Lingua   

Ballata per Carola

Alessandro Fanari e Mauro Tetti
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Les sans papiers
(Nicolas Bages dit Bacchus)
Mino Macrò: Prima che ai patri bordelli
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
U sol'o fatte russ'
(anonimo)


(2019)
da Il Deposito

Carola


Ballata dedicata a Carola Rackete, capitano della Sea Watch che il 26 giugno 2019 ha violato il divieto di entrare nel porto di Lampedusa per portare in salvo 42 migranti, salvati in mare 17 giorni prima.
Scritta da Alessandro Fanari e Mauro Tetti sull'aria del canto popolare "Marcellina".
Giù a sud in mare aperto
C’è una nave ch’è in balia
Di democrazie assassine
Conta i giorni e pur le or

Capitana è mia sorella
L’hai chiamata sbruffoncella
Tu che insulti dalla terra
Chi per mare porge il cuor

Oh leoni da tastiera
Laverete la coscienza
Sulle rive dell’Italia
Già macchiate d’ogni orror

E noi qui dall’entroterra
Vedrem finita la guerra
E il galeon toccare terra
Affondiamo l’oppressor

L’ideal che ci pervade
Non l’ammazza quest’infame
Siam con Carola Rackete
Su ogni nave e ad ogni or

Ciribiribì c’è un uomo in mare
Ciribiribì è là che muore
Difendiamol da chi attenta
noi vogliam la libertà

Lalala lala lalala
Lalala lala lalala
Lalala lala lalala
Lalala lala lalala

4/7/2019 - 12:07



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org