Lingua   

Fin de zugno

Paolo Bonfanti
Lingua: Italiano (Ligure genovese)


Ti può interessare anche...

Sinàn Capudàn Pascià
(Fabrizio De André)
Uommene
(Pietra Montecorvino)
Cansón do 30 zugno
(anonimo)


2020

 Paolo Bonfanti


Fìn de zugno è stato scritto in occasione di un altro sessantesimo anniversario: quello della rivolta di Genova del 30 giugno 1960; poco prima il democristiano Tambroni decide di includere il MSI nel governo stesso e i fascisti programmano congresso e comizio per quei giorni a Genova, città medaglia d’oro al valor civile per la Resistenza, unica città italiana ad essersi liberata da sola, prima dell’intervento delle truppe alleate, dal giogo nazifascista. Ne seguono scontri duri con fascisti e polizia. Il MSI subito dopo rinuncia al congresso ed il governo Tambroni cade.

Il brano è in dialetto genovese, riprende una piccola parte del testo della ‘Cansón do 30 zugno’, composta dagli antifascisti subito dopo i fatti, e fa un paragone tra quello che Genova ed il suo popolo era allora e quello che è adesso. Ho usato il quartetto d’archi come riferimento, pensando ad una sorta di “Yesterday” genovese“.
Son zá destéise ’n sc’ a toa
e mæ carte da giá
e i pensé pín de pertüxi
che no se pœan attappá
sémmo érboi sensa réixe
carúggi ascôsi a o sô
sémmo facce sotta ponti
che no ne ünìscian ciü

Quande t’ ê ’n te l’entrotêra
e ti senti arivá o mæn
in barcôn c’o se séra
e o fa sbraggiá tütti i cæn
dapéu aríva a tramontann-a
a taggiâ comme ‘na messoía
a piccá comme pría
’n sc’ e gioxíe e ’n sc’ i abæn

Vegnívan quattro a quattro
scí ben che gh’ àivan o bacco
vegnívan a ötto a ötto
scí ben che gh’ àivan o s-ciöppo

Óua caminn-an tranquilli
a a lüxe d’o sô
nisciün c’o ghe dìxe nìnte
o che i métta a testa in zü

Sôli e insensæ
rüménta c’ a xiöa a o vento
tempo c’ o passa lento
troppe cose da amiá

Émmo vœi ’n t’ i çervelli
émmo gruppi ’n t’ a gúa
öggi rossi e troppa püa
e e nostre croxi da portá

Éemo quelli d’ a battàggia
tütti insémme a deferrari
i fascisti e i seu (co’ i) compari
han piggióu de prionæ

Éemo quelli ’n maggia rossa
a criá “guai a chi ne tocca!”
amiémmose ’n t’o spégio
cose semmo diventæ

inviata da Dq82 - 28/9/2020 - 17:07



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org