Lingua   

Il partigiano bambino

Luca Taddia
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Insorgiam!
(anonimo)
La ballata del Capitano Neri
(Atarassia Gröp)
Portiamo l'Italia nel cuore (Che importa se ci chiaman banditi?)‎
(Cantacronache)


2018
L'apostrofo Rosso
apostrofo

Il partigiano bambino diventa ufficialmente una canzone, composta, arrangiata, incisa in un album di recente uscita. Il suo autore è Luca Taddia, voce dei Fev, cantautore emiliano con all’attivo diverse opere e prestigiose collaborazioni (ha scritto Bellemilia per Gianni Morandi). Il brano Il partigiano bambino chiude il suo ultimo album dal titolo L’apostrofo rosso. Me ne ha fatto dono a Bagnacavallo, dopo aver condiviso lo stesso palcoscenico in occasione della festa dell’Anpi: con un recital assieme a Lucia e Gaetano Alessi dedicato a Vittoria Giunti e a Salvatore Di Benedetto; un concerto dello stesso Luca Taddia con Fabio Cremonini con i canti della Resistenza e l’esecuzione dal vivo di alcune canzoni contenute nel nuovo disco.

Una primissima esecuzione della canzone Il partigiano bambino, fresca di componimento notturno, Luca Taddia l’aveva proposta il 18 giugno 2017, a Cà Malanca, durante la presentazione del libro dedicato alla storia di mio padre, Gildo Moncada (ricordo ancora il post sul suo profilo Facebook: “Si va al lavoro dopo una notte quasi insonne. Mi capita a volte. È arrivata l'alba che avevo finito un brano al quale pensavo da tempo. Dedicata ad una persona splendida come Raimondo Moncada e suo padre Gildo").
A Bagnacavallo il graditissimo regalo, con tanto di dedica, autografo, abbraccio e la sottolineatura: le canzoni a cui si tiene di più aprono e chiudono gli album. L’album L’apostrofo rosso è aperto dall’omonimo canto e chiuso dal Partigiano bambino.
partigiano
Un componimento delicato, poetico, intenso, sentito – per me molto emozionante, nel testo, nella musica, nell’arrangiamento –, che canta un sentimento condiviso con Luca nelle prime presentazioni del libro in Emilia Romagna.
Dodici i brani contenuti nell’album, tutto in acustico.
Luca Taddia, voce e chitarra, si avvale della collaborazione di diversi artisti: Fabio Cremonini, violino e viola; Andrea Morelli, chitarra, wurlitzer; Valentina Giunta, cori.
Il libro Il partigiano bambino – la storia di Gildo Moncada, edizioni Ad Est, continua il suo cammino, inarrestabile, travolgente. Dal marzo del 2017 è stato presentato in diverse città dell’Italia e anche in Belgio, entrando pure alla Camera dei Deputati (le ultime presentazioni – in totale venticinque – a Genova e Casalgrande a fine aprile). Ha ricevuto due premi. Al libro è stato anche dedicato il concorso di letteratura “Una storia partigiana” a Lastra a Signa e il progetto lettura del liceo Linares di Licata. Ora il canto di Luca Taddia. E non è finita qui.
Raimondo Moncada
Ho visto un gabbiano volare
sulla riva del mare
Ho visto un gabbiano volare
sopra questo dolore
un bambino che abbraccia suo padre
in una notte illuminata dal sole
ho visto una stella che cade
in una notte di agosto
ha preso un desiderio in soffitta
e l'ha fatto nostro
in questa notte di stelle di vento
di barche nel mare, notte di San Lorenzo
abbiamo l'isola nel sangue
e lo spirito di chi sa viaggiare
abbiamo mani che sanno dipingere
e terra da coltivare
sappiamo bene qual è il prezzo da pagare
per la nostra libertà
quante lacrime da versare
che nessuno scorgerà
la nostra vita è un viavai di treni
di paesaggi da disegnare
una vita fatte di parole
e di bandiere da portare
è un legame così forte che non passa più
nonostante il tempo e gli anni manchi tu
Gildo lo sai che ho ancora un mare
di domande da fare
è vero sono diventato grande
ma il bambino che ho dentro
non sa dove andare
Gildo lo sai che la vita quaggiù
ha tradito le attese
tienimi la mano come un tempo
che torniamo in paese

inviata da Dq82 - 28/7/2019 - 12:34



Dq82 - 28/7/2019 - 12:35



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org