Lingua   

Chiedilo ai pesci

Cesare Malfatti
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Il mio popolo si fa
(Afterhours)
Quale patria
(Cesare Malfatti)
Come Inside
(Afterhours)


2018
La Storia è Adesso
(testo di Dany Greggio)
storia

'La Storia è Adesso" è il mio nuovo progetto musicale. Un lavoro al quale sono particolarmente legato, perché incentrato sulla figura di Valeriano Malfatti, mio prozio e sindaco di Rovereto per 40 anni, dal 1880 al 1920, nonché deputato alla Dieta di Vienna durante il dominio austriaco.
Prima dell’entrata in guerra dell'Italia, Valeriano si impegnò per preservare le terre trentine dalla distruzione attraverso una risoluzione pacifica. Durante la guerra tutta la città di Rovereto fu evacuata, lui fu prima mandato al confino a Salisburgo ma poi, dopo essere stato denunciato per irredentismo fu, assieme a molti altri trentini, internato nel campo di prigionia di Katzenau. Al termine della Grande Guerra, fu poi eletto senatore del Regno d’Italia.
La biografia di Valeriano diventa, così, il punto di partenza per sviluppare un ragionamento che va a individuare numerose similitudini tra la situazione sociale odierna e i concetti generali che ad essi sono sottesi: il confine, la guerra e la pace, la prigionia, l’impegno politico e sociale, il cambiamento. Questo progetto si è tradotto nella produzione di un disco in cui vengono anche impiegate le Macchine Intonarumori inventate dal futurista Russolo negli stessi anni e registrate al Mart (Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto).
Come nel mio precedente lavoro “Una Città Esposta”, la produzione dei testi è stata affidata ad un nutrito gruppo di autori: Alessandro Cremonesi, Luca Gemma, Antonio di Martino, Marina Petrillo, Alessandro Grazian, Luca Lezziero, Dany Greggio, Angelo Sicurella, Giulio Casale, Gianluca Massaroni, Fabrizio Coppola, Giuseppe Righini, Luca Morino.
Cesare Malfatti
Ti confonde la riva oscura L’altra sponda del fiume che segna il confine tra noi
Ti confonde la sua lingua
Il rimbalzo di strane parole cadute dal di là
Se chiudi gli occhi vedi un ponte
La vita che sopra a quel braccio camminerà
Tu chiedi ai pesci, chiedilo a loro
Se l’acqua del fiume è più pura di qua o di là
Cantano i merli, ascoltali bene!
Sapresti dirmi se cantano meglio di là o di qua?
Respira al vento, soffiaci dentro E il tuo soffio nel vento, di un altro il respiro sarà
Restiamo insieme, tu non temere La Storia si scrive e s’impara con chi arriverà Restiamo insieme, senza paura
Potrai andare e venire dal ponte che hai visto di già
Restiamo insieme mano nella mano
E forse il meglio del meglio di entrambi si salverà cica cica bum ah
Tu chiedi ai pesci, chiedilo a loro Se l’acqua del fiume è più pura di qua o di là
Cantano i merli, ascoltali bene!
Sapresti dirmi se cantano meglio di là o di qua?
Si alza il vento, soffiamoci dentro
E il nostro soffio nel vento, di altri il respiro sarà cica cica bum ah!

inviata da Dq82 - 26/1/2019 - 16:53



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org