Lingua   

Dera evolucion ara revolucion

Alidé Sans


Lingua: Occitano (Aranese)


Ti può interessare anche...

Iron Man
(Black Sabbath)
Nous an pres la vido
(Li Troubaires de Coumboscuro)
La canalha
(Dupain)


2015
Eth paradís ei en tu
paradis
Òh! Mare Tèrra, t’estaquen shènes de guèrra, de hame e de pena, tu que auies estat tant bèra! Tu que mos brindès era libertat, entà èster, entà créisher, entà evolucionar, damb era patz...
Òh! Mare Tèrra, t’estaquen shènes de guèrra, de hame e de pena, tu que auies estat tant bèra! Tu que mos brindès era libertat, entà èster, entà créisher, entà revolucionar!!!
Òh! Mare Tèrra, t’estaquen shènes de guèrra, de hame e de pena, tu qu’auies estat tant bèra! Tu que mos brindès era libertat, entà èster, entà créisher, entà evolucionar.
Que difícil estimar, que fàcil òdi semiar, desbrembar ua patz que morís de soledat, era vida aurie d’èster sonque un viatge de plaser, es frontères e es barrères sonque linhes en papèr.
Òh! Mare Tèrra que mos acuelhes en tòn còr, eth peatge de ta vida pera nòsta qu’ei era mòrt, humenèges que se lhèuen e alimenten conformisme, sus ambients que tu ager arrosaues damb optimisme.
Dictatures democratiques, cortines tara vertat, fòrces de seguretat luten en guèrres pera patz, maudit mon enrebessat se campe en miralhs trincats, aparte es uelhs ua societat que s’enfonse ena soletat.
Òh! Mare Tèrra, desbrembada e castigada, despolhada e caushigada, soleta e desmoralizada, violada pes madeishi drets que mos protegissen, ven quèir era tua sang e damb frivolitat fingissen, qu’eth tòn plor non s’enten , tanti n’i a que non desiren desvelhar, tanti ans damb es uelhs barrats! Damb es mans tacades de sang caminam, sense escotar-te cantar, sense veder-te agonizar.

Ara daurim es uelhs,
i a tantes causes que guardar...
coma es espigues d’èrba seca,
qu’un dia creishèren
e desvelhèren dauant dera grandesa
deth Solei, que lhèue vides
sonque damb punar.
Eres dèishen anar,
un aire fragil en tant que vibren,
hèn aunor ara sensibilitat damb eth mon,
e dan es gràcies per aquera oportunitat
ara que s’agarrèren damb era fòrça de cent shivaus.
E maugrat era sua aparent feblesa
contunhen damb eth tronc quilhat
e eth cap tostemp guardant tath cèu!
Qu’un dia evolucionèren e ara
es camps que les acuelhen
revolucionen ath que contemple!

Ua idea florís en prat des tòns pensaments, possada pes prohondes arraïtzes que nèishen laguens, dauant des passi que conformen tòn camin, dilhèu ei er azard dilhèu ei eth frut deth destin.
Campar tostemp entà dauant e veir que non a fin eth mon, en tot observar era curva que conforme er orizont. Ena sang era passion, laguens deth pieg revolucion, art coma forma d’expression e dera ment liberacion.
Escuelh era tua faccion, era mia ei era de natura, en prò dera evolucion, artenh ta patz, ta guèrra atura. Jo que jamès me conformè damb víuer sonque ua vida, e tostemp desirè veir diferenta gessuda.
Er òme ei ua herida entara sua existéncia, un incendi ena montanha, tecnologia, dependéncia. I a ua manèra de cambiar! Evolucionar entara patz e atau eth mon revolucionar! Sonque cau estimar, sajar de veir mès enlà, e atau es shènes dera diferéncia trincar, amiar era tua positivitat e non te cares, entà hèr que i age mès “t’estimi” que bales.
A on s’amague era vertat? dilhèu entre melancolia e soletat?
A on s’amague era vertat ? dintre es ridòls des mainatges e era blancor dera libertat?
A on s’amague era vertat? dilhèu entre melancolia e soletat?
A on s’amague era vertat ? dintre es ridòls des mainatges e era blancor dera libertat?

Era vida va dera evolucion ara revolucion
e laguens de tu que non pare, que bare er interior!
Era vida va dera evolucion ara revolucion
e laguens de tu que non pare, que bare er interior, damb era patz!

