Lingua   

Il tempo in cui non c’è domanda

De' Soda Sisters
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Amore ribelle
(Pietro Gori)
Dimmi buon giovine, o Dimmi bel giovane [Esame di ammissione del volontario alla Comune di Parigi]
(Francesco Giuseppe Bertelli)
La Ballata della Soda (Vai, vai..)
(De' Soda Sisters)


(2019)
dal disco "Arriverà l'estate?"

Testo di Lisa Santinelli, Ahmed Gronchi, Benedetta Pallesi, Veronica Bigontina
Musica di Lisa Santinelli

De' Soda Sisters


Dedicata a Ugo e Ughetta

“Ricordi quello che mi dicesti una volta, Lije? Che ogni tanto la gente confonde i propri problemi con quelli della società e pretende di risanare le Città perché non sa come sanare se stessa”
I. Asimov
Sono passati i tempi in cui si pensava
Solo al coraggio di chi combatteva
Per un ideale di unione e di speranza
Per un senso libero di appartenenza

Sono passati i giorni in cui si sapeva
Dove si andava e cosa si cercava
Non c’era spazio per la futilità
Nessun intralcio alla voglia di libertà

Sono arrivati i tempi in cui non si sa più
Perché si vive e perché ci si dispera
La coscienza si spenge lentamente
Mentre si consuma e si lavora

Oggi è arrivato il tempo in cui non c’è domanda
Non si conosce la forza del passato
La guerra è oggi con ciò che siamo
Inutile cercarla nel mondo lontano.

Per le strade ormai non c’è più tanta gente,
Tutti impegnati, nessuno che si diverte,
Impegnati sì, ma poi a far cosa?
A guardare una serie coi poliziotti in posa.

E sempre più lo sguardo si distoglie
Da quel che serve per non viver come foglie
Quelle foglie di cui qualcuno scriveva,
Che con un soffio cadono la sera.

E quel che fischia invece è un vento d'odio infame,
Come un mantice che soffia sul letame,
Lo sparge ovunque in tutto l'universo
E alimenta la paura del diverso.

Se come è vero che tutto è connesso
Dovremo pensare all’universo più spesso
Toccare le cose con mano e guardare
Vederci nell’altro prima di giudicare

Siamo arrivati dopo il 2000
Dove conta la prepotenza e l’apparire
Dove conta solo il mio pezzo di giardino
E se qualcuno invade gli sparo col fucile

Il non nutrire la memoria
L’ignoranza e l’individualismo
Ci stanno piano piano riportando
Tristemente al ritorno del fascismo

Ma forse vedi la vera rivoluzione
Non può partire che da noi come persone
Il vero cambiamento è nella tua mente
Se non cambi quella non cambierà mai niente

Si tratta in fondo di imparare a sentire
Liberarci dal collare e respirare
Si tratta di reimparare a camminare
E trovare in noi qualcuno da amare.

inviata da grazie a Lisa delle Sisters che ci ha inviato il testo - 28/10/2019 - 20:52



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org