Lingua   

Tuareg

Agricantus
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Lettera di un condannato a morte
(Pippo Pollina)
Spiranza
(Agricantus)
Ljuljuten [Tin-zawatine]
(Agricantus)


[1996]
Album : Tuareg

imri1503
Fora diseittu, rintra tanti ciuri
sbattinu 'nto ventu veli imajhiren
strati, terri battuti ri genti senza tempu
tejil, amuri e scantu.

U sali comu l'oru, carriatu supra e spaddi
a to vita appizzata 'nta na uccia r'acqua
I picciriddi cantanu 'ntunnu
casi ri pagghia e fangu
occhi funnuti e nivuri.

A dda banna suiddati appizzanu banneri
testi malati misiru, misiru 'i mura o ventu
na pocu ri paroli ritti senza cchiù amuri
'i mannanu luntanu, 'i vonnu ncatinari
L'occhi stricati abbampanu, p'a rina un si ci viri, u postu runni veni, t'adduni ch'è luntanu

Fujunu si nni vannu, 'i mannanu luntanu
tejil, amuri e scantu.

inviata da Dq82 - 1/10/2019 - 15:41



Lingua: Italiano

Versione italiana di Flavio Poltronieri
TUAREG

Fuori deserto, dentro tanti fiori
sbattono nel vento veli liberi
strade, terre battute da gente senza tempo
bellezza, amore e paura.

Il sale come oro, portato sulle spalle
la tua vita appesa ad una goccia di acqua
bimbi cantano, intorno case
di paglia e fango
occhi profondi e neri.

Altrove soldati appendono bandiere
teste malate hanno innalzato muri al vento
molte parole dette senza più amore
li mandano lontano, li vogliono incatenare
bruciano gli occhi strofinati, per la sabbia non ci si vede
ti accorgi che è lontano il posto da dove vieni.

Fuggono, se ne vanno, li mandano lontano
bellezza, amore e paura

inviata da Flavio Poltronieri - 1/10/2019 - 18:30



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org