Lingua   

Ma parliamo dunque di questi imboscati

anonimo
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Tredici milioni di uomini
(Emilio Jona)
Il filo
(Milo Brugnara)
Horror Follows Horror
(Ivor Gurney)


[1914-18]
Un canto raccolto negli anni 60 a Novara e ad Arzignano (VI), presente nel volume "E non mai più la guerra", di Cesare Bermani e Antonella De Palma, pubblicato dalla Società di mutuo soccorso Ernesto de Martino nel 2015

E non mai più la guerra

Riportato anche in "Al rombo del cannon: Grande Guerra e canto popolare", di Franco Castelli, Emilio Jona e Alberto Lovatto, Neri Pozza editore.

Al rombo del cannon: Grande Guerra e canto popolare

Nella propaganda ufficiale la figura dell'imboscato era assimilata a quella del disertore, traditori della patria. Già nelle trincee il sentimento era diverso, che gli imboscati erano gli ufficiali nelle retrovie e i signori e i ministri che tiravano i fili della guerra stando a casa "con le loro mogli sui letti di lana", come recita un'altra strofetta di quel periodo. Ma qui la coscienza di classe e insieme la lucida consapevolezza che un lavoratore non può che essere contro la guerra trasformano l'operaio/imboscato e il soldato/disertore in due protagonisti positivi della Storia.
Peccato che questa coscienza fosse – e continui sempre ad essere – minoritaria...
Ma parliamo dunque di questi imboscati
che stanno in officine a faticarsi
dovrebbero anch'essi imparare a disertar
e anche questa guerra deve terminar.

Ma parliamo dunque dí questi imboscati
che tornano alla sera stanchi e faticati
dovrebbero anch'essi imparare a disertar
e anche questa guerra dovrebbe terminar.

inviata da Bernart Bartleby - 13/11/2018 - 21:06



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org