Lingua   

Si cingra

Peppa Marriti Band
Lingua: Albanese (arbëresh)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Freedom Train
(Paul Robeson)
Soldatenzug
(Juliane Werding)


2017
Ajëret
ajeret
Muertin vallixhen
iktin me një tren
lidhtin fort atë vallixhë
me spak, dhullur e penë

Huerra i kish lier
pa fëtihë e pa ngrënë
kishin lier gjith fëmilen
të çiojn një cik furtun

Ishin si cingra
te një katund i huej
si filaqi vet
me bukë e uj
ndata barraka penxojn
e shkrujn mbë shpi
mallkojn ndënjë shënjt,
ngë i rispëndon mosnjeri

I dhan lloqet më brut
te një fabbrik te një kantier
kur fjet patruni
kush rroçken e kapirpra
mbjdhçin të lodhet
një micikun e një qelq ver
ma menat kush zgjohet
menat zë njeter herë

Ishin si cingra
te një katund i huej
si filaqi vet
me buk e uj
ndata barraka penxhojn
e shkrujn mbë shpi
mallkojn ndënjë shënjt,
dojt mbjdhçin Shën Sofi

e pra mallkojn kështu…
eoh eoh eeoh

Muertin shi e saren
buertin të lurtmin tren
ca mbjothtin ramen
ca pështitin vellen

Më mir bukë e qepë
te katundi jonë
ma nëng kemi sperënxhë
ki ë një katund piot vërromë

Muertin vallixhen….
iktin me një tren…
mbiothtin ramen…
pështitin vellen…
huerra i kish lier…
pa fëtihë e pa ngrënë…
lien gjith fëmilen…
të çiojn furtun…
vellen…

inviata da Dq82 - 22/10/2020 - 13:49



Lingua: Italiano

Traduzione italiana dal sito ufficiale
COME ZINGARI

Hanno preso la valigia
Partirono con un treno
Hanno stretto forte quella valigia
Con spago, dolore e pena

La guerra li aveva lasciati
Senza lavoro e senza cibo
Hanno lasciato tutta la famiglia
Per trovare un po’ di fortuna

Erano come zingari
in un paese straniero
Come in carcere
a pane e acqua
In quelle baracche pensavano
e scrivevano a casa
Bestemmiavano qualche santo,
non rispondeva nessuno

Gli hanno dato i lavori più duri
In una fabbrica o in un cantiere
Quando parlava il padrone
Chi cazzo lo capisce
Poi tornavano stanchi
Un boccone e un bicchier di vino
Ma domani chi si sveglia
Domani si ricomincia

Erano come zingari
in un paese straniero
Come in carcere
a pane e acqua
In quelle baracche pensavano
e scrivevano a casa
Bestemmiavano qualche santo,
volevano tornare a Santa Sofia,

e poi imprecavano così…
eoh eoh eeoh

Hanno preso pioggia e freddo
Hanno perso l’ultimo treno
Qualcuno ha raccolto le proprie cose
Qualcuno ha sputato veleno

Meglio pane e cipolla
Nel proprio paese
Ma non abbiamo speranza
Questo è un paese pieno di disperazione

Hanno preso la valigia…
partirono con un treno…
Hanno raccolto le loro cose …
hanno sputato veleno…
La guerra li ha lasciati…
Senza lavoro e senza cibo
Hanno lasciato tutta la famiglia…
Per trovare fortuna…
veleno…

inviata da Dq82 - 22/10/2020 - 13:53



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org