Lingua   

The Race Riot Suite

Jacob Fred Jazz Odyssey
Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Let My People Go
(Darondo)
Wholy Holy
(Marvin Gaye)
Amna
(Giulio Stocchi e Gaetano Liguori)


[2011]
Scritta da Chris Combs
Registrata nel 2011 al The Church Studio di Tulsa, Oklahoma.

The Race Riot Suite

La campagna elettorale di Donald Trump – presidente in carica nonchè riferimento del suprematismo bianco - è ripartita da Tulsa.
A Tulsa proprio ieri si è verificato l'ennesimo assassinio di un nero disarmato da parte di un bianco armato, un tutore dell'ordine.







A Tulsa, tra la fine di maggio e l'inizio di giugno del 1921, avvenne uno dei più gravi attentati a sfondo razzista nella storia degli USA. Un'enorme mob di bianchi attaccò il quartiere nero di Greenwood, lo diede alle fiamme, radendolo al suolo, uccidendo forse 300 persone (anche se i morti ufficiali furono "solo" 39). Tutto accadde col pretesto della solita, falsa notizia della violenza di un negro contro una donna bianca... Poliziotti, guardie private e persino la National Guard chiamata a soffocare i disordini si accanirono contro gli abitanti afroamericani... La violenza e la distruzione furono tali che nessun sopravvissuto tornò ad abitare a Greenwood... Una pesante coltre di silenzio scese sui fatti di Tulsa e nei decenni seguenti l'intera popolazione crebbe senza sapere nulla di quanto fosse accaduto... Solo nel 1996 venne avviata una commissione d'inchiesta, che concluse i suoi lavori nel 2001, raccomandando un programma di riparazione per i discendenti dei sopravvissuti.
[strumentale]

inviata da Bernart Bartleby - 20/6/2020 - 22:58



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org