Lingua   

Sogneremo pecore elettriche?

Modena City Ramblers
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

La brezza tra gli ulivi
(Ductia)
Latinoamericana
(Stefano "Cisco" Bellotti)
!Viva la Vida, Muera la Muerte!
(Modena City Ramblers)


2017
Mani come rami, ai piedi radici
mani-radici

Il brano è ispirato a una pellicola realmente fantascientifica di Ridley Scott, Blade Runner, figlia di un romanzo distopico di Philip K. Dick: Il cacciatore di androidi. Ci rassegneremo a contemplare un mondo robotico, un uomo-macchina privo di sensibilità e che avrà come estensione del proprio corpo i sistemi di finta partecipazione che lo imprigionano da ormai un decennio?

Dudu chiarisce le intenzioni dell’invettiva folk:

Abbiamo voluto gridare questa domanda, che resta senza risposta. È difficile capire dove stiamo andando. Il confine tra restare umani e fare il passo più lungo della gamba è davvero sottile. Oggi rischiamo di estraniarci e lo vediamo nel modo di fare comunicazione, di fare politica. Il web, cinque-sei righe per dire qualcosa, quando ieri per comunicare c’era dietro un lavoro, una ricerca, finalizzata a esprimere la propria operazione. Non ci si prende più la briga di spiegare quello che si sta facendo, si buttano lì due slogan e alla gente va bene. Stiamo snaturando quello che siamo, non viviamo più a contatto con la “vera” realtà che ci circonda. Non si vede più con gli occhi, non si tocca più con mano. Ci viene tutto riportato e la massa accetta in maniera compiaciuta, sul costante limite tra il vero e il falso. Come sarà per i nostri figli? Andremo a finire in una società robotica e priva di sentimenti come in Blade Runner? Una volta esistevano solo i videogiochi, la virtualità era ghettizzata nella sfera ludica, oggi è la vita a essere un videogioco.
L'intellettuale dissidente
Distanza, misura e distanza, tra un atomo e la speranza
Scontro, nell'essenza, puro istinto e conoscenza
Conto, il conto della fame, la lotta è sempre per il pane
Specchio delle mie brame, cosa mi sfugge dal reame?

Pelle, sulla pelle il segno, tutto cambia senza un disegno
Forma, acqua e ingegno, la natura muta e c'è un pegno
Ritorno, addio e ritorno, etemo scorrere del giorno
Specchio delle mie brame, cosa vinco nel reame?

Resteremo umani o sogneremo
Pecore elettriche anche noi?
Noi, a un bivio noi
Figli del nostro tempo e non eroi

Voglia, ragione e voglia, la prudenza ha una soglia
Controllo, ansia e memoria, i sensi danno la traiettoria
Fermo, fermo ad ascoltare, gli elettroni lì nel cuore
Specchio delle mie brame, cosa mi resta nel reame?

Resteremo umani o sogneremo
Pecore elettriche anche noi?
Resteremo umani o sogneremo
Pecore elettriche anche noi?

Noi, a un bivio noi
Figli del nostro tempo, non eroi
Noi, a un bivio noi
Figli del nostro tempo, non eroi

Resteremo umani o sogneremo
Pecore elettriche anche noi?

Resteremo umani o sogneremo
Pecore elettriche anche noi?

Resteremo umani o sogneremo
Pecore elettriche anche noi?

Resteremo umani o sogneremo
Pecore elettriche anche noi?

inviata da Dq82 - 12/8/2018 - 07:48



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org