Lingua   

Mon père me marie (ou Chanson de la malmariée)

anonimo
Lingua: Francese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Reclaim The Night
(Greenham Common Women's Peace Camp Songbook)
Under American Skies
(Anne Hills)
A travers le grillage
(La Cantarana)


[XIX° sec.]
Canzone raccolta da Federico Ghisi (Shangai, 1901 - Luserna San Giovanni, Torino, 1975), musicologo e compositore, a Pomaretto, Val Chisone, dalla voce dei coniugi Jahier (Vitale Jahier, originario di Perosa Argentina, e Ida Poet, nativa di Perrero, fraz. Traverse).
Nel disco "Vieilles chansons des Vallées Vaudoises” (1963), basato sulle ricerche effettuate, in collaborazione con Emile Tron, da Federico Ghisi, che ha anche curato gli arrangiamenti dei brani, riproposti per voce solista (soprano, Rosina Cavicchioli), e dieci strumenti classici (Complesso strumentale del circolo musicale A.R.C.I. "A. Toscanini" di Torino).
Testo trovato su libretto de "La bello a la fenetro", registrazioni dal vivo di cantori e suonatori delle Valli Chisone e Germanasca, realizzato nel 1983 dal Gruppo di Musica Popolare di Pinerolo e dall'Associazione culturale La Cantarana

Vieilles chansons des Vallées Vaudoises

La bello a la fenetro
Mon père me marie
contre ma volonté
il m’a donné un homme – il a
de soixante ans passés

Et moi n’en ai que quinze
je passe mal mon temps
et moi n’en a que quinze – hélas
et je languis souvent

Le premier soir des noces
avec lui vais coucher
il m’a tourné l’épaule – hélas
et moi d’l’autre côté

Je me suis endormie
sur le bord de mon lit
et quand je me réveille – hélas
j’entend sonner minuit

La tête à la fenêtre
j’ai vu mon bel ami
qui jouait les aubades – hélas
des enfants sans souci

Pour qui sont ces aubades
monsieur dites-le moi
elles sont pour vous la belle – hélas
vous plaît-il de m’ouvrir

Des femmes mariées
n’ont plus besoin d’amis
mais il faut qu’elles aient – hélas
un peu plus de souci

inviata da Bernart Bartleby - 17/2/2019 - 20:43



Lingua: Italiano

Traduzione italiana dal libretto de "La bello a la fenetro", citato in premessa
MIO PADRE MI MARITA

Mio padre mi marita
contro la mia volontà
mi ha data in moglie a un uomo – eh già
di sessant’anni passati

E io non ne ho che quindici
e passo male i miei giorni
e io non ne ho che quindici – ahimè
e son sempre negli affanni

La prima notte di nozze
con lui vado a dormire
mi volta le spalle – ahimè
e io sola dall’altra parte

Mi sono addormentata
sul bordo del letto
e quando mi risveglio – ahimè
sento suonare mezzanotte

Affacciata alla finestra
ho visto il mio innamorato
che suonava le serenate – ahimè
dei giovani spensierati

“Per chi sono queste serenate?
Mi dica, signore”
“Sono per lei, mia bella – ahimè
la prego, mi faccia entrare”

Le donne sposate
non han più bisogno di amici
ma bisogna che abbiano – ahimè
qualche pena in più

inviata da B.B. - 17/2/2019 - 20:43



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org