Lingua   

Antiche rotte

Raffaello Simeoni
Lingua: Italiano (Laziale Sabino)



Ti sento qui nell'aria co sta luce
pallida come stu sfondo lunare
ti cerco e ti vedo tutti i matin del mondo
tutte le notti in tempu
dimà lascia stare è meglio pensare
che è l'ora di notte de jine a dormine de jine a dormì
e quanno al mattino mi sveglia il profumo
e sento il vociare gente al mercato
semplico il mondo e resto un momento
a guardare la pioggia argentare i canali
come l'estate e le serenate che te aglio cantate
non me le so scordate
m'immergo nel gioco e come un amante
lasciatu in disparte t'invito a ballare
come saltimbanchi nomadi guardiam le stelle
che segnanu ori e colori su sta pelle
Conta uno due tre
sta canzone lè per te
canta de esta primavera
prigioniera de frontiera
canta storie fortunate
din don dan
che reportanu all'estate
fatta de lunghe nottate
raccontate e profumate
brutto e bellu è stu munnu
ecco che revè l'autunno
si è portato via l'inverno
l'ho rubbatu io per te din don dan
a contare tocca a me


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org