Lingua   

Tam v meglicah nad mursko vodo

Vlado Kreslin
Lingua: Sloveno

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Nocoj igramo za vas
(Vlado Kreslin)
Oblaki so rudeči
(anonimo)


Tam v meglicah nad mursko vodo
[ 2004 ]

Pesem / Poesia / A Poem by / Poème / Runo:
Vlado Kreslin

Glasba / Musica / Music / Musique / Sävel :
Jürgen Hübscher

Album:
Ptič



Spomnijo se še stari ljudje,
da se je rado hodilo v goste.
da si se ustavil, pobaral al' gre,
nazdravil še kakšno besedo al' dve.

Včasih pa, ko je sonce zašlo
spod' goric tja v mursko vodo,
zaslišal se je tisti cimbalski glas,
pobožal je loke, pobožal je vas.

Da si znal srečati štiri može
z violino in brki
in kar zraven gre.
In če si ženil si hčerko al' dve,
gosli in bajs so ti zbrusli pete.

Včasih pa, ko se zvečeri
in zapiha z veržejske strani,
baje se jih sliši igrati glasno,
tam v meglicah nad mursko vodo.

inviata da Riccardo Gullotta - 12/8/2020 - 21:56




Lingua: Inglese

English translation / Angleški prevod / Traduzione inglese / Traduction anglaise / Englanninkielinen käännös:
Charlie Bowling e Georgina Hudson
THERE, IN THE MIST OVER THE MURA

The old people still remember,
that people would visit,
that they would stop and ask how things are,
and would toast with a word or two.

But sometimes when the sun would set,
there, under the hills, into the Mura,
you’d hear that booming voice,
caressing the meadows, caressing the village.

That you could meet four men
with their violins and moustaches,
and whatever else they have,
and if you wed a daughter or two,
the fiddles and bass would wear down your heels.

But sometimes, when it gets dark,
and the wind blows from Veržej,
they say that you can still hear them play loudly,
there, in the mist over the Mura.

inviata da Riccardo Gullotta - 12/8/2020 - 21:58




Lingua: Italiano

Traduzione italiana / Italijanski prevod / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös :
Riccardo Gullotta
LÀ, NELLA FOSCHIA SULLA MURA[1]

I vecchi ricordano ancora
che le persone avevano piacere a visitare,
a fermarsi e chiedere come andavano le cose,
e brindare con una parola o due.

Ma a volte quando il sole tramontava
lì, sotto le colline, nella Mura,
potevi sentire quella voce tonante,
che accarezzava i prati, accarezzava il paese.

Che avresti potuto incontrare quattro uomini
con i loro violini e baffi,
e qualunque altra cosa avessero,
e se davi in sposa una figlia o due,
i violini e il basso ti consumavano i tacchi.

Ma a volte, quando fa buio,
e il vento soffia da Veržej,[2]
dicono che puoi ancora sentirli suonare forte,
lì, nella foschia sulla Mura.

[1] La Mura è un fiume che nasce in Austria, segna il confine tra la Croazia e la parte nordorientale della Slovenia, delimitando la regione chiamata Prekmurje / Oltremura. Confluisce nella Drava in Croazia.

[2] Cittadina sulla riva destra della Mura

inviata da Riccardo Gullotta - 13/8/2020 - 08:33



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org