Torinese)


Ti può interessare anche...

L'homme en noir (La guitare et la fronde)
(Marc Robine)
Blues al desaparecido
(El Cruce)


[1967?]
Trovo il brano a partire dall'LP "Auguri", pubblicato nel 1967.
Trovo il testo su diversi siti, a partire dal quello di Gianni Davico. Non conosco abbastanza il piemontese, ma mi pare ben trascritto. Ci sarebbe la questione dell'apostrofo al posto della "ë", e quella della "o" al posto della "u", ma credo siano solo modalità e non mi metto a correggere tutta la trascrizione del testo. Però solo quella del titolo, che così compare sulla copertina del disco.

Auguri
Gipo al 6 di via Cuneo, sua casa natale, tra i quartieri di Aurora e Barriera di Milano.
Gipo al 6 di via Cuneo, sua casa natale, tra i quartieri di Aurora e Barriera di Milano.

Via Cuneo 6 oggi (le palle sull'ingresso carraio ci sono ancora e sempre)
Via Cuneo 6 oggi (le palle sull'ingresso carraio ci sono ancora e sempre)


L'altra sera leggevo il freddo e irato comunicato che campeggia in apertura del sito del Rifugio Selleries, a 2.000 metri in Val Chisone... Certo che lassù - in mezzo alla neve, alla nebbia e ai camosci - la pandemia acquista ancora di più una connotazione surreale... Poi per fortuna sono passato alla pagina Facebook che i gestori del rifugio, Massimo Manavella e Sylvie Bertin, tengono sempre con grande cura ed amore, con tante splendide immagini e testi. In data 4 dicembre scorso trovo il seguente post, dedicato a Gipo Farassino in particolare, ma anche a tanti altri poeti in musica, trapassati e trapresenti:

Il 6 di Via Cuneo,
è un indirizzo con tanto di numero civico,
a Torino.

La nostra proposta per la sera,
per questo venerdì sera.
Non è una canzone, bensì una Poesia,
recitata in un Piemontese perfetto
con una dizione che oggi, quasi, non sappiamo più cosa sia.

La nostra proposta per questo venerdì sera
un Gipo Farassino, cantore-poeta-autore-attore,
che, quasi, nessuno si ricorda più
… e noi lo portiamo con noi,
insieme a Jim, a Bob, a Janis, a Jimi, a Bruce, a Kurt, a Amy
a Bertrand, a Lindo, a Vasco, a Fàber, a Freddie, a Ian, a Chester.

… lo portiamo con noi… li portiamo con noi: dovunque.
Insieme alla nostra poesia. Insieme alla nostra musica.
Ël 6 ëd Via Coni a Turìn… forse ci siamo nati pure noi!

‘notte.
Ël 6 ëd via Cuni a l’é na ca veja
che gnanca na vòlta a l’era nen bela.
Davanti al porton, doe bale ‘d ciman
a paravo ij canton dël crep dij carton
ch’a intravo e cariavo jë scart ëd metal
da cola oficin-a, là an fond a la cort,
na cort con le sterne piantà an sël batù.

D’an mes a sta cort, se ti t’ausse j’euj
it vëdde ij pogieuj, carià dë stendùa con tanti tacon.
Su ògni pogieul j’é un pàira d’alògg
e un cess an comun; j’é nen na masnà,
j’é mach tant rabel e odor ëd frità.
A l’é pròpe lì, al fond dël prim pian, che son naje mi.

Mi i guardo ij pogieuj con cole ringhere carià dë stendùa,
là al fond ëd la cort a-i é ‘l finimond ch’a fà l’oficina
e ‘l cel lassù an aria a smija un tendon
d’un gris così spòrch ch’a crija: “Laveme”.
Am buta vërgògna. Vërgògna… ma ‘d còsa?

D’esse na sì, an mes a sta cort,
an cole doe stànsie col cess an comun,
i l’hai quasi paura ch’a-i sia quaidun
che ancora as ricòrda che mi i son nà sì,
paura ch’a-i passa quaidun ch’am conòssa,
dovèj ciamé scusa, dovèj-je conté
ël percome, ël përchè, che ij mé j’ero pòver.
Am monta ‘l magon e am ven da pioré.

Ma peui àusso j’euj lassù al prim pian,
e i vëddo mia mama… a rij e am fà ciao,
così, con la man: antlora am ven veuja
ëd core ‘nt la strà, fërmé ‘l prim ch’a passa,
crijéje: “Monsù! Ma a lo sa chiel che sì,
al 6 ëd via Cuni, i son naje mi?”

inviata da Bernart Bartleby - 7/12/2020 - 19:10



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org