Òh! Mare Tèrra, t’estaquen shènes de guèrra, de hame e de pena, tu que auies estat tant bèra! Tu que mos brindès era libertat, entà èster, entà créisher, entà evolucionar, damb era patz...
Òh! Mare Tèrra, t’estaquen shènes de guèrra, de hame e de pena, tu que auies estat tant bèra! Tu que mos brindès era libertat, entà èster, entà créisher, entà revolucionar !

inviata da adriana + Dq82 - 11/7/2018 - 09:00



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
11 luglio 2018 21:18
DALL'EVOLUZIONE ALLA RIVOLUZIONE

Oh, Madre Terra! Ti legano catene di guerra, di fame e di pena, tu che sei stata tanto bella! Tu che ci hai offerto la libertà di esistere, di crescere, e di evolvere in pace...
Oh, Madre Terra! Ti legano catene di guerra, di fame e di pena, tu che sei stata tanto bella! Tu che ci hai offerto la libertà di esistere, di crescere, e di rivoluzionare!!!
Oh, Madre Terra! Ti legano catene di guerra, di fame e di pena, tu che sei stata tanto bella! Tu che ci hai offerto la libertà di esistere, di crescere, e do evolvere.
Com'è difficile amare, com'è facile seminare odio, dimenticare una pace che muore di solitudine, la vita sarebbe dovuta essere soltanto un viaggio di piacere, le frontiere e le barriere soltanto righe sulla carta.
Oh Madre Terra! Ci accogli nel tuo cuore, il pedaggio della tua vita per la nostra è la morte, ciminiere che si innalzano e alimentano conformismo in luoghi che ieri hai innaffiato di ottimismo.
Dittature democratiche, cortine fumogene sulla verità, forze di sicurezza combattono in guerre per la pace, un maledetto mondo complicato mira se stesso in specchi rotti, chiude gli occhi una società che sprofonda nella solitudine.
Oh, Madre Terra! Dimenticata e punita, spogliata e calpestata, sola e demoralizzata, stuprata dagli stessi diritti che ci proteggono, vedono versare il tuo sangue e, con frivolezza, fingono di non sentire il tuo pianto, tanti non vogliono svegliarsi, tanti tengono gli occhi chiusi! Camminiamo con mani macchiate di sangue, senza ascoltarti cantare, senza vederti agonizzare.

Ora apriamo gli occhi,
ci sono tante cose da guardare...
come le spighe di erba secca
che un giorno crebbero
e si risvegliarono dinanzi alla grandezza
del Sole, che riempie le vite
soltanto di baci.
Emettono un'aria fragile
mentre vibrano,
onorano la sensibilità nel mondo,
e ringraziano per quella opportunità
ora che sono state strappate con la forza di cento cavalli.
E malgrado la loro apparente debolezza
continuano a esister col loro stelo dritto
e il capo che guarda sempre al cielo!
Un tempo si sono evolute, e ora
i campi che le accolgono
rivoluzionano chi le contempla!

Un'idea fiorisce nel prato dei tuoi pensieri, spinta dalle profonde radici che nascono da dentro, davanti ai passi che segnano il tuo cammino, e forse è per caso, forse è il frutto del tuo destino.
Guardare sempre avanti e vedere che il mondo non ha fine, in ogni cosa osservare la curva che segna l'orizzonte. Nel sangue la passione, dentro al petto la rivoluzione, l'arte come forma di espressione e liberazione che proviene dalla mente
Scegli da che parte stare, la mia è quella della natura, per l'evoluzione, per la pace che ferma la guerra. Io che mai mi sono conformata a vivere soltanto una vita, e che ho sempre desiderato vedere una via d'uscita differente.
L'umanità ha una ferita nella sua esistenza, un incendio sulla montagna, tecnologia, dipendenza. C'è un modo per cambiare! Evolvere verso la pace e amar rivoluzionare il mondo! Bisogna soltanto amare, cercare di vedere oltre, e amar spezzare le catene della differenza, diffondere la tua positività e non stare zitti finché non ci siano più “ti amo” che proiettili.
Dove si nasconde la verità? Forse tra la malinconia e la solitudine?
Dove si nasconde la verità? Nelle risate dei bambini e nel candore della libertà?

La vita va dall'evoluzione alla rivoluzione
e non si ferma dentro di te, lei balla dentro di te!
La vita va dall'evoluzione alla rivoluzione
e non si ferma dentro di te, lei balla dentro di te assieme alla pace!

Oh, Madre Terra! Ti legano catene di guerra, di fame e di pena, tu che sei stata tanto bella! Tu che ci hai offerto la libertà di esistere, di crescere, e di evolvere in pace...
Oh, Madre Terra! Ti legano catene di guerra, di fame e di pena, tu che sei stata tanto bella! Tu che ci hai offerto la libertà di esistere, di crescere, e di rivoluzionare!!!

11/7/2018 - 21:18



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org