Lingua   

Nell'aria

Giorgio Canali & Rossofuoco
Lingua: Italiano



Sapevamo già che sarebbe andata così
sapevamo già tutto e ora siamo qui
a parlare di libertà con chi non sa cosa farsene
a parlare di vita a chi pensa solo a sopravvivere

Nell’aria l’odore della paura cancella il profumo dei fiori
e resta attaccato ai vestiti una vita intera
e si sa che a tarda sera
le storie di mostri in tv spaventano di più

È la liturgia del pensiero unico, continui appelli in mondovisione
a isolare i terroristi che divergono d’opinione
occupazione militare e delazione per il bene comune
dai che si arriva alla temperatura di ebollizione delle rane

Nell’aria mille cremazioni e ciminiere a milioni
turiboli laici delle santissime società per azioni
e l’ultimo alito di disobbedienza civile
sepolto con le museruole in un unico grande funerale

È da solo lo sciamano bianco e commuove il mond’intero
mentre l’alchimista di stato disegna un arcobaleno
ma di un colore solo, sursum corda
certo, in alto i cuori, manu militari

Col tricolore appeso ai coglioni il ministro dei temporali
dà il via all’Operazione Barbarossa contro i centri sociali
mentre il gregge ossequente, disinfettandosi ogni mano
fa esplodere l’applausometro dal divano

Nell’aria due colpi di pistola
è la falsa partenza di un’altra maledetta primavera
c’è la luna nera ma
se alzi gli occhi in su le stelle sembrano di più

C’era uno sul balcone, otto milioni di bajonette e scarpe di cartone
aggiornamento della situazione:
50 milioni di cervelli lavati e stesi ad asciugare
di guardia sul balcone… e forse anche di più…


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org