Lingua   

O scior padrón, i cavalée van male

anonimo
Lingua: Italiano (Lombardo, Brianzolo)


Ti può interessare anche...

La stirpe degli eroi
(Nanni Svampa)
El mè paes
(Francesco Magni)
Povero Cristo
(Nanni Svampa)


[1885-89?]
Canzone di protesta dei coltivatori di bachi da seta (cavalée in lombardo) della Brianza. Sembra sia nata durante il periodo delle agitazioni contadine nell'Alto Milanese (1885-1889).



Un brano inciso dal Nuovo Canzoniere Milanese nell’LP “Il bosco degli alberi : Storia d'Italia dall'Unità a oggi attraverso il giudizio delle classi popolari”, a cura di Gianni Bosio e Francesco Coggiola, I Dischi del Sole, 1971.
Testo trovato nel volume di Nanni Svampa "La mia morosa cara. Canti popolari milanesi e lombardi”, 1977, ultima edizione 2007.

Il bosco degli alberi
O scior padrón, i cavalée van male,
o scior padrón, i cavalée van male,
i cavalée van male, forment e formentón
ghe passarà l'annada
senza pagà 'l padrón.

O paisàn, impiantèmm su di scioper,
o paisàn, impiantèmm su di scioper,
impiantèmm su di scioper, di scioper e di bordej:
ghe passarà l'annada
senza ciappà cinq ghej.

inviata da Bernart Bartleby - 5/6/2018 - 08:57



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